Pensioni ultime news oggi 3 ottobre: i numeri della spesa pensionistica

Oggi 3 ottobre per quanto riguarda le ultime news sulla riforma delle pensioni e su quota 100,poniamo l’attenzione su alcuni numeri e su alcune analisi relative alla spesa pensionistica. Prima vediamo i costi di cui si parla nell’ultima nota di aggiornamento al DEF per quanto riguarda le pensioni e poi riportiamo il commento di Giuliano Cazzola sulla tendenza di medio-lungo periodo della spesa pensionistica in Italia.

Ultime novità Pensioni oggi 3 ottobre, i numeri del NADEF

Come riporta il quotidiano “Il sole 24 ore, nell’ultima nota di aggiornamento al DEF sono evidenziati i numeri della spesa pensionistica, che nei prossimi 3 anni supererà i 300 miliardi. Nel Documento si può leggere che “Tra il 2021 e il 2022, ovvero al termine della sperimentazione in corso che consente pensionamenti anticipati con 62 anni e 38 di contributi minimi, la spesa per pensioni passerà da 295,5 miliardi a 304 miliardi (15,9% del Pil)”.

Nella Nadef, inoltre si possono leggere espressioni molto caute sul tasso di sostituzione, ovvero la famosa ‘staffetta generazionale’ che si sarebbe dovuta innescare sul mercato del lavoro, con assunzioni di giovani al posto di lavoratori senior in uscita. “Si verificheranno ‘solo parziali’ assunzioni sostitutive nel 2020, mentre per Quota 100 e le altre misure di agevolazione all’anticipo si ipotizza una distribuzione graduale degli accessi al pensionamento nel 2020 e nel 2021, con conseguenti economiche pari a 1,7 miliardi nel 2020 e 400 milioni nel 2021”.

Pensioni oggi ultime news da Giuliano Cazzola

Dopo la conferma di quota 100 da parte del Governo Giuliano Cazzola è tornato ad analizzare alcuni numeri in un articolo apparaso su Ilsussidiario.net. Cazzola spiega di esser curioso di capire “Che cosa succederà all’altra misura, assai più onerosa, contenuta nel decreto giallo-verde (dl n.4/2019,) ovvero il blocco a 42 anni e 10 mesi (un anno in meno per le donne) fino al 2026 per il pensionamento anticipato a prescindere dall’età anagrafica”. Poi analizza gli ultimi dati ulle Tendenze di medio-lungo periodo della spesa pensionistica e sanitaria: “Secondo il quale le prospettive di crescita economica molto contenute, unitamente alle innovazioni normative giallo-verdi, concorrono a far aumentare significativamente il rapporto tra spesa per pensioni e Pil che raggiungerà il picco del 15,9% nel 2022 (per poi discendere di qualche decimale di punto a partire dal  2029). È interessante osservare – seguendo il Rapporto – come l’incidenza della spesa pensionistica sul Pil si ripartisce  tra i diversi comparti. Il periodo di previsione è compreso tra il 2010 e il 2070″. 

Ancora Cazzola poi dice: “L’aumento del numero di pensioni nel pubblico impiego, che dai 2,8 milioni circa del 2010 raggiungerà il valore massimo di circa 3,5 milioni nel 2034, oltre a riflettere il più generale fenomeno del ritiro dalla vita attiva dei baby boomers, dipenderà dalle massicce assunzioni avvenute dalla fine degli anni ’70 alla metà degli anni ’80. La differenza fra l’importo medio di pensione dei due settori si ridurrà significativamente alla fine del periodo di previsione passando da 11,1 punti percentuali nel 2010 a 2,5-3 punti percentuali nell’ultimo decennio.

Infine sull’analisi delle diversità tra maschi e femmine: “La scomposizione della spesa pensionistica complessiva (pensioni dirette e indirette) per sesso evidenzia una prevalenza della quota attribuita ai maschi, per tutto il periodo di previsione. La differenza, pari a due punti percentuali di Pil nel 2010, tenderà poi a diminuire e a raggiungere lo 0,4% del PIL nel 2060 e lo 0,6% nel 2070. Assai diversa è la distribuzione per sesso nell’ambito delle due tipologie di prestazione considerate. La quota maschile risulta abbondantemente superiore a quella femminile per quanto attiene alla spesa per pensioni dirette e ampiamente inferiore per quella relativa alle pensioni indirette 

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

4 pensieri riguardo “Pensioni ultime news oggi 3 ottobre: i numeri della spesa pensionistica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *