Pensioni quota 100

Riforma Pensioni 2018 ultime notizie su quota 100: PD e Forza Italia contro il Governo

Anche oggi il Governo continua a ribadire che la Riforma delle Pensioni si farà e che quota 100 non verrà modificata nonostante le richieste dell’Europa. Proprio in queste ultime ore, Durigon ha smentito l’ipotesi di Brambilla, che sul Corriere della Sera scriveva che l’accesso a quota 100 potrebbe esser  consentito solo a chi abbia maturato i requisiti da almeno due anni, rendendo di fatto il prepensionamento per chi ha 62 anni possibile solo nel caso di 40 anni di contributi.

Si continua con quota 100 quindi, anche se l’opposizione in queste ore ha fatto sapere da più parti di avere diversi dubbi sulla manovra, come si può notare dagli interventi di Marco Leonardi del PD e di Vincenza Labriola di Forza Italia. Vediamo le loro parole e le ultime notizie di oggi 4 dicembre 2018.

Ultime notizie Riforma Pensioni 2018-2019: Forza Italia ‘Il Governo si fermi’

Mentre il Governo continua con la messa a punto della quota 100, arrivano pareri negativi dall’opposizione. Vincenza Labriola, deputata di Forza Italia ha lanciato un’appello al Governo: “Sulle pensioni il Governo si fermi, rischiamo l’emorragia di chi lascia il nostro Paese per godersi la pensione all’estero. I dati parlano chiaro sono centinaia di migliaia gli italiani che decidono di lasciare l’Italia per incassare le pensioni all’estero e il trend è in aumento”.

Poi continua: “Sono già oltre 370mila gli ex operai, impiegati o professionisti che hanno compiuto la difficile scelta di lasciare il Paese per trasferirsi nei cosiddetti paradisi dei pensionati. Ovvero località a basso costo e bassa tassazione e che appaiono particolarmente favorevoli per chi si trova in età avanzata. Il fenomeno comincia a registrare numeri importanti, l’Inps ha calcolato di versare all’estero oltre 700 milioni di euro per l’erogazione degli assegni pensionistici”. Poi conclude: “Per questo motivo prima di fare ragionamenti seri sul sistema pensionistico bisognerebbe creare le condizioni che riguardano la fiscalità generale e il costo della vita per far rientrare i nostri pensionati traditi dallo Stato”.

Riforma Pensioni 2018 e quota 100, ultime notizie: Marco Leonardi contro il Governo

Anche il PD, è intervenuto nel dibattito sulla riforma delle pensioni e in particolare su quota 100, con Marco Leonardi che sui social ha commentato l’intervista rilasciata da Durigon alla Stampa in cui si parla diquota 100 per 3 anni per passare poi a quota 41.Così Leonardi commenta: “Il governo ha finalmente ammesso che la riforma delle pensioni sarà temporanea, solo per 3 anni. Lo avevamo detto mesi fa che UE e mercati hanno 1 sola preoccupazione: quota 100, perché aumenta il debito pubblico. Ma fare una riforma per 3 anni è una vergognosa mancia elettorale. Voi cosa ne pensate?Fatecelo sapere nei commenti e tornate a trovarci per esser sempre aggiornati con le ultime novità sulla riforma delle pensioni 2018!

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Stefano Rodinò

Stefano Rodinò
Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

8 commenti su “Riforma Pensioni 2018 ultime notizie su quota 100: PD e Forza Italia contro il Governo

    Carlo Conte

    (5 Dicembre 2018 - 13:52)

    L’ho detto e lo ripeterò all’infinito : mandiamo via questi due cialtroni incompetenti ed incapaci. Ogni giorno una nuova, mai quella giusta. Adesso ha ripreso fiato quel pallone gonfiato del Brambilla, degnissimo esponente LEGHISTA, altro che pidiota come sostiene qualcuno. L’orso leghista passa il tempo su twitter o sulle ruspe ad imitare Mussolini, ed al Viminale non lo vedono mai. L’altro, Di Maio, è impegnato a salvarsi dalle sue castronerie e da quelle dei suoi degni compari, tutti incapaci nell’arte del governo. Cosa aspettiamo a sbatterli via a calci nel culo? Ci prendono continuamente in giro, sparano balle collossali per vendere illusioni ; promesse della scorsa campagna elettorale date per fatte in pochi giorni che diventano realizzabili, forse, in cinque anni. Ancora ci credete ai due cialtroni più un fantomatico premier che conta come il due di picche? Leghisti e 5stelle è a voi che mi rivolgo. SVEGLIATEVI

      alessandro

      (5 Dicembre 2018 - 17:32)

      Vorresti mandare via i “due cialtroni” per rimetterci i buffoni disonesti di prima?…. SVEGLIATI TE

    Giuseppe C.

    (4 Dicembre 2018 - 17:56)

    Leggo: “… Vincenza Labriola, deputata di Forza Italia ha lanciato un’appello al Governo: “Sulle pensioni il Governo si fermi, rischiamo l’emorragia di chi lascia il nostro Paese per godersi la pensione all’estero. I dati parlano chiaro sono centinaia di migliaia gli italiani che decidono di lasciare l’Italia per incassare le pensioni all’estero e il trend è in aumento…”.
    MA PERCHE’, SIAMO SEGREGATI IN ITALIA? UNO NON PUO’ “GODERSI” LA PENSIONE, E LA VITA, CHE COSTA MOLTO MENO IN ALTRI POSTI, DOVE GLI PARE? CHE VOGLIONO, FARCI FIRMARE L’IMPEGNO A NON ESPATRIARE PENA LA NON CONCESSIONE DELLA PENSIONE? CI MANCA SOLO QUESTO, ORMAI! COME MAI SE NE VANNO ALL’ESTERO? FORSE PER NON RIPAGARE UN’ALTRA VOLTA LE IMPOSTE SULA PENSIONE DOPO AVERLE GIA’ PAGATE CON LO STIPENDIO DA CUI SCATURISCE LA PENSIONE STESSA? NON SA, L’ONOREVOLE, CHE LE PENSIONI DEGLI ITALIANI, PERLOMENO PER QUELLI CHE, ORMAI, RIESCANO A CONSEGUIRLE, SONO QUELLE CON L’IMPOSIZIONE MAGGIORE DI TUTTI GLI ALTRI PAESI E CHE, ALCUNI PAESI, NEANCHE APPLICANO LE IMPOSTE SULLE PENSIONI O APPLICANO IMPOSTE IRRILEVANTI?
    ORMAI PER RESTARE NELL’EURO, PRIMA O POI, CI CHIEDERANNO DI ANDARE IN PENSIONE A 89 ANNI E, PER AVERLA, DI RIMANERE, FINCHE’ CAMPIAMO, IN GINOCCHIO SUI CECI!

    Renato

    (4 Dicembre 2018 - 10:04)

    MA DEL BLOCCO DELL’AdV NON PARLA MAI NESSUNO ?

    paola

    (4 Dicembre 2018 - 9:30)

    Era un po’ di tempo che non commentavo più gli articoli relativi alla riforma pensioni ma, poco fa ho letto le ultime indiscrezioni su quota 100 fatte da Brambilla. Che dire… non ho più parole. Ragazzi qui ogni giorno se ne legge una nuova e non in meglio ovviamente! Sembra che, dopo le lamentele dell’UE, quota 100 possa diventare quota 104! Mi sto decisamente rassegnando ad uscire con la riforma Fornero. Perché quota 104 per me sarebbe controproducente, adesso ho 60 anni e 39 anni di contributi, anche se non bloccano l’ADV e nel 2019 noi donne dovremmo avere 42 anni e 3 mesi, mi mancherebbero tre anni e tre mesi… quindi sta quota 104 non fa per me. A quota 41 non ci credo più perché se tanto mi da tanto… sarebbe un altro miraggio. Grazie governo per tutti questi sogni ma la realtà qui è ben diversa.

      alessandro

      (5 Dicembre 2018 - 17:34)

      Renato, anch’io agogno il blocco dell’AdV…. ma mi sa che resteranno solo speranze…

    alberto manzi

    (4 Dicembre 2018 - 9:22)

    pd e forza italia, prima di fare ragionamenti, collegate la testa al corpo. se i pensionati stanno fuggendo significa che chi ha governato questo paese fino ad oggi lo ha permesso apertamente. prima quindi pensiamo a chi soffre , cioè NOI SODOMIZZATI DALLA LEGGE FORNERO , e ha versato soldi e soldi per i tantissimi in pensione … poi è sufficiente inserire un banale dazio di esportazione su chi NON CONSUMA in patria….
    una pensiero particolare inoltre per brambilla, evidente emanazione di pd e forza italia … RIP.

      Giuseppe G.

      (4 Dicembre 2018 - 18:10)

      Caro Alberto, stai facendo il gioco del “nemico”, ovvero della guerra tra poveri, ovvero del “Divide et impera”; ricorda che il tuo nemico non è chi è andato giustamente e propriamente in pensione perché gli spettava secondo le regole vigenti e dello Stato di diritto ma chi, all’improvviso, ha deciso che, da quel giorno in poi, le regole cambiavano in peggio per tutti i rimanenti. Posso sbagliare ma ricevo questa impressione. Quindi non prendertela con chi ha avuto solo quanto di suo DIRITTO ma con chi “ti” HA TOLTO QUESTO DIRITTO E COMBATTI PER RIAVERE IL DIRITTO CHE TI HANNO TOLTO, CHE SPETTAVA ANCHE A TE, NON COMBATTERE PER FARLO TOGLIERE ANCHE AGLI ALTRI CHE NE HANNO AVUTO, COME TE, DIRITTO: SAREBBE UN COMPORTAMENTO DA BAMBINI…
      ALTRIMENTI FAI IL GIOCO DI CHI VUOLE DIVIDERE pensionandi da pensionati, pensionati a retributivo da quelli a contributivo, anziani da giovani, lavoratori da disoccupati, donne da uomini: tutti contro tutti e, LORO, imperano; alla faccia di noi sudditi!: posso sbagliare ma questa e’ la mia impressione; non facciamo di noi stessi i nostri primi nemici, ma uniamoci contro…
      Vive la France! Vive les francais!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *