Pensioni ultime notizie oggi 22 dicembre 2018: le misure votate in LDB

Nella giornata di oggi si andrà al voto del disegno di legge di bilancio 2018 che contiene diversi provvedimenti per il futuro delle pensioni anticipate. Dopo la fiducia votata ieri notte è previsto oggi 22 dicembre 2017 alle 12:30 il voto in aula alla Camera dei deputati, mentre oggi pomeriggio la LDB tornerà a Palazzo Madama per l’approvazione definitiva . La votazione finale in Senato avverà sabato 23 dicembre. Vediamo allora cosa contiene per quanto riguarda le pensioni 2018 quest’ ultima legge di Bilancio del Governo.

Ultime notizie Pensioni 22 dicembre 2018: oggi al voto la LDB

Sono diverse le novità in arrivo per quanto riguarda le pensioni e dopo mesi di dibattito qualche modifica rispetto alla legge originale è stata fatta. Tra le altre cose sarà introdotto lo stop all’aspettativa di vita per quindici categorie di mestieri definiti gravosi. Inoltre è stato deciso di ampliare l’ APE Sociale a carico dello stato per le stesse 15 categorie di mansioni gravose. Vi riportiamo brevemente tutte le categorie per chi se le fosse perse:

  • Operai dell’industria estrattiva
  • conduttori di gru
  • macchine di perforazione
  • conciatori
  • macchinisti ferroviari
  • camionisti
  • professori di scuola pre-primaria
  • facchini
  • addetti alla pulizia
  • ostetriche ospedaliere
  • assistenti per non autosufficienti
  • agricoltori
  • i siderurgici di secondo fuoco
  • i marittimi
  • i pescatori

 

Pensioni oggi 22 dicembre: notizie negative per le donne

Tra gli altri provvedimenti arrivano anche la conferma del bonus bebè per le neo mamme e lo sconto fiscale per la cura del verde oltre al blocco dell’aumento dell’ IVA. Come detto ieri invece non passa l’emendamento sul cumulo gratuito del contributi e non ci sono novità sulla proroga dell’opzione donna.

Sicuramente molto è ancora da fare per quanto riguarda la riforma delle Pensioni, noi come sempre vi aggiorneremo con tutte le ultime novità in materia previdenziale qui su pensionipertutti.it

 

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

One thought on “Pensioni ultime notizie oggi 22 dicembre 2018: le misure votate in LDB

  • Avatar
    22 Dicembre 2017 in 11:54
    Permalink

    Tutti i lavori, per chi abbia mai provati, sono gravosi, altrimenti pagheremmo noi per farli invece che essere (poco) pagati.
    C’è differenza tra un mal di schiena di un operaio e un esaurimento nervoso e depressivo di un impiegato?
    E poi i cosiddetti lavoratori soggetti a lavori usuranti non sono mandati in pensione prima, MA MENO DOPO!
    67 anni, e più per l’eventuale aggravio ogni due anni (dal 2019) per l’aumento dell’aspettativa di vita, sono uno sproposito! TALE LEGGE ERA NATA PER ESSERE APPLICATA DAI 58 ANNI, ALL’EPOCA NECESSARI PER IL PENSIONAMENTO, E NON AI 67 ANNI NECESSARI DAL 2019; applicare insieme queste due misure significa il rischio che molti lavoratori moriranno in servizio prima di avere la pensione; o se la godranno solo per pochi anni e quando lo stato fisico e psichico non darà loro modo di fare tutte le cose che avevano progettato e non potevano fare perché lavoravano; lavorare, di fatto, senza vedere “NESSUN ALTRO FUTURO CHE IL LAVORO PER SEMPRE”, equivale, psicologicamente, quasi alla schiavitù e fa vedere nero per il futuro; cosa che crea due problemi:
    1 si lavora demotivati e ne risente l’efficienza, già minata dalle precarie condizioni di anziano,
    2 tali lavoratori, una volta in pensione ormai vecchi, non spenderanno più in attività che avevano progettato per una età pensionabile relativamente meno anziana: ciò CREERA’ ULTERIORE RECESSIONE.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *