Riforma pensioni 2018 e anticipate, scontro sui social: quota 42 meglio di niente?

Le ultime novità al 14 agosto 2018 sulla riforma pensioni ed in particolare sulle misure di uscita anticipata verso cui pare propendere il nuovo governo giungono dalle reazioni che si sono scatenate sui social a seguito del nostro articolo di ieri sull’ipotesi di una doppia anzianità di uscita: ossia quota 42 senza limiti anagrafici e quota 100 dai 64 anni d’età. Il confronto è stato davvero acceso specie sulla quota 42 ed interessante dal punto di vista giornalistico sono emersi almeno 3 tipologie di futuri pensionandi: chi si accontenterebbe, chi si sente beffato, i speranzosi. Vediamoli nei dettaglio.

Pensioni anticipate 2018, ok a quota 42 meglio di niente

Tra i vari commenti lasciati sotto al nostro articolo leggiamo anche quelli di chi si dice quasi sollevato all’idea che qualcosa verrà effettivamente posto in discussione nella prossima legge di bilancio 2019, molti infatti iniziavano a temere che il capitolo previdenziale fosse stato messo in secondo piano, come Sereno che scrive: ” non possono scontentare l’ elettorato , l’ora di far proclami è finito ora servono fatti , oppure faranno fatica a mangiar il panettone , non è sufficiente” le risorse , i furti in casa , i Rom ,il reddito di cittadinanza , serve una buona politica pensionistica x noi e per i nostri figli” che poi aggiunge, accontentandosi: “Dovesse essere 42 così sull’ unghia….Non si può Non accettare ……lo so non era quello che hanno promesso , ma in tempi di guerra come questi…con lo Spread e l’ inflazione dietro la schiena…è pur sempre uno sconto di pena….contestabile finché volete , ma fatta coi piedi x terra.”

Roberto dal canto suo ha aggiunto: “ Una quota 42 me andrebbe più che bene, sempre che non abbia paletti, sarebbe un anno e tre mesi in meno ,poi per chi va nel 2023 sarebbero due anni e 9 mesi in meno, se ci fosse una quota fissa non suscettibile di aumenti sarebbe una cosa opportuna, c è da vedere quando si scontreranno con l’Europa”.

Sergino precisa, sembrando quasi soddisfatto: “ quota 42 senza paletti ben venga, con i tempi che corrono meglio un raffreddore che una bronchite, quota 100 con i paletti va bene per i “disperati”

Moreno dal canto suo precisa: “ quota 42 sarebbe meglio che niente e soprattutto sarebbe il segnale di voler veramente migliorare la condizione dei lavoratori. Praticamente invece dei 43 e 3 mesi previsti da fine anno dovremo farne 42 e la cosa è senz’altro positiva…Sarebbe la conferma che questo Governo è vicino alla popolazione. peggiorativo rispetto i 41 ma migliorativo rispetto i 43 e 3…e sinceramente piuttosto che niente è meglio piuttosto..” Graziano sinteticamente conclude:  Sarebbe già qualcosa meglio di adesso”. Poi vi è chi invece  si dice deluso dai continui proclami dalle promesse non mantenute.

Pensioni 2018, quota 42: una beffa, non era quota 41 per tutti?

Pantaleo analizza la situazione previdenziale ad oggi, dopo 2 mesi di Governo e tanta campagna elettorale e dice: “ Quando la smetteranno di dare numeri…??? Giocano sulle nostre aspettative…Noi vorremmo chiarezza ma sembra che loro facciano uscire diverse ipotesi x capire dove orientarsi!!! Io ricordo che prima del voto era: Abolire la Fornero, 41 di lavoro bastano e avanzano Precoci via i paletti….Ora si inventano di tutto“, poi lo sfogo e l’avvertimento al Governo: “Bene…a maggio faranno la fine di Renzi  Altro che 30di governo!!!”

Giuseppe affranto anche dai commenti dei suoi colleghi scrive:  “Qui molti lavoratori dicono…ma siii..dai meglio 42 anni che la legge Fornero…chi si accontenta gode…bene io PRECOCE…mi accontento..di 40.e mezzo..dato che le promesse..si mantengono..Se no vuol dire che sono solo parole al vento”

Poalo dal canto suo pensa alle donne e dice indignato pensando alla quota 42 proposta:” In ogni caso sarebbe un’altra beffa per le donne che avrebbero uno sconticino di tre mesi” ricordiamo infatti che dal 2019 per gli uomini con l’aumento dell’adv di 5 mesi l’uscita sarà a 43 anni e 3 mesi per le donne 42 anni e 3 mesi.

Nadia, lavoratrice basita rincara la dose e scrive:  42 per donne e uomini? ..per le donne non cambia niente con la Fornero 42 e 3 mesi”. Poi vi è anche chi spera sia solo l’inizio del cambiamento in campo previdenziale, confidando ancora nelle parole di Salvini che aveva effettivamente detto ‘quota 100 da subito per arrivare alla quota 41 poi”, sebbene altri fanno notare come lo stesso Salvini avesse anche detto in piazza, parlando di quota 100,  ‘i paletti li lasciamo sulla pista da sci’, come a sottolineare la poca credibilità ormai nelle parole del leader del Carroccio.

Pensioni anticipate, speranzosi: quota 42 solo l’inizio per arrivare alla quota 41

Pier Vincenzo, dice speranzoso e lanciando quasi un suggerimento al Governo: ” Se l’uscita con 42 anni di contributi si configurasse come passaggio intermedio per arrivare (ovviamente PER TUTTI I LAVORATORI, SENZA LIMITI ANAGRAFICI E/O PENALIZZAZIONI) ai 41 nel corso della legislatura, questo sarebbe un buon inizio. Si è capito, finora, che anche le altre misure, tipo flat tax e reddito di cittadinanza saranno attuate con gradualità, per le pensioni la gradualità non può significare solo quota 100 (col paletto anagrafico), ma va iniziato anche il cammino verso i 41 (c’è nel contratto) e quota 42 (senza altri limiti e/o penalità), unitamente alla cancellazione dei 5 mesi dell’aspettativa di vita sarebbe, a mio giudizio, un buon inizio: non si deve dimenticare che ci sono lavoratori che nel 2019 avranno già maturato 41/42 anni di contributi, non si può dire loro “aspettate ancora”.”

Cosa ne pensate ed in quale tipologia vi riconoscete maggiormente? Siete tra coloro che si accontenterebbero della quota 42, tra quanti si dicono delusi o tra gli speranzosi che sia solo l’inizio di un’importante controriforma? Lasciateci come sempre un vostro prezioso commento.

 

 

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Erica Venditti

Erica Venditti
Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

79 commenti su “Riforma pensioni 2018 e anticipate, scontro sui social: quota 42 meglio di niente?

    Felice

    (27 Agosto 2018 - 14:17)

    Quota 42 senza paletti potrebbe anche andare bene, l’importante che si prende una volta per tutte una decissione,

    salvo

    (18 Agosto 2018 - 21:11)

    Ormai non abbiamo più speranze. Il dato di fatto è che non abbiamo compagine politiche capaci di fare riforme coraggiose. Che siano M5S, Lega, PD,FI, etc…. son tutti lì che aspirano ad arrivare al potere e poi fare a modo loro .
    Adesso l’ultima proposta delle zone franche per far pagare meno tasse come quei pensionati che fuggono all’estero in paesi come il Portogallo. Ennesimi annunci propagandistici a cui siamo abituati. Anzi che hanno abituato da sempre, dall’unione d’Italia, anche i nostri genitore e i nostri nonni. Tutto fumo e niente arrosto.
    Poi la flat tax per redditi fino a 100.000 € solo per imprese, artigiani, star up. Per i lavoratori dipendenti reiddito fisso niente,
    Pensione quota 100 con paletto di età, 64 anni, e forse quota 42 che prima era quota 41. E noi tutti lì a credere che stavolta erano quelli giusti, quelli che la pensavano cone noi cittadini tutti. Si dico tutti perchè non puoi creare diseguaglienze con queste assurdità ( zone franche ma chi li decide e con quali criteri e perchè solo i pensionati). FLAT TAX solo alla categoria privata ( imprenditori, artigiani etc…) sempre escludendo la categoria dei lavoratori dipendenti che così rimangono di fatto quelli da tosare sempre perchè con il reddito fisso non puoi evadere te li prendono direttamente dalla busta paga. Avete fatto caso che nessunno della compagine del governo spenda una parola per questa categoria. Proprio così come i loro predecessori che tanto venivano da loro condannati adesso l’unica preoccupazione è il mondo del lavoro privato imprenditoriale quello piccolo perlomeno. Intanto di tutte le promesse elettorali morte.
    Basterebbe ben poco per sollevare tutte le categorie, basterebbe abbassare di qualche punto percentuale le classi irpef attuali così da evitare ingiustizie con l’applicazione di riforme che a ben capire neanche loro hanno l’esatta contezza dell’impatto. bastere dire che quota 100 vale da una certa età ma che a 40 anni di contributi un lavoratora ha diritto di riposare, se lo vuole, così come il Ministro Salvini si era espresso a favore in una intervista pre elettorale.
    Basterebbe poco per fare le cose giuste. Ma i politici italiani strombazzano sempre grandi modifiche che in realtà è solo un guazzabuglio per creare confusione e prendere sempre sul sicuro e tentare di guadagnare qualcosa sull’insicuro. come sempre cambiare tutto per non cambiare nulla. Sono passati 158 anni ma nulla è cambiato, Sempre la fanno da padrona banche e lobby finanziarie e i nuovi Notabili gattopardeschi sono quelli ch in combutta con i politici di qualunque specie fanno parte di quel mondo Manageriale ( anche la classe dirigente pubblica) che ormai detiene un potere economico che non vuole più lasciare.
    Nulla si farà perchè nessuno dimostra di voler fare o di saper fare. E anche se ne qualcuno ne avesse le capacità gli altri attorno lo bloccherebbero senza alcuna difficoltà grazie al sistema politico, lobbistico ed economico-finanziario taliano.
    A dimenticavo. anche questo governo segue le orme demenziali delle grandi opre declamate dal precedente governo, Mi riferico ai famosi 80 euro che tanto sono state strobazzate come toccasanaper l’economia delle famiglie. Certo per l’economia di una famiglia con casa di proprietà, marito professore luminare o dirigente che prende anche 200.000 lordi l’anno e il coniuge lavoratore che con soli appena 25.000 euro percepisce l’obolo da parte dello stato hanno sicuramente una boccata d’ossigeno. ma per il lavoratore monoreddito che però prende 30.000-35.000 euro lordi l’anno però con moglie e figli a carico e magari un bell’affito da almeno 500 euro al mese ( se fortunato) gli 80 euro li vede con il binocolo perchè per lo Stato guadagna troppo e perciò non gli spettano.
    Anche questi hanno detto che non si toccano gli 80 euro. Se per voi queste non sono le comiche non so voi ma io mi chiedo ma possibile che non ci sia una testa di cavolo in questi economisti o politici che 2+2=4?
    Ecco perchè io non nutro più speranze e che elezioni sono solo tempo inutile. la dimostrazione sta nelle piccole cose come queste che evidenziano l’imbecillagine ( voluta o no) di chi potrebbe fare le cose giuste e invece non le fa.

      Luciano

      (20 Agosto 2018 - 7:14)

      La forza sociale unita dei LAVORATORI è stata sciolta dal 1996 e divisa in 3 classi sociali con tre diversi sistemi pensionistici: 1)contributivo puro. 2)contributivo misto. 3) retributivo .
      Ora, noi lavoratori siamo in contrapposizione fra di noi stessi , certamente, io con il sistema contributivo, non mi sento di lottare solo a favore dei lavoratori prossimi alla pensione con il vantaggioso sistema retributivo .

    Stefano1

    (17 Agosto 2018 - 22:02)

    Se i sindacati non interverranno SERIAMENTE non abbiamo piu speranze…

    Renato

    (17 Agosto 2018 - 21:05)

    Anche questo governo fà cassa sui pensionati e chi evade se la ride

      Stefano

      (21 Agosto 2018 - 11:05)

      I sindacati? Non interverranno mai visto i privilegi che hanno dagli anni 70.

      ANTONIO

      (21 Agosto 2018 - 17:04)

      Stefano 1, voglio comunicarti che il sindacato non è altro che l’anticamera della politica, per cui credo che stia meglio fuori.
      Poi voglio aggiungere che questo governo non si rende conto che effettivamente nel 2019 molti lavoratori avranno tra i 41 / 42 anni di contributi senza avere i 64 anni di età, quindi mi domando e dico, quando si avrà 64 anni la quota 100 sarà di 106/108 e credo che questo non è giusto, per cui egregio governo cercate di risolvere il problema ( che non è semplice ) per evitare che con 42 anni di servizio e 62 anni di età come li ho io, si debba ancora aspettare per andare in pensione.
      Grazie

    ANTONIO

    (17 Agosto 2018 - 20:17)

    Renato, se Salvini ci diceva che doveva finanziare le pensioni con i ns. sudori lo prendeva nel CULO, altro i ns. voti.

    Renato

    (17 Agosto 2018 - 19:39)

    Salvini se ci dicevi che intendevi finanziare le pensioni con i soldi dei pensionati non avresti preso neanche un voto

    Renato

    (17 Agosto 2018 - 19:15)

    Salvini sei proprio una persona di parola, stai cambiando la Fornero MA IN PEGGIO. Lascia tutto com’è che è meglio , stai rubando soldi a pensioni OPERAIE ( 2000/2500 € lorde lì prendono anche operai specializzati

    Lodovico Simonelli

    (17 Agosto 2018 - 18:19)

    Nato nel 1958 primi contributi nel 1976 ora 41 di contributi e 60 di età. La generazione di coloro che inseguono la pensione e non la raggiungeranno mai. Figli di un dio minore perché non possiamo far valere diritti acquisiti al momento della sottoscrizione del rapporto di lavoro che prevedeva doveri e anche diritti. Mentre chi non sottoscrive nessun rapporto di lavoro ma ricopre certe posizione può ricorrere per incostituzionalità se gli vengono ridotti certi privilegi. Ormai ho perso la stima di tutta la classe dirigente di questo paese degli ultimi 40 anni. Veramente complimenti !

    Stefano1

    (17 Agosto 2018 - 16:25)

    Se devono fare gli interessi del popolo che lascino come era prima!!!
    Ma ascoltano o no il malumore della gente??!

      annamaria

      (17 Agosto 2018 - 17:11)

      ragazzi sono disperata…vi copio un link e fate la ricerca sulla rete…ma vi rendete conto cosa scrivono?
      https://www.money.it/riforma-pensioni-Quota-42

      sti bastardi diffondono notizie per farci sapere che chi ha 64 anni e 36 anni va in pensione nel 2019…ed io o voi tutti che ho quota 101 quest anno e per di piu’ precoce perchè ho iniziato a lavorare a 15 anni anche se poi ho avuto un periodo di non lavoro ma comunque ho 4 anni di lavoro prima di 18 anni, solo perchè non rientro nelle categorie usuranti dovrei aspettare i 64 anni con l’eliminazione del retributivo…ma siamo matti o cosaaa…..lasciateci la fornerooooooo esco a gennaio 2020 col retributivo…a chi ha detto in questi post che dobbiamo pensare ai giovani, ai giovani ci pensiamo se ci mandano a casa e lavorano subito….ma i sindacati non parlanooooooo? o si voltano dall’altra parte come ai tempi di monti e fornero?
      lasciateci il meno peggio…la riforma fornero…è inaudito che chi ha 36 anni di servizio vada in pensione subito e chi ha 42 43 44 resti al lavorooooooo….

    Renato

    (17 Agosto 2018 - 15:40)

    Ogni giorno sentiamo condizioni peggiori, ma che cavolo avete promesso??????!!!!!!!Appena riapre il parlamento annullate l’adegiramento dei 5 mesi a partire dal 2019 per quanto riguarda le pensioni di invalidità ci vogliono 4/5 giorni ( la Fornero è stata approvata in 3 giorni ) questo è il minimo che potete fare e FATELO SUBITO . Grazie e basta fare proclami .

      Giuseppe

      (21 Agosto 2018 - 12:19)

      Capisco benissimo il tuo stato d’animo e vorrei aggiungere il mio, che poi è quello di tanti altri, non sono lavoratore precoce, ma ad oggi ho 42 anni e 3 mesi di contributi, con 62 anni e 9 mesi di età anagrafica, il che mi porta alla non trascurabile QUOTA 105, secondo la Fornero andrò in pensione a settembre 2019 cioè devo lavorare ancora 1 anno e arriverò a 43 anni e 3 mesi e 63 e 9 mesi, QUOTA 107, il tutto con il sistema retributivo. Ora mi domando, a cosa mi può servire la promessa quota 100 con il paletto a 64 anni e il ricalcolo contributivo? A niente, perché a 64 anni sarò già in pensione con la Fornero e con il retributivo. E ancora a cosa mi può servire la quota 41 o peggio la 42 a partire dal 2020, sempre con il ricalcolo contributivo? A niente, perché andrò in pensione nel 2019, sempre con la Fornero e sempre con il retributivo. Sembra che io e quelli come me, non abbiamo diritto a nulla di quanto è stato promesso, purtroppo con le modifiche che via via vanno dicendo, i non aventi diritto a nulla, siamo sempre di più ed è questo che interessa a loro!
      Il tempo passa e la mancanza di provvedimenti fattivi continua a creare ingiustizie di questo tipo, io e tutti quelli come me, stiamo a guardare quelli che andranno in pensione con la quota cento e con solo 20 anni di contributi, o con la 42 e neanche 60 anni di età, mentre continuiamo a lavorare fino a quota 107 e per alcuni anche oltre.
      Nel passato nessuno ha mai lavorato tutti questi anni, per andare in pensione e purtroppo neanche in futuro nessuno lavorerà mai tutti questi anni per andare in pensione, questo perché i giovani cominciano a lavorare non prima dei 30 anni e dico poco.
      A questo punto mi domando e domando a loro, ma la cosa più semplice del mondo, lo stop all’aspettativa di vita, che per altro dai dati ISTAT è in controtendenza, NO???? Sarebbe un piccolo segnale e uno zuccherino per tutti, oltre che un’inizio rapido e veloce di un’iter certamente lungo e complicato, che potrà poi portare a riforme più incisive, ma non ne parlano nemmeno, sti bastardi, le cose promesse, si cominciano a fare subito, il gioco delle attese, lo conosciamo già fin troppo bene, nel mentre la gente va in pensione lavorando di più e senza beneficiare di nulla e c’è anche chi ci muore, nell’attesa.
      Non voglio sapere più niente, VOGLIO ANDARMENE IN PENSIONE CON LA FORNERO E CON LA MIA QUOTA 107!!!!!!
      Oggi è il male minore, credetemi!

    Triste!

    (17 Agosto 2018 - 13:16)

    Speravo in quota 100 ma vera! sarei andato nel 08/02/2021
    La quota 100 rivista per me si chiama quota 106 e mi porta al 25/06/2024.
    Meglio Quota 41 che per me vuole dire 23/09/2022 anche se ora diventa quota 42 cioè 23/09/2023 sempre 8 mesi prima!!!
    Altrimenti con i 42 e 10 mesi andrei 23/07/2024.

    Stiamo dando i numeri e “di doman non c’è certezza”.

    Franco

    (17 Agosto 2018 - 13:14)

    Spero che la legge Fornero non venga assolutamente toccata perche’ da come ho capito il gatto e la volpe sono peggio della grandine addirittura vogliono mettere i paletti alla quota 42 con il calcolo tutto contributivo?? e partirebbe dal 2020?? ma farebbero prima a dire scusate abbiamo scherzato .

    Giuseppe C.

    (16 Agosto 2018 - 23:18)

    Posso sbagliare, ma mi sembra di ricordare che la Onorevole Meloni, nella passata legislatura, si lamentasse che non era stata accolta la Sua proposta di taglio delle pensioni d’oro, se ben ricordo, posso sbagliare, da eseguire in concomitanza di un cambiamento, in merito, della Costituzione, dato che Lei, almeno, la Costituzione la conosce.
    Se sbaglio chiedo scusa. ma non credo di ricordare male.

    ANTONIO

    (16 Agosto 2018 - 17:14)

    E’ INUTILE CHE CONTINUIAMO A MANGIARCI IL FEGATO. I NOSTRI SINDACATI FANNO LA MANIFESTAZIONE QUANDO LA VACCA E’ SCAPPATA, ( quando oramai è tutto definito tanto è che il governo manco se li caga ) BISOGNA PRENDERE I FORCONI SUBITO E ANDARE A TOGLIERLI DALLE POLTRONE. FARE ARROSTO PER TUTTI.

    Stefano1

    (16 Agosto 2018 - 16:57)

    Sembra che il loro obiettivo sia mandare in pensione la gente il PIU TARDI possibile…e con meno soldi…

    Lucio

    (16 Agosto 2018 - 16:23)

    Sono un ammasso di cialtroni,si continua a fare cassa sulla vita della povera gente,in questo caso con i pensionati presenti e futuri.
    Non toccate nulla lasciate tutto cosi’ che e’ meglio.

    Renato

    (16 Agosto 2018 - 14:49)

    C’erano i soldi per realizzare tutte promesse elettorali.Sono passati 6 mesi dal 4 marzo le legge Fornero è ancora vigente ( e con quello che ci prospettano speriamo non la tocchino), ogni giorno ne sentiamo sempre peggio,parlano di ricalcolare la pensione anche a chi è in pensione dalla data del pensionamento ai 67 anni della pensione di vecchiaia ( FOLLIA PURA ). Contributo di solidarietà a partire dai 2000 € LORDI ( FOLLIA PURA ) . Ricalcolo con il sistema CONTRIBUTIVO dal 1995 al 2011. Ogni giorno si prospetta un futuro sempre più incerto ,il governo Gentiloni ha azzerato la penalità introdotta dalla legge Fornero in caso di pensionamento prima dei 63 anni dell 1% ogni anno dopo i 60 anni e del 2% fino ai 60 anni ,io avrei perso il 5%.Questi cialtroni vogliono peggiorare situazioni già sanate, e si stanno inventando di tutto per alleggerire il nostro futuro assegno ALTRO CHE IN PENSIONE A41 ANNI SENZA PALETTI.SALVINI l’80 %’dei tuoi voti li hai presi da operai che speravano nella quota 41 e invece sono proprio i dipendenti che vuoi FOTTERE . CI STAI FREGANDO

    […] che le promesse non sembrano poter essere mantenute, a causa della mancanza di risorse, il malumore sui social cresce e si chiede chiarezza al nuovo esecutivo, che comunque entro breve, legge di bilancio alle porte, dovrà ‘scoprire le proprie […]

    Giuseppe C.

    (16 Agosto 2018 - 11:18)

    Io non li ho neanche votati; e nemmeno il PD o Leu ma, una volta fatto il danno e tolti i diritti, poi ci vogliono decenni per ritornare indietro! Occorre pensare bene prima di votare. O non votare.

      Ivo valsecchi

      (16 Agosto 2018 - 12:27)

      Concordo il danno fatto da Monti e da renzi con il.CRIMINAL.ACT sono muri che serviranno decenni a smantellarli . Operazioni da criminali di pace. Io non dico chi votare ma per cortesia mai vitare magliette rosse fanatiche, PD o questa specie di partito non di sinistra, quello che resta di FI ormai in estinzione. Non resta molto . Io ho.votato lega ma se mi.fregano tre 2 mesi mai piu’ che la Meloni sia l’unica dalla nostra parte ? Do a salvini tempo 3 mesi poi decido. Occhio Matteo altrimenti precoci e donne ti faranno fare la fine del pinocchio fiorentino

        massimo

        (16 Agosto 2018 - 17:51)

        ANCORA UNA VOLTA RISCONTRO CHE ABBIAMO DEI PENSIERI IN COMUNE. ANCHE IO HO VOTATO LEGA MA SE SALVINI NON MANTERRA’ LE PROMESSE CON ATTI CONCRETI PENSO CHE ANCHE IO RIPORRO’ LA FIDUCIA IN MELONI.

    Elio

    (16 Agosto 2018 - 10:25)

    Ma veramente pensavate che avrebbero abolito la fornero? Poveri illusi, ma se in Italia si son mangiati tutto non ci sono più soldi anno preso tutto loro noi dobbiamo solo morire, mi dispiace che i nostri genitori anno dato la vita per questa Italia e loro l’anno distrutta

      Giuseppe C.

      (16 Agosto 2018 - 23:12)

      Posso sbagliare, ma mi sembra di ricordare che la Onorevole Meloni, nella passata legislatura, si lamentasse che non era stata accolta la Sua proposta di taglio delle pensioni d’oro, se ben ricordo, posso sbagliare, da eseguire in concomitanza di un cambiamento, in merito, della Costituzione, dato che Lei, almeno, la Costituzione la conosce.
      Se sbaglio chiedo scusa. ma non credo di ricordare male.

    Agostino

    (15 Agosto 2018 - 23:30)

    ==> Renato – …. Possono essere 2000 € al mese per oltre 15 anni ma dovessi morire prima????????!!!!!!! –

    Il giorno in cui tutto il popolo dei lavoratori italiani capira’ “questo” FORSE … CI SI SVEGLIERA’ e si passera’ dalle parole ai fatti ….

    Renato

    (15 Agosto 2018 - 19:21)

    Enzo hai perfettamente ragione, il montante contributivo é in pratica l’estratto conto di quanto abbiamo versato nella nostra vita lavorativa ( nella mia ho verificato oltre 350.000 in 42 anni sul sito INPS ) erano pochi soldi e in lire ma vengono rivalutati ogni anno con precisi coefficienti. L’ho detto anche ieri sonno soldi nostri non è assistenza sociale non li possono toccare. Possono essere 2000 € al mese per oltre 15 anni ma dovessi morire prima????????!!!!!!! Dobbiamo andare in pensione a che età?? 52 basta e avanzano , i soldi per le pensioni minime li trovino da altre parti. Altrimenti mi diano tutto il mio montante che ho versato, e poi magari chiedo la pensioni sociale come tanta gente che evaso per una vita intera e ora si lamenta che 480 € sono poche

    Enzo

    (15 Agosto 2018 - 18:55)

    Devo ancora capire come contano questi fenomeni chiunque abbia versato 40 o più anni di contributi all’ Inps ha in realtà versato un fiume di soldi pari a circa 300.000 euro certo ragazzi ricordo perfettamente che un operaio nel 1978 guadagnava circa 150.000 mila lire al mese ed una piccola utilitaria costava 800.000 lire quindi all’epoca un operaio versava circa 70.000 lire di contributi mese esattamente come oggi 500/700 euro mese quindi siamo stufi di elemosinare un nostro diritto pagato profumatamente negli anni all’Inps oltre il danno la beffa avessimo depositatio questa fortuna in posta o in banca oggi a 60 anni di età non ci resterebbe che recarci alla cassa a riscuotere i nostri 300.000 euro più gli interessi mentre questi signori ci stanno convincendo che bisogna aspettare altro tempo e che i soldi nostri sono finiti non sono finiti forse qualcuno li ha spesi male regalando pensioni a coloro che non anno mai e poi mai versato un tubo io e tanti altri cittadini vogliamo i nostri soldi versati in 40 anni o la pensione subito ora basta con le palle.

      Giuseppe C.

      (16 Agosto 2018 - 10:49)

      O, perlomeno, diano la possibilità di non aderire alla pensione INPS e prendere lo stipendio pieno, se, poi, la TUA pensione in essere, ottenuta con le regole OBBLIGATORIE vigenti, te la rinfacciano come se tu fossi quasi un delinquente che si è approfittato e ti offendono chiamandoti NABABBO A SPESE DELLO STATO e continuano a discutere, insieme al Presidente dell’INPS (che i pensionati, suoi dante lavoro, ho l’impressione dovrebbe difendere) come ricalcolare e ridimensionare DIRITTI QUESITI SU SOLDI GIA’ TUOI, cosa non concepibile in uno Stato di diritto, come da libri di diritto.
      La cosa mi preoccupa: non è che, a nostra insaputa, la Troika e la Grecia ce l’abbiamo già in casa? Perlomeno io ricevo questa impressione quando sento il Ministro del lavoro discutere di cosa fare dei soldi delle pensioni altrui.
      Dare la possibilità di prendere il capitale al posto della pensione, come in Inghilterra.

      Giuseppe C.

      (16 Agosto 2018 - 10:53)

      Certo Renato e, peraltro, nessuno dice che , come banche e finanziarie quando erogano un prestito quarantennale, anche il lavoratore che ogni mese presta i suoi soldi come contributi INPS allo Stato ha diritto a guadagnarci e non solo a prendere quanto versato! Altrimenti, se prendi solo quanto versato, perché non poter andare in pensione anche il giorno dopo ma dover aspettare, come col contributivo, tot anni?

      Giuseppe C.

      (16 Agosto 2018 - 10:55)

      I soldi per le pensioni sociali, ovvero assistenza e non previdenza, vanno pagati, come negli altri Paesi, con la fiscalità generale e non coi soldi che i lavoratori versano all’INPS per la LORO pensione! Perché l’assistenza la dovrebbero pagare soli i lavoratori?

    CARLO CONTE

    (15 Agosto 2018 - 18:45)

    Concordo pienamente con quanto sostiene Renato, nei confronti di Ivo e della Lega. Aggiungo che la Lega ha governato con Berlusconi per circa 20 anni, lasciandoci nel 2011 senza mutande. Il governo Monti nacque per recuperare i disastri di Berlusconi-Tremonti, con l’appoggio di tutti i partiti, senza la Lega perchè aveva ed ancora ha la fobia della sinistra e perciò non prese parte a quel governo e non votò mai a favore di nessuna legge. Solo per questo motivo è contro la legge Fornero, tant’è che le proposte di superamento della stessa sono alquanto peggiorative. E di questo c’è solo da prenderne atto. Se ciò non fosse vero non mi spiego la totale mancanza di chiarimenti sulla questione pensioni. Le sbruffonate promesse in campagna elettorale finora sono state smentite dai fatti. Ormai tutti fanno campagna sui social, infatti Salvini parla solo ed unicamente per slogan. E’ evidente che non è in grado di fare un discorso articolato. Il famoso “prima gli italiani”, nei fatti cosa significa? Caro Ivo , delle famose miniere di diamanti di Belsito, dei soldi rubati da Bossi ed i suoi figli, hanno dato qualcosa a te o ad altri militanti? Ovvio che le ruberie e le sbruffonate succedono in tutti i partiti, però Ivo, io non ho invitato nessuno a votare per qualcuno. Ho detto e straconfermo che questi due sono incompetenti a governare, sono bravisssimi a sfruttare i social e basta. Purtroppo siamo alla decadenza totale delle ideologie e mio malgrado preferisco un politico capace e forse ladro ad un politico deficiente e forse onesto. Senza rancore verso nessuno, mi limito ad esprimere quello che penso. Sono d’accordo con chi sostiene che in pensione ci vanno prima chi ha più anni di servizio, poi gli altri; senza paletti e senza penalizzazioni. Buon ferragosto a tutti

    Renato

    (15 Agosto 2018 - 18:19)

    Il problema di questo governo è l’allea con i 5 stelle dove ci sono persone manovrate dal duo Grillo/Casaleggio che pensano essere esperti in tutto ( nel 2014 hanno sentenziato che il ponte Morandi di Genova sarebbe rimasto in piedi altri 100 anni!!!!!!!!!!!!!!!!) ma chi pensano di essere tecnici o ingegneri. Cavalcano qualunque protesta ogni mal di pancia per acquisire voti( TAV/VACCINI/TAP e ora anche l’omeopatia ) . 2 persone non possono condizionare milioni di personi miopi che hanno il loro credo nel pensiero del DUO. La LEGA deve stare attenta ( vedi 2 giorni fa la stesura della Legge sulla pensione anticipata 41/42 e quota 100 ) hanno presentato la riscrittura dell’accordo modificandolo totalmente e sembra che la LEGA non se ne fosse neanche accorta, visto che adesso il testo dovrà essere modificato. I 5 stelle sono animati da una brama di vendetta verso chi guadagna molto soprattutto di pensione. Non possono pensare che chiunque guadagna più di 4000 € sia un ladro o un privilegiato vogliono tagliare soldi a destra e a manca per elargire il reddito di cittadinanza o aumentare le pensioni sociali ( in campagna elettorale hanno ripetuto per mesi che i soldi c’erano) rischiano di fare leggi incostituzionali poi verrebbero a mancare soldi col rischio di ritrovarci con nuove tasse. I 5 stelle non possono proporre di tagliare tutto sopra i4000 € anche chi ha versato parecchio. Salvini deve stare attento perché lo fregano

    Renato

    (15 Agosto 2018 - 14:55)

    Ivo , vorrei ricordare a tutti che la tua decantata LEGA non è esente dallo sconquasso che lasciò il governo Berlusconi nell’autunno 2011 nelle mani del governo tecnico Monti che partorì la famigerata legge Fornero. Ricordo bene che voi non la votaste ma ti rammento che nel mese di luglio tutto i partiti della vostra coalizione ( FI/LEGA/ F.lli d’Italia) strattonavate Tremonti il ministro del tesoro di allora, per elargire le promesse elettorali per i rispettivi elettori. Ti ricordo che allora la TUA LEGA proponeva per raccogliere fondi ,di azzerare nel computo dell’anzianità lavorativa INPS l’an della LEVA e gli ANNI dell’UNIVERSITÀ. Questa era una proposta demenziale e venne subito accantonata dopo una protesta generale. Ora a distanza di 7 anni siete diventati paladini della quota 41/42 nella vostra campagna elettorale del 4 marzo ( CANCELLEREMO la Fornero nei primi 15 GIORNI di GOVERNO) siamo al 15 di AGOSTO fai tu.I governi che si sono succeduti dal 3011 al 2018 hanno dovuto porre rimedio all’ul governo Berlusconi che si dimise lasciando un buco di bilancio di oltre 40 miliardi è uno spread a 580. In quel governo la LEGA non era SPETTATRICE, ricordatelo sempre!!!Speriamo che questa volta la LEGA faccia una legge equa evitando di mettere paletti perché siamo stufi di fregature

      Ivo valsecchi

      (15 Agosto 2018 - 16:16)

      Renato la differenza e’ che il governo monti fu la piu grande disgrazia che potevamo avere, fatta passare come unica soluzione solo per poter togliere I diritti ai lavoratori. Se la lega non fara’ una cosa equa non votero’ piu lega, ti ripeto io non sono un militonto PD che continua a votarli solo per fanatismo

      Giuseppe C.

      (16 Agosto 2018 - 11:05)

      Hanno anche deciso loro con processo sommario chi siano i colpevoli del crollo del ponte, dicendo che non possono aspettare i tempi della giustizia e che revocano la concessione alle autostrade. Indiendentemente da altri ragionamenti, ma vi rendete conto cosa significa tale ennesima dichiarazione?
      Passare sopra la separazione dei poteri dello Stato, della Magistratura? ma si rendono conto che i processi sommari si facevano solo nel Far West e dal Klu Klux Klan?
      Ma dove si vuole arrivare, in questo Paese, quando un Ministro dice: “… Lo Stato siamo noi…”, “l’etat ce moi,” come il Re Sole? Non sanno che in Italia vige una Democrazia Parlamentare? Possibile, peraltro, che NESSUNO GLIELO RAMMENTI ISTITUZIONALMENTE?

      Giuseppe C.

      (16 Agosto 2018 - 11:16)

      La mia impressione è che, ormai, in questo Paese, si sia seminato, anche con l’aiuto di certi media, odio sociale mettendo tutti contro tutti. “Divide et impera” chi, altrimenti, si sarebbe rivoltato contro i veri responsabili della loro vita mal ridotta e dello stato sociale in via di distruzione. La mia impressione è che, nel seminare odio sociale verso chi ancora abbia un briciolo di normalità di vita e di DIRITTO (invece di cercare di ridare ciò anche a chi l’abbia perso e ne avrebbe diritto) si calcolino a tavolino i numeri delle persone, ovvero dei voti, che convengono : i resi poveri sono più dei pochi rimasti garantiti? Allora seminiamo odio verso i garantiti così prenderemo voti dagli incapienti.
      POPULISMO BUE! Il grave è che, per ora, quando si dichiara qualcosa di incostituzionale (e non solo), io ricevo questa impressione, posso sbagliare ma ho diritto a dire – perlomeno ancora – di averla, mi sembra nessuna istituzione preposta intervenga decisamente a rimettere in regola i modi di agire.

        Giuseppe C.

        (16 Agosto 2018 - 15:15)

        ERRATA CORRIGE RIFERIMENTO ALTRO MIO COMMENTO DEL 16 agosto 2018 – 11,05: “L’ETAT C’EST MOI” E NON CE MOI”.
        Riporto corretto il mio commento che avevo scritto sbagliato per la fretta; scusate!:

        Hanno anche deciso loro con processo sommario chi siano i colpevoli del crollo del ponte, dicendo che non possono aspettare i tempi della giustizia e che revocano la concessione alle autostrade. Indipendentemente da altri ragionamenti, ma vi rendete conto cosa significhi tale ennesima dichiarazione?
        Passare sopra la separazione dei poteri dello Stato, della Magistratura? ma si rendono conto che i processi sommari si facevano solo nel Far West e dal Klu Klux Klan?
        Ma dove si vuole arrivare, in questo Paese, quando un Ministro dice: “… Lo Stato siamo noi…”, “l’etat c’est moi”? come il Re Sole? Non sanno che in Italia vige una Democrazia Parlamentare? Possibile, peraltro, che NESSUNO GLIELO RAMMENTI ISTITUZIONALMENTE?

      Giuseppe C.

      (16 Agosto 2018 - 11:21)

      Sarebbe come fare una legge che dice che chi abbia più di tot mlla euro in banca, sopra tale soglia gli vengono sequestrati e dati ai pensionati al minimo, o ai correntisti sotto 780 euro!

    Enzo

    (15 Agosto 2018 - 13:38)

    Quota 42 certamente va bene per coloro che anno iniziato a lavorare da un decennio visto che con le leggi attuali andrebbero in pensione a 45 anni di contributi ma tutti i cristiani che hanno iniziato a lavorare negli anni 75/ 80 si fottono hanno dovuto affrontare la riforma Dini Amato e la riforma Fornero quindi si trovano sempre a dover rincorrere i requisiti per andare in pensione vorrei ricordare che siamo passati da 35 anni a 43 anni di contributi negli ultimi 10/15 anni complimenti vogliamo solo che anche in Italia dal primo giorno di lavoro si sappia dopo quanti anni si andrà in pensione se deve diventare 42 anni di contributi devono essere per tutti i cittadini senza alcun paletto e sicuramente senza più parlare di aspettativa di vita e di penalizzazioni economiche e figurative ……….

      Giuseppe C.

      (15 Agosto 2018 - 17:57)

      Invece questo Governo dichiara di voler ricalcolare a contributivo le pensioni sopra 4.000 auro; per ora. Si fa una proposta che faccia da apri strada al ricalcolo per TUTTE le pensioni.
      Peggio del Governo Monti.

    Ivo valsecchi

    (15 Agosto 2018 - 12:19)

    …. e ci sono ancora Partiti Demenziali schiavi dei burocrati che non sforerebbero il 3% nemmeno per investimenti pubblici a sicurezza dei cittadini ( 3% sforato da francia, portogallo, spagna e germania senza problemi) il risarcimento alle vittime del ponte lo farei pagare a tutti I partiti leccaculi dell’Europa razzisti contro gli italiani. Populista forever, prima gli Italiani. E’ incredibile come in Emilia e Toscana culla degli operai prendano ancora dei voti

    Livio

    (15 Agosto 2018 - 12:02)

    Va bene quota 42 per tutti e basta.Di quota 100 non se ne fa nulla, perchè con i vari paletti non serve praticamente a nessuno.
    Quota 42 va bene e sarebbe anche una misura equa che permetterebbe a tutti i lavoratori di lasciare il lavoro con il medesimo numero di anni. L’importante e che non ci sia nessuna decurtazione sull’importo della pensione.Per le donne si potrebbe ,se fosse possibile, a qualche mese in meno, tipo quota 41,5.

      Francesco

      (15 Agosto 2018 - 13:38)

      Livio, sei uno dei tanti che scrivono qui e pensano solo alla propria situazione. Quota 100 non servirà a te ma a molti che hanno perso il lavoro a 60 anni e oltre , e devono aspettare i 67 per riuscire ad avere uno straccio di pensione. P.S. : non sono il Francesco che ha scritto di sotto.

        Ivo valsecchi

        (15 Agosto 2018 - 14:18)

        Francesco fai bene a precisare che non sei quello della maglietta rossa. Giusto aiutare chi e’ disoccupato ma giusto mandare in pensione chi ha lavorato di piu’ non di meno. Io lavoro da 41 anni e ,10 mesi e lascerei felicente il mio posto a un disoccupato di 60 anni. Questa e’ logica penso.

      Annamaria

      (15 Agosto 2018 - 17:41)

      Giusto. Uguale per tutti. Senza paletti e decurtazioni. Abbiamo già dato. Abbiamo rincorso la pensione che cambia da dini amato fornero. Basta. 42 anni per tutti. I precoci con anzianità prima dei 18 anni 41 o 41.5 e le donne 41 o 41.5 e per loro sarebbe troppissimo

      Giuseppe C.

      (15 Agosto 2018 - 17:59)

      Beati coloro che ancora trovano, nel panorama attuale, anche un solo partito da votare.
      Io ho l’impressione che chi voti voti sempre la Troia governi.

    Michele

    (15 Agosto 2018 - 11:40)

    Io a Settembre inizio il 43° anno di servizio e quindi se non fanno un decreto non ci guadagno niente!

    FERMINO PEDUTO

    (15 Agosto 2018 - 9:26)

    Quota 100 ( 63+37) e quota 41!

    Francesco

    (15 Agosto 2018 - 8:47)

    Grande CARLO CONTE!

      Ivo valsecchi

      (15 Agosto 2018 - 9:08)

      Francesco, continua a mettere la maglia rossa e votare PD, pensa in 7 anni come avete ridotto l’Italia….

      Giuseppe C.

      (16 Agosto 2018 - 11:28)

      ERRATA CORRIGE: Chiedo scusa, nel mio commento postato il 15 agosto 2018 alle 17,59 ho commesso un errore di battitura scrivendo:
      “Beati coloro che ancora trovano, nel panorama attuale, anche un solo partito da votare.
      Io ho l’impressione che chi voti voti sempre la Troia governi”
      Ho commesso un errore involontario: Intendevo scrivere:
      “Beati coloro che ancora trovano, nel panorama attuale, anche un solo partito da votare.
      Io ho l’impressione che chi voti voti sempre la TroiKa” governi”.

    […] Riforma pensioni 2018 e anticipate, scontro sui social: quota 42 meglio di niente?  PensioniPerTutti.it […]

    Ivo valsecchi

    (14 Agosto 2018 - 21:29)

    Aspettiamo novembre poi giudico. Sono militante della Lega, non militonto come chi.vota ancora Pd, ma se la Lega mi frega, by by. Certo non votero’ chi ha reso invivibile questa Italia e il mondo del lavoro con il.crinal act di renzi, o forza Italia che lecca I piedi al Pd o I buffoni dalla maglia rossa.. Vedro’ chi con I fatti e non parole ci da una mano. 42 senza vincoli o carognate contributive e opzione.donna immediatamente. Altrimenti cari salvini e di maio by by. I precoci e le donne alle prossime elezioni vi cacceranno a calci come fatto col pinocchio di firenze. Precoci uniamoci e non facciamo prenderci in giro.

    CARLO CONTE

    (14 Agosto 2018 - 20:29)

    Non riesco a capire il senso di questi commenti buonisti: o siete leghisti celoduristi o 5stelle col paraocchi. Scusate qualcuno li ha costretti con la forza questi due fanfaroni a sparare cazzate sulla legge Fornero? Loro hanno prima detto e poi sottoscritto con contratto tutte quelle cazzate. Oggi noi attendiamo solo l’applicazione del contratto, senza paletti e senza penalità. Poi non capisco cari lega5stelle, ma solo adesso scoprite che esiste l’Europa con i suoi veti e paletti?. Ve l’hanno detto tutti che non ci sono i soldi, quello che si poteva fare l’hanno fatto, vedasi Ape social e, lasciatemelo dire anche quella volontaria. Perchè se è vero che mancano i soldi dove sta scritto che uno che ha un lavoro sicuro deve andare in pensione in anticipo anche se no ha nessun tipo di problema? E’ questo il senso dell’Ape. Si privilegiano quelli che hanno problemi di disoccupazione in tarda età, problemi di invalidità personale e dei familiari, i lavori gravosi ed i precoci. Quelli che hanno un lavoro sicuro possono tranquillamente farsi il prestito per anticipare la pensione. E’ proprio sbagliato il concetto base che anima questa presunta abolizione o superamento che dir si voglia della Fornero: in pensione ci va chi ne ha bisogno oggettivamente e chi ha più anni di servizio, compresi quelli figurativi, che non vengono concessi x grazia divina , ma con le leggi e con sentenze che non possono essere smentite da quei due incompetenti. E la smettano di inventare ogni giorno una storia per distrarre il popolo dai veri problemi, quali il lavoro, la disoccupazione , la mancanza di ogni certezza e questi mi parlano di dignità con un decreto che la fa perdere, quell’altro pensa alla leva obbligatoria ed ai suoi cari migranti, che tanti voti gli hanno portato. Dovrebbe fare un monumento ai migranti l’orso Salvini . Aprite gli occhi hanno promesso di abolire la Fornero e di fare la quota 100 e 41 senza paletti e senza penalità: se hanno le palle devono mantenere le promesse e trovare le coperture seno’ ammettano il loro fallimento e la loro incompetenza e vadano a casa . Ancora aspetto una parola sui disoccupati 60enni e con molti anni di contributi. Miserabili

      Ivo valsecchi

      (15 Agosto 2018 - 10:31)

      Caro Conte, quindi la tua soluzione ? Rimettiamo il tuo pinocchio di firenze, incrementiamo il criminal act e apriamo I porti per importare gente da mantenere ?

    Enzo

    (14 Agosto 2018 - 17:38)

    A mio giudizio se per assurdo si arriva a quota 42 in primis deve sparire l’ aspettativa di vita poi deve sparire il vincolo di 2/3 anni di contributi figurativi visto che quando ti mettono in mobilità causa chiusura ditta o licenziamenti vari dopo i 50/55 anni è difficilissimo trovare lavoro oppure ci pensino loro a trovarti una occupazione che ti permetta di arrivare alla pensione solo così la quota 42 deve e sarà un diritto acquisito per i prossimi 30 anni non è possibile che nel nostro paese si sa quando si inizia a lavorare ma non si sa più quando si andrà in pensione ditemi il nome di un altro Stato Europeo dove succede questo .

    Pantaleo

    (14 Agosto 2018 - 16:41)

    Vedo che leggete i nostri pareri anche voi
    Bravi!!!
    Visto i momenti tristi x altre situazioni
    Oggi non mi esprimo x rispetto di cose ben più gravi di correre dietro ai numeri!!
    Alla prossima…

    massimo

    (14 Agosto 2018 - 14:49)

    E’ DA POCHE ORE CHE L’ITALIA E’ SCOSSA DA UNA GRAVE TRAGEDIA. CAPISCO CHE LA VITA CON TUTTI I PROBLEMI QUOTIDIANI VA COMUNQUE AVANTI MA RITENGO CHE IL SILENZIO SIA IN QUESTO MOMENTO L’ATTEGGIAMENTO MIGLIORE

    fulvia

    (14 Agosto 2018 - 14:45)

    Quota 42 meglio di niente sono d accordo , ma per gli uomini che dal 2019 andrebbero a 43 e 3 mesi guadagnando così 1 anno e 3 mesi.
    A questi punti però diventa INDISPENSABILE FAR PARTIRE QUOTA 41 E 6 MESI PER LE DONNE CHE ALTRIMENTI SONO ANCORA UNA VOLTA PESANTEMENTE PENALIZZATE!!!!!

    fulvia

    (14 Agosto 2018 - 14:41)

    In questo difficile momento quota 42 sarà anche meglio di niente lo condivido , però occorre che questo governo faccia un minimo ulteriore sforzo e metta 41 E 6 MESI PER LE DONNE CHE ALTRIMENTI SARANNO FORTEMENTE PENALIZZATE RISPETTO AGLI UOMI CHE CI GUADAGNANO 1 ANNO E 3 MESI …MENTRE LE DONNE SOLTANTO 3 MESI .
    S

    Pierantonio

    (14 Agosto 2018 - 14:28)

    Dici più che bene renato se saranno 42 devono essere dal 2019 senza nessun ricalcolo, se no anch io aspetto la scadenza con cui andrei con la fornero. Non si sognino di fare questa bastardata.

    Domenico

    (14 Agosto 2018 - 14:25)

    Ulteriore presa in giro….sono un precoce che con i vari paletti non può andare in pensione e sicuramente i 42 non saranno senza vincoli …deluso spero presto di poter andare via da una nazione che non fa andare in pensione chi dovrebbe, non da lavoro ai giovani costretti a scappare ….ma in compenso mantiene i privilegi di chi pur non avendo mai versato o poco percepisce laute pensioni….ecc . VERGOGNATEVI !!!!

    Renato

    (14 Agosto 2018 - 13:51)

    Ho 58 anni e oltre 42 di versamenti,a mè ovviamente 42 anni và più che bene avendoli già raggiunti.Visto che legge andrebbe in vigore dal prossimo Gennaio e a quella data avrei raggiunto 42 anni e mezzo. Se solo si sognano di fare qualunque tipo di ricalcolo mi devono dare la possibilità di arrivare alla scadenza naturale della Fornero ( mese di ottobre) stringerei i denti per una decina di mesi , perché dopo una vita di lavoro non si devono azzardare a rivedere l’importo del mio assegno pensionistico altrimenti come in Inghilterra che mi diano il mio montante contributivo per intero che ci penso io.

    Pierantonio

    (14 Agosto 2018 - 12:47)

    Caro diavolotentatore anche io vorrei l abolizione della fornero 60+40, q. 41, nessuna eta’ anagrafica minima, nessun tipo di paletto contributivo, ape social, ape volontaria ecc…, ma purtroppo con il debito pubblico, l europa, i vincoli di bilancio, i famigerati mercati, lo spread andremmo a carte quaranta otto. Salvini non doveva sbandierare “aboliremo la fornero”, doveva solo dire “la fornero? Faremo il possibile per modificarla e venire un po’ incontro ai lavoratori”, e ora e’ normale che tanti siano arrabbiati se hai promesso prima di “vedere cammello”, colpa sua.
    Comunque anche con qualsiasi altro governo pd, forza Italia leu, partito degli alieni, saremmo in questa situazione.
    Quindi tutto quello che viene di buono e assolutamente migliorativo rispetto alla legge in vigore, prendiamolo, se non si può ‘ avere il 100 per 100 accontentiamoci almeno del 75.

    Tutto quello che scriviamo e commentiamo e’ comunque aleatorio, e su dati non ufficiali. Aspettiamoli al varco a settembre e li’ non possono scappare dalle loro responsabilita’

      Giuseppe C.

      (14 Agosto 2018 - 23:01)

      Esatto Renato; in Inghilterra è possibile avere il capitale; così, se poi a qualche Ministro venisse la voglia di ricalcolare le pensioni in essere uno il capitale col cavolo che glielo ridà per farselo, incostituzionalmente, ricalcolare! Peraltro, i contributi pensionistici pubblici, in Inghilterra, sono enormemente più bassi che in Italia a parità di pensione erogata. Esiste anche, lì, la pensione privata pagata dal datore di lavoro.

    Giuseppe

    (14 Agosto 2018 - 12:45)

    Quota 42 subito, quota 41 l’anno dopo. Ma scherziamo ? Si faccia una legge unica e univoca per tutti. Perchè mai uno dovrebbe lavorare 1 anno in più o un anno in meno? E poi davvero vi fidate dei politici? Magari oggi danno il contentino e l’anno dopo si trovano nel marasma finanziario e chi ha avuto ha avuto chi ha dato ha dato scurdammuce u passatu. D’altronde Di Maio è napoletano e il detto lo conosce bene e ne fa ampio uso. Pur essendo uomo, ritengo l’opzione donna una priorità rispetto al resto. Sia resa stabile per sempre.

      Giuseppe C.

      (14 Agosto 2018 - 23:02)

      Il fatto che in Inghilterra si possa optare per il capitale dimostra che i diritti quesiti non si toccano.

    giorgio

    (14 Agosto 2018 - 12:43)

    E’ un gioco di parole…….Quota 42,niente di meglio?Si!Quota 41 senza vincoli e paletti,come promesso!

    Pierantonio

    (14 Agosto 2018 - 12:21)

    La mia opinione su q. 100 (64+36):
    Una fuffa, cosi come pare essere concepita.
    Ricalcolo tutto contributivo e “solo” 36 o 35 anni di contributi versati ti portano,
    per chi ha percepito durante la carriera stipendi medio-bassi, ad uscire si
    a 64-65 anni quindi qualche anno prima della pensione di vecchiaia, ma con
    Assegno non “leggero” ma “leggerissimo”. Ne vale la candela? Mah.
    Se a quell’ eta’ fossi ancora in salute fisicamente e mentalmente no di certo.

      Giuseppe C.

      (15 Agosto 2018 - 18:02)

      58 di età e 35 di servizio, meglio di niente. Questo sarebbe abrogare la legge Fornero, come era prima.

    Aldo

    (14 Agosto 2018 - 12:19)

    Io il prossimo anno a giugno farò 41 anni e 64 di età e vorrei beneficiare dell’eventuale provvedimento ma da quello che si dice il sistema di calcolo della pensione (nel mio caso) passerà da ” misto (ho iniziato nel 1978) a solo contributivo con una riduzione notevole dell’assegno mensile della pensione. Quindi come ” l’opzione donna” che ha massacrato l’assegno (riduzione del 30%-40%) non vorrei che si ripetesse anche qui. Non si capisce inoltre quanto inciderà sull’assegno il fatto di fare 2 anni e 3 mesi in meno. Qualcuno mi sa dire qualcosa ? Grazie.

    Giuseppe C.

    (14 Agosto 2018 - 12:19)

    Ma del TFR o TFS non si parla?
    Possibile che una cosa che spetta il giorno dopo il pensionamento, il TFS, Trattamento Fine Servizio, sia CONGELATO, salvo errori, per due/quattro anni abbondantissimi, a scaglioni, dopo la pensione?
    E perché gli statali non possono avere l’anticipo del TFS come i privati, che possono prendere il 70% del TFR maturato per acquisto casa o estinzione mutuo? Vi sembra normale che una persona SE riesce finalmente ad andare in pensione e abbia un mutuo, debba continuare a pagare per due/quattro anni abbondantissimi interessi alla Banca perché non gli danno il SUO TFS, i SUOI soldi, per estinguerlo?
    E se questa persona crepasse prima e non avesse neanche eredi? Perlomeno, se non lo danno subito, il TFS, si dovrebbe prevedere per legge la possibilità che, in mancanza di eredi, il titolare dello stesso TFS congelato, indichi una persona come destinataria dei SUOI soldi del TFS in caso di morte prima del percepimento.

    IlDiavoloTentatore

    (14 Agosto 2018 - 12:17)

    Quota 42 meglio di niente ?
    Ma allora è proprio vero… noi italiani siamo un branco di pecore.
    Fra poco andrà bene anche quota 43 … poi andrà bene anche quota 120…
    Salvini e Di Maio dovevano abolire la Fornero e ora dopo le infami soluzioni che vengono vomitate quotidianamente si ritrovano ad essere quasi degli eroi !
    Ma siamo tutti a casa ?

    Roberto

    (14 Agosto 2018 - 12:04)

    42 va benissimo se è senza nessun tipo di paletto e soprattutto rimane fissa,almeno le ditte possono fare dei conti precisi ,non si può infatti a due tre anni dallavpensione non sapere secsaranno 2 o 2 e 3 mesi o 2 e 5 mesi a seconda di questa adv di mer…..e soprattutto calcolata come cavolo fa comodo a loro

    Pierantonio

    (14 Agosto 2018 - 12:04)

    Quota 42 meglio che niente, rispetto alla fornero e’ un anno e tre mesi in meno.
    Ripeto pero’ che chi aveva 18 anni di contributi prima del 1996 non deve essere
    PENALIZZATO, altrimenti meglio uscire con la fornero ma con una pensione
    decisamente migliore. Al limite potrebbe starci una piccola penalizzazione del 3 per cento
    Solo per l anno e tre mesi di differenza. Per le donne non più di 41 anni.
    Il giudizio finale lo daro’ a settembre, ora come ora non mi fido per niente.
    Come si dice “prima voglio vedere cammello”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *