Riforma Pensioni 2018 ultime oggi 2/5: scintille Salvini-Fornero

Che tra Salvini e Elsa Fornero non scorra buon sangue è ormai cosa nota, e ancora una volta i due si sono stuzzicati a distanza. Il tema ovviamente resta quello della Riforma Pensioni e del possibile approdo al governo proprio del leader della Lega. In questi ultimi giorni, Matteo Salvini ha ribadito la volontà di abolire la legge Fornero sulle Pensioni, mentre ieri su Radio Capital, l’ex Ministro del lavoro ha attaccato nuovamente chi critica la sua riforma e la strumentalizza per fare campagna elettorale.

Ultime notizie Riforma Pensioni oggi 2 maggio 2018: Salvini ribadisce di voler abolire la legge Fornero

Il leader della Lega in questi giorni di difficoltà dovuta all’impossibilità di formare un Governo è tornato a parlare e l’ha fatto ribadendo un punto saldo del suo programma: “Noi i programmi non li cambiamo in corsa: abolire l’infame legge Fornero sarà la nostra priorità.
Voglio andare al governo con chi ci darà una mano per FARE, per realizzare il programma premiato dagli elettori”.

Insomma in breve Salvini apre nuovamente al Movimento 5 stelle, unico alleato possibile con cui realizzare il suo programma e abolire la legge attuale sulle Pensioni. Nessun possibile accordo con il PD come si ventilava negli ultimi giorni insomma, come ha ribadito su facebook scrivendo che “Gli italiani  meritano rispetto, altro che governi col Pd!”. E nella mattinata di oggi ha aggiunto che l’unica soluzione possibile è “Governo con i 5 Stelle  o voto subito”.

Riforma Pensioni 2018 ultime news: Fornero contro Salvini

Intanto durante la trasmissione di Radio Capital, Circo Massimo, Elsa Fornero è tornata a parlare e lo ha fatto attaccando Salvini e senza mezze misure: “Da cittadina  mi preoccupa un governo a guida Salvini”. L’ex Ministro del lavoro ha poi difeso la sua riforma ribadendo che il problema è chi critica le sue misure.

“Invece di usare la riforma per scannarsi e scannare me bastava monitorarla e non trasformarla in strumento di propaganda politica“. Poi l’ex Ministro rincara la dose e spiega che ” In Italia c’è un contrasto tra la complessità del nostro sistema del lavoro e la faciloneria di certe ricette politiche. In campagna elettorale i politici hanno trattato italiani come volessero comprare illusioni, la campagna è stata una grande fiera di compravendita di illusioni”.

Voi cosa ne pensate di queste parole di Elsa Fornero? Scrivetecelo nei commenti e continuate a seguirci qui sul sito pensionipertutti o tramite la nostra pagina facebook, vi aspettiamo!

4 commenti su “Riforma Pensioni 2018 ultime oggi 2/5: scintille Salvini-Fornero

  1. Ormai ci ha sfinito questa Fornero che ha ancora la faccia tosta di farsi vedere in pubblico.Non si vergogna di aver barattato la riforma delle pensioni (soldi di poveri disgraziati )con i soldi elargiti alle banche.poi ,quello che nessuno dice e’ riuscita a limare in un colpo solo le pensioni di 1/3 di quello che si sarebbe aspettato un pensionato andando col vecchio sistema. Bisogna aver studiato alla Bocconi per aver fatto un colpo di mano del genere!

  2. Io penso che per tutti i danni che ha recato e inammissibile che si dia la parola ad una “buona signora” come la Fornero stiamo aspettando un governo che mantenga la sua parola quella di abolire oppure trasformare questa legge e al piu presto

  3. Premesso che io la riforma Fornero la subirò avendo oggi 41 anni di contributi (con la sacconi-brunetta starei presentando la domanda), è anche vero che purtroppo per errori e facilonerie del passato (vedi le baby pensioni) i conti sono traballanti e non credo che ne la Lega ne il m5s riusciranno facilmente a cancellarla. Magari qualche correzione o l’abolizione dell’ ADV, giusto un contentino. E’ anche vero cara Fornero che la sua riforma è stata l’unica che abbia portato liquidità ai conti dello stato. Sarebbe stata cosa buona e giusta se all’interno della sua legge o di altre riforme ci fosse stato qualche taglio ai privilegi giusto per colpire tutti in parti uguali. Così non è stato e questo pesa molto sulla sua simpatia. Chi ha pagato la crisi sono stati solo i lavoratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su