Pensioni ultime notizie su quota 100 oggi 28 febbraio: ancora dubbi su INPS e correttivi

Le ultime notizie di oggi 28 febbraio 2019 sulle pensioni anticipate riguardano ancora una volta quota 100, e il suo prossimo passaggio alla Camera, dopo l’approvazione di ieri in senato.

Nelle ultime ore il Sole 24 ore ha alzato alcune nubi su quota 100, tornando a parlare della Governance dell’INPS, sempre più incerta dopo l’addio di Boeri. Stando a quanto riporta anche l’agenzia di stampa Adnkronos
Francesco Verbaro sta pensando di rinunciare alla nomina di sub-commissario dell’Istituto.

Ultime novità Pensioni oggi 28 febbraio: Chi firma la variazione di Bilancio INPS per quota 100?

Dalle colonne del Sole 24 ore sulle Pensioni e su quota 100 arriva un dubbio molto importante che rischia di far saltare la manovra. Se Verbaro rinuncerà davvero alla sua carica, potrebbe prendere il suo posto Mauro Nori, candeggiato dalla Lega o addirittura una soluzione tecnica con
un emendamento al decretone nel corso dell’esame alla Camera, come sembra volere il M5S. Il tempo però stringe perchè entro fine febbraio bisogna firmare la variazione di Bilancio INPS per consentire a quota 100 di partire.

Chi sarà a farlo allora? Guglielmo Loy, presidente del Consiglio di indirizzo e vigilanza spiega sulle pagine del Sole 24 ore: “Tra l’altro l’attuazione delle due misure richiede una variazione di bilancio da adottare entro fine febbraio, e senza firma di un presidente non si può procedere”. “Serve – ha proseguito Loy – una soluzione immediata e ben fatta, perché il decreto di nomina a questo punto deve essere riscritto, e senza determine firmate da un legale rappresentante molti atti non possono andare avanti”.

Pensioni e quota 100 ultime notizie: nota INPS e preoccupazioni di Landini

Intanto nella giornata di ieri l’INPS in una nota ha intanto precisato che “Sono state già realizzate le procedure informatiche per la ricezione delle domande del reddito di cittadinanza dal 6 marzo e che l’Istituto sarà in grado di trasmettere a Poste il flusso degli ordinativi di accreditamento sulle carte Rdc già dal 15 aprile“. Tutto questo sperando che ci sia qualcuno che può firmare…

Landini invece intervenuto ad 8 e Mezzo ha espresso i suoi dubbi sulla quota 100 per quanto riguarda il comparto della pubblica amministrazione, che potrebbe esser messo in difficoltà da questa misura: “Il sindacato non è contro la pensione anticipata con quota 100, ma il blocco delle assunzioni nella PA è una contraddizione. Il rischio è che si va in pensione e poi non ci sono i servizi per le persone. Tolgano il blocco delle assunzioni se vogliono fare delle cose. Ci sia una logica”.

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *