Ultime novità sulle pensioni anticipate 2018: Quota 100 ( 64+36) e assegno contributivo

Riforma delle Pensioni 2019, ultime news: polemiche su corsia preferenziale per quota 100

Anche oggi 17 aprile 2019 le ultime novità sulla riforma delle Pensioni 2019 riguardano la quota 100. Questa misura, che permette di superare la legge Fornero resta al centro di diverse polemiche, soprattutto per il fatto che ci sia una corsia preferenziale da parte dell’INPS per evadere le domande di quota 100 a discapito delle richieste normali di pensione. A questo proposito hanno parlato Marco Leonardi del PD ed il Segretario Confederazione Cisl Ignazio Ganga. Ecco cosa hanno detto.

Riforma Pensioni della legge Fornero: nuove polemiche su quota 100

Sulla Riforma delle Pensioni e sulle tempistiche dell’INPS ha fatto il punto in una nota il segretario della CISL Ganga, che spiega: ” Il rallentamento nella liquidazione delle prestazioni pensionistiche diverse da “quota 100” da parte dell’INPS denunciato dagli organi di stampa conferma, purtroppo, le preoccupazioni manifestate nei giorni scorsi dal sindacato. Per la Cisl non possono esistere pensionati di serie A e pensionati di serie B, ma tutti i lavoratori e le lavoratrici che vanno in pensione hanno egualmente diritto a veder liquidata la loro prestazione entro tempi ragionevoli. Non c’è dubbio che con “quota 100″ il personale dell’INPS debba fronteggiare un notevole incremento dell’attività, ma l’aumento delle domande di pensione deve essere gestito nel modo più adeguato anche alla luce del momento in cui è pervenuta la domanda e non solo sulla base della tipologia, facendo particolare attenzione alle prestazioni che hanno un particolare impatto sociale“.

Infine Ganga conclude spiegando che: “Questa situazione mette ancora una volta in evidenza la necessità ed urgenza di dotare l’INPS, così come tutta la pubblica amministrazione, di personale adeguato sia dal punto di vista quantitativo sia qualitativo, sbloccare i concorsi e bandirne di nuovi“.

Pensioni ultime news oggi 17 aprile: corsia preferenziale dell’INPS per quota 100?

Proprio sulla questione delle corsie preferenziali per chi ha fatto domanda con quota 100, è intervenuto anche Marco Leonardi, che su facebook ha scritto un post commentando l’intervista di Guglielmo Loy su Repubblica in edicola: “Non ne hanno colpa i cittadini, ma tutti sanno che Quota100 è una norma elettorale e insostenibile per i conti pubblici: dura solo 3 anni e chi va in pensione tra 3 anni rischia di pagarne il conto. MA -proprio per questo- vi pare normale che nella presentazione della domanda di pensione all’INPS uno che vince la lotteria #Quota100 e va in pensione a 62 anni abbia una corsia preferenziale rispetto a uno che oggi va in pensione a 67?

Leonardi, nel post che trovate incorporato qui sopra si riferisce alle parole di Guglielmo LOY rilasciate a Repubblica. Il presidente del CIV, Consiglio di indirizzo e Vigilanza dell’INPS, dice: “L’Istituto è organo del ministero del Lavoro, suo azionista. E da sempre molto attento alle direttive politiche. Ora però assistiamo a una forzatura molto evidente su quota 100, tradotta anche in circolari per spingere le sedi a lavorare soprattutto le nuove pratiche”.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Stefano Rodinò

Stefano Rodinò
Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *