Pensioni: proroga opzione donna al 2018, notizie al 23 ottobre

Proroga Opzione donna, manifestazione

TORINO – Come di consueto torniamo anche oggi 23 ottobre 2017 ad aggiornarvi con tutte le ultime novità sull’Opzione Donna e sulla sua eventuale proroga al 2018. Vogliamo segnalare che è stato raggiunto un importante obbiettivo per il gruppo “Opzione Donna proroga al 2018”, che ha raggiunto il numero di sottoscrizioni che si era prefissato per organizzare una manifestazione ufficiale a sostegno della loro causa. Nel giro di pochi giorni sono state raccolte cento sottoscrizioni di donne disposte ad andare a Montecitorio per far sentire la loro voce. Nei prossimi giorni vi forniremo maggiori dettagli, intanto vediamo il posto con cui è arrivato l’annuncio della volontà di organizzare questa manifestazione.

Opzione Donna proroga al 2018: la manifestazione si farà

Nel relativo gruppo facebook, Silvia Antonelli ha spiegato la situazione, vi riportiamo di seguito le sue parole: “È stato raggiunto l’obbiettivo che ci eravamo prefissate,per cui la manifestazione delle donne di PROROGA OPZIONE DONNA 2018 si farà.Ora ci attiveremo presso la Questura per i relativi permessi.Tenetevi pronte e tranquille perché sarete avvisate in tempo per potervi organizzare. Mi raccomando la massima correttezza verso chi tanto si prodiga per la nostra causa. Vania ha tutti i nomi di chi ha scelto di esserci in Piazza Montecitorio e quindi cercate di fare il possibile per esserci. Se qualcuna nel frattempo si vuole aggregare è la benvenuta. Grazie a tutte e ci vediamo presto. Un grazie particolare va a Vania e Giulia per averci dato l’opportunità di portare la nostra voce a chi non ci da voce. Chiederemo i dati del contatore e risposte certe su O.D. Buona serata a tutte #ODOROROGA2018 #noinonmolliamo #nonunadimeno“.

Una notizia sicuramente importante, e come di consueto noi di pensionipertutti vi terremo aggiornati con le ultime novità e su come procederanno i preparativi per la manifestazione a favore della proroga di Opzione Donna fino al 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su