Pensioni luglio 2020

Pensioni Giugno 2024: pagamento in 2 giorni diversi e aumenti per alcuni

Il prossimo cedolino di pensione non sarà pagato a tutti nello stesso giorno. Alcuni pensionati, infatti, lo riceveranno più tardi a causa della modalità di accredito scelta. La ragione è che i giorni bancabili differiscono tra Poste e banche: le Poste, infatti, sono aperte (anche se solo per mezza giornata) anche il sabato, mentre le banche operano dal lunedì al venerdì. Questa differenza comporta, in alcune mensilità, un pagamento delle pensioni distribuito su due giornate: ciò accade quando il primo del mese cade di sabato, come previsto per il mese di giugno.

Pagamento Pensioni giugno 2024: le date per posta e banca

Sabato 1 giugno verranno pagate le pensioni, i trattamenti di invalidità civile e l’Assegno sociale per coloro che hanno indicato come modalità di accredito un conto corrente postale. Come detto in precedenza, il sabato è considerato un giorno bancabile per Poste Italiane e, per questo motivo, gli uffici postali saranno aperti per chi deve ritirare la pensione in contanti. Per chi si recherà di persona in posta, il calendario da seguire per il ritiro in contanti dovrebbe essere il seguente, anche se le date potrebbero variare a seconda dell’ufficio postale di competenza:

  • sabato 1 giugno 2024 (solo mattina): cognomi con iniziali dalla A alla C;
  • lunedì 3 giugno 2024: cognomi con iniziali D o K;
  • martedì 4 giugno 2024: cognomi con iniziali dalla L alla P;
  • mercoledì 5 giugno 2024: cognomi con iniziali dalla Q alla Z.

Aver scelto un conto corrente bancario, invece, comporta un pagamento leggermente ritardato. Poiché il sabato non è un giorno lavorativo per le banche, il pagamento della pensione viene posticipato al primo giorno utile, ossia lunedì 3 giugno.

Aumento Pensioni giugno 2024

Non ci sono novità significative per l’assegno di pensione in pagamento a giugno, nonostante si parli continuamente di aumenti, conguagli e arretrati. La rivalutazione degli importi in base all’inflazione, così come l’applicazione delle nuove aliquote Irpef che sono le cause degli aumenti delle pensioni nel 2024 sono già presenti nel cedolino da mesi e quindi anche a giugno tutto resta uguale. Per un aumento significativo si dovrà attendere la quattordicesima, pagata agli aventi diritto nel cedolino di luglio.

Ricordiamo comunque che gli incrementi dovuti alla rivalutazione delle pensioni nel 2024, rispetto all’inflazione, hanno portato ad aumenti pari al 100% sulle pensioni fino a 4 volte il minimo, con poi una decrescita progressiva all’ 85% sulle pensioni tra 4 e 5 volte il minimo, al 53% sulle pensioni tra 5 e 6 volte il minimo, a 47% sulle pensioni tra 6 e 8 volte il minimo ed infine a 37% sulle pensioni tra 8 e 10 volte il minimo e al 32% sulle pensioni oltre 10 volte il minimo.

Infine riportiamo anche i nuovi scaglioni IRPEF in vigore da inizio anno: fino a 15mila euro resta l’aliquota al 23%; fino a 28mila euro si passa ad una riduzione dell’aliquota dal 25% al 23%; fino a 50 mila euro resta invariata l’aliquota invariata al 35%; per i redditi superiori a 50mila euro, resta invariata la solita l’aliquota del 43%.

2 commenti su “Pensioni Giugno 2024: pagamento in 2 giorni diversi e aumenti per alcuni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su