Pensioni invalidità 2021, aumento range 74-99% a che punto siamo?

Pensioni invalidità aumento 2021: il doppio plaetto di cui nessuno parla

Dopo l’insediamento del Governo Draghi sono in tanti a chiedersi cosa cambierà per le pensioni di invalidità, specie per quanti sono rimansti esclusi dal precedente aumento, che ha portato grazie alla sentenza 152, definita comunque storica, all’incremento delel pensioni di invalidità da 286 euro a 651 almeno per tutti gli invalidi civili totali che rispettavano limiti reddituali.

Fuori però a prescindere del reddito proprio o coniugale quanti erano nel range 74-99% che mai hanno smesso di chiedere di sanare tale iniquità, giacché un invalido difficilmente riesce a trovare un impiego, ancor più ora in tempi di Covid, ragion per cui anche per loro é impossibile arrivare alla fine del mese e vivere una vita dignitosa. Ora che al ministero della disabilità vi é Erika Stefani, cambierà qualcosa? i dettagli ad oggi e le richieste dei nostri lettori invalidi o dei parenti care giver che di loro si occupano conoscendo a menadito le loro difficoltà nel quotidiano.

Pensioni invalidità 2021, l’aumento sarà ancora possibile per gli invalidi parziali?

Certamente le speranze sono le ultime a morire, come ci dicono i nostri lettori, ancor più oggi che effettivamente il Ministero della disabilità pare essere stato associato ad una donna che sembra davvero spendersi molto per i maggiormente disagiati. Tant’é che si é battuta già su molti fronti le mascherine trasparenti per quanti dovevano usare il labbiale, priorità sui vaccini per le persone disabili e per i care giver che di loro si occupano, solo per fare alcuni esempi sulle ultieme vicessitudini.

La Stefani da quando si é insediata ha già anche incontrato il Presidente Anmic, il dott Pagano con cui si é dibattuto proprio sul fronte delle priorità relative alle pensioni. E’ consapevole dell’importanza della sentenza 152 di cui nessuno discute, ma é altresì conscia che le difficoltà per tutti gli altri disabili non sono mutate. Pagano ha fatto più volte anche delle dirette che ha postato sulla pagina facebook Anmic per evidenziare come non sia possibile nemmeno per un disabile parziale vivere, giacché comunque spesso la pensione di invalidità resta l’unica entrata, con 286 euro. Giusto dunque che la platea dei beneficiari dell’aumento venga estesa. Anche perché lo ricordiamo l’aumento anche per quanti sono disabili al 100% non é stato per tutti, ma solo per quanti rispettavano determinati requisiti reddituali, alcuni paletti imposti sono stati ritenuti anche per i disabili totali troppo ‘invalidanti’. I cittadini stessi hanno chiesto infatti di rivedere tali paletti.

Pensioni invalidità 2021, le richieste al neo Governo Draghi

Via i paletti che impongono il cumulo dei redditi coniugali e che non prevedono il superamento della soglia di 14.447 euro , anche perché , ribadicono con forza gli invalidi totali la disabilità non é divisa col proprio coniuge, ma é personale, dunque perché considerare il reddito coniugale e per giunta permettere magari a chi non é sposato ma convive con altri famigliari magari con una situazione maggiormente rosea di poter beneficiare dell’aumento? Inoltre ricordiamo che anche se il limite di reddito coniugale , dunque siamo di fronte ad un doppio paletto per chi é sposato, non supera i 14447 euro, ma uno dei due coniuge percepisce più di 8.469 euro , l’invaido resta comunque escluso dall’aumento. Ecco perché si chiede di eliminare tali vincoli reddituali.

La seconda richiesta é appunto quella di estendere l’aumento anche agli invalidi parziali, che sono nel range 74-99%. Si spera data la particolare sensibilità dimostrata dalla Ministra Stefani al tema, dato il pressing sempre attivo di Anmic e le richieste puntuali fatte dai vari disabili sui gruppi social, che il Governo intenda soddisfare o almeno cercare di andare incontro alle richieste degli invalidi, permettendo un ‘estensione degli aventi diritto all’aumento della pensione. A vostro avviso si riuscirà? fateci sapere il vostro sentore al riguardo o se avete richieste aggiuntive al riguardo.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

16 commenti su “Pensioni invalidità 2021, aumento range 74-99% a che punto siamo?

  1. Ma i parlamentari nel calcolo degli stipendi ed emolumenti vari che percepiscono considerano anche il reddito del coniuge ? Chiaramente no !! Non gli conviene !! E allora perché per gli invalidi civili deve essere considerato anche il reddito del coniuge ?. SONO SPUDORATAMENTE TUTTI IN MALA FEDE !!!!

  2. MINISTRA STEFANI E GOVERNO NUOVO SONO INVALIDO CIVILE ALL 80 % mai avuto proposte di lavoro e nessun rdc
    DA DIVERSI ANNI NELLA REGIONE CAMPANIA SI STANZIANO FONDI PER LA POVERTA’ , CIOE’ REDDITO D’INCLUSIONE ATTIVA , DETTO PROGETTO I.T.IA CON CORSI RETRIBUITI CHE NON SONO MAI COMINCIATI , E’ NON PER COLPA DEL COVID , PERCHE’ SONO DIVERSI ANNI CHE NE PUBBLICIZZANO , IL FATTO E CHE LEGGENDO SONO MOLTI I SOLDI MESSI A DISPOSIZIONE DI QUESTI CORSI MA CHE FINE FANNO MI DOMANDO SE NON INIZIANO MAI ?
    perche’ far fare 100 inaia di colloqui a persone con problemi economici e di disabilita’ quando poi non inizia mai niente ?
    MINISTRA STEFANI CORTESEMENTE VOLETE FARE CHIAREZZA SU QUESTA VICENDA ASSURDA ?
    L’AGENZIA CHE SE NE E’ PRESA CARICO IN NAPOLI E LA GESFOR , E IN COLLABORAZIONE CON IL COMUNE DI NAPOLI , NON RIESCO A CAPIRE PERCHE’ NESSUNO NE PARLI , PRENDETE TUTTI IL RDC ?
    MINISTRA STEFANI VEDIAMO SE SEI IN GRADO DI RISOLVERE QUESTA COSA , PERCHE’ TANTO PER L’AUMENTO DELLE PENSIONI GIA’ ABBIAMO CAPITO , NON CE’ NIENTE DA FARE AVETE FATTO CILECCA ANCHE VOI COME HO VISTO
    MUNNEZZA DI GOVERNO LO RIPETO STERMINATECI COME FACEVANO CON GLI EBREI COSI’ NON AVRETE PIU’ PROBLEMI PER NOI E QUELLA MISERIA DI PENSIONE CHE CI DATE ,PEZZI DI MERDA

  3. Salve
    MI RIVOLGO ALLA MINISTRA STEFANI O CHI DI DOVERE
    SONO DI NAPOLI E VOGLIO CHE QUALCUNO S’INTERESSI DI QUESTA BUFALA PER NOI DISOCCUPATI E INVALIDI CIVILI , TUTTI I CORSI DI FORMAZIONE DEL PROGETTO I.T.I.A CIOE’ IL REDDITO D’INCLUSIONE PER LA POVERTA’ NON E’ MAI STATO MESSO IN OPERA , IN TUTTA LA REGIONE CAMPANIA E CON MIO GRANDE DISPIACERE ESSENDO INVALIDO CIVILE , LEGGENDO UN PO’ MI SONO RESO CONTO CHE ERANO GIA’ STATI MESSI IN BANDO DA DIVERSI ANNI QUESTE BUFALE , MA MAI ANDATE IN PORTO , MA I SOLDI PERO’ ALLE REGIONI SONO STATI DATI ;/ E ANCHE MOLTI , MA AL GOVERNO NON IMPORTA NULLA DI QUESTI SOLDI CHE SONO SPARITI COSI’ IN TUTTI QUESTI ANNI ?
    LA BEFFA CHE LA GESFOR AGENZIA PER IL LAVORO CHE SE NE E’ PRESA CARICO HA FATTO 100 INAIA DI COLLOQUI’ MI SAPETE DARE UNA SPIEGAZIONE DEL PERCHE’ ?
    CONTROLLATE CHI MANEGGIA QUESTI SOLDI E PERCHE’ PUBLICIZZANO DA ANNI QUESTI CORSI DI FORMAZIONE RETRIBUITI E POI SPARISCONO NEL NULLA SENZA CHE NESSUNO DICE NULLA
    CHE SCHIFO ITALIA CORROTTA DI MERDA

  4. Buongiorno
    allora amici e fratelli disabili , diciamo che non ci vogliono dare niente di niente come abbiamo costatato in questi ultimi 20 anni , il fatto che mi da’ piu’ fastidio e che veniamo trattati per ritardati mentali anche se non lo siamo , con tutto il rispetto per loro , ma qualcuno di voi ha mai avuto una possibilita’ come invalido civile a corsi di formazione retribuiti o simili ? LO SO LA RISPOSTA E’ NO E APPUNTO PERCHE’ DOBBIAMO ESSERE ANCHE PRESI PER IL CULO ?
    MI SPIEGO LA GESFOR DI POZZUOLI AGENZIA PER IL LAVORO DOPO AVERCI FATTO FARE DOCUMENTAZIONE ISEE E COLLOQUIO DI UN ORA PER DEI CORSI RETRIBUITI IN POZZUOLI NAPOLI, ORMAI PASSATI QUASI UN ANNO E TROVATOSI SCUSANTI LOCK DOWN COVID , OGGI 04 MAGGIO ANCORA NON ABBIAMO AVUTO UNA RISPOSTA MA E’ POSSIBILE ? E PURE HANNO FATTO CENTINAIO DI COLLOQUI QUESTA AGENZIA MI DOMANDO ALLO IL PERCHE’ ? CI QUADAGNAVANO SU OGNI PERSONA CHE HA FATTO ISCRIZIONE ? IO SO CHE NON E’ PARTITO NESSUN CORSO ALLORA QUESTI SOLDI STANZIATI PER LA LOTTA ALLA POVERTA’ E PER GLI INVALIDI CHE FINE HANNO FATTO ?
    SPERO CI SIA QUALCUNO CHE SA DI COSA STO’ PARLANDO E FACCIA RUMORE INSIEME A ME GRAZIE FORSE UN GIORNO QUALCOSA CAMBIERA’ PER NOI MA SE STATI SEMPRE ZITTI LA VEDO BRUTTA OK
    CIAOO
    FORZA INVALIDI CIVILI FOR

  5. Salve
    ministra stefani o chi di dovere , abbiamo capito che noi con minima pensione d’invalidita’ e che viviamo per causa di forze maggiori ancora con i nostri familiari non ci tocca niente di ninte ma …….
    I FONDI CHE SONO STATI STANZIATI PER LA REGIONE CAMPANIA , PER LA DISOCCUPAZIONE IN POZZUOLI PER CORSI DI FORMAZIONE RETRIBUITI A 500 EURO AL MESE , SPECIFICI PER GLI INVALIDI CIVILI , ERA SCRITTO COSI’ SUL BANDO DI CONCORSO , MA VOLEVO DIRE VOLETE CONTROLLARE PER FAVORE , DOPO FATTO COLLOQUIO E CARTACEI DI VARIO GENERE , MI CHIAMANO I SERVIZI SOCIALI , E MI DICONO CHE NON POSSO ENTRARE IN QUESTI CORSI PERCHE’ MIO PADRE PRENDE UNA PENSIONCINA DI LAVORO DI 1200 E , E QUINDI PER LORO POSIAMO VIVERE BENE 4 ADULTI IN FAMIGLIA CON QUESTI PIDOCCHI , MA IL FATTO E CHE VOGLIONO SOLO AIUTARE I GIOVANI E NON NOI VECCHI DI 50 ANNI COME HO CAPITO , MA ALLORA MI DOMANDO PERCHE ‘ FAR FARE INUTILE TRAFILE SE SIAMO SEMPRE DISCRIMINATI IN TUTTO ?
    A MINISTRA E DATEVI UNA SVEGLIATA CONTROLLIAMO QUESTI FONDI PER FAVORE E CHI SE LI STA’ MANGIANDO FARABUTTI
    PROGETTO I.T.I.A POZZUOLI

  6. Buongiorno
    Volevo fare una segnalazione , non so a chi rivolgermi , la regione campania aveva stanziato fondi per aiutare le persone disoccupate e piu fragili come noi invalidi civili , con dei corsi di formazione retribuiti a 500 euro al mese per 12 mensilita’ , ma dopo aver fatto iscrizione al progetto che si chiama appunto progettazione e reddito d’inclusione alla poverta’ , e fatto regolare colloquio con un ragazzo di 20 anni circa chesi faceva chiamare dottore , ho scoperto che era solo una presa per il culo , questo in Pozzuoli prv di napoli , alla fine non partiranno mai questi corsi o solo per ragazzi cioe’ i giovani , e per pochi raccomandati , allora mi rivolgo alle istituzioni , ma e’ possibile che nessuno fa qualcoa di concreto per noi ormai 50 enni invalidi civili che non abbiamo aiuto di niente siccome siamo vincolati dai redditi minimi dei nostri familiari ? e’ uno schifo io faro’ denuncia ai servizi sociali di Pozzuoli perche’ sono loro che gestiscono questi fondi da come ho capito , e onestamente sia con le buone che con le cattive non ho avuto nessuna risposta da loro , per favore volete fare chiarezza su questi fondi che qualcuno ci ha messo le mani sopra e forse gia’ spariti ?
    grazie
    ministra erika controllare i fondi che avete dato alle regioni e controllate se sono stati messi a favore di queste categorie svantaggiate per favore ok

  7. ministra stefani mi raccomando visto che il primo a ci rincogliona’ e’ stato di maio che diceva ;
    aumento a tutti gli invalidi civili con il reddito di citt 😉 e non e’ stato cosi lo avete dato a tutti tranne che a noi l’aumento
    poi ci si e’ messo conte e compagni reddito per tutti anche per gli immigrati aumento finto per i disabili inabili ,) serie A serie B ormai non si capisce piu’ niente come ci classificano , e comunque niente sempre per quelli che non superano certi limiti imposti e via
    ora ci siete voi dottssa giusto per ma siamo stufi di esultare per qualcuno che prima ci illude e poi ci nega il diritto di vivere dignitosamente gia’ siamo abbastanza sfortunati non credete ?
    mi raccomando FORZA MINISTRA ERIKA

  8. Buongiorno fratelli invalidi sfortunati come me’ prima di tutto vorrei ringraziare il mnistro ERIKA STEFANI , SEMBRA UN ANGELO MANDATO GIU’ DAL CIELO non ci credo ancora perche’ non tutti sono con la ministra e non tutti voglio che noi sfortunati , che campiamo con la misera pensioncina di 290 euro al mese da una vita , non avendo mai avuto proposte di lavoro e non avendo accessibilita’ al rdc perche’ i nostri genitori ormai anziani che ci mantengono da una vita con misera pensioncina lavorativa , ora VOGLIO URLARE FORZA MINISTRA ERIKA SIAMO STANCHI DI DOVER CHIEDERE ELEMOSINE , lo stato italiano continua ad aiutare tutti i furbi d’italia compresi gli immigrati che ormai hanno piu’ diritti di noi nel nostro paese , ORA BASTA , DATECI LA POSSIBILITA’ DI FARCI UNA VITA ANCHE A NOI ,QUEL MINIMO PER VIVERE CON DIGNITA’ SPERO CHE ORA CAMBINO LE COSE , LE ISTITUZIONI COMUNALI NON CI CONSIDERANO NEMMENO SI PARLA SOLO DI AIUTARE I GIOVANI E NOI 50 ENNI INVALIDI ? voglio mandare un abbraccio virtuale alla ministra erika e un bacio e ringraziarla grazie sei unica non credevo piu’ che ormai qualcuno si spendesse per noi piu’ sfortunati ps anche se non ho piu’ molto da vivere credo spero che le generazioni future di sfortunati non soffrano come noi grazie ancora

  9. Purtroppo Non si mangia, non ci si veste, cura e sopravvive con soli 290€ al mese, il tutto é ancora più difficile per le persone disabili, con i “tre-terzi” del proprio corpo e stato di salute inefficiente!!!
    Non abbiamo neanche la forza per poterci mettere a protestare per difendere il nostro diritto a vivere in pari e giuste opportunità. Oggi io ho 60 anni e nessun reddito, sono rimasto solo, dopo la fine dei miei genitori 3 e 5 anni fa, separatomi dalla mia ex convivente, problematiche a vivere relazioni interpersonali e sociali per la’mancanza di lavoro e la frustrazione dettata dalle immense difficoltà poiché senza mezzi di sopravvivenza con un minimo di dignità oltre all’assegno di 287€ d’invalidità.. tralaltro i disabili parziali non hanno accesso all’assegno di accompagnamento anche se portatori di handicap Legge104. Quindi ci sono troppi inspiegabili motivi per i quali le forze politiche ed esecutive ancora non danno una equa risposta a tale ingiustizia e disuguaglianza nei criteri di trattamento assistanziale per minorazione psicofisica.

  10. Sono invalida civile con il 75% e prendo la pensione minima. Non sono d’accordo con l’aumento solo alle pensioni di invalidi totali

  11. Sono del parere che dare un limite reddituale di 14447 euro sia una presa per i fondelli, cosa credono i nostri ministri che. viviamo nello sfarzo? Guardino un po’di più i loro introiti e si mettano una mano sulla coscienza…

    1. Io spero che si avveri soffro di depressione da anni e ho mal di schiena cronico ho tutti i documenti non posso vivere con la miseria di assegno del 74% e per vivere faccio pulizie in una ditta.per me è una grande sofferenza ogni giorno vado avanti con antidolorifici se no non riesco a lavorare vivo sola e devo pagare anche un affitto ed è grazie a mia madre che posso pagare ma quando sarò completamente sola come farò?ho paura del mio futuro non mi propongono lavori adatti ai miei problemi di salute a volte ho pensato anche di farla finita ma ho ancora una piccola luce di speranza dentro di me vi prego a nome di tutti aiutateci!!
      Distinti saluti
      Lebreton Céline Marie laure

  12. SALVE..
    VOGLIO SOTTOVOCE DIRE ,CON IL DOVUTO RISPETTO CHE OGGI NON POSSONO ADDURRE QUALE MOTIVAZIONE PER L’AUMENTO CHE IL MEDESIMO NON AVREBBE UNA COPERTURA FINANZIARIA GIACCHè,PURTROPPO,BADATE BENE SONO DATI PUBBLICATI DALLO STESSO I.NP.S,

    A CAUSA DEI DECESSSI CAUSATI DAL CORONAVIRUS ,CON ANNESSE ESTINZIONI DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE ,L ENTE AVREBBE UN RISPARMIO CALCOLATO IN ..UDITE UDITE…UNDICI MILIARDI DI EURO DA QUI AL 2029….BASTEREBBE UTILIZZAZZARE QUESTE RISORSE PER FINANZIARE TUTTE LE PENSIONI IVI COMPRESE QUELLE MISEREVOLI AD OGGI DESTINATE AGLI INVALIDI PARZIALI..

  13. Ne ho fatti pure troppi perché sono arrabbiato non prendere l’aumento io che non ho entrate e con tutta la mia buona volontà non potrei lavorare,l’unica volta che ho provato mi sono preso una brutta polmonite ed ero in una scuola nemmeno un brutto lavoro,ma sono debilitato sono più di 30 anni che ho un male incurabile e sono ancora fortunato che posso raccontarlo ma non faccio una vita sono sempre a casa e non potere avere l’aumento perché ho una moglie che prende una pensione dopo 40 anni di lavoro non e’ bello ti toglie ogni dignità non e’ giusto che sia lei a mantenermi e sostenermi perché fa tutto lei.

  14. Io spero di vedere finalmente l’aumento tanto sperato che la ministra veda il giusto bisogno che c’è da parte di tutti i disabili lasciati fuori dalla scorsa legge e poi è dura tirare fine mese se non puoi lavorare e non hai qualcuno che ti aiuta nelle spese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su