Penioni, proroga opzione donna al 14/1. Fuori nuovamente le nate nel 60?

Pensioni, proroga opzione donna 2019, rush finale: nuove indiscrezioni al 14 gennaio

Le ultimissime novità sulle pensioni e nello specifico sulla proroga dell’opzione donna vedono nuovamente le donne nel caos, già perché le ultimissime indiscrezioni vedrebbero ancora una volta mutare i requisiti di accesso alla proroga della misura dal 2019. Così Orietta Armiliato stamane sul gruppo:

“Potrebbero infine essere nuovamente modificati i termini per opzione donna considerando non piu’ le lavoratrici nate nel 1960 ma quelle nate nel 1959.”. Avendo visto il subbuglio creato dal post, abbiamo deciso di chiedere direttamente all’ammnistratrice del Comitato Opzione donna Social di farci gentilmente il punto ad oggi 14 gennaio 2019.

Pensioni 2019, Armilaito su decreto manovra: per le donne il nulla

“Non vi é nulla ne nella legge di bilancio né nella bozza del decreto che approderà in questi giorni presso il CdM, che veda coinvolte le donne: non si pretende che siano messe al centro … sia mai… ma nemmeno all’angolo però!

Ed invece é così: Quota100 non va nella direzione percorribile dalle platee femminili: le carriere discontinue alle quali sono giocoforza sottoposte, non consentono il raggiungimento del requisito contributivo mentre Opzione Donna, pur essendo ambita ancorché economicamente svantaggiosa proprio perché non vi é in campo null’altro, é stata snaturata con l’innalzamento dell’età anagrafica escludendo l’accesso a chi pensava di poterlo ottenere ma, non solo: un giorno viene estesa includendo più anni di nascita ed il giorno dopo il requisito cambia nuovamente restringendone i limiti di esercizio.

Proroga opzione donna: quali i requisiti necessari al momento?

Così Armiliato: “Al momento, stando all’ultima versione conosciuta della bozza, risulta comprendere le nate al 31.12.1960 ,mentre alcune agenzie oggi, stando ad indiscrezioni di palazzo, le escluderebbero nuovamente.Che si metta dunque definitivamente un punto a questo modo sia di promettere sia di gestire, le donne sono sfiduciate ed esauste e, questo, non é un bene per nessuno”.

Non resta a questo punto, giacché la confusione regna sovrana più che mai, attendere giovedì prossimo, massimo venerdì, stando alle ultime dichiarazioni di Durigon su La 7, quando il decreto sarà in CdM. Non fosse che se da una parte il sottosegretario al Minitsero del Lavoro rassicura gli sfiduciati sui tempi, dall’altra i tecnici ed i rumors ribadiscono, come ha giustamente fatto notare Orietta Armiliato ” che ancora si stanno cercando le coperture finanziarie per realizzare tutto ciò che è stato inserito nel pacchetto pensioni e dunque nella bozza del decreto legge che li contiene”.


Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Erica Venditti

Erica Venditti
Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

4 commenti su “Pensioni, proroga opzione donna 2019, rush finale: nuove indiscrezioni al 14 gennaio

    Nicoletta rossi

    (15 Gennaio 2019 - 15:43)

    Buonasera io sono nata 8/8/1960 ho 35anni di contributi premetto lavoratrice autonoma riusciro ad usufruire della pensione opzione donna?

      Erica Venditti

      Erica Venditti

      (16 Gennaio 2019 - 10:57)

      Nicoletta al momento viste le continue altalene relative alle bozze, non diamo più risposte per evitare di illudere ingiustamente le lavoratrici. Ci riserveremo di risponedere subito dopo l’emanzaione del decreto, che confidiamo avvenga domani.

    MARIA ANGELA

    (15 Gennaio 2019 - 8:29)

    Ho 25 anni di contributi maturati tutti entro il 1996 poi costretta lasciare il lavoro a causa un incidente grave accaduto al mio unico figlio che tutt ora devo assistere perché rimasto in una sedia a rotelle. Oggi ho 66 anni di età e da 23 anni assisto mio figlio ma devo attendere i 67 anni per ricevere la mia sudata pensione. Mi chiedo come mai queste situazioni non debbono essere inserite fra i lavoratori usuranti oppure in opzione donna

    Sofia

    (15 Gennaio 2019 - 7:33)

    La beffa finale è che se quota 100 è penalizzante per le donne perché richiede 38 anni di contributi,allora 41 per tutti???? Sveglia!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *