Pensioni luglio 2020 ultime news: pagamenti in banca e posta nello stesso giorno

Nei mesi scorsi a causa del Coronavirus i Pagamenti delle pensioni hanno subito variazioni, con pagamenti anticipati e scaglionati nell’arco di una settimana alle poste per evitare assembramenti e garantire la sicurezza dei pensionati e dei lavoratori. Ora, visto che l’emergenza del Covid-19 sta rientrando, tutto tornerà alla normalità ed i pagamenti delle pensioni di luglio 2020 torneranno ad esser erogati come sempre ad inizio mese, sia in banca che in posta. Vediamo allora le date e le ultime novità sulla quattordicesima che spetterà a diversi pensionati proprio nel mese di luglio.

Pagamento Pensioni Luglio 2020: calendario comune per banca e posta

Come anticipato quindi, nel mese di luglio 2020 per le pensioni tutto tornerà alla normalità. Questo vuol dire che a differenza di aprile, maggio e giugno in cui i pagamenti sono avvenuti in diversi giorni, a Luglio il tutto avverrà nello stesso giorno, senza scaglionamenti o pagamenti anticipati alla fine del mese. (La pensione di giugno ad esempio fu pagata dal 26 maggio).

Ma quando arrivano i pagamenti delle pensioni di luglio? Sia per chi riceve la pensione accreditata in banca, sia chi va in posta a ritirarla o è titolare di un Conto BancoPosta, di un libretto di risparmio o di una Postepay Evolution l’accredito sarà il primo giorno bancabile del mese. In questo caso la data da salvare sarà quindi Mercoledì 1 luglio 2020. Nessun anticipo quindi da fine giugno per evitare le code agli sportelli o ai bancomat. Anche a Luglio però l’ assegno pensionistico potrà esser ritirato in un ufficio postale diverso da quello cui si fa capo ordinariamente, portando con sé semplicemente un documento di riconoscimento valido (Carta d’Identità o passaporto) ed il codice fiscale.

Pensioni luglio 2020, arriva la quattordicesima: requisiti, importi e a chi spetta

Il secondo tema di interesse per le pensioni di luglio 2020 è sicuramente il pagamento della quattordicesima. Come spiega Il Giornale, questa arriverà solo per i pensionati in una certa fascia di reddito, ecco l’esempio riportato con reddito e quanto vi spetta: “Coloro che hanno un reddito tra i 10mila e i 13mila euro (da 1,5 a 2 volte il minimo) l’importo della quattordicesima corrisponde a 504 euro per chi ha almeno 25 anni di contributi. L’importo è di 420 euro per i pensionati che hanno versato tra i 15 e i 25 anni di contributi e di 336 euro per chi ha versato meno di 15 anni di contributi.

Per chi ha un reddito annuo più basso, l’importo della quattordicesima sarà più alto. Infatti se si percepisce un reddito entro 1,5 volte il minimo (10.043 euro l’anno) gli importi spettanti sono di 437 euro per pensionati che possono vantare fino a 15 anni di contributi, di 546 euro per fino a 25 anni di contributi, di 655 euro per pensionati con oltre i 25 anni di contributi. Ricordiamo infine che requisito necesario per poterla ricevere, oltre al redditto è avere almeno 64 anni di età. Purtroppo restano fuori coloro che ricevono una pensione di invalidità civile, una pensione o assegno sociale, rendite Inail e una pensione di guerra.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

2 pensieri riguardo “Pensioni luglio 2020 ultime news: pagamenti in banca e posta nello stesso giorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *