Pensioni ultime novità oggi 18 luglio: 5 punti della CGIL per superare la Fornero

Pensioni ultime novità oggi 18 luglio: 5 punti della CGIL per superare la Fornero

Riforma Pensioni e superamento della legge Fornero, questi sono i temi su cui la CGIL ha deciso di aprire un confronto con una serie di iniziative previste nei prossimi giorni a Roma, con un occhio rivolto anche alle pensioni delle future generazioni. Vediamo tutte le ultime novità di oggi 18 luglio 2019 in tema previdenziale.

Ultime Riforma Pensioni oggi 18 luglio: CGIL lancia lo slogan ‘Rivolti al Futuro’ per superare la Fornero

La Cgil, con lo slogan “Rivolti al Futuro”, organizza una serie di iniziative per aprire un confronto sui temi previdenziali affinché la riforma Fornero venga superata dando così un futuro pensionistico ai giovani, alle donne e ai lavoratori gravosi. Primo appuntamento il 19 luglio alle ore 10 nella sede nazionale del sindacato in corso d’Italia 25, Roma. Al centro dell’incontro di venerdì la pensione per le nuove generazioni.
 
Sarà l’occasione per la Cgil di illustrare cinque punti su cui si concentrerà l’iniziativa del sindacato. Garantire ai giovani un lavoro vero per una pensione dignitosa; Istituire una pensione contributiva di garanzia per permettere anche ai giovani e a tutti coloro che fanno lavori discontinui o con retribuzioni basse, di poter contare su una pensione dignitosa; Rimuovere i vincoli attualmente previsti per accedere alla pensione nel sistema contributivo, che penalizzano i bassi salari e i lavori discontinui; Superare l’attuale meccanismo legato all’aspettativa di vita, che condanna i giovani ad andare in pensione dopo i 70 anni, penalizzandoli anche nel calcolo della pensione; Favorire l’adesione dei giovani alla previdenza complementare.
 
L’iniziativa sarà introdotta dal segretario confederale della Cgil, Giuseppe Massafra e da una relazione del segretario confederale Roberto Ghiselli. Il professore della Sapienza, Michele Raitano presenterà analisi e proiezioni sulle pensioni future. Previsti gli interventi di Jacopo Buffolo (studente), Mazzuferi Naomi (giovane lavoratrice Nidil Cgil) e di Raffaele Atti, segretario nazionale dello Spi Cgil. 

Seguirà una tavola rotonda che sarà condotta da Giorgio Pogliotti, giornalista del Sole 24 ore e alla quale parteciperanno, oltre al segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, il sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon,Tommaso Nannicini della Commissione Lavoro del Senato e Renata Polverini, Commissione Lavoro della Camera.

Riforma Pensioni e quota 100 ultime novità dalla CGIL in Liguria: ‘Al di sotto delle aspettative

Dall’inizio dell’anno sono quasi 5 mila le domande presentate dai lavoratori e dalle lavoratrici in Liguria per poter accedere alla misura temporanea di quota 100. “Nonostante gli slogan insistenti da parte del governo è evidente che le domande, che tra l’altro dovranno essere ancora accolte, sono ben al di sotto delle aspettative – affermano Ivana Olivieri e Fabio Marante, segretaria regionale Spi e Segretario organizzativo Cgil Liguria – Visti i risultati al di sotto di quelli stimati, è possibile investire le risorse risparmiate per superare la legge Fornero in misure che vadano incontro alle esigenze di tutti i lavoratori e non solo di un parte”.

Per i sindacati, i 7 miliardi di euro di minori uscite rispetto a quelle stanziate “possono servire per dare attuazione ad una vera riforma previdenziale che superi strutturalmente l’impianto della Fornero e che vada incontro alle esigenze di flessibilità in uscita, soprattutto per le donne e per i lavori gravosi. Questo è quello che la Cgil ha chiesto al Governo e che ribadirà anche venerdì prossimo a Roma in occasione dell’iniziativa su giovani e previdenza

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

5 pensieri su “Pensioni ultime novità oggi 18 luglio: 5 punti della CGIL per superare la Fornero

  1. i voti questi signori li hanno presi da tutti quelli che, come me , hanno voluto credere che dopo 41 anni di lavoro e dico… LAVORO … avrebbero potuto finalmente andare in pensione .in caso di nuove elezioni lo sanno quanti voti perderebbero?????????

  2. A questo punto dato che noi precoci non siamo ascoltati.. Ci schifato.. Ok torniamo alle urne e vediamo se siamo così pochi da essere trattati così.. Caro durigon sei un ex sindacalista e infatti si vede come tuteli i pensionati.. 41 anni era la parola d’ordine adesso ci hai rotto i c…….i vai a casa.. Vi abbiamo dato fiducia.. Come al solito vi siete rilevati come gli altri ma la cosa peggiore è che dicevate di essere diversi .. Sulle pensioni vi siete giocati il governo.. Detto da un ex leghista convinto…

  3. Quota 41 per tutti non la faranno di certo in questa legislatura. Non hanno gli attributi per farla. Ricordiamoci alle urne di questa gente. In quanto ai sindacati, non hanno mai mosso un dito contro la Fornero, sono complici di questo disastro in pieno.

  4. ma…..Per i sindacati superare la fornero con i 41 non c’è nel loro programma? Certo che visto l’atteggiamento degli ultimi anni non mi stupisce. Buona giornata

  5. Se veramente vogliono superare la fornero l unica è uniformare a 41 anni x pura tutti senza nessun paletto e certa!!!
    Passano più tempo e risorse e soldi a scervellarsi su come paventare una qualsiasi “riforma” senza certezza x noi!!
    …. Capisco che durigon debba giustificare la sua inutile presenza e salvini pararsi il C.. O ma a tutto c è un limite…… A INFAMI!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *