Pensioni invalidità 2020, petizione per richiedere aumento anche per il range 74-99%

A seguito dell’aumento delle pensioni di invalidità 2020 che hanno permesso attraverso una sentenza la n°152/2020, definita ‘storica’ nel suo genere’, di vedere incrementato l’assegno per gli invalidi tolali al 100% e inabili al lavoro fino a 651 euro, molti invalidi parziali nel range 74-99% hanno richiesto l’equiparazione per poter ottenere l’aumento, facendo presente in più di un’occasione che anche per gli invalidi parziali non é semplice essere collocati nel mondo del lavoro e dunque non é possibile vivere con 287 euro mensili. Abbiamo scoperto che in realtà il problema dell’inadeguamento degli importi delle pensioni, non é stato solo sollevato nel discorso di fine anno da Nazario Pagano, Presidente di Anmic, ma anche da uno studio legale di Isabella Cesano, che ha lanciato una petizione su change.org e l’ha diretta già e metà novembre al Presidente del Senato della Repubblica. Sotto riportiamo quanto richiesto in tale petizione, chi fosse interessato può accedere al sito chance.org e firmare la stessa, qui il link: https://www.change.org/o/studio_legale_isabella_cusanno

Pensioni di invalidità 2020, anche gli invalidi parziali non possono vivere con 287 euro: la petizione

Il titolo della petizione é ‘reddito garantito a tutti i disabili e le persone in difficoltà’, lo scopo appunto, anche a seguito della sentenza 152/2020 che ha mostrato sensibilità nei confronti della disabilità e dopo le numerose richieste da parte di Anmic di riconsiderare i limiti di reddito anche per l’accesso all’aumento che sono decisamente più bassi rispetto ai limiti imposti per l’accesso alla prestazione, ecco giungere anche una petizione che chiede di portare l’importo della pensione a non essere inferiore a 15 mila euro l’anno. Ecco quanto riporta il testo:

“Invalidità anche parziale ed assegni sociali rivalutati a 15 mila euro ad personam. Proposta di testo di legge ai sensi dell’art. 50 della Costituzione Italiana, che cita che: tutti i cittadini possono rivolgere petizioni alle Camere per chiedere provvedimenti legislativi o esporre comuni necessità. La commissione competente può inviare la petizione al Governo, archiviarla o trasformarla in un progetto di legge.

Ci battiamo “Per tutti gli invalidi ,totali e parziali, l’importo della pensione non deve essere inferiore a 15 mila euro. Allo stesso modo a ciascun cittadino italiano in grave difficoltà deve essere garantito un reddito non inferiore a 15 mila euro. In particolare con riferimento agli invalidi si ricorda che:

L’art. 38 della Costituzione della Repubblica Italiana statuisce i diritti degli inabili al lavoro:Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale.” E’ evidente, però, che i soggetti invalidi con percentuali inferiori al cento per cento e che quindi, secondo i medici, mantengono una sia pur scarsa capacità lavorativa, capacità che spesso è solo nelle buone intenzioni delle Commissioni Inps, sono nella impossibilità assoluta di mantenersi per impossibilità nei fatti ad accedere al mercato del lavoro, nonostante l’obbligo di assunzione previsto dalla norma,per impossibilità fisica di assumersi il peso di un rapporto di lavoro costante, per la crisi in cui versa il mondo del lavoro diventata ormai cronica e peggiorata negli ultimi tempi. Ma soprattutto sono impossibilitati a mantenersi per l’inadeguatezza di tutte le norme vigenti ad assicurare loro il sostegno necessario”.

Pensioni di invalidità 2020: ecco le richieste degli invalidi parziali

Noi sottoscritti, cittadini italiani, chiediamo ai sensi dell’art.50 della Costituzione Italiana che il Parlamento si faccia carico delle esigenze degli invalidi civili ed intervenga legislativamente per:

  1. Adeguare la pensione di cui all’art.38 legge 448/2001 all’importo di 15 mila euro all’anno tredicesima compresa
  2. Estendere la pensione di cui all’art. 38, oltre che a tutti i soggetti ivi indicati, a tutti gli invalidi civili a cui sia stata riconosciuta una invalidità pari o superiore al 74 per cento
  3. Rivalutare i limiti di reddito portandoli a 15 mila euro l’anno per il soggetto non coniugato ed ad 15 mila euro a cui aggiungere l’importo dell’assegno sociale per il caso di cumulo con il coniuge con conseguente riduzione dell’assegno/ pensione come indicato dal citato articolo 38 nella dizione attuale
  4. Prevedere la cessazione del pagamento dell’assegno/ pensione al soggetto che venga assunto o alla riduzione dell’assegno se il reddito determinato dalla nuova assunzione non supera il tetto dei 15 mila / 30 mila euro l’anno
  5. Prevedere la cessazione del pagamento dell’assegno / pensione al soggetto le cui condizioni di salute migliorino e si riducano al disotto del 74 per cento
  6. La petizione viene presentata ai sensi dell’art.50 della Costituzione.”

Cosa ne pensate delle richieste menzionate in questa petizione? Firmerete o ritenete sia inutile? Fatecelo sapere come sempre nell’apposita sezione commenti del sito.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

36 pensieri riguardo “Pensioni invalidità 2020, petizione per richiedere aumento anche per il range 74-99%

  • Avatar
    12 Gennaio 2021 in 22:42
    Permalink

    Sono d’accordo. Con invalidità del 75% con questo reddito si fanno sforzi disumani. Poi i lavori per le fasce protette, rimangono delle Chimere, anche se il soggetto nell’ambito delle sue possibilità si armasse di tutto lo spirito di abnegazione di questo mondo. tra l’altro “fatto giustissimo!” esiste una Diagnosi Funzionale, a volte neppure ti rispondono al 99%, se ti rispondessero è da esibire, a quel punto ……. ? Diventa troppo lunga mica il datore si prende la briga di guardarti in faccia o che so io. Poi diventa lunga chi è in questa situzione può capire. Quindi il Lavoro (nell’ambito delle prorie possibilità), Rimane oggi come oggi una cosa irrangiungibile. poi il tempo passa, passa.. la situazione pandemica in cui viviamo, almeno per me che mi accosto ai 60aa. Se non mi fossi ancora dato per vinto per la situazione lavorativa, ma ora come ora???? E va beh??? Poi c’è questo punto 5) Prevedere la cessazione del pagamento dell’assegno / pensione al soggetto le cui condizioni di salute migliorino e si riducano al disotto del 74 per cento. Se anche fosse, che difficilmente può esserlo dopo una vita di malattia, in età pensionabile, mettiamo a 67aa poi gli togli il reddito???? Mah?????

    Rispondi
  • Avatar
    12 Gennaio 2021 in 14:49
    Permalink

    La petizione va portata avanti senza il reddito coniugale, altrimenti siamo al punto di partenza, pensano di essere furbi, il reddito è fortemente penalizzante…

    Rispondi
  • Avatar
    12 Gennaio 2021 in 10:22
    Permalink

    Io sono invalido al 90 % 287 Euro sono troppo pochi visto che con le fobie che ho non riesco a reintregrarmi nel mondo del lavoro.

    Rispondi
  • Avatar
    11 Gennaio 2021 in 14:56
    Permalink

    La disponibilità a firmare la petizione proposta da http://www.change.org/o studio legale di Isabella Cusanno è buona cosa per poter raggiungere uniti tutti noi Invalidi Civili a tanto di giustizia sociale. Forza che c’è la faremo stando uniti la volontà del popolo si farà sentire.

    Rispondi
  • Avatar
    11 Gennaio 2021 in 13:02
    Permalink

    Il punto 5 della petizione, specialmente in questo periodo di magra per le casse dello Stato, sarebbe una manna dal cielo, in quanto permetterebbe alla commissione preposta a fare spending review……..per un minimo di miglioria di un soggetto. Siamo onesti……un invalido grazie all’aiuto della medicina può stare apparentemente e momentaneamente meglio, ma sarà sempre un soggetto con salute cagionevole.
    Secondo il mio modesto parere, basterebbe proporre di portare l’assegno agli esclusi ad euro 400 e rivalutando l’importo ogni 3/4 anni.

    Rispondi
  • Avatar
    9 Gennaio 2021 in 20:42
    Permalink

    Io invalido al 74 per cento, una moglie e tre figli minori con 287 euro al mese mi trovo nella condizione di povertà assoluta e per cercare di fare il possibile per i miei bambini mi trovo nella situazione di fare anke l’impossibile per limitare le limitazioni sociali per i miei figli ma non basta mi sto auto distruggendo per sopravvivere queste parole sono rivolte a quei papponi che governano il paese Italia che ormai è finito non c’è più speranza l’unica cosa che funziona è la mafia vergogna i nostri nonni si rivoltano nella tomba e noi che possiamo fare la soluzione è la rivoluzione ma comunque non abbiamo le palle come i nostri avi che anno lottato sono morti per noi uomini senza attributi che non ci ribbelliamo a questo sistema corrotto

    Rispondi
  • Avatar
    9 Gennaio 2021 in 17:54
    Permalink

    Buongiorno signora Erica,non comprendo la petizione mi può dare alcune informazioni, 15000 diventa il reddito massimo non è più 16880 ? Un’ altra domanda ma per coloro che hanno un affitto da pagare,e ricevono una pensione superstite(reversibilità) perché era a carico dei genitori farà cumulo e reddito?

    Rispondi
  • Avatar
    9 Gennaio 2021 in 13:16
    Permalink

    Si sono d’accordo non ci si fa a vivere con questa miseria avanti tutta…

    Rispondi
  • Avatar
    9 Gennaio 2021 in 10:39
    Permalink

    Io vivrei meglio insieme a mio marito se mi alzassero la pensione a volte sto tanti giorni senza comprare niente per arrivare al pagamento del mese prossimo ho bisogno di soldi e mio marito sarebbe più contento sono malata ma coi soldi posso stare meglio percui alzatela sta pensione io sono invalida al 74 per cento 297 euro al mese e davvero una miseria una paga da fame…. Se capite capite….. Maio dice che i soldi ci sono e allora quale il problema?

    Rispondi
  • Avatar
    9 Gennaio 2021 in 9:11
    Permalink

    Buongiorno Io ho il 100% di invalidità e secondo me non è giusto che hanno abbassato il tetto di reddito da non superare perché facendo così pochissimi invalidi al 100% percepiscono un aumento. Sarebbe giusto che lascerebbero il tetto di reddito da non superare almeno €15000 all’anno.

    Rispondi
  • Avatar
    9 Gennaio 2021 in 8:48
    Permalink

    Purtroppo non credo che prenderanno in considerazione la petizione, in un paese civile non si dovrebbe dover fare una petizione per ottenere ciò che è evidente, l’impossibilità a vivere con 286 € mensili, stranamente quando riguarda loro, “i nostri governanti ” si aumentano gli stipendi senza problemi e soprattutto vergogna, delusione ad oltranza

    Rispondi
  • Avatar
    9 Gennaio 2021 in 7:32
    Permalink

    Vogliamo vivere una vita dignitosa e non cerchiamo il lusso. La malattia i se per se e una condanna siamo sempre stressati per come sopravvivere ,distinti saluti.

    Rispondi
  • Avatar
    8 Gennaio 2021 in 22:25
    Permalink

    Io o il 75 per cento nn ce la faccio a vivere come tutti io dico al aumento

    Rispondi
  • Avatar
    8 Gennaio 2021 in 21:59
    Permalink

    Sono d’accordo, finalmente una petizione che da una boccata d’ossigeno agli invalidi civili dal 74% al 100% che possono vivere con dignità , già colpiti dalla loro infermità , grazie mille e speriamo che chi di dovere non prenda pretesti. Grazie mille. Invalido al 100% affetto da Tetraparesi Spastica.

    Rispondi
  • Avatar
    8 Gennaio 2021 in 20:31
    Permalink

    anch’io sono una invalida al 78 x cento e a soli 35 anni ho messo un pacemaker al cuore e subito una protesi all’ anca e sono in aspettativa x la 2 protesi all’ altra anca ho subito 10 interventi alle anche dall’ età di un anno e anche facendo richiesta di lavoro nn mi accettano xché nn posso fare sforzi.
    quindi anche persone che nn hanno il 100 x 100 hanno dei problemi . e nn possono sopravvivere con 285 euro al mese nn bastano nemmeno x i farmaci.

    Rispondi
  • Avatar
    8 Gennaio 2021 in 20:14
    Permalink

    Firmo per la petizione perché ho un ragazzo di 21 anni con 80% di invalidità e non trova lavoro come si fa a campare cin 280€

    Rispondi
  • Avatar
    8 Gennaio 2021 in 19:28
    Permalink

    Sono d’accordo mia moglie non le stato riconosciuto la maggioranzaione a una pensione inabilità io 750 euro però io dissocuppato non superiamo il reddito.di 14 Milà e rotti ma a capire tutto sto raggiro

    Rispondi
  • Avatar
    8 Gennaio 2021 in 18:24
    Permalink

    Salve anche io sono invalido civile al 75 per cento non posso fare certi lavori perché non mi pendono e non saprei come vivere con 287 sè non ero con mia mamma che mi mantiene non posso andare avanti.aiutate a chi serve aiuto non a dare soldi chi non ha diritto.poi questa è discriminazione perché la legge è per tutti non che una parte si poi’altra sono burdi allucinante di come si è.poi mettetevi al posto nostro per capire come si deve vivere spero fate qualcosa perché uno non deve morire di fame è per quel che serve

    Rispondi
    • Avatar
      9 Gennaio 2021 in 7:25
      Permalink

      Firmo questa petizione. Mio figlio ha 37 anni e soffre di una psicosi schizoaffetiva. Non lavora e vive con noi i suoi genitori. Non gli danno neanche un piccolo lavoro perche non ce n e e in più e seguito da un psichiatra privato che dobbiamo pagare perche nella struttura pubblica sono solo incompetenti. In Francia nel suo caso percepirebbe 800 euros più gli darebbero un lavoro.

      Rispondi
    • Avatar
      9 Gennaio 2021 in 11:17
      Permalink

      Anche se è solo l’inizio ma mi ritengo più che soddisfatto sapendo che siamo arrivati al punto che si farà una petizione,
      Sapendo da dove siamo partiti in pochissimi ma grazie al sito http://www.pensioni per tutti. It portato avanti da (erica e Stefano) che ha dato un risonanza enorme! alla nostra condizione di vita disumana di tipo economico. 🙏 GRAZIE ANCORA

      Rispondi
      • Erica Venditti
        12 Gennaio 2021 in 13:11
        Permalink

        Dany grazie sempre per la stima 🙂

        Rispondi
    • Avatar
      11 Gennaio 2021 in 14:54
      Permalink

      La disponibilità a firmare la petizione proposta da http://www.change.org/o studio legale di Isabella Cusanno è buona cosa per poter raggiungere uniti tutti noi Invalidi Civili a tanto di giustizia sociale. Forza che c’è la faremo stando uniti la volontà del popolo si farà sentire.

      Rispondi
  • Avatar
    8 Gennaio 2021 in 16:43
    Permalink

    Spero che la petizione abbia successo,è una vergogna vivere con meno di 300euro al mese e ci vorrebbe una revisione anche per quanto riguarda le patologie non riconosciute come la fibromialgia!!!

    Rispondi
    • Avatar
      8 Gennaio 2021 in 17:06
      Permalink

      Sono d’accordo che l’invalidità dal 74% al99% venga riconosciuta l’aumento xche se uno e invalido vuldire che non può più lavorare e con una pensione da 290 euro come può fare a vivere non si riesce a pagare neanche le bollette luce gas affitto e non si riesce a comprare neanche un pezzo di pane x mangiare ditemi voi come si può vivere non aggiungo altro xche sono stufo di ripetere sempre le stesse cose tanto lo so vanno al vento

      Rispondi
      • Avatar
        8 Gennaio 2021 in 19:27
        Permalink

        Sono d’accordo mia moglie non le stato riconosciuto la maggioranzaione a una pensione inabilità io 750 euro però io dissocuppato non superiamo il reddito.di 14 Milà e rotti ma a capire tutto sto raggiro

        Rispondi
      • Avatar
        8 Gennaio 2021 in 21:17
        Permalink

        Li farei provare a vivere con 287€ di pensione….medicine,bollette,bollo,tari……e poi 120 punti di operazione…..e non riuscire a lavorare..grazie

        Rispondi
      • Avatar
        8 Gennaio 2021 in 21:55
        Permalink

        Sono Sylvain Martinelli anche io sono invalido al 100%100 inabilità al lavoro perché non mi è stato riconosciuto il diritto per l’incremento?! Come si può vivere con 286,81euro?! Aiutatemi per favore! Cordiali saluti Sylvain.

        Rispondi
      • Avatar
        9 Gennaio 2021 in 8:44
        Permalink

        Non si può vivere così è vergognoso oltre il danno anche la beffa ci dassero almeno la aumento per una dignità e giustizia

        Rispondi
      • Avatar
        9 Gennaio 2021 in 10:38
        Permalink

        Io vivrei meglio insieme a mio marito se mi alzassero la pensione a volte sto tanti giorni senza comprare niente per arrivare al pagamento del mese prossimo ho bisogno di soldi e mio marito sarebbe più contento sono malata ma coi soldi posso stare meglio percui alzatela sta pensione io sono invalida al 74 per cento 297 euro al mese e davvero una miseria una paga da fame…. Se capite capite….. Maio dice che i soldi ci sono e allora quale il problema?

        Rispondi
      • Avatar
        9 Gennaio 2021 in 12:45
        Permalink

        Penso che sia vergognoso che i nostri politici pensino ai bonus monopattini alle bici ai telefoni ai bonus vacanze e a d’altare stronzate. E non considerano il resto degli invalidi rimasti fuori da una sentenza ingiusta e incostituzionale che non rispetti in tutto e per tutto i problemi di salute e ne tanto meno quelli economici di una persona con disabilità. Mentre pensono solo al reddito di cittadinanza, e danno aiuto solo a chi è intenzionato a stere sul divano rifiutando anche proposte di lavoro. Se questi sono i nostri politici se questo è il nostro governo se questa è la nostra costituzione be allora mi vergogno d essere italiano. Cordiali saluti. Comunque chi scrive e un disabile al 78%.

        Rispondi
      • Avatar
        9 Gennaio 2021 in 12:46
        Permalink

        Auguriamoci che la petizione abbia successo, ma non è giusto mettere sempre paletti, aumentate le pensioni senza tener conto del cumulo del coniuge, con la possibilità di vivere una vita quantomeno dignitosa, ricordo sempre che si tratta di patologie, e aggiungo che ci sono anche invalidi che lavorano ma con tutte le problematiche del caso hanno difficoltà a recarsi sul posto di lavoro, non sarebbe il caso di lasciare per dare la possibilità ai giovani di inserirsi nel mondo del lavoro, trovo inaccettabile che questa categoria deve raggiungere minimo 63 anni per poter andare in pensione, sempre se si hanno 30 anni di contributi… Presidente Pagano mi rivolgo a lei ci aiuti a risolvere definitivamente questa situazione così delicata…grazie

        Rispondi
      • Avatar
        9 Gennaio 2021 in 15:32
        Permalink

        Il mio assegno di 286 euro lo spendo a medicine e integratori, che non posso fare a meno, sono invalida all 86/100 ,

        Rispondi
      • Avatar
        9 Gennaio 2021 in 17:01
        Permalink

        Certamente l’aumento deve essere riconosciuto per tutte persone che percepiscono la pensione con validità sia dal 74 al 99% sia ai disabili totali che superano il limiti di reddito ,tra l’altro già esistenti da fame.

        Rispondi
        • Avatar
          12 Gennaio 2021 in 14:46
          Permalink

          FATE MOLTA ATTENZIONE PRIMA DI FIRMARE LA PETIZIONE, LEGGETE BENE, CHI POTREBBE USUFRUIRE DELL’AUMENTO SAREBBERO SOLO CHI È SOLO E I SEPARATI, SI CONTINUA A METTERE IL PALETTO DEL REDDITO DEL CONIUGE, DEVONO ABBATTERE ASSOLUTAMENTE IL REDDITO ALTRIMENTI SONO DAVVERO POCHI AD USUFRUIRNE, SONO PATOLOGIE E IL CONIUGE NON C’ENTRA NULLA, SIAMO INVALIDI NON SCEMI, LA SIG. CUSANO EVIDENTEMENTE NON SI RENDE CONTO CHE NON STA AIUTANDO NESSUNO LA COSTITUZIONE PARLA CHIARO!!!!NON LASCIATEVI INCANTARE ASSOLUTAMENTE SI RISCHIA DI NON VEDERE UN CENTESIMO… RICORDO INOLTRE CHE NELLA SCORSA CAMPAGNA ELETTORALE TUTTI GLI INVALIDI DAL 74 AL 99% DOVEVANO AVERE L’AUMENTO…RIFLETTETE E PENSATECI BENE…VIA IL REDDITO CONIUGALE!!!!!!!

          Rispondi
      • Avatar
        9 Gennaio 2021 in 18:21
        Permalink

        Sono d’accordo, che anche gli invalidi sotto la soglia del100% abbiano riconosciuto l’aumento. Segnalo che a tutt’oggi inv. Civile 100%con 104 e accompagnamento con reddito di 2100 Euro anno non ho ancora avuto nessun adeguamento

        Rispondi
    • Avatar
      9 Gennaio 2021 in 12:32
      Permalink

      Vivo con 280€al mese invalidità 74%..come farei se non mi aitasse mia madre non posso lavorare perché i miei problemi sono spichiatrici prendo troppo farmaci e uno schifo vivere cosi fate qualcosa per noi invalidi per favore..

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *