Pensioni, ultimissime scontro tra Tripiedi (M5S) e i precoci: frase infelice, si scusi

Le ultime novità sulle pensioni e nello specifico sui precoci, arrivano da un confronto-scontro, che si é sviluppato ieri sui social tra Davide Tripiedi (M5S) e i lavoratori con alle spalle 41 anni di contributi. I primi hanno commentato – ribadendo di non aver chiesto la quota 100, che nuovamente taglia fuori i precoci favorendo chi ha lavorato meno ma é più anziano- sotto ad un post/video in cui l’onorevole diceva: “E’passato un anno da quel 4 marzo che ha poratto il M5S al governo di questo Paese. In un anno sono state fatte tantissime cose: Reddito di cittadinanza, pensioni di cittadinanza, Quota 100, meno tasse e burocrazia per le PMi, etc. Adesso siamo nella sala Mappamondo per iniziare l’esame del Decretone. Saranno giornate lunghe e difficili. State con noi”. Tripiedi dalla sua ha risposto ai precoci con una frase che i lavoratori hanno definito davvero offensiva e per la quale hanno chiesto delle scuse pubbliche sui social, eccovi i dettagli.

Pensioni 2019, i precoci a Tripiedi: quota 100 chi ve l’ha chiesta

Daniela Bagni ha scritto commentando il post: “Egr Governo del Cambiamento, ancora una volta il conto viene presentato a noi lavoratori precoci. Non immaginate quanto abbiamo sperato in un Governo che finalmente avrebbe dovuto appianare queste differenze che ancora adesso sono vigenti. Da persone ragionevoli quali siamo, infatti non volevamo la pensione com’era una volta, con 35 anni o 38 o 40. Sapevamo che non poteva essere fatto con i conti e le risorse attuali, quindi abbiamo scelto con piena onestà intellettuale di poter andare in quiescenza con 41 anni di contributi..che ci avete promesso e poi invece ci avete tradito con quota 100 che per noi precoci non va bene, perché permette a chi ha solo 38 anni di contributi di andare in pensione e noi che ne abbiamo già oltre 41 no! Questa é una grave ingiustizia sociale”.

Poi ancora Ezio Galbi aggiunge: “Questo é il motivo per il quale siamo contrari alla quota 100 mai chiesta da nessuno. Si doveva iniziare cancellando l’Adv in modo vero, senza finestre, invece si é messo il vincolo di percepire il primo assegno pensionistico dopo 3 mesi. 3 mesi che non mi stancherò mai di ripetere NOn ci verranno mai restituiti. Poi per secondo concedere a tutti di poter andare in pensione con 41 anni di contributi. Tutelare chi é senza lavoro , e soltanto dopo la quota 100. Questo sarebbe stato l’ordine giusto”.

Pensioni 2019, scontro Tripiedi- precoci: ci deve delle scuse

Così ha risposto l‘onorevole Tripiedi generando profondo malcontento tra i precoci: ” Gentilissimo Ezio, se lei ha 41 anni di contributi le manca poco per andare in pensione! Un anno e 10 mesi. Per chi invece ne ha 38 di contributi ne mancano 4 anni e 10 mesi! Nessuno ha mai detto che non facciamo quota 41. Nessuno vi ha tradito! Primo passo é quota 100 che in poche settimane ha raggiunto più di 77.000 richieste! Prossimo obbiettivo quota 41 e ampliamento lavori usuranti”.

Ezio ha risposto: “Quello che io , e tanti di noi vogliamo dire quando usiamo il termine ‘traditi’ é che non é giusto vedersi superati da lavoratori con ‘solo’ 38 annidi contributi. Mentre noi che ne abbiamo 40/41/42 siamo costretti ad aspettare ancora.”

Daniela Bagni indispettita ha aggiunto” Davide non puoi dire ai lavoratori che hanno già lavorato 41 anni che ci manca poco per andare in pensione! Forse non ti rendi conto di cosa vuol dire lavorare 41 anni, giorno dopo giorno, uscire alle 7 del mattino e rientrare alle 7 di sera, tutti i santi giorni, per oltre 41 anni …la trovo veramente una frase orribile, una grande mancanza di rispetto verso noi lavoratori! Sai benissimo anche tu che quota 100 così come proposta non é una norma equa e giusta..potete rimediare solo facendo una finestra di uscita anche per noi che lavoriamo da molto più tempo.”

Francesca Marinella ha aggiunto senza tanti giri di parole: ” Vero é una frase offensiva nei confronti dei lavoratori precoci, mi auguro che lei o chi le segue la pagina si scusi !” Non resta che comprendere se l’onorevole, a cui gireremo il link dell’articolo, crederà o meno opportuno fare le scuse ai lavoratori o se preferirà aggiungere qualcosa in merito. Vi aggiorneremo.

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

4 pensieri riguardo “Pensioni, ultimissime scontro tra Tripiedi (M5S) e i precoci: frase infelice, si scusi

  • Avatar
    21 Marzo 2019 in 12:31
    Permalink

    Questo signore non ha la piu’ pallida idea di cosa voglia dire lavorare 41 anni in una fabbrica.Siete state eletti dal popolo e il popolo vi rimandera’ da dove siete venuti.Dovevate essere il governo del cambiamento a me pare che siate piu’ disonesti di quelli che vi hanno preceduti (il che’ e’ tutto un dire).Almeno loro non sbandieravano in campagna elettorale via la riforma fornero.Non ve la cavate con quella schifosa quota 100 che premia chi ha lavorato e versato meno.Tornate a casa!!!

    Rispondi
  • Avatar
    7 Marzo 2019 in 9:32
    Permalink

    Buongiorno a tutti,
    e buongiorno anche Voi sig. Ministri,Onorevoli, sottosegretari, Consiglieri, Assessori, Presidenti ecc. pensate tutto questo esercito di persone, ci costano circa 23 miliardi anno, milione più o meno!
    Ebbene alla fine chi paga questo ennesimo conto da follia? noi ovviamente noi, eterni lavoratori e come se non bastasse, questi mantenuti a vita si permettono di fare anche anche della banale ironia.

    Chiedo al Signore sopra immortalato, se esiste un suo conto Contributivo Certificato Inps dove si evince cosa ha versato di tasca Sua come contributi alla Stato? Questa domanda vale anche per tutti gli altri sopra elencati? sarebbe molto utile visionarli!

    Dico questo da cittadino onesto, oltre ad essere anche un lavoratore molto precoce con all’attivo quasi 46 anni anni di vita spesa giorno per giorno in fatica, sudore e sangue versando una montagna di denari allo stato ( Contributi), che li divora puntualmente senza mai essere sazio, come un branco di squali.

    Mentre domando sempre al signore in posa fotografica “e Lei cosa produce”??

    Le sue scuse non mi interessano, si figuri, mentre sarebbe molto utile per noi tutti che la paghiamo lo stipendio, capire ciò che compie quotidianamente, nel Suo produrre cosa? per meritasi, il Suo faraonico stipendio, pagato, ripeto da noi.

    Ecco allora, ci dimostri non con le solite parole, ma con fatti documentati, ciò che produce ogni giorno per questa nazione e per noi cittadini essendo anche i Suoi datori di lavoro.
    Diciamo pure il Suo valore aggiunto, che motiva questo montagna di denari pagati ogni mese alla sua persona.

    Resto disponibile a qualsiasi confronto, dove e quando vuole…

    Distinti saluti,
    Luigi Napolitano

    Rispondi
  • Avatar
    7 Marzo 2019 in 8:23
    Permalink

    Davide Tripiedi, età 34 anni, passati tra la culla e i banchi di scuola, mai visto una fabbrica e eletto in parlamento, altri banchi, con uno stipendio da noi pagato di oltre 15 mila euro. Ecco chi abbiamo eletto. Una persona insensibile, incapace di equità e pure prende in giro le persone. In pratica ecco cosa ha detto: ” E’ vero, mandiamo subito in pensione chi ha solo 38 anni di contributi e non dovete lamentarvi. In fondo a voi precoci di oltre 40-41 e anche 42 anni di contributi vi manca SOLO 1-2-3 anni di lavoro, cosa rompete gli zebedei.” Questo è del M5S, il famoso partito degli onesti. Vergogna, vergogna, infinita vergogna. Noi precoci forse siamo pochi e i nostri voti non vi interessano. Meglio la massa per poter essere rieletti. Avete venduto l’onesta, l’equità e la giustizia per i vostri sporchi interessi.

    Rispondi
  • Avatar
    6 Marzo 2019 in 12:59
    Permalink

    AVETE RAGIONE ABBIAMO LAVORATO 41 ANNI BASTA E AVANZA MI ALZO ALLE 2 LA MATTINA FACCIO TURNI DI NOTTE 100 KILOMETRI AL GIORNO PE R ARRIVARE AL LAVORO PENSO CHE UN PO DI RIPOSO CI VUOLE NOI ABBIAMO VOTATO PER IL CAMBIAMENTO !!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *