Pensione anticipata 2018

Pensioni quota 100 ultimissime novità, Fornero: ‘Impossibile cancellare la mia riforma’

Le ultimissime notizie di oggi 11 Giugno 2018 dal fronte delle Pensioni arrivano grazie alle parole rilasciate in un intervista a Panorama da parte dell’ex Ministro del lavoro Elsa Fornero. Inoltre vediamo anche un’interessante passaggio tratto dal Sole 24 ore con le parole del Responsabile per l’Italia della Divisione Consulenziale Retirement and Investment di Aon Hewitt, Claudio Pinna. Quota 100 è la misura sulla bocca di tutti in queste ore, ma sarà davvero la soluzione per superare l’attuale riforma delle Pensioni?

Ultimissime novità Pensioni e quota 100: parla Elsa Fornero

Tra i passaggi più significativi durante l’intervista sulle pensioni rilasciata da Elsa Fornero a Panorama, l’ex Ministro ha risposto a Lega e M5S che vogliono varare quota 100 per superare la sua riforma: “Modificarla è possibile ma cancellarla sarebbe velleitario. Da quello che annunciano, quota 100, sarà realizzabile con una riduzione volontaria della pensione. È quanto prevedeva anche la nostra riforma per età di pensionamento inferiori a 63 anni.”

La Fornero ha poi continuato spiegando che serviranno molte risorse e che a pagarne le spese più salate saranno le prossime generazioni: “Sono tutti d’accordo che adesso bisogna “aggiustarla”. Quando si parla di coperture si preferisce omettere che il denaro verrà preso in altri settori della spesa pubblica o aumentando il debito e dunque l’instabilità finanziaria. A pagare il conto saranno i nostri figli e nipoti. Le pensioni sono patti tra generazioni. Si dimentica troppe volte. A pagarle sono i giovani.

Infine la Fornero spiega ancora una volta perchè la sua riforma nel 2011 fosse assolutamente necessaria: “Ho pensato al Paese. Dalla mia parte ho la coscienza. Avevamo l’età di pensionamento più bassa d’Europa e non è vero che oggi è la più alta. Bisognava allungare l’età pensionabile – come ho fatto – perché sono cambiate le aspettative di vita. Ho inoltre parificato l’età per le donne e gli uomini perché la pensione anticipata non poteva essere un contentino a posteriori da dare a una madre o nonna. Ci vuole la parità anche nel lavoro.”

Pensioni 2018 ultime novità: Claudio Pinna

Sul Sole 24 ore, la collega Isabella Della Valle ha chiesto a Claudio Pinna quale fosse la sua valutazione su quanto il Governo vuole fare per modificare la legge Fornero ed il dottor Pinna ha risposto: “Ho molti dubbi, anche perchè tra i 5 miliardi ipotizzati dal Governo e i 15 dell’INPS c’è molta differenza. Tutto dipende da cosa sarà effettivamente emanato”. POi avverte: “Comunque bisogna fare attenzione perchè la storia si ripete. Ogni volta che il nostro paese ha incrementato la copertura pensionistica, quatto anni dopo è stata fatta una controriforma più restrittiva dell’originale”.

Infine Pinna da una fotografia della spesa pensionistica rispetto agli altri paesi europei: “L’incidenza in italia della spesa pensionistica sul PIL è del 16%, come la grecia, mentre la media europea è compresa tra l’8 e d il 10%”. Pinna poi conclude con un suggerimento: “I lavoratori dovrebbero risparmiare e guardare di più alla previdenza complementare”. Voi cosa ne pensate? Aspettiamo i vostri commenti!

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Stefano Rodinò

Stefano Rodinò
Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

13 commenti su “Pensioni quota 100 ultimissime novità, Fornero: ‘Impossibile cancellare la mia riforma’

    Sandro

    (12 giugno 2018 - 18:35)

    Una pensione sociale uguale per tutti…una cifra che ti permetta di fare una vita dignitosa…e ripeto quando andiamo in pensione siamo tutti uguali ed improduttivi quindi non bisogna fare distinzioni….

    Sandro

    (12 giugno 2018 - 18:28)

    Perché dobbiamo pagate per gli sbagli di qualcun’altro solo noi…? Noi dobbiamo pagare la pensione a chi è andato in pensione con 14 anni di contributi e non hanno nemmeno versato la contribuzione necessaria per prendere ciò che gli viene erogato anche 1650 euro al mese…. Togliere i diritti acquisti e che paghino tutti …anche noi siamo figli di questa Italia ma con la differenza che dobbiamo lavorare tre volte tanto per prendere meno …..che schifo….

    Claudio

    (12 giugno 2018 - 15:20)

    In riferimento al superamento della legge Fornero come sbandierato da di Maio e Salvini in campagna elettorale credo bene che devono mantenere quanto detto, altrimenti potevamo restare con il vecchio sistema e non con il governo del cambiamento ( che doveva portarci tranquillità e giustizia per i cittadini Italiani )nei confronti dei poteri, per portare più lavoro è più liquidità ai cittadini.
    Quanto hanno detto in campagna elettorale che ha permesso a loro di prendere tantissimi voti come il mio, andati a contribuire per il loro successo finale , ora che siamo al momento di attuare le variazioni si và in difficiltà come di consueto, credo che sinceramente invece potrebbero modificare la riforma senza toglierla spostando solamente il periodo contributivo da 41 a 42 e 8 mesi che dovrebbe essere per tutti senza fasce di età , facendo risparmiare alle casse Inps svariati miliardi e al tempo stesso far ripartire immediatamente l’economia e posti di lavoro senza gravare sul debito pubblico.
    Dal Risparmio dei Vitalizzi
    Dal taglio delle pensioni d’oro
    Credo che non abbiamo bisogno di un gran economista per fare questi calcoli
    Giusto .

    Angela

    (12 giugno 2018 - 13:08)

    Teniamoci l’odiosa Fornero. Questa riforma è peggiore. Angela

    Orlando

    (12 giugno 2018 - 11:59)

    Io ho 59 anni e 42 anni di contributi, se adesso con Salvini e Di Maio non vado in pensione e senza penalizzazion, la prima cosa che faccio a votare non ci andrò piu, tanto i sacrificati siamo e sempre noi cittadini su tutto.

    Ale

    (12 giugno 2018 - 1:22)

    Savini e Di Mario devono fare cosa hanno detto in campagna elettorale altrimenti mio voto cambierà ed andrà altrove.

    Quota 100 e quota 41…devono essere senza condizioni..come promesso.

    ALEX

    (11 giugno 2018 - 22:01)

    Al di là di qualsiasi decisione vogliano prendere questi nuovi stravotati signori PADRONI del nostro futuro pensionistico, quello che lascia senza parole è proprio il loro “imprevedibile” RUMOROSISSIMO SILENZIO dopo mesi….anni di proclami……
    LUIGIIIII, MATTEOOOOO, se ci siete battete un colpo per cortesia…… Questo vostro IMPERTURBABILE silenzio killer fa piu’ male di tutte le “eventuali” orribili scelte abbiate in serbo per la vastissima schiera di fiduciosi inde-fessi vostri sostenitori PRO ABOLIZIONE LEGGE FORNERO. PARLATE!!! COMUNICATE CON NOI!! PLEASE!!

    Silvia

    (11 giugno 2018 - 21:39)

    Non per parlare nel dettaglio di casi personali , ma , anche perché non saranno certo in pochi nella mia posizione, con le finestre graduate della riforma Fornero sarei andata in.pensione tra due anni e l’ Inps me lo aveva già confermato. Nel modo ora delineato invece ne dovrò aspettare almeno quattro. E i sessantenni attuali , anche se già con quarant’ anni di contributi alle spalle, non potrebbero usufruire neppure dell’ ipotizzata quota 41 , se i versamenti dei contributi non sono iniziati al compimento del diciottesimo anno di età. Poi parliamo per quota 100 di Quote…alleggerite anche nell’ importo e per quota 41 , di sistema contributivo, quindi penalizzato almeno del 30 per 100 , come per l’ opzione donna. Il tempo delle promesse elettorali e’ terminato , i conti da far rientrare li conoscevano benissimo anche prima, ora vedano di non creare fasce di lavoratori in iniquità di posizioni. So che è utopico, visto che siamo in Italia e le leggi sono state sempre ambigue e contraddittorie, ma almeno ci lascino sperare ancora, nel caso specifico, in opzioni graduate e giuste che tengano conto in modo più razionale di variabili come eta’ anagrafica e anni di contributi complessivamente. Su valutazioni politiche più in generale non mi pronuncio.
    Non è questa la sede. Grazie dell’attenzione

    antonio

    (11 giugno 2018 - 18:42)

    Vorrei poter scegliere se costruirmela da solo (questo per i nuovi) o avere il montante contributivo senza decurtamenti maggiorato dagli interessi legali e gestirmelo da solo
    Attualmente devo subire scelte sempre sbagliate di altri che giocano con i miei soldi

    RICCARDO ELIA ROS

    (11 giugno 2018 - 17:56)

    La vertenza pensioni andava meglio quando andava peggio , ora a 64 anni tutto retributivo? Ma cosa abbiamo di diverso da opzione donna in pensione a 58 anni???? Era molto meglio ape social , a 63,5 anni , e poi a 67 a regime . Ogni nuovo governo promette di migliorare e poi peggiora , se dovevano abolire la fornero , con quota 97,6 e 61,7 anni si va in pensione , il resto sono balle elettorali caro salvini e di maio.

    silvano

    (11 giugno 2018 - 17:25)

    Sono d’accordo, ogni volta che si è messo mano alle pensioni le cose sono peggiorate. Sento puzza di bruciato….forse è meglio lasciare tutto com’è, forse è meglio tenersi……L’INFAME LEGGE FORNERO…..!!!

    Daniela niero

    (11 giugno 2018 - 16:20)

    I precoci che hanno cominciato a lavorare a 16 anni con 20 anni di contributi non è giusto che vadano in pensione a 67 anni con la pensione di vecchiaia

    Maurizio

    (11 giugno 2018 - 15:01)

    Secondo il mio modo di pensare e modesto parere, quota 100 ” senza paletti” rientra nel concetto che quando un individuo ( che sia muratore o impiegato) ha lavorato mediamente 40 anni, ha già dato .
    Dopo i 60 anni è giusto che si goda gli anni di vita che gli rimangono e liberi un posto di lavoro ad un giovane.
    Un’altro concetto che nessuno tocca è quello della libertà che dovrebbe avere ogni lavoratore di poter scegliere democraticamente di andare in pensione ( ad esempio) con 40 anni di servizio, ovviamente con una pensione inferiore: ( oggi è obbligato ad andare in pensione di vecchiaia a 67 anni, o con l’anzianità a 42 anni e 10 mesi) .
    Il PD ha istituito l’APE Volontario con “dei picchetti” che da come è stato congegnato offende la dignità dei lavoratori: spero che questo Governo possa favorire le tante speranze dei cittadini e non solo su questo argomento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *