Pensioni, ultimissime Di Maio: il M5s voleva quota 41, poi abbiamo dovuto fare quota 100

Le ultime novità sulla riforma pensioni al 17 maggio 2019 e nello specifico sulle misure maggiormente sentite dall’opinione pubblica ossia quota 100 e quota 41, arrivano da importanti rivelazioni da parte del Ministro del Lavoro , Luigi di Maio. Su segnalazione di un precoce, che ringraziamo, abbiamo sbobinato l’intera intervista, che ci ha girato il lavoratore, in cui il Ministro Di Maio, martedì 14 maggio, nel corso della trasmissione di Floris, rispondendo per oltre mezz’ora alle continue domande di Concita De Gregorio, editorialista de La Repubblica, e Senaldi, direttore di Libero, é tornato a parlare anche di quota 41. I giornalisti hanno cercato in primis di sondare se esista ancora stabilità politica nel Governo, evidenziando le differenze che esistono tra Lega e M5s, giacché a detta della giornalista De Gregorio le due forze politiche paiano agli occhi del Paese un pò come, metaforicamente parlando, ‘ separati in casa’ con tutte le conseguenze di una convivenza forzata.

Di Maio ci tiene a moderare i toni senza negare la diversità ideologiche tra i due movimenti politici che sono per natura differenti ed hanno infatti, dice, dovuto stilare un contratto per cercare di Governare insieme al meglio. Ci tiene però a far notare tutto ciò che di buono é già stato fatto dal Governo in 10 mesi, fatti e non parole, dice Di Maio, tra cui l’eliminazione attraverso la quota 100 della legge Fornero. Alla fine, a conclusione dell’intervista emerge una frase interessante, che intendiamo riportare alla vostra attenzione, in cui il Ministro del lavoro parla di Quota 41 e di come purtroppo questa misura sia divenuta altro, non certo per volere del M5S. I dettagli:

Pensioni, i passi fatti dal Governo con quota 100

Di Maio prende subito le distanze da quanti gli fanno notare che sembri ultimamente più portato verso il partito democratico piuttosto che verso la destra, tirando nuovamente in ballo il fatto che l’alleanza con Salvini paia scricchiolare in molti momenti. Eccovi le sue dichiarazioni: “Da Ministro del lavoro sto passando il tempo a smantellare le leggi vergognose che ha fatto il Pd contro imprese, lavoratori e pensionati, con quota 100, decreto dignità, decreto crescita stiamo eliminando serie di follie che ha fatto il partito democratico, non vedo in quel partito l’alternativa

La giornalista Concita De Gregorio fa ancora notare come ad esempio l’Appendino, Sindaco di Torino, abbia preso una posizione politica netta andando a denunciare in procura con Chiamparino l’istigazione al fascismo dell’editore del Ministro dell’Interno, che avrebbe dovuto essere presente al Salone del libro. A chi ha fatto notare all’Appendino, ‘voi Governate insieme a quel partito anche se sta denunciando in procura l’espisodio‘ lei avrebbe risposto “alternative non ce ne sono” , come a dire, fa notare la Giornalista di Repubblica, che riporta l’episodio, che in Parlamento si sia un pò come ‘ai lavori forzati’.

Dal canto suo Di Maio stempera é dice: “a me interessa quello che abbiamo insieme in 10 mesi di governo abbiamo fatto un decreto che stabilizza i lavoratori rispetto job Act fatto dalla sx, quota 100 annulla/smantella la legge Fornero che aveva fatto la sx, un decreto per aiutare le imprese massacrate di tasse dalla sx, non esiste pià dx o sx,esistono quelli che vogliono bene agli italiani e quelli che non vogliono bene agli italiani”. Floris, dal canto suo, pur ascoltando il Ministro gli fa inoltre notare come sebbene si continuino a fare promesse sulle risorse ‘avanzate’ dal reddito di cittadinanza, in realtà si tratta pur sempre di misure in deficit, la discussione poi si sposta sulla possibilità annunciata da Salvini di sforare il 3%.

Pensioni, Ok alle promesse, ma si tratta di misure a deficit

Di Maio ricorda di aver già anticipato sui social nel giorno della festa della mamma che é avanzato 1 miliardo dal RdC che servirà proprio per gli aiuti alle famiglie sul modello Francese. Floris ironizzando ribatte: “Ministro, ma perché solo 1 mld tanto é in deficit, poteva destinarne 5/6“, Di Maio risponde: “Se era in deficit i soldi non avanzavano”, ma Floris ci tiene a precisare: “E’ in deficit, avanzano risorse da un deficit per cui siete già stati ripresi dall’Unione europea poi prosegue andando oltre: Salvini sarebbe anche disposto, se necessario pur di mantenere gli impegni presi, a sforare il 3%, lei sarebbe d’accordo?” Di Maio asserisce che si può parlare di 3% ma é importante capire come si arrivi a quel punto, dobbiamo contrastare, dice, la grande evasione, tagliare gli sprechi e recuperare risorse,e al più, qualora mancassero, si può poi arrivare a proporre un 3%, ma sempre con un dialogo con l’Europa, altrimenti poi ci ritroviamo, sentenzia, nella stessa situazione di dicembre in cui va poi trovato un accordo.

Ora con l’ultima domanda dell’intervista fatta Floris arriva la dicharazione importante di Luigi Di Maio che il lavoratore precoce ha voluto portare alla nostra attenzione e che qui vi riproponiamo, al fine di poterci confrontare con voi.

Pensioni, M5S voleva quota 41, poi si é dovuta fare per forza quota 100

Floris chiede al Ministro del Lavoro: “Sabato sarete a Milano insieme ai leader sovranisti europeri con cui si vede Salvini? “ Il vicepremier risponde: ” Non per un semplice motivo, ho scelto di non allearmi con Le Pen, Alternative fur Deutscheland, Orbàn,..governi che ci fanno la guerra in Europa, non fanno bene dell’Italia, andrò a confagricoltura mi occuperò di altro”. Poi ha aggiunto: “Ma non é una questione ideologica, ma di Interesse degli italiani quando stavamo facendo la Legge di bilancio e volevamo fare quota 41 abbiamo dovuto fare quota 100, erano Orbàn e gli altri partiti come i suoi che dicevano no l’italia deve fare austerity e non può fare quota 41″. Dunque la domanda che si é posto il precoce dopo aver ascoltato l’audio della registrazione é la seguente: visto che Salvini sarà sabato al fianco di Orbàn e dei leader sovranisti, mentre di Maio si é rifiutato di presenziare, la quota 41 potrebbe essere stata sacrificata in onore della quota 100 per volontà della Lega? o in realtà tutto é dipeso dalla mancanza di risorse ‘sul piatto’?

Vi é da dire per completezza che anche Salvini nelle sue recenti dichiarazioni ha affermato con convinzione che l’obiettivo del Governo resta la quota 41, perché chi ha lavorato 41 anni deve andare in pensione, sebbene le sue affermazioni non abbiano avuto leva positiva tra i precoci che hanno detto di non credere più, specie a pochi giorni dalle elezioni, alle parole del Ministro degli interni. Ma al lavoratore resta il dubbio: Se il M5S avesse governato da solo, ora i precoci avrebbero raggiunto il loro obiettivo? Voi che idea vi siete fatti da queste dichiarazioni di Luigi Di Maio?

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

17 pensieri riguardo “Pensioni, ultimissime Di Maio: il M5s voleva quota 41, poi abbiamo dovuto fare quota 100

    • Erica Venditti
      18 Maggio 2019 in 20:19
      Permalink

      Si spera che pensino a sanare l ingiustizia . Si parla di soluzioni ad hoc ma nom sappiamo ancora quali sarannp e se passeranno. Vi informeremo non appena possibile

      Rispondi
    • Avatar
      23 Maggio 2019 in 13:32
      Permalink

      Almeno togliere l’aspettativa di vita. I tre mesi in più, dopo quarantadue anni e dieci mesi di lavoro. Precoce con 60 anni di età

      Rispondi
  • Avatar
    18 Maggio 2019 in 15:24
    Permalink

    Chi ha 41 di lavoro e versamenti ha più diritto di chi ha 38. Altrimenti dove finisce la logica comincia Di Maio. Il fatto che lui si erga paladino dell’equità e giustizia, in questo caso si è dimostrato come tutti i politici da lui disprezzati. Quindi ha il mio massimo disprezzo perchè è un disonesto intellettualmente. Il M5S ha comprato i voti dei creduloni e lui si è tenuto la poltrona che tanto gli rende visto che era un signor nessuno. Di Maio non ha dignità, pensa solo al suo benessere, altrimenti caduto il governo dovrebbe andare a casa avendo fatto i due mandati. E poi come farebbe a introitare 15.000 mila euro al mese il bibitaro?

    Rispondi
  • Avatar
    18 Maggio 2019 in 14:39
    Permalink

    Solito bla bla bla da campagna elettorale come fanno ormai da anni tutti i politici per accaparrarsi voti Basta di prenderci in giro Lo ripeto noi precoci siamo esausti e non vi crediamo più Poi avete fatto una pseudo quota 100 che ha paletti più di uno slalom di sci Almeno 100 senza paletti Invece l, avete studiata a tavolino per fregate noi precoci Io con 41 anni di contributi continuo a lavorare con 57 anni di età Nell 2022 non me ne faccio niente della quota 41 sempre se verrà applicata ma non mi fido piu

    Rispondi
  • Avatar
    18 Maggio 2019 in 4:36
    Permalink

    Bla bla bla…. precoci e donne 61 le avete perse tutte….. almeno al nord

    Rispondi
  • Avatar
    18 Maggio 2019 in 0:49
    Permalink

    bisogna fare di urgenza quota 41 per tutti ,abbiamo dato troppi anni siamo lavoratori precoci ,e siamo stufi di essere presi in giro .abbiamo lavorato dignitosamente e vogliamo essere rispettati non raggirati .basta promesse ora vogliamo vedere i fatti .41 di vita lavorativa e tanta .

    Rispondi
    • Avatar
      18 Maggio 2019 in 17:05
      Permalink

      Ma per coloro che non appartengono alla categoria “precoci”, 41 anni di contributi sono troppi….! Basta fare “due” conti….

      Rispondi
  • Avatar
    18 Maggio 2019 in 0:42
    Permalink

    comunque in questo paese c’è sempre un’ingiustizia a livello pensionistico ,perchè non e accettabile che un lavoratore precoce che ha lavorato da piccolo oggi si vede scavalcare da quota 100.non dimentichiamo che prima che la Fornero cambiasse la legge si andava in pensione a 40 anni ,e se un lavoratore precoce a oggi a versato già 41 anni vuol dire che siamo già andati oltre il limite .se poi ci vien detto che nel 2022 faranno quota 41 per tutti, vuol dire che continuano ancora a prenderci in giro .ora basta con le menzogne date dignità a noi lavoratori precoci .nel 2019 dovete fare quota 41 per tutti senza penalizzazioni se volete essere credibili .

    Rispondi
    • Avatar
      19 Maggio 2019 in 12:29
      Permalink

      Confermo il tuo pensiero, chi deve prendere i voti per governare promette e promette quando arriva al governo fa come tutti, per il popolo per gli operai nessuno fa niente. La famosa legge Fornero ce lo metteva in quel posto, questi hanno fatto quota 100 e lo hanno messo in quel posto lo stesso…non cambia nulla e mai cambiera, ha rubato talmente tanto e continuano a farlo e hanno portato il paeae alla rovina

      Rispondi
  • Avatar
    17 Maggio 2019 in 22:58
    Permalink

    Già le solite promesse elettorali, tutti bravi a riempirsi la bocca ,mentre i precoci dopo 40 anni di lavoro duro in fabbriche o piccole officine si stanno consumando sul posto di lavoro. Purtroppo tanti ci hanno lasciato morendo senza arrivare alla agognata pensione . È ciò che hanno pianificato i vari governi precedenti far sì che la pensione diventi un miraggio lontano, consumando le nostre vite al lavoro!!!

    Rispondi
  • Avatar
    17 Maggio 2019 in 19:54
    Permalink

    Caro Giggino, onestamente se tu fossi restato a fare il pizzaiolo sarebbe stata la salvezza per tutti. Invece eccoci qui con le toppe al sedere e il paese che si inabissa giorno dopo giono. Sei sempre in tempo, comunque! Credo che renderesti felici molti milioni di italiani…Nom credo ci sia altro da aggiungere. Saluti.

    Rispondi
  • Avatar
    17 Maggio 2019 in 19:12
    Permalink

    Onestamente, non credo al ministro del lavoro, ha deciso di spendere i soldi, in deficit (che ne dica ha fatto debito!) in altre “manciette” punto, tutto il resto è demagogia politica.

    Rispondi
    • Avatar
      18 Maggio 2019 in 7:07
      Permalink

      livio forse non ti ricordi ,ma l’ultima manovra è stata fatta tutta praticamente in DEFICIT,e nessuno lo può smentire.La Fornero puntualizzò ai 2 cialtroni che non stavano ATTINGENDO A UN TESORETTO ( “ATTINGEREMO AL POZZO “) MA STAVANO CREANDO ALTRO DEBITO.

      Rispondi
    • Avatar
      18 Maggio 2019 in 8:24
      Permalink

      Neanche io ci credo, è il gioco delle parti

      Rispondi
  • Avatar
    17 Maggio 2019 in 16:49
    Permalink

    Ma come…che colpa abbiamo noi se abbiamo iniziato a lavorare dopo la terza media…
    Ma che Paese e mai questo….. .41 Per tutti A Qualsiasi Età senza Penalizzazioni….Per Tutta la vita..

    Rispondi
  • Avatar
    17 Maggio 2019 in 15:54
    Permalink

    E quindi….????
    Vuoi vedere che è colpa dei precoci e dei 41 che hanno fatto q100…????
    Ma smettetela Buffoni!!!
    Vi preme adesso i nostri 2.000.000 di voti(tra noi e i Nostri amici parenti e affini)…???
    Ci avete già presi x il C.. O una volta… BASTA INFAMI E POLTRONARI COME TUTTI I VOSTRI PREDECESSORI, ALTRO Che Cambiamento!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *