Pensioni ultime notizie: arriva un restyling di quota 100 con il nuovo Governo PD-M5S?

Pensioni ultime notizie: arriva un restyling di quota 100 con il nuovo Governo PD-M5S?

Vediamo le ultime notizie di oggi 29 agosto 2019 sulle pensioni anticipate e sulla possibile riforma del sistema previdenziale che potrebbe arrivare con l’insediamento del nuovo Governo PD e 5 Stelle. Vediamo le ipotesi su cosa accadrà a quota 100 nei prossimi anni, secondo quanto riportato dal Messagero. Infine la Fillea CGIL è intervenuta tramite una nota del suo Segretario generale Alessandro Genovese sulla crisi di Governo e per chiedere un uscita anticipata per i lavoratori e operai edili.

Pensioni anticipate ultime: arriva un restyling per quota 100 con il nuovo Governo?

In queste ore Conte ha accettato con riserva l’incarico per un nuovo mandato di Governo, retto sull’asse M5S e PD. Ma cosa può succedere alla quota 100 fortemente voluta dalla Lega che ora è uscita dalla maggioranza di Governo? PD e 5 stelle cambieranno le cose o no? Stando a quanto riportano alcune indiscrezioni di oggi su il Messaggero, potrebbero arrivare alcune modifiche alla quota 100. L’ipotesi di cancellazione totale della misura sperimentale nel 2020 sembra scongiurata, ma i democrati potrebbero accontentarsi di disinnescare Quota 100 a partire dal 2021, anno in cui le risorse stanziate per l’uscita anticipata dal mondo del lavoro a 62 anni di età con 38 di contributi ammontano a circa 8,6 miliardi di euro”.

Il quotidiano Il Messaggero poi continua cercando di tranquillizzare: “Un’operazione di restyling di Quota 100, fanno sapere fonti qualificate, imporrà a ogni modo a un eventuale governo rossogiallo di introdurre delle salvaguardie ad hoc al fine di tutelare coloro che hanno già sottoscritto accordi aziendali per lasciare il lavoro nel 2020 o nel 2021, allo scopo di evitare un nuovo caso esodati come avvenuto nel 2011 con la riforma Fornero”.

Pensioni anticipate ultime notizie: chiesta uscita a 60 anni per gli edili

Nel comunicato piuttosto duro, riportato dall’agenzia di stampa di Adnkronos inizia dicendo: “I morti sul lavoro da tempo non fanno più notizia. Se poi il circo mediatico è tutto concentrato sui nomi del prossimo governo, sulle sparate reazionarie di Salvini o sugli appetiti personali di Di Maio, figuriamoci se interessa qualcuno sapere che ad agosto, nonostante le chiusure, nei cantieri si è consumata una strage, con almeno 12 vittime. Se si vuole veramente segnare una discontinuità rispetto al passato, si faccia allora della lotta al lavoro nero e agli infortuni sul lavoro uno dei punti programmatici del prossimo esecutivo, visto che il governo uscente ha fatto poco e male, provando solo a trasformare l’Inail in un Bancomat”.

Genovesi poi passa a fare un’appello al prossimo Governo, con delle richieste ben precise su lavoro nero, appalti e sopratutto sulle pensioni: “Occorre infine permettere agli operai edili sopra i 60 anni di poter andare in pensione, di vedersi riconosciuta concretamente la gravosità del loro mestiere, di scendere dalle impalcature dove rischiano tutti i giorni di farsi male. Questi sarebbero punti qualificanti di un programma per tornare ad occuparsi concretamente dei lavoratori”. Poi il numero uno degli edili CGIl concludeç “Alle forze politiche spetta il dovere, dopo 14 mesi all’insegna dell’intolleranza, dello svilimento del lavoro, di un’assenza totale di politiche industriali, di una campagna elettorale permanente tutta giocata ad incoraggiare i comportamenti più spregiudicati, di provare ad invertire una rotta a favore del lavoro e dei lavoratori“.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

5 pensieri su “Pensioni ultime notizie: arriva un restyling di quota 100 con il nuovo Governo PD-M5S?

  1. Tanto siamo comandati dai poteri forti Dell, Europa e questi nuovi (si fa x dire) attaccapoltrone dicono già che bisogna essere coesi e più Europeisti . Quindi per le pensioni quota 100 quota 41 e opzione donna il binocolo per vederle attuate non basta, neanche con un telescopio le vedremo

  2. Pienamente d’accordo sulle pendii i per edili a 60 anni.. Ma vogliamo cominciare a parlare anche dei precoci una volta per tutte o anche questa volta saranno il bancomat delle pensioni.. 41 anni di lavoro soni una vita la volete capire o no qualsiasi lavoro uno svolge.. Poi sarà una scelta se andare in pensione o no.. Adesso vediamo cosa faranno i giallo rossi

  3. vorrei correggere il titolo: “RESTAURAZIONE” anziche’ restyling ! Ieri in un’intervista tv, ferdinando barisoni del sole 24 ore alias confindustria , ha espressamente dichiarato che la prima cosa a cui metteranno mano sarà quota 100 da cui ricaveranno, guarda caso, esattamente i 6/7 mld nel 2020 e 8 mld nel 2021 , per fancazzisti e nullafacenti.
    mettere mano significa che quota 100 verrà abolita dal 1° gennaio 2020 in favore di altre misure più eque i.e. incrementare gli 80 eur renziani e questo lo troveremo sicuramente nel def di ottobre.
    prepariamoci a soffrire per altri 3 anni.
    se questo non è un governo CONTRO cos’è ?
    i mercati azionari come pure pure bce, ue, pd, fi, leu, sindacati e accozzaglia varia, visto che conoscono in anticipo le decisioni del nuovo governo, stanno già festeggiando un’italia che tornerà succube delle decisioni ue.
    per questo letame , per l’ulteriore posticipo della pensione, dobbiamo solo ed esclusivamente ringraziare salvini.

    1. Ma che senso ha evocare scenari catastrofisti ? Ad oggi nessuno può prevedere che decisioni prenderà l’esecutivo ma non credo proprio che venga toccata quota 100.
      Quello che sarà dal 2022 si vedrà ma fino al 2021 non cambierà nulla in senso restrittivo.
      Come hanno evidenziato altri c’è gente che ha programmato il suo futuro sulla base di quota 100 magari pagando contributi volontari o decidendo ritiri dal lavoro programmati. Non credo vogliano ricreare esodati 2.0

  4. Quota 100 non si tocca altrimenti tutti in piazza, vigliacchi non prendetevela con chi aspetta trepidante l’unica uscita anticipata, piuttosto si cerca di migliorarla senza paletti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *