Pensioni, ultime Fornero: si sbandiera quota 100 come un trofeo, ma la mia riforma é lì

Le ultime novità sulla riforma pensioni al 22 maggio 2019 arrivano direttamente da Elsa Fornero, la professoressa critica aspramente il Governo. In un’intervista rilasciata ad AdnKronos fa notare come sebbene la sua riforma sia stata a lungo attaccata, il riferimento é chiaramente al vicepremier Salvini e Di Maio che hanno fatto dell’abolizione della ‘sua’ legge l’intera campagna elettorale, in realtà ‘sia ancora lì’.

Come a voler sottolineare, in vista ora delle elezioni europee, di prestare attenzione alle tante promesse ‘ da marinaio‘ che sono giuste nuovamente nelle piazze in campo previdenziale. Non si tratta di essere orgogliosi di una legge che si é dimostrata rigida, Elsa Fornero più volte ha ribadito, infatti, di essere favorevole a modifiche che possano condurre con equità verso una maggiore flessibilità di uscita rispetto alla riforma che porta il suo nome, ma un voler sottolineare, afferma con convinzione, che nonostante si sia sbandierata la quota 100 come un trofeo, in realtà la mia riforma é ancora lì”. Eccovi le sue parole rilasciate nell’ intervista.

Pensioni, Fornero critica verso il Governo: la riforma non doveva essere eliminata?

Elsa Fornero, ex ministro del Lavoro, é tornata a parlare della riforma previdenziale Monti-Fornero, e rispondendo alle domande per Adnkronos ha detto chiaramente cosa pensa delle tante parole fin qui spese dall’attuale esecutivo, parole a cui , a suo dire, non sono però seguiti i fatti.

La professoressa , senza tanti giri di parole, ha detto critica: “Il governo si fa bello con poco e dice di aver superato la legge Fornero, ma la riforma è ancora lì, anche se sbandierano quota 100 come un trofeo. Questo governo ha difficoltà a fare qualsiasi cosa”. Il riferimento di Elsa Fornero é dal un lato alle promesse fatte e non mantenute nella precedente campagna elettorale da M5S e Lega, soprattutto la seconda, effettivamente, come tutti ricordano, aveva fatto dell’abolizione della legge Fornero il suo cavallo di battaglia, dall’altra alle ultime dichiarazioni dei partiti di maggioranza, che non paghi del malcontento causato dalla concessione di quota 100, hanno tirato nuovamente in campo promesse previdenziali per ‘salvare la faccia’: come quota 41 per i precoci, soluzioni per esodati e proroga opzione donna. Promesse che in questi giorni sono tornate alla ribalta con la campagna elettorale in vista delle elezioni europee. La Fornero dalla sua é come se volesse far aprire gli occhi, pur sapendo che moltissimi lavoratori la vedono come l’origine dei propri mali previdenziali, sul fatto che alle promesse potrebbero non seguire le misure auspicate. L’Ex ministra é molto critica anche nei confronti dell’Inps.

Pensioni 2019, se oggi si concede, ne pagheranno le future generazioni

La Fornero dice preoccupata riferendosi all’istituto previdenziale un “ente che dovrebbe vivere di contributi fa pubblicità per mandare via le persone. È un controsenso. Fanno pubblicità dicendo: siamo liberi dalle catene della Fornero“.

Poi riferendosi anche alle misure promesse a deficit, aggiunge, “Salvini che dice di pensare al futuro dei suoi figli, con queste politiche a debito sta scaricando tutto sulle spalle delle generazioni future”. Voi cosa ne pensate di queste sue ultime dichiarazioni? Siete tra quelli, gruppo A, che col senno di poi rimpiangono l’equità insita in quella riforma, che se pur rigida lo era per tutti, o siete tra quelli, gruppo B, favorevoli alla quota 100, misura che seppur sperimentale e con dei paletti fissi (62+38), ha cercato di aprire un varco nel sistema previdenziale, o ancora siete tra coloro, gruppo C, che ringraziano che l’impianto di fondo della Legga Fornero sia ancora vigente, perché attualmente fuori o penalizzati dalle misure apportate in campo previdenziale dall’esecutivo? Fatecelo sapere nella sezione commenti anche solo indicandoci verso quale gruppo vi sentite più affini.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Erica Venditti

Erica Venditti
Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

19 commenti su “Pensioni, ultime Fornero: si sbandiera quota 100 come un trofeo, ma la mia riforma é lì

    Avatar

    Michele

    (24 Maggio 2019 - 21:12)

    La cosa schifosa della Fornero è quella di aver aumentato di colpo l’età pensionabile con un solo mese di preavviso, cosa mai avvenuta in passato e per alcuni anche di 7 anni. Perché se l’aumento fosse stato graduale le lamentele sarebbero state molto più contenute. Teniamo presente che sono passati quasi 8 anni. La vera riforma è stata quella di incorporare l’inpdap nell’inps. Cioè l’istituto di previdenza dei dipendenti pubblici, con disavanzi cronici passati presenti e futuri che potevano essere assorbiti solo provocando avanzi nel Fondo Pensione Lavoratori Dipendenti che stava e sta in attivo, ma che non poteva essere sufficiente a coprire il profondo rosso dell’inpdap.

    Avatar

    Francesco

    (23 Maggio 2019 - 19:04)

    Grandi Paolo, Salvatore e Lucia!!!!

    Avatar

    Francesco

    (23 Maggio 2019 - 19:01)

    Grande Paolo!!!!!

    Avatar

    Paolo

    (23 Maggio 2019 - 9:08)

    Essere orgogliosa di una situazione che non ha pari in Europa, per lo sfruttamento di chi lavora; che prende a riferimento un incremento dell’aspettativa di vita legato a chi è nato fino al 1945; che impedisce il ricambio generazionale e spinge i giovani a fuggire all’estero; che sposta il problema in avanti di alcuni anni, senza risolvere quelli legati all’evasione fiscale e contributiva; tutto questo dimostra la pochezza della signora, pari a quella di Monti, perché hanno scelto delle soluzioni a base di forbici, per le quali bastava mia nonna con la terza elementare, non servivano professori. Ma un po’ di vergogna mai?

      Avatar

      Kakau

      (24 Maggio 2019 - 10:17)

      Quello che ancora colpisce di questa donna, dato i danni causati a lavoratori e lavoratrici italiani dalla sua meschina riforma ha ancora il coraggio di parlare. Signora Fornero la smetta una volta per tutte si tolga dai piedi, la smetta di fare la Star televisiva perché solo a sentire le sue opinioni fa venire proprio il voltastomaco.

    Avatar

    Franco Giuseppe

    (23 Maggio 2019 - 8:44)

    Appartengo ad entrambe le categorie A-C. Nella gruppo A perchè effettivamente la legge Fornero era si penalizzante ma per tutti e quindi di conseguenza non creava disparità tra lavoratori. Alzava l’asticella di arrivo ma garantiva che in pensione ci sarebbe andato prima chi ha lavorato di più e versato di più. Al gruppo C perchè, giunto a 42 anni di lavoro e versamenti, le legge Fornero ancora attivissima oggi, mi consentirà, essendo precoce, di andare il prossimo anno con 43,1 pur avendo solo 60 anni. La chiamano “Pensione anticipata” dopo 43 anni di lavoro e mi domando allora se quota 100 debba essere chiamata “Pensione stra-stra anticipata” oppure ” compravendita di voti”.

    Avatar

    Donato

    (23 Maggio 2019 - 7:52)

    Purtroppo e verità la legge non hanno smontata e i 41 presi per i fondelli

    Avatar

    Salvatore

    (23 Maggio 2019 - 6:51)

    La legge Fornero è ancora lì ma abbiate pazienza perché verrà abolita con la quota 41. D’altra parte con questa europa dei finanzieri teuto-gallici che detta le leggi e non sopporta i contraddittori, c’era poco altro da fare,
    Che poi affermare che la Fornero sia uguale per tutti è una stupidaggine (e la ex ministra lo sa bene!). Vogliamo parlare di esodati, della esosissima opzione donna, dell’innalzamento dell’aspettativa di vita,…?
    Uno dei cavalli di battaglia della ex ministra piangente è che “… lo facciamo per i giovani”. Sono balle colossali: con la sua riforma i giovani andranno in pensione a cominciare da 72 anni (giovani a chi?) e comunque è già noto che la sua riforma copre a malapena il bilancio fino al 2040, ma guarda un po’!

      Avatar

      Franco Giuseppe

      (23 Maggio 2019 - 15:00)

      Avere pazienza ? Ma si rende conto di cosa dice ? Noi precoci che andremo in pensione con 43,1 rispetto alla quota 100 che favorirà chi ha lavorato solo 38 anni, ben 5,1 anni di meno e Lei ci chiede di avere pazienza ? Ma un minimo di coscienza esiste ancora ? Questa della pazienza è davvero demenziale e squalifica chi la chiede. Vabbè, ormai lo sproloquio è di moda ma un minimo di rispetto di se stessi non guastererebbe.

    Avatar

    LUCIA

    (22 Maggio 2019 - 23:27)

    Una mia cognata ha avuto la pensione baby con 21 anni di lavoro, mia sorella è andata a 60 anni con 35 anni di lavoro e pensione uguale al suo ultimo stipendio, io a 60 anni dovro’ andare in pensione a 64 anni se va bene, a 67 anni se va male. La mia opinione è che sono stati fatti troppi errori nel passato, non c’è stata lungimiranza e capacità di prevedere il futuro nè da parte dei direttori dell’INPS nè da parte dei politici, adesso paghiamo noi per tale incompetenza. La Fornero ha adottato la linea piu’ dura, Salvini e Di Maio hanno proposto la quota 100 che non risolverà nulla ma so di gente feliciSsima che, dopo 38 anni di lavoro ha potuto usufruire di questa possibilità. Meglio pochi contenti che tanti infelici

      Avatar

      Franco Giuseppe

      (23 Maggio 2019 - 16:11)

      Gentile Lucia, mi permetto di ricordarle che non è questione di esse in pochi contenti o tanti infelici, la questione è se una legge è fatta bene, sia equa e rende giustizia. Ci credo che ci sia gente felicissima di essere andata in pensione con solo 38 anni di contributi, avendo iniziato a 24 anni. Purtroppo la realtà è che ci sono lavoratori che hanno iniziato a 16-17, che oggi hanno già 41-42 anni di lavoro che questa felicità non se la possono godere. Ma a Lei non fa un po rabbia sapere che chi ha iniziato a lavorare ad un’età posteriore alla sua, che ha lavorato meno anni e di conseguenza versato meno contributi, vada in pensione prima di Lei ? E’ vero, che prenderanno una cifra inferiore mentre io prenderò il reddito pieno, ma perchè ai precoci non viene concessa la possibilità di scelta se prendere qualcosina meno ? Si rende conto che ad alcuni scontano 5,1 anni e che la cosa non sono briciole di tempo ma un gran pezzo di vita ? Non sono invidioso per natura, ma se una legge è iniqua e ingiusta bisogna dirlo e non dire: ” Vabbè, pazienza oggi mi è andata male”.

    Avatar

    Vincenzo

    (22 Maggio 2019 - 22:30)

    Questo governo e’una vergogna ruba i soldi ai pensionati con pensione da euro 1500 per renderli piu poveri senza valutare il caro vita che schifo non credo a nessun politico sono tutti uguali parlano bene prima delle elezioni per sedersi bene sulle poltrone e pensare ai cazzi loro

    Avatar

    Alberto

    (22 Maggio 2019 - 22:03)

    Che questa quota 100 sia maledetta ho Sia benedetta sfido la SIGNORA FORNERO a venire in Sicilia è lavorare in un centro di formazione senza stipendi ho aspettare la Regione Sicilia che fa i mandati ai centri di formazione per poi i centri darci qualche misero stipendio .io come altri siamo vicini alla soglia di quota 100.se lei riesce ha risolvere questa situazione che ben venga la legge FORNERO

    Avatar

    Pantaleo Brescia

    (22 Maggio 2019 - 17:53)

    Brava Fornero… Ha ragione, sembrava dovesse asfaltarla l infame salvini…
    Invece è riuscito solo a peggiorarla, almeno x precoci e 4142 43, bravi, molto bravi!!!
    Ignobili e Traditori il 26 a casa e W La FORNERO!!!

    Avatar

    beppe

    (22 Maggio 2019 - 17:52)

    Ho letto l’articolo.Ma…. sembra quasi che solo le future generazioni debbano pagare gli errori del passato.Naturalmente non sono d’accordo, nessuno dovrebbe pagare per gli errori fatti negli anni passati, ma ci tengo a dire alla sigrora fornero che quando ho iniziato io a lavorare, la pensione si raggiungeva con i 35 anni di contributi.Quindi non trovo giusto che io debba pagare, eppure lei mi pare se ne sia fregata altamente che la MIA GENERAZIONE paghi per tutti gli altri .In pensione con 43.1 anni con la sua sciagurata riforma!!!!La differenza sono 8 anni…..ma l’aspettativa di vita si è allungata….altra cazzata perchè non è assolutamente vero.Lei ha cercato di giustificare l’ingiustificabile.Buona giornata

    Avatar

    Paolo

    (22 Maggio 2019 - 16:49)

    Certo che ha ragione la legge Fornero” è ancora Li “,noi precoci dovremmo lavorare 43/44 Anni per andare in pensione.
    SE non cambiano le cose saremmo la categoria che più ci rimetterà.

    Avatar

    Luigi Napolitano

    (22 Maggio 2019 - 16:35)

    Buongiorno a tutti i lettori,
    credo sempre con la mia consueta cautela, posso affermare che nessuna delle due (leggi non trovo altri termini) possano essere giudicate, eque rispettose del diritto e del trattamento all’uguaglianza, (Art. 3 Costituzione).

    La prima, indento quella dell sig,ra in lacrime, e figlia di un colpo di stato sotto lo scudiscio Europeo.
    Per cui “Colpo di Stato finanziario, l’Europa ci ammazza: Fornero e tasse, così fanno fuori Salvini e Di Maio” ?

    https://www.actionweb24.com/2018/03/27/colpo-di-stato-finanziario-leuropa-ci-ammazza-fornero-e-tasse-cosi-fanno-fuori-salvini-e-di-maio/

    http://www.libreidee.org/2012/12/barnard-pensioni-private-ecco-a-chi-obbedisce-la-fornero/

    Aggiungo anche la mia personale PEC recapitata ii 04 ottobre 2017 e pubblicata sul social professionale Linkedin. ( SE PUO’ INTERESSARVI UN DIALOGO DIRETTO)

    https://www.linkedin.com/pulse/email-privata-allex-ministra-del-lavoro-elsa-luigi-napolitano/

    Mentre la seconda(includendo ovviamente anche il RDC) peggio del peggio, una vera catastrofe:

    L’inutile regalo di quota 100, sfascia i conti e non risolve i problemi

    https://www.ilfoglio.it/economia/2019/02/12/news/linutile-regalo-di-quota-100-sfascia-i-conti-e-non-risolve-i-problemi-237689/

    https://ilmanifesto.it/locse-demolisce-quota-100-e-prevede-recessione-02/

    Giallo/verdi siete un vero disastro….

    Credo che l’elettorato si sia ripreso dalla sbornia iniziale, Sono convinto che molte cose cambieranno. Moltissime…

    Non vedo l’ora in sincerità…
    Basta…Incompetenza…

    Cordiali saluti,
    Luigi Napolitano

    Avatar

    Maria

    (22 Maggio 2019 - 14:04)

    PS: anche molti esodati sono ancora lì

    Avatar

    Maria

    (22 Maggio 2019 - 14:02)

    Certo che la legge Fornero “è ancora li” , quota cento è troppo rigida e “palettosa” opzione Donna per fortuna resta ma come sempre taglia alla grande gli assegni pensionistici: di che cosa dovremmo rallegrarci?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *