Riforma Pensioni 2018, ultime novità su quota 100 e 41: il punto ad oggi 24 luglio

Sul tema della Riforma delle Pensioni e su quota 100 sono arrivati nuovi commenti, come quello di  Silvia Simoncini, Segretario nazionale del NidilCgil. La Cisal inoltre appoggia quota 100 come vedremo dalle parole di sostegno rilasciate da Francesco Cavallaro, segretario generale della Confederazione Italiana Sindacati Autonomi Lavoratori. Infine ecco un video di un lavoratore del gruppo  “41 per tutti lavoratori uniti”, che spiega la sua situazione durante la trasmissione di rete 4 “Stasera Italia”.

Pensioni ultime novità oggi 24 luglio: le richieste della Nidil-CGIL

Silvia Simoncini, Segretario nazionale del Nidil-Cgil, il sindacato dei lavoratori atipici è tornata a parlare lanciando un appello al Governo in carica. Per il sindacato “è necessario che il governo passi dalle parole ai fatti, uscendo da logiche di mera propaganda politica e iniziando ad affrontare concretamente un tema così delicato”. Poi continua “le carriere previdenziali fragili appartengono ormai anche a quei lavoratori espulsi dal mercato del lavoro in questi lunghi anni di crisi” – per questo occorre quindi – “dare continuità al lungo e faticoso lavoro unitario definito nella nostra piattaforma sulle pensioni, iniziato con il precedente governo”.

Riforma Pensioni 2018 e quota 100: il sostegno della Cisal

La Cisal, Confederazione Italiana Sindacati Autonomi Lavoratori, continua a chiedere un intervento “immediato, deciso e coraggioso del Governo” per quanto riguarda la Riforma delle Pensioni 2018. Le ultime novità ci arrivano con le parole del segretario Francesco Cavallaro che evidenzia in queste ore come “Sia necessario, urgente e soprattutto economicamente sostenibile modificare la Legge Fornero, cancellando nel contempo l’Ape volontaria, causa di costi iniqui per i singoli e per la collettività”.

Il Sindacalista poi appoggia quota 100 e attacca l’INPS e le sue stime che parlano di costi elevati: ” Tutto questo va fatto in barba al terrorismo psicologico innescato dalle proiezioni Inps, con particolare riferimento all’ipotesi di ‘abolizione della pensione anticipata e al ripristino della pensione di anzianità con quota 100 o 41 anni di anzianità contributiva’, che porterebbe a un costo, a regime, pari a 6 punti percentuali del Pil 2018″.

Cavallaro infine evidenzia come quota 100 sarebbe positiva: “Il turnover innescato dalla quota 100 comporterebbe, oltre alla corresponsione di contributi e imposte da parte dei nuovi assunti, un indubbio effetto positivo per l’economia anche sotto il profilo dei consumi”.

Pensioni ultime novità: quota 100 e quota 41, l’intervista su rete 4

Di seguito vi riportiamo il video dell’intervista avvenuta su rete 4 alla trasmissione Stasera Italia, in cui Antonio, lavoratore con 41 anni di contributi già versati e membro del gruppo facebook “41 per tutti lavoratori uniti”, spiega la sua situazione e chiede al Governo che venga fatta quota 100. Antonio dichiara “Signori del Governo, quello che avete promesso cercate di mantenerlo, quota 100 è un diritto. Dopo 41 anni di contributi è un nostro diritto andare in pensione”.

Antonio spiega che con la legge Fornero,  nonostante i 41 anni di contributi versati “Dovrei andare in pensione nel 2021 con 43 anni e 5 mesi. Invece effettuando quota 100 andrò in pensione un anno prima, con 42 anni e 5 mesi”. Ecco di seguito il video, diteci la vostra e cosa ne pensate di questa riforma delle Pensioni 2018 qui nei commenti o sulla nostra pagina facebook!

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

27 pensieri riguardo “Riforma Pensioni 2018, ultime novità su quota 100 e 41: il punto ad oggi 24 luglio

  • Avatar
    27 Luglio 2018 in 7:27
    Permalink

    Attenzione! Quota 100 rischia di essere una grossa fregatura se è vero che mette un limite minimo di 64 anni di età e 36 di contributi. Così diventerebbe peggio della fornero!

    Rispondi
  • Avatar
    26 Luglio 2018 in 10:45
    Permalink

    Spero che di Maio e Salvini leggano tutti questi messaggi e si rendano conto che non devono prenderci in giro altrimenti non durano niente, fate quello che avete promesso in campagna elettorale, è per quello che vi abbiamo votato.

    Rispondi
  • Avatar
    25 Luglio 2018 in 16:02
    Permalink

    Continuano a premiare sempre coloro che hanno versato meno contributi vedi 36 anni di contributi e 64 anni di età .Speriamo in quota 41 che facilmente diventerà 42 ma dal 2020 furbastri i voti e le poltrone le avete prese quindi noi stolti che vi abbiamo dato fiducia ci fottiamo come al solito. Spero solo nel blocco della speranza di vita altrimenti non ci resta che sbattervi fuori appena possibile come meritano , falsi e bugiardi . Vogliamo al più presto una legge che preveda al massimo 2 legislature per tutti i politici poi devono tornare a lavorare fino al raggiungimento di 42 anni di contributi prima di andare in pensione come tutti i comuni mortali il resto sono solo chiacchiere già sentite da decenni .

    Rispondi
  • Avatar
    25 Luglio 2018 in 11:18
    Permalink

    Ci avete fregato cari politici, in campagna elettorale avete detto “quota 100 = 60 vita + 40 lavoro, chi non ha i 60 di vita deve avere almeno 41 di contributi”.
    Questo avevate promesso , io che fra 9 anni ne ho 60 di vita e 40 di lavoro , a raggiungere i 64 anni arrivo a quota 108.
    praticamente non cambia nulla dalla legge Fornero.
    Alle prossime votazioni me ne ricorderò, spero in un partito dei pensionati.

    Rispondi
  • Pingback: Pensioni ultimissime notizie oggi 25 luglio su donne e quota 100 | Pensioni per tutti

  • Avatar
    25 Luglio 2018 in 6:43
    Permalink

    Ignoranti… i.e data la relazione a+b = 100 , ipotizzo a = 40 , b = 100 – 40 = 60 , b non potrà mai essere 61,62,63,64,65… anche un bambino in 1a elementare lo capisce.
    Prima di entrare al governo gli hanno chiesto almeno le tabelline ?
    Imbroglioni, mentitori e ciarlatani…. i.e. ci hanno riempito la testa di “aboliremo la legge fornero senza se e senza ma”, “sarà la prima delibera del nuovo esecutivo”. Avete visto qualcosa ? Solo fumo , fumo e ancora fumo e molto fitto anche.
    Dimenticavo …. sono stati trovati immediatamente i miliardi per coprire il debito di Alitalia che passera’ al 51% allo stato.
    Sono una brutta copia , persino peggiore, degli infami che ci hanno perseguitato fino a marzo.
    Ma mandiamoli a casa in fretta !

    Rispondi
    • Avatar
      25 Luglio 2018 in 9:33
      Permalink

      ALBERTO QUELLO CHE TU VAI DICENDO INSIEME A ME E TANTI ALTRI E’ SACROSANTO. MAI AVREI IMMAGINATO CHE
      L’APPLICAZIONE DELLA QUOTA 100 NON AVREBBE RISPETTATO IL CONCETTO BASILARE DELLA MATEMATICA. EFFETTIVAMENTE DEVO AMMETTERE CHE CI HANNO PRESO PER I FONDELLI. MA STAI TRANQUILLO E RICORDATI CHE LA VENDETTA E’ UN PIATTO CHE VA CONSUMATO FREDDO, E LE ELEZIONI SONO DIETRO L’ANGOLO

      Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 23:56
    Permalink

    Quota 100 come da contratto 5 stelle e lega la stiamo aspettando come promesso e ne abbiamo molto bisogno.

    Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 23:39
    Permalink

    Ho lavorato 36anni consecutivi fino a che un bel giorno sono stata licenziata e, con i 4 anni di mobilità ho raggiunto i40anni di contributi. Ho 59 anni e da quasi un anno non ho più nessun tipo di entrate.. Mia figlia mi mantiene, quasi mi vergogno, mi è stata tolta la dignità, questa non è vita. Spero facciano quota 100 senza nessun tipo di paletti, pensando a chi non ha più un lavoro e nessun tipo di ammortizzatori…

    Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 22:37
    Permalink

    A 60 anni lavorare a cottimo in sala operatoria è tutto un dire, avevo sperato nella vera quota 100 e cioè gli anni anagrafici più quelli contributivi, la vita si sta allungando ( davvero?) ma che qualità di vita ci si prospetta?
    Mia madre a 57 anni era in pensione ci sarà pure stato un motivo, quale guadagno ha lo Stato nel tenere anziani al lavoro che ogni tre per due se ne devono stare a casa a causa dei tanti malanni? E i giovani? Come fanno a trovare lavoro,pagare i contributi e fare una famiglia? Non ci date la pensione da moribondi! Confido che la legge Fornero sia tolta del tutto e non pasticciata come è sempre stato fatto in passato per tante leggi.

    Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 22:24
    Permalink

    Quota 100 deve essere fatta con gli anni anagrafici e quelli contributivi………..Altrimenti che cavolo di quota 100 è……..Allora non la chiamate più quota 100, altrimenti prendete in giro la gente………PrendeteVi le Vostre responsabilità!!! GRAZIE!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 22:21
    Permalink

    Basta proclami, non siamo più in campagna elettorale, vogliamo sapere se siamo stati presi per il c..o…. perché i 41 anni senza se e senza ma Vanno fatti a partire dal gennaio 2019…..e non ci venite a dire che mancano le risorse…..ora….

    Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 19:58
    Permalink

    Quota 100 si deve fare mantenendo il conteggio con il sistema misto e 64/65 anni d’età. Questo per me vale il voto che ho dato altrimenti arrivederci e se non rispettino i patti ritornano alle % di voti che avevano prima. Se sapessero l’odio che ho maturato con il PD per la pensione non li voterò mai più per tutta la vita.

    Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 19:55
    Permalink

    Non veniamo pagati per passare la giornata con selfie e twitt come qualche ministro. E ben pagati altroche

    Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 19:53
    Permalink

    Quota 100 e quota 41 anni non devono avere nessun tipo di paletti, almeno per quelli che rientrano nelle categorie dell’Ape social. Un disoccupato , senza alcun sussidio e con 41 anni di servizio e 62 di età come ci arriva a 64 anni? Stanno preparando una legge di riforma che interessa solo ed unicamente chi ancora ha il posto fisso. Cari rimbambiti del governo, lo sapete che esistono anche quelli che hanno perso il posto di lavoro in età avanzata e non verranno assunti mai da nessuno? Noi veniamo pagati per passare la giornata scambiando selfie e twitt

    Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 19:20
    Permalink

    Salve, ho quasi 63 anni, da 3 anni disoccupato, 40 anni di contributi versati e secondo la loro proposta non potrei andare in pensione pur componendo 103 molto di più di 100 ci sembra giusto?

    Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 19:17
    Permalink

    parole sante. non tutti i sindacati però sono cosi

    Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 17:40
    Permalink

    E BRAVO SALVINI, DUNQUE DA QUANTO DETTO ALLA TRASMISSIONE L’ARIA PULITA SULLA EMITTENTE ITALIA 7 GOLD LA QUOTA 100 SI FARA’ CON IL PALETTO DELL’ETA’ ANAGRAFICA MINIMA DI ANNI 64. BENE, TI SEI GIOCATO IL MIO VOTO E CREDO ANCHE QUELLO DI TANTISSIMI ALTRI LAVORATORI ALLA PROSSIMA TORNATA ELETTORALE SPERANDO SIA IL PRIMA POSSIBILE.

    Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 17:24
    Permalink

    Il prossimo anno farò 41ANNI. Avete mai sentito di donne che lavorano lontano da casa, che devono prendere mezzi con grande stress sprecando anche 1 ora e 30 min la mattina e così la sera x rientrare? Avere un impegno x la casa e il gravoso impegno che la società gli ha relegato sui disabili e/o anziani che x ovvie raggio i devono curare? Ne avete mai sentito parlare???? Ecco direi che 41 bastano xche oltretutto ci attende ben altro……… Grazie

    Rispondi
    • Avatar
      24 Luglio 2018 in 19:30
      Permalink

      Io non ho mai sentito parlare Salvini di 64 anni per la quota 100!

      Rispondi
  • Pingback: Pensioni anticipate, donne, esodati: inammissibili gli emendamenti presentati | Pensioni per tutti

  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 16:27
    Permalink

    Il problema delle quote non evidenzia quello dei lavori usuranti di cui non si parla. Quali sono le novità a riguardo?

    Rispondi
    • Avatar
      25 Luglio 2018 in 9:19
      Permalink

      In effetti il contratto Salvini – Di Maio non parla di quota 100 con limiti di età… Non so se sono cambiate le cose.. ce lo dicessero almeno. io 62 anni e 42 di contributi dovrei aspettare 64 anni e 43 anni di contributi?? 7 anni in più dei 36 ??? voglio ben sperare che non sia così.. altrimenti non sarebbero diversi da tutti gli altri politici.

      Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 15:23
    Permalink

    X chi ha solo 30 di contributi e 65 anni di età e non ha più un lavoro da 2 anni cosa succede un altra fregatura sono una donna e nella mia situazione ce ne sono tanti come si arriva a fine mese????????

    Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 14:55
    Permalink

    Il “SINDACATO”!!! FOSSE PER ME ABOLIREI IL TERMINE DAL DIZIONARIO DELLA LINGUA ITALIANA. COSA HANNO FATTO IN QUESTI ANNI I SINDACATI A FAVORE DEI DISOCCUPATI E DEI GIOVANI IN CERCA DI PRIMO IMPIEGO? NULLA!! IN COMPENSO HANNO TUTELATO LE LORO CARRIERE E QUELLE DI CERTI SETTORI SOPRATTUTTO DELL A PUBBLICA AMMINISTRAZIONE A SCOPO POLITICO O ECONOMICO. AI SINDACATI NON E’ MAI INTERESSATO AFFRONTARE IL PROBLEMA DELLA DISOCCUPAZIONE.
    VORREI FARE UN ACCENNO ORA IN TEMA PENSIONISTICO; QUANDO BERLUSCONI VOLLE MODIFICARE LA LEGGE PENSIONISTICA FU INDETTO UNO SCIPOERO GENERALE CHE VIDE LA PARTECIPAZIONE DI UN GRAN NUMERO DI CITTADINI.
    DOVE ERANO I SINDACATI QUANDO IL GOVERNO MONTI PROPOSE QUELLA GRANDE SCIAGURA CHE A BREVE SI SAREBBE ABBATTUTA SULLA NAZIONE CON IL NOME DI LEGGE FORNERO? VI RISULTA CHE SIA STATO INDETTO UNO SCIOPERO GENERALE PER CONTRASTARE TALE LEGGE? NIENTE DI NIENTE TUTTI ZITTI E RISPETTOSI DELLE DIRETTIVE IMPARTITE DAI PROFESSORI PER IL BENE DELLA SALVEZZA DELLA NAZIONE! E’ PROPRIO VERO CHE L’ITALIANO HA COME CARATTERISTICA LA MANCANZA DI COERENZA E SOPRATTUTTO MANCANZA DI “PALLE”.

    Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 10:48
    Permalink

    il video di questo lavoratore potrebbe essere replicato migliaia di volte per tutti i lavoratori che sono nelle sue condizioni, tra i quali mi ci metto anch io. A settembre vogliamo delle risposte, ma che non ci vengano a parlare di coperture, quando per le banche nottetempo i soldi li hanno trovati. Se non volevano prenderci per il c….lo il signor salvini e il signor di maio in campagna elettorale non dovevano assolutamente parlare di abolizione o superamento della fornero, la parola pensioni non doveva essere presente nel loro vocabolario e nel loro programma elettorale.
    Visto che si sono esposti, ora e’ troppo facile dire “abbiamo scherzato”. con la vita, il sangue, la mente delle persone non si scherza!!!!!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *