Pensioni, ultime da Brambilla: Quota 100 ha liberato tutti i bloccati dalla Fornero

Le ultime novità sulla riforma pensioni al 26 giugno 2019 si devono alle dichiarazioni rilasciate da Alberto Brambilla, che intervistato da Labitalia, ha sentenziato, facendo un bilancio sulla quota 100, che la misura ha assolto ad oggi alla prima parte del progetto che si era prefissata, ossia ha ‘liberato tutti coloro che erano stati bloccati dalla riforma Monti-Fornero’.

A seguito del Festival del lavoro che si é tenuto a Milano l’ex sottosegretario al Welfare ha aggiunto, a riprova della sua affermazione, che moltissime delle domande presentate nei primi mesi, presentavano una somma tra età anagrafica e contributiva che superava la quota 100. Poi spiega, ve lo riportiamo nel prossimo paragrafo, le ragioni del perché il trend ora é calato. Ad intervenire sul successo di quota 100 anche Claudio Cominardi, sottosegretario al Lavoro, che dice fiero “senza quota 100, 150 mila lavoratori non avrebbero trovato una via d’uscita dalla gabbia della Fornero”.

Pensioni 2019, quota 100 Brambilla: ecco perché domande rarefatte

Alberto Brambilla ha rilasciato a Labitalia una sorta di bilancio sulla quota 100 e sull’attuale riforma delle pensioni, eccovi le sue affermazioni, che siamo certi faranno discutere esattamente come é stato per le ultime dichiarazioni di Salvini e Di Maio, secondo i quali la quota 100 era la misura a cui ambivano i cittadini da molti anni. Ecco cosa ha detto l’ex sottosegretario al Welfare: “Quota 100 ha assolto alla prima parte del progetto, che era quella di liberare tutti coloro che erano stati bloccati dalla riforma Monti-Fornero”.

Per il Presidente del Centro studi Itinerari Previdenziali il calo attuale delle domande relativo alla quota 100, dati diffusi dall’Inps, é dovuto al fatto che “il trend dei bloccati si è un po’ esaurito, anche perché un lavoratore in un momento come questo di crisi fa il conto e dice: se vado al lavoro prendo 100, se vado in pensione prendo meno di 70 e quindi le domande si sono rarefatte. Come a dire che la quota 100 é una scelta che penalizza un pò, per chi ha meno anni di lavoro alle spalle, ragione per cui, chi può, preferisce, a suo dire, restare al lavoro per raggiungere una pensione più cospicua.

Pensioni, Cominardi: 150 mila liberati dalla gabbia della Fornero

Sulla questione quota 100 e ultimi dati diffusi dal’Inps é intervenuto anche Claudio Cominardi, secondo cui i dati sono rappresentativi della bontà della misura e degli effetti che tale misura ha avuto sugli italiani. Così l’onorevole Cominardi ha commentato sulla sua pagina Fb “senza Quota 100, oggi circa 150 mila lavoratori si troverebbero ancora senza vie di uscita dalla ‘gabbia’ della Legge Fornero. Il massiccio numero di domande presentate è una risposta forte e positiva rispetto a una misura assolutamente necessaria, nonostante la schiera di detrattori che in questi mesi l’hanno aspramente criticata”.

Gli esponenti politici vicini al Governo sostengono con insistenza che la Quota 100 sia stata una misura necessaria per liberare gli italiani dalla legge Fornero, non si capisce, allora, come mai , sempre più italiani stiano dicendo il contrario: “la Fornero vige, non é mai stata eliminata, e molte categorie sono state beffate dalle favole pre elettorali“. Voi da che parte vi schierate, pro o contro quota 100? Misura necessaria e voluta che ha liberato dalla ‘gabbia’ della Fornero o ‘tanto fumo e poco arrosto’? Diteci la vostra, come sempre nella senzione commenti del sito.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

15 pensieri riguardo “Pensioni, ultime da Brambilla: Quota 100 ha liberato tutti i bloccati dalla Fornero

  • Avatar
    27 Giugno 2019 in 12:24
    Permalink

    Mia moglie è del 1954 non può andare in pensione avendo 35 anni di contributi ,ma dal Inps le viene sottratto 18 mesi avendo usufruito della Aspi per giusta causa perché lavorando in una ditta ma non veniva pagata da più di 4 mesi .Inps non calcola i mesi Aspi pertanto non sono validi.

    Rispondi
  • Avatar
    27 Giugno 2019 in 1:53
    Permalink

    Per me non era sbagliata l idea di Salvini 2019: 62 anni e 38 di contributi, 2020: 61 anni e 39 di contributi, 2021: 60 anni e 40 di contributi, poi quota 41 per tutti. Naturalmente io avrei voluto quota 100 da subito senza paletti ma quella mi sa che ce la sognamo.

    Rispondi
    • Avatar
      27 Giugno 2019 in 10:18
      Permalink

      Gentile Fiorella, con il suo parere, Lei continua a tenere fuori i precoci e mi domando : Ma cosa vi hanno fatto di male questi precoci, che colpe hanno ? Perchè devono lavorare di più degli altri ? Perchè devono vedersi superati da chi ha lavorato meno ed ha iniziato dopo ? Perchè non devono anche loro essere messi nella condizione di poter scegliere se avere una pensione più bassa ? Ma soprattutto perchè continuate a difendere una riforma sbagliata ? Continuo a dire che la quota 100, poteva andare bene per chi il lavoro lo ha perso e non ha più altre possibilità. Ma qui si manda in pensione anche chi il lavoro lo ha ancora e ci va prima di altri che meriterebbero di più. Rifletta per un attimo; chi ci va con 62-38 ha iniziato a 24 anni ed ha solo 38 anni di lavoro. I precoci hanno iniziato a 17 e con 42 anni di lavoro e contributi non possono andarci. Le sembra giusto? Le sembra ancora giusta l’idea di Salvini ?

      Rispondi
  • Avatar
    26 Giugno 2019 in 21:19
    Permalink

    Quota 100 anche per le PARTITE IVA che sono totalmente ed ingiustamente DISCRIMINATE!

    Rispondi
  • Avatar
    26 Giugno 2019 in 20:07
    Permalink

    Pagliacci avete promesso i 41 io sono un precoce o iniziato a 15 anni mio caro brambilla e salvini

    Rispondi
  • Avatar
    26 Giugno 2019 in 19:01
    Permalink

    Assolutamente favorevole a quota 100. Ho 61 anni, invalido e disoccupato da 3 anni, 39,5 anni di contributi. Con la Fornero avrei dovuto aspettare il 2023 per l’anticipata accollandomi un notevole esborso per pagare i restanti contributi.

    Rispondi
  • Avatar
    26 Giugno 2019 in 18:46
    Permalink

    Piantala!!!!!! Chiedilo ai precoci. Buffoni!

    Rispondi
  • Avatar
    26 Giugno 2019 in 18:38
    Permalink

    Te lo qui di nuovo il Signor Brambilla, dopo tutte le parole fatte precedentemente sulla riforma quota 100, ( che doveva partire con 104,
    che non andava fatta ecc.) mo si ripresenta a parlare. Ma dove è stato finora? ecco ritorna da dove sei venuto. Il posto da magazziniere al discount di Merate oramai è stato occupato, comunque nuove opportunità si ripresenteranno. I nuovi navigator si adopereranno in tal senso. Lei Brambilla è la persona meno indicata per fare un bilancio della riforma, considerato che non l’ha mai appoggiata.

    Rispondi
  • Avatar
    26 Giugno 2019 in 18:05
    Permalink

    Quota 100 a liberato dalla gabbia tanti lavoratori ne sono contento.. Ma forse non si sono accorti che hanno chiuso un’altra gabbia.. Quella dei precoci degli esodati di opzione donna.. Per favore finitela di raccontare pirlate quota 100 fatta così a liberato qualcuno ma a tutti gli altri e rimasta la fornero.. Altro che eliminata e tutta li

    Rispondi
  • Avatar
    26 Giugno 2019 in 18:01
    Permalink

    E’ normale che sostengano il successo dell’operazione quota 100, mi stupirei del contrario. Oggi scoprono quello che noi da casa sapevamo già: le persone preferiscono rimanere al lavoro perchè altrimenti la loro pensione sarebbe da fame. Lo ripeto fino alla nausea: L’unica nota positiva della quota è che molte persone che hanno perso il lavoro e che hanno poche speranze di trovarne un’altro avranno un reddito sicuro, una specie di reddito di cittadinanza o poco più, che suona come una beffa per chi ha lavorato e versato 38 anni di contributi, infatti il RDC c’è chi lo prende senza aver versato nemmeno un centesimo. Per il resto, chi era ancora al lavoro ed ha scelto di andarsene, lo fa perchè intravvede la possibilità di un doppio assegno mensile, pensione e lavoro nero. Aggiungendoci che è una riforma temporanea, giusto il tempo della loro legislatura, creerà uno scalone spaventoso nel 2022. Per fortuna che il M5S doveva portare l’onesta nelle istituzioni, ma questi non hanno neanche l’onestà intellettuale di ammettere di aver fatto una legge porcata, anzi se ne vantano. Chiudo qui che mi sta salendo la bile e rischio un’ulcera.

    Rispondi
  • Avatar
    26 Giugno 2019 in 17:57
    Permalink

    Ma vattene a F.. ….. O Brambilla!!!!
    Te salvini.. Infami e Traditori!!!
    Anche se, a dire il vero, l unico Pirla che parlava di q 100 prima del voto eri te!!!
    Almeno sei coerente..
    Noncome l ingnobile infame traditore salvini che ti ha seguito a ruota!!!
    Cmq vi confermate persone che non hanno mai lavorato in vita propia…

    Rispondi
  • Avatar
    26 Giugno 2019 in 16:48
    Permalink

    Io capisco che si perdano un bel po di soldi, ma non me ne frega, io grazie a questo governo vado in pensione, perché non me la sento più di lavorare, e acquisto salute e libertà, meno male che c’è quota 💯

    Rispondi
  • Avatar
    26 Giugno 2019 in 16:23
    Permalink

    Buona sera, vorrei chiedere : le persone già andate in pensione con la legge Fornero possono avere un ricalcolo? È in autuomatico?

    Rispondi
    • Avatar
      27 Giugno 2019 in 11:53
      Permalink

      Questa riforma Salvini è per me è stata come un dono del cielo: 62 anni, cardiopatico e 38 anni di contributi. Con la vecchia legge Fornero alla pensione non ci sarei arrivato vivo. Oggi mi sembra di rinascere, è chiaro che i problemi di salute restano ma vedo la vita in modo diverso…e dire che ho fatto tanto per il lavoro; mai un assenza, neppure se stavo male… e poi sapete che vi dico? Meglio 1.100 euro di pensione adesso, che 1.200 o 1.300 dati chissà quando… ora ho sette anni di vita in più, e poi tra viaggi, spese e pasti mal mangiati fatti fuori casa quei 1.500 euro al mese di stipendio valgono come i 1.100 di pensione che prendo ora. Adesso che fa caldo che bello potersi alzare la mattina e organizzare una giornata al mare… prima me lo sognavo.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *