Boeri pensioni novità

Riforma Pensioni 2019 ultime notizie oggi: Boeri contro la manovra: ‘E’ maschilista’

Le ultime novità sulla Riforma delle Pensioni 2019 di oggi 6 novembre, volta a superare l’attuale legge Fornero, arrivano dalle nuove dichiarazioni del presidente dell’INPS Tito Boeri, che ha definito la manovra che si appresta a diventare realtà “maschilista”.

Prontamente è arrivata la risposta da parte del Governo, per mano della sottosegretaria all’Economia, Laura Castelli del Movimento 5 Stelle. Vediamo allora le parole rilasciate in queste ultime ore, che potete trovare riassunte anche nel video in mezzo all’articolo. Vi ricordiamo anche che per restare sempre aggiornati con le ultime notizie sulle Pensioni potete tornare a trovarci qui!

Riforma Pensioni 2019 ultime notizie oggi 6 novembre: l’attacco di Boeri

Dal Presidente dell’INPS, arriva una nuova stoccata al Governo per quanto riguarda la Riforma delle Pensioni. Boeri intervenendo a Bologna al convegno ‘Le donne nell’Istituto, ieri, oggi, domani’ ha dichiarato: “C’è un segnale di maschilismo anche in questa legge di bilancio, nel momento in cui va a dire manteniamo le differenze di età nell’accesso alle pensioni per uomini e donne, e va a non rifinanziare il congedo di paternità che era uno strumento molto importante per promuovere un’ uguaglianza di opportunità”.

Poi continua e rincara la dose: “C’è l’aspetto grave che non vengono rifinanziati i congedi di paternità, che sono uno strumento fondamentale per promuovere una maggiore partecipazione delle donne al mercato del lavoro e per realizzare l’uguaglianza delle opportunità. Questo perché vuol dire che anche i padri devono prendersi cura dei figli. E’ un aspetto culturalmente importante ma che tende anche a contrastare un pregiudizio diffuso, soprattutto tra i datori di lavoro delle piccole imprese, secondo cui assumere delle donne è più rischioso perché costano di più e perché poi dovranno prendersi cura dei loro figli“.

Poi parlando delle donne, il Presidente Boeri conclude: “Trovo che in Italia quando si devono fare delle cose in favore delle donne si continui a dire che bisogna dare loro più opportunità di stare nel lavoro e non fuori dal mercato del lavoro quindi il ‘permettiamo loro di andare in pensione prima’ non penso sia l’atteggiamento giusto”.

Ultime novità Pensioni 2019, Castelli risponde al presidente dell’INPS su donne e pensionamento

Sulle pagine del Corriere della Sera, il sottosegretario all’Economia Castelli ha risposto agli attacchi di Boeri: “Voglio tranquillizzare il presidente Boeri. Capisco la riflessione che ha voluto aprire, ma, se ci limitiamo a parlare di strumenti economici, nei saldi di bilancio della manovra sono già compresi i fondi per diverse misure a favore della donna. Le norme di dettaglio saranno scritte in commissione, come è giusto che sia”.

La Riforma delle pensioni è maschilista? Direi proprio di no, Appartengo a una forza politica che non ha mai avuto bisogno di quote rosa per portare il 50% di donne e il 50% di uomini nelle istituzioni. Per noi è un fatto naturale”. “I parlamentari del M5s comunque sono già al lavoro per aggiungere alcune misure nella manovra, come la proroga del congedo di paternità”, assicura infine Laura Castelli.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Stefano Rodinò

Stefano Rodinò
Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

2 commenti su “Riforma Pensioni 2019 ultime notizie oggi: Boeri contro la manovra: ‘E’ maschilista’

    Giuseppe C.

    (6 novembre 2018 - 21:22)

    Lieto di conoscere anche il pensiero del Direttore Boeri, oltre a quello del mio barista, del mio barbiere, della Signora Rosina dalla quale acquisto le uova, di uno sconosciuto che discuteva in merito alle pensioni sull’autobus, del tassinaro che mi ha condotto ieri, dell’autista del bus con cui chiacchieravo di pensioni; ognuno ha diritto a dire la Sua, magari con discrezione e tatto a seconda del ruolo istituzionale più o meno delicato rivestito, per i riflessi sulla società che le Sue parole possono avere ma, comunque, chiunque ha diritto a dire la Sua, in un Paese dove c’è libertà di parola. Ma perché le opinioni di questi altri nessuno le riporta? Anche loro non sono che addetti a far funzionare un lavoro e non sono certo Parlamento o Esecutivo!

    Renato

    (6 novembre 2018 - 13:48)

    Regalano 5 anni ma vogliono regalare 5 mesi. Altro che abbattere la riforma Fornero ( l’ha ripromesso anche oggi ) “41 SARA’ L’OBBIETTIVO FINALE “, ma se trovano fondi per il blocco dell’ADV ma cosa pensano di fare tutto entro il 2023 ??? E noi precoci intanto siamo i più fessi . NON SI VERGOGNANO DI NULLA , OGNI GIORNO E’ CAMPAGNA ELETTORALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *