Pensioni 2017 news al 7/11: ‘dopo 40/41 anni tutti i mestieri sono gravosi’

Le ultime novità sulle riforme pensioni 2017 continuano a concentrarsi sull’acceso dibattito che permetterà solo ad una platea ridotta, 17000 mila lavoratori sui 170.000 interessati dall’aumento dell’età pensionabile a 67 anni, di poter essere risparmiati, dall’aumento dell’età collegato all’ adv dal 2019.  Stamane abbiamo presentato un articolo in cui citavamo tutti i lavori attualmente considerati gravosi, nelle 11 categorie, come citati nelle circolari 99 e 100 che hanno permesso a taluni di fare domanda di pensionamento anticipato con quota 41 o ape sociale, e vi abbiamo chiesto, a vostro avviso, quale mestiere andrebbe introdotto nella lista.

Il post è stato oggetto di molti commenti e vi ringraziamo di cuore per questo, ogni vostra testimonianza e per noi spunto di riflessione e base di partenza per un nuovo articolo in cui darvi voce. Ecco quanto emerso dal confronto che speriamo prosegua con lo stesso entusiasmo a seguito di queste ulteriori considerazioni.

Pensioni 2017, chi stabilisce la lista dei mestieri gravosi? : i contributi devono avere pari valore

Cristian Cuppi scrive: “Categoria si, categoria no. Un NÌ. I contributi versati sono uguali per tutte le categorie. E hanno pari valore!!! È un teatrino di prosa. Drammatica. Già deciso. Si và verso lo spezzatino ulteriore per i lavoratori. Si assumono una forte responsabilità per quanto stanno decidendo. Senza assemblee nei posti di lavoro. Senza uno studio alternativo per reperire le risorse necessarie al blocco. Si creerà uno scalone diversificato che non porterà di certo a quello che tutti dicono e nessuno fà e farà mai: Una seria revisione della Legge Fornero. Accettando questo spezzatino si apriranno fronti nuovi. Negativi. Su tutti i fronti. Contrattuali, normativi, stipendiali. Un’altra pagina negativa sindacale. Chi scrive, è iscritto, lo rimarrà. Ma fortemente critico. E non poco. Si rifletta seriamente su queste aspettative di vita. Le nostre aspettative, non sono di certo quelle che stanno per essere concertate”

Riforma pensioni 2017 e adv: Dopo 40/41 anni i lavori sono tutti usuranti

Romana Schoepf scrive: Quando ti fai 41 anni di timbrature , tutti i giorni Per 41 anni …dico 41 anni ……beh credo che non serva aggiungere altro…..

Patrizia Picco aggiunge Non ci sono solo i lavori fisici a usurare.. anche stare dietro ad un pc per otto ore al giorno.. anche farsi un centinaio di km al gg per riparare apparecchiature…anche essere donna e avere dopo 8 ore di lavoro fuori casa.. ancora una famiglia da accudire..chi puo stabilire quanto uno sia usurato dal proprio lavoro??”

Lucio Filippini, concorda,  Il discorso è questo, a 40 sono tutti gravosi ed usuranti..!!!

Pensioni 2017, Adv dipende dai singoli casi, al più

Franco Faggionato Il dividere i lavoratori in categorie è una stupidaggine in quando bisognerebbe valutare caso per caso , lo stesso lavoro manuale effettuato da una persona sana ed una con una patologia tipo ernia a disco non possono essere messi sullo stesso livello, l’errore che si fa è pensare che a parità di mansioni il lavoro sia uguale, su vede proprio che chi pensa a questo in vita sua non ha mai lavorato

Insomma all’unisono i lavoratori pensano che dopo 40/41 anni di contributi tutti i mestieri siano ugualmente faticosi e non dovrebbero essere fate distinzioni per l’accesso alla pensione, i contributi versati dovrebbero, precisano, avere lo stesso valore. Al più proseguire dovrebbe essere solo una scelta del singolo su questo anche l’onorevole Baruffi, di cui abbiamo pubblicato il pensiero ieri, concorda:

Non è un caso, d’altra parte, che ci siano categorie di lavoratori che si sono battute in questi anni per poter rimanere al lavoro più a lungo (docenti università, dirigenti medici, magistrati, ecc.) mentre altre hanno vissuto con angoscia l’innalzamento dell’età pensionabile. Ci sono infatti lavori che non producono usura (e anzi aiutano a invecchiare meglio) mentre altri minano il fisico e la mente delle persone“.

 

 

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

4 pensieri riguardo “Pensioni 2017 news al 7/11: ‘dopo 40/41 anni tutti i mestieri sono gravosi’

  • Avatar
    14 Novembre 2017 in 13:54
    Permalink

    Buongiorno a tutti,
    anche io mi chiedo chi e con quale metro di misura abbia deciso quali siano i lavori usuranti.
    Anche io faccio parte dei precoci avendo iniziato a lavorare a 17 anni nel 1977.
    Faccio parte della categoria metalmeccanici, avendo e, facendo tuttora l’elettricista, cantieri al freddo in inverno e al caldo in estate, pranzare con la ” schiscietta” seduto su un asse da ponte, salire e scendere da ponteggi, pesi e tutto quello che ne segue.
    Sette anni fa infarto da stress e due operazioni al cuore, ma avanti a lavorare come un asino, ora continuo a fare l’elettricista manutentore in vari Ospedali, con un telefono e una reperibilità costante, telefonate notte e giorno ( un ospedale non sono uffici, e disponibilità deve essere continuativa sulle 24 ore).
    Nonostante tutto, con la mia cardipapatia ischemica non raggiungo il grado di invalidità richiesto, ma mi chiedo: imprese di pulizie usuranti, maestre di asilo nido usuranti, e chi fa cantieri e/o corre a qualsiasi ora del giorno e della notte tutti i giorni no?
    Attualmente ho 40 anni ed due mesi di contributi, e tra aspettare tre anni e qualche mese, mentre ne mancano solo nove di mesi ad arrivare a 41,………è una bella differenza , ma………….NON FACCIO UN LAVORO USURANTE……DICONO.

    Rispondi
  • Pingback: Opzione donna e Ddl 857 precoci, Rizzetto: 'è mancata la volontà politica' | Pensioni per tutti

  • Avatar
    7 Novembre 2017 in 23:01
    Permalink

    Per mestieri gravosi e/o usuranti si era inserito il notturno. Ma si sono messi dei paletti e cioe un tot minimo di notti all’anno nella fascia oraria che prevede almeno 5 ore di fila comprese tra
    la mezzanotte e le 5 del mattino. Ora mi chiedo se quasi tutti i contratti nazionali prevedono e pagano il lavoro notturno dalle ore 22.00 alle ore 6.00 , perchè hanno stabilito il paletto che dice 5 ore continuative dalla mezzanotte alle 5? Cioè io faccio un lavoro notturno che va dalle ore 20.00 alle ore 4.00 e x 1 ora non rientro nei privilegi della pensione anticipata pur avendo tutti gli altri requisiti, dal precoce in poi.

    Rispondi
  • Avatar
    7 Novembre 2017 in 22:49
    Permalink

    Un informazione il personale ata (bidelli) e’ lavoro usurante per 41 contributi Nella materna ,come le insegnanti .?grazie

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *