Pensioni di invalidità 2021, Anmic in pressing su aumento invalidi dal 74 al 99%

Aumento pensione di invalidità e riforma pensioni: paura con Draghi

Il Prof Nazaro Pagano, presidente Nazionale di ANMIC, nel corso della trasmissione AnMIC informa dello scorso sei aprile, ha fatto il punto sulle proposte relative alla disabilità su cui proseguirà il pressing nei confronti del Governo e nello specficio nei confronti di Erika Stefani, nuovo Ministro per le disabilità.

Tra i vari punti, tutti certamente importanti, ve ne é uno che ai nostri lettori continua a stare particolarmente a cuore, si tratta infatti delll’aumento delle pensioni per tutti coloro che purtroppo sono rimasti ‘ a bocca asciutta‘ col precedente aumento che ha permesso agli invalidi civili totali di vedere incrementato il proprio assegno da 286 euro a 651, chiaro che si é dovuti sottostare a limiti reddituali personali o coniugali, nel caso di persone sposate, che hanno fatto comunque discutere e che hanno tagliato fuori anche taluni invalidi totali, che ad oggi continuano a pressare per ottenere quanto a detta loro gli é stato ingiustamente negato. I dettagli e le richieste che qui riproponiamo in quanto sono da poco state rilanciate, come ad indicare che l’attenzione su tali temi resta alta, dalla stessa ANMIC sulla suo sito ufficiale.

Pensioni di invalidità, aumento per il range 74-99% vi sono ancora speranze?

Come ANMIC, ha ricordato il presidente facendo il punto nella passata diretta del 7 aprile scorso, formuleremo delle proposte sulla disabilità. Chiederemo interventi legislativi di riforma affinché tutto quello che la nostra associazione recepisce dalle varie sedi territoriali, arrivi direttamente al Governo centrale e al Parlamento per rendere la nostra società pienamente inclusiva”.

Poi ricorda quanto fatto negli ultimi 10 anni, passi importanti in vari ambiti anche relativamente all’estensione all’Inps delle competenze sull’accertamento medico legale della condizione di invalidità civile, ricordando come l’assetto normativo attuale presenti ancora delle criticità su cui ANMIC sta lavorando per proporre proposte sulla disabilità che possano apportare correttivi alla normativa vigente, grazie anche alla verifica, in concreto, dell’applicazione delle norme. Poi passa ad elencare gli ambiti di intervento su cui si dovrebbe agire: Sistema di accertamento dell’invalidità civile, Collocamento mirato e la tutela del lavoratore disabile, Revisione delle prestazioni economiche per gli invalidi civili parziali,Tutela personale delle persone con disabilità, Non autosufficienza e vita indipendente,Le proposte di ANMIC sulla disabilità: Lea. Per quanto concerne l’interesse prioritario dei nosytri lettori che hanno seguito dall’inizio la questione aumenti, riportiamo in particolar modo le richieste sull’aumento delle pensioni di invalidità per gli invalidi parziali. Eccole:

Pensioni invalidità 2021, Anmic: Revisione delle prestazioni economiche per gli invalidi civili parziali

Spiega Il Prof Nazaro: “La Corte Costituzionale con sentenza n.152 del 2020 ha dichiarato l’illegittimità dell’art.38  comma 4 della legge 448 del 2001 che dispone che il beneficio integrativo è offerto a persone pari o superiori a 60 anni. Ha inoltre dichiarato l’inadeguatezza della prestazione economica assistenziale per garantire alle persone con disabilità una esistenza dignitosa.

Anche le invalidità parziali (dal 74% al 99%) vanno riviste. Oggi parliamo di un importo di 287 euro, in misura pari agli assegni sociali oggi a quota 460 euro. Sappiamo di trovarci in un momento di particolare emergenza, per questo chiediamo che il tutto avvenga anche in maniera graduale”.

Non resta che sperare che, dato anche il grave contesto economico dettato dal Covid 19 che ha colpito tutti, ma in misura maggiore certamente i soggetti considerati fragili, il Governo si appresti ad aumentare la platea degli aventi diritto alla pensione di invalidità maggiorata a 651 euro come stabilito dalla sentenza 152 del 2020, e che questa possa togliere altresì i paletti relativi al cumulo col reddito del coniuge che ha tagliato fuori moltissimi invalidi civili al 100% che comtinuano a ribadire con forza che l’invalidità é personale così come la dignità e che i redditi del coniuge nulla dovrebbero contare.

Voi siete tra quelli che ancora sperano nell’incremento dopo l‘insediamento del Governo Draghi o avete perso le speranze in tal senso? Fatecelo sapere indicandoci nella sezione commenti altresì, se vi va, il vostro livello di disabilità.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

25 commenti su “Pensioni di invalidità 2021, Anmic in pressing su aumento invalidi dal 74 al 99%

  1. SIGNORI: comprendo la disperazione delle parole scritte nei tanti messaggi postati in questo ineguagliabile sito web, poiché pure io, come Voi tutti, sono spaventatissimo dal pensiero di non poter più pagare l’affitto e bollette e perciò dpver ritornare a vivere sul marciapiede… PERO’, pur capendo perfettamente il Vostro stato d’animo, credo pure che sia profondamente sbagliato usare parolacce e insulti per comunicare la delusione che ci accomuna, cioè io credo che quei politici SINCERI e ONESTI, quei numerosi “paperoni italiani” che non hanno problemi economici ma che almeno hanno CUORE, nonchè quella vastissima “borghesia italiana” SENSIBILE e ADDOLORATA per i nostri problemi quotidiani, desiderino vedere persone INTELLIGENTI e CIVILI e dunque persone capaci di manifestare in modo veramente degno di un PAESE CIVILE e PROGREDITO.
    Tuttavia, colgo l’occasione per ricordare all’attuale Governo e dunque ai politici VERI e SINCERI, vale a dire a quelli che riescono davvero ad essere persone UMANE e perciò che riescono a sopraffare l’assurda avidità che ancora oggi, nel 2021, logora e annienta tutte le società del mondo (e non mi sto rivolgendo ai FALSI politici… tanto quelli faranno sempre FINTA di risolvere i problemi…) che noi invalidi civili NON abbiamo scelto di essere malati bensì abbiamo avuto quel tipo di SFORTUNA che la gente sana NON ha avuto e che non vorrebbe MAI avere nella propria vita, e questo perchè nessuno vorrebbe soffrire di patologie cruente e quindi trovarsi nell’impossibilità fisica e mentale di esercitare una professione decentemente remunerativa.
    Concludo facendo un’affermazione basata sull’interesse che in passato ho avuto per economia e imprenditoria: cioè non credo affatto di sbagliarmi se dico che il denaro speso per spese basilari e imprenscindibili della vita quotidiana come cibo, bollette, affitto (invece che per beni di lusso e quindi per oggetti fini a se stessi e quindi sostanzialmente improduttivi) rappresenti un indubbio vantaggio per l’economia di un paese in quanto esso viene reintegrato, riciclato e ridistribuito in modo molto più semplice, uniforme e capillare, creando e diffondendo più benessere generale e dunque contrastando efficacemente questa vergognosa povertà.

  2. 56 anni 76% invalidità parziale un figlio minore e moglie non ho una casa percepisco 285 € di pensione non ho casa nessun reditto di cittadinanza devo mandare mio figlio a scuola non spetta nulla neanche i libri si è cecato studiando sul telefonino x 1 anno e mezzo con la pensione penso x lui non posso curarmi e prendere medicine perché siamo ospiti da un altra famiglia e non ho isee perché non è più personale ma comprende intero gruppo abitativo. E vero che hanno aumento le invalidita al 100% ma la maggiorana di chi percepiva la pensione aveva già superato i 60 anni e in più c è molta gente che aveva la pensione lavorativa e superando la soglia di reddito non ha preso nulla. Grazie x ci governa noi dimentica ho meglio invisibili.

  3. Invalidità = dignità e non “fate la carità”. A 54 anni chi mi assume più con un’invalidità del 75%? I soldi vengono amministrati malissimo dal governo, sempre stato così. E poi, cosa c’entra il reddito del coniuge con un’invalidità personale? Non è che uno è invalido per scelta per campare alle spalle del governo come chi vive con il reddito di cittadinanza o come chi non ha mai lavorato e percepisce l’assegno sociale di 460 euro. Magari chi ha lavorato 20 anni o versato contributi prende 350 contro 460 di chi non ha mai lavorato o versato 2/3 anni di contributi. Ma come si fa a sottostare a governi così sconsiderati e vergognosi. Non dico che si debba far morire di fame la gente, va bene tutto, assegno sociale e reddito di cittadinanza, MA CHE VENGANO FATTI DEGLI ADEGUAMENTI PENSIONISTICI DECENTI E GIUSTI SOPRATTUTTO PER GLI INVALIDI CHE NON RIESCONO A TROVARE LAVORO PERCHÉ NON CE N’È NEANCHE PER CHI STA BENE. Con 297 euro forse riesco a pagare le medicine e le visite mediche…. VERGOGNOSO. I governanti il futuro se lo sono assicurato bene per se stessi e la progenie. Meno male che non si vive in eterno in queste condizioni.

  4. Buongiorno, sono indignata e delusa, sono invalida al 75%più 104 e percepisco una pensione di 297 €. Vorrei sapere a quando gli aumenti,con tutti i soldi che ci ha dato l’Europa e con tutti i 120.000 pensionati morti di covid o altro con cui l’Inps ha risparmiato 12 miliardi di euro. Spero che l’Anmic faccia qualcosa e anche la ministra Stefani.

  5. Buongiorno vi ringrazio anticipatamente per il vostro intervento. Affermo questo concetto con durezza e ammarezza verso una classe politica completamente assente ed inefficiente.
    Hanno fatto la messa in scena come uno spettacolo teatrale aumentando di invalidità agli invalidi totali che non è avvenuto per tutti  perché è stato messo di  proposito il limite reddituale coniugale  per gli invalidi totali ed infine gli invalidi parziali che non sono stati proprio tra l’altro considerati.Il governo non ha considerato neanche una prospettiva di lavoro per tutti  gli invalidi  che non devono superare un reddito personale di euro 16.982,49 se mai lavoreranno e ne considerato l’aumento invalidità per gli invalidi sia totali che parziali perché la classe politica e inps compresa  non  pensa e agisce in modo pratico la esistenza degli invalidi giorno per giorno con i loro veri problemi di salute Noi invalidi non stiamo raccontando una barzaletta del giorno ma purtroppo una realtà non considerata da una classe politica perché non hanno una testa per pensare e un cuore per agire.
    Vi porgo i miei distinti saluti
    Maria Graus

  6. Ormai sono allo stremo, senza soldi, nemmeno reddito cittadinanza, e non posso pagare bollette acqua spazzatura assicurazione tassa collaudo gas fare spesa curarmi perché la classe delle persone con disabilità e stata dimenticata si pensa sempre ai più forti, statali stranieri mondo spettacolo business ecc.

  7. Leggo i commenti di questa povera gente che deve vivere con 297€ di pensione perché non gli hanno riconosciuto l’invalidità al 100% è una vergogna, solo in Italia succedono queste cose

  8. Anche io percepisco 287 euro al mese. Ringrazio l’anmic che ogni giorno cerca di aiutarci….ma ora anche io sarei felice in un aumento della pensione perchè il costo della vita aumenta ogni anno che passa… oltre tutti i problemi di salute che ho. Speriamo in bene

  9. Sono invalida 74% e da 10 anni non lavoro ho anche altri problemi di salute vorrei chiedere se loro vivono con 287 euro pagando anche le spese mi domando se non si vergognano questo non è vivere ma sopravvivere e neanche voglio soltanto vedere loro con 280 euro cosa fanno vergogna vergogna

  10. La problematica stà nella difficoltà per gli invalidi parziali di trovare un impiego. Se si ha la fortuna di lavorare nel pubblico, allora si é più tutelati, ma tutti gli esclusi destinati a lavorare nel privato hanno serie difficoltà, perché lí devi rendere per forza, e non si ha cura della malattia del dipendente invalido parziale, e spesso si và in contro al licenziamento.
    Ragion per cui sarebbe davvero bello se aumentassero anche la invalidità parziale a 651€.
    Però al di là di come andrà a finire, pure se si aumenta di poco,
    🤍🤍grazie🤍🤍
    alle associazioni che si stanno mobilitando per farsí che anche i parziali possano aver un po’ di beneficio.

  11. slave
    mi rivolgo al governo nuovo draghi e compagni , specificamente alla ministra erika
    bhe ecco un altra che ci viene a prendere per il culo , sempre le solite caxxate , io avevo capito che ora finalmente ci davano a tutti gli invalidi parziali l’incremento al milione visto che siamo sotto la soglia di poverta’ ;/ e’ invece le solite cazzate solo perche’ ora devono rimediare alle leggi del vecchio governo conte , che aveva promesso l’aumento agli invalidi inabili con il 100% E 104 , ahahahahhah , ma perche’ ogni qual volta che dovete fare una manovra del cazzo ci mettete anche a noi di mezzo e poi ci dite sempre che si cono i soliti paletti da rispettare e limiti di isee con chi e’ in casa con i familiari ed e’ invalido ?
    AMICI INVALIDI E FRATELLI CARI IO MI SONO RORRO IL CAZZO ARRIVATO A 50 ANNI SENZA NIENTE TRANNE CHE UNA MISERA PENSIONCINA , VOGLIAMO FARCI SENTIRE O NO ?
    DATECI POSTI DI LAVOROOOOOOOO OK BASTA CO STA CORRUZIONE E STI CORNUTI DEL GOVERNO CHE ORMAI SI E’ CAPITO SONO TUTTI DEI FAREBUTTI PEZZI DI MERDA
    MINISTRA ERIKA RITIRO QUELLO CHE HO DETTO NELL’ALTRO POST DI TE , QUAL’ANGELO SEI UNA MUNNEZZA COME TUTTI , FAI UNA COSA DATTI ALL’IPPICA

    1. Sono assolutamente d accordo , quando devono aumentare il loro stipendio in una notte lo fanno agli invalidi ciaoneeeeee…..che schifoooooooo mi viene da vomitare cialtroni di merda. …

  12. Sono sordo muta a cento per cento e non ho avuto nessun aumento perché mio marito ha una pensione di 1200 euro contributivi vorrei se possibile sapere se e giusto o se seipossibile avere anche io L,aumento grazie

    1. Buongiorno Signora, al momento ci sono delle probabilità che le venga riconosciuto l’aumento perché c’è stata un’interrogazione al ministero il quale ha ammesso l’importanza del tema e sta valutando. Tutto dipende dalle risorse economiche ma in ogni caso è stato preso in considerazione. Quindi siamo fiduciosi.

  13. Sono invalida al 95% raggiunto con un ricorso dal tribunale di Genova contro Inps, per anni continuavano a darmi solo il 67% non c’era verso manco quando si è aggiunta altra patologia, come se oltre quella soglia non volevano mandarmi . Il tribunale ha condannato Inps riconoscendo la mia malattia . Sono in affitto pago 550 € più amministrazione bollette e spesa non mi assumono visto la mia malattia che spaventa se non avessi la famiglia sorelle fratelli sarei una persona invisibile per lo stato e costretta a vivere sotto i ponti una vergogna percepisco 297€ mensili solo perché sono considerata parziale al 95%.

  14. purtroppo l annoso problema dell aumento delle pensioni di invalidita e una piaga cronica. Ricordo che l aumento per gli invalidi totali, se pur con dei paletti capestro reddituali e stato introdotto a prescindere dalla mobilitazione delle associazioni di categoria, ossia su sentenza corte costituzionale. Tutto relativo al dibattimento in istruttoria giudiziaria di un singolo caso. Bene sicuramente gli appelli che vengono dai rappresentanti delle associazioni, e le relative concertazioni , ma bisogna incalzare incessattemente la politica e in questo caso il Ministro Stefani affinche ponga in maniera martellante con interrogazione parlamenentare per verificare un riscontro oggettivo del problema. I contorni tipo bisogna pensare ad una riforma completa del Welfare contestualizzata al problema delle prestazioni economiche, gira solo intorno alla richiesta. Bisogna chiedere fermemente l aumento delle pensioni di inalidita anche per gli invalidi parziali, punto e basta. Solo allora il governo calera la maschera sulle sue reali intenzioni.

  15. CHI SI FA PORTAVOCE UFFICIALE DELLE ISTANZE DEI DISABILI PARZIALI,PER CITARE IL CASO SPECIFICO OGGETTO DI QUESTO ARTICOLO,DOVREBBE SAPERE CHE ORMAI NON ESISTE PIù LA SCUSANTE,DA PARTE DEI POLITICI ,DELLA MANCATA COPERTURA FINANZIARIA PER L’AUMENTO ECONOMICO A FAVORE DEI DISABILI PARZIALI ;PURTROPPO QUESTO è UN DATO INCONTROVERTIBILE:
    A CAUSA DELLA MORTE DI PIù DI 120MILA PENSIONATI L ‘INPS HA A DISPOSIZIONE CIRCA 12 MILIARDI DI EURO DI SURPLUS,CIò SIGNIFICA CHE OCCORRE SOLAMENTE DECIDERE COME UTILIZZARE TALI RISPARMI I QUALI ,PER UNA QUESTIONE NON SOLO DI LOGICA MA SOPRATTUTTO DI MORALE,DEVONO ESSERE UTILIZZATI ALLI’NTERNO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E NON DIROTTATI PER FINANZIARE ALTRI STRUMENTI…….

  16. Per l’ennesima volta ripeto la mia situazione che va sempre peggiorando non esco nemmeno più da casa per fortuna che ho una moglie,anche se non prendo aumenti proprio per questo motivo pur essendo invalido al 100% inabile permanente ect.ect. ormai sono deluso e so per certo che chi e’ sposato dovrà farsi mantenere vita naturaldurante dalla propria moglie perché nessuno vuole cambiare niente,mi hanno tolto anche quel minimo di dignità che avevo adesso sono proprio agli sgoccioli questa non e’ vita già stiamo male per i cazzi nostri e questi di ci mettono a crearti ancora più problemi . Qui mi fermo tanto e’ inutile continuare a parlare a te stesso.

  17. Noi non siamo in grado di vivere una vita dignitosa fino a quando non si farà un Governo che affronta il problema seriamente per la disponibilità, si va avanti arrancando trovando scuse per tutti i problemi creati dai politici fannulloni e incapaci, nel frattempo speriamo in un futuro migliore e più umano che di sicuro non è. Invalido al 75 x100

  18. Sono un disabile e percepisco la pensione di 286.00,è veramente vergognoso che il governo non faccia in modo che anche noi invalidi parziali non possiamo usufruire di un adeguato aumento, mi auguro che al più presto ci siano novità positive. Hanno regalato soldi a destra e sinistra e con noi vogliono risparmiare, Vergogna.

  19. in maniera graduale…..dopo 20 anni senza aumenti x gli invalidi parziali….quando ancora dobbiamo aspettare??? a un cronista che gli chiedeva se c’era la possibilita di innalzare le pensioni di invalidita…stefani ha detto che bisoga verificare col ministero del lavoro e col ministero delle finanze. io abito in torino… nella regione piemonte la lega di stefani…la lega …in piemonte era l’unica regione dove tabaccai sono senza slot…ma grazie alla lega di stefani anche nel piemonte come tutta italia immediatamente…a giorni…anche nelle tabaccherie piemontesi si accenderanno le slot ….come sale slot…e bar nel resto d’italia tutto e subito grazie alle assurdita di cirio e della lega che nel gioco d’azzardo tanti hanno perso il lavoro….e cosi grazie alla lega altrettanti perderanno lo stipendio….e nei fragili con pensioni di invalidita irrisorie nel giocare nella speranza di aggiustare la pensione…perderanno anche quello….bella tutela della lega ai disabili e alle pensioni di invalidita….che con le riaperture immediate di slot si creeranno nuove ludopatie e nuove poverta….ma questo tutto e subito….senza verificare il ministero del lavoro e delle finanze….invece per l’aumento non per vivere ma per sopravvivere nell’aumento delle pensioni di invalidita….stefani deve verificare col ministero delle finanze….e col ministero del lavoro….chissaquando e ma….pero….chissa…forse…

  20. Una Grande Sorte di Ladri, Ladri. Sono invalido al 75%, per altre patologie successive al 75%, ho il cuore che funziona al 17%, ho chiesto l’aggravamento alla comm. Medica dell’Asl n° 5Polesana. Il presidente mi ha risposto che ho gli stessi diritti di chi ha il 100%. Hanno aumentato economicamente le pensioni, Io sono rimasto al palo. Disonestà si Disonesta. Su mia pressione mi richiamano a visita medica. Mi arriva la comunicazione 2 giorni dopo la convocazione. L’Asl passa la pratica all’imps, l’Inps la archivia. DISONESTI, INGANNATORI. CAUSA COVID 19( PER NON ESSERE CONTAGGIATO, SONO FUORI ITALIA, NON SO PER QUANTO ANCORA. MA POTREBBERO SISTEMARE LA MIA POSIZIONE, TELEMATICAMENTE. POSSEGGONO TUTTI I CERTIFICATI MEDICI, ALLA VISITA CI VAI SOLO PER CONSEGNARE I CERTIFICATI. SPINGONO OL TASTO SUL COMPUTER, CON LE MIE GENERALITÀ ED ESCONO TUTTE LE MIE PATOLOGIE, CHE BI ELENCO ( CERTUFICATE) : TRAUMA CRANICO, ROTTURA CLAVICOLA DX, EMIPARESI DX, STATO COMATOSO TRA IL 5° E 6° STADIO, PER 29 GG. SCOMPENSI CARDIACI, STHENT., PLAYSMECHER, DEFRIBRILLATORE, PERDITA DI MEMORIA, PERDITA DI EQUILIBRIO. IL PROSSIMO PASSO È UN MONOLOCALE, SENZA SERVIZIO, PER 40 ANNI. E QUESTA È UMANITÀ? QUESTA È UMILIAZIONE DOPO UNA VITA DI LOTTA CONTINUA. I MIEI DIRITTI, DOVE SONO, CHE HO SPESO UNA VITA PER I DOVERI. SI SONO DIMOSTRATI I N G A N N A T ORI

  21. Salve sono invalido al 100% per sclerosi multipla progressiva e ricevo regolarmente la pensione d’ invalidita’ ma non ho ricevuto nessun aumento di pensione come previsto dallo scorso luglio 2020 e contrariamente alla circolare 107/2020 di Inps che prevede la maggiorazione e l’applicazione d’ufficio di tale aumento per gli invalidi totali, i ciechi assoluti e i sordi. Preciso che non lavoro e inoltre sono divorziato da oltre dieci anni e non ho nessun altro reddito

    1. vai nel patronato dei disabili tipo anmic. della tua citta…e spiega bene loro il tuo caso….da come dici ti tocca l’aumento e un anno di arretrati….vai al caf ma meglio se un patronato dei disabili prendi un appuntamento e spiega loro che non ti e arrivato l’aumento…nonostante risulti idoneo per ricevere l’aumento cosi se rientri nei requisiti l’ufficio mandera all’inps la richiesta per avere tale aumento…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su