Riforma pensioni 2019, ultimissime su quota 41: precoci incontrano Di Maio, cosa é emerso

Riforma pensioni 2019, ultimissime su quota 41: precoci incontrano Di Maio, cosa é emerso

Le ultimissime novità all’8 luglio 2019 arrivano direttamente da Rosa Poloni, moderatrice del gruppo ‘lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti’ che sulla sua pagina Facebook comunica di aver incontrato domenica informalmente Luigi Di Maio a Padova e di avergli ricordato la causa per cui lottano da anni. La precoce Poloni si dice soddisfatta dell’incontro, ha avuto qualche minuto per interfacciarsi direttamente col vicepremier che si é mostrato molto cortese e disponibile, e ha avuto modo di consegnargli altresì una lunga missiva, che qui in parte riporteremo, che ben racconta la storia e le richieste di lavoratori precoci e di tutti coloro che hanno alle spalle 41 anni di lavoro e che altro non chedono se non il diritto di potersi ritirare e lasciare il posto alle nuove leve.

Quota 41 senza se e senza ma, continua a rimanere la richiesta predominante del gruppo che in parte Poloni ha voluto rappresentare, pur essendo andata, questa volta, ci dice in privato, in veste di cittadina ‘qualunque’ all’incontro con Di Maio. Il vicepremier, dalla sua, ha rassicurato la lavoratrice dicendo che nei prossimi 4 anni cercherà di dare seguito, con ulteriori misure, a tutte le cose scritte e promesse nel contratto di Governo. I dettagli al 8 luglio 2019.

Pensioni 2019, la precoce Poloni incontra Di Maio: le richieste oltre a quota 41 per tutti

Così Rosa Poloni sul suo profilo Facebook: Gran mattinata col vicepremier e ministro del lavoro , gli ho detto che vogliamo andare in pensione perché abbiamo lavorato abbastanza ,i luoghi di lavoro sono sempre peggio , siamo stanchi ammalati senza tutele. Ho parlato di chi muore lavorando di chi si ammala lavorando ,ho parlato davanti a lui per 2 minuti poi gli ho consegnato questo scritto“.

Eccovi alcune parti estrapolate dalla lunga missiva che é stata consegnata all’onorevole Luigi Di Maio: ” Sono una precoce e faccio parte del gruppo lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti ,gruppo nato sui social anni fa che ha unito lavoratori di tutta italia ,per porre un freno ,per cambiare ,per abrogare o cancellare la famosa riforma fornero, lavoratori stanchi di false promesse, lavoratori stanchi di ascoltare meri calcoli ragionieristici che ci riducono a numeri dati e assi cartesiani noi siamo persone in carne ed ossa, siamo stanchi di sentire un continuo scontro tra generazioni accusandoci dopo 40 anni di lavoro ,di rubare futuro ai giovani , siamo in un sistema il cui unico scopo è distruggere diritti, siamo stanchi ,di sottostare alle assurde regole di una finanza mondiale. Poi prosegue: “l ‘adeguamento aspettativa di vita lo avete fermato lasciando una finestra di 3 mesi che chiediamo di togliere il mondo del lavoro sta perdendo dignita e diritti con un aumento dello stress da lavoro correlato., stiamo assistendo a strenue difese di diritti autolegiferati chiediamo 41 per tutti a prescindere dall eta’, senza finestre o penalizzazioni od una Q100 senza paletti, no alle finestre di 3 mesi dopo aver acquisito il diritto, no al contributivo integrale per tutti , che ci sia una soglia ,per non creare nuovi poveri

Pensioni, Di Maio rassicura Poloni su quota 41

Nella parte finale la missiva si fa più polemica, dai toni più critici, i lavoratori precoci segnalano amarezza per il nulla di fatto: “Ora dopo piu di 40 anni di lavoro con malattie in essere ,schiene curve ,assistiamo ad una telenovela infinita uno spostare spiragli di agognato riposo mentale e fisico infinito..ci illudiamo di farcela mentre vediamo compagni d vita fermarsi prima, ci dicono che è aumentata l aspettativa di vita.,ma dove …..ma quando,l’aspettativa di vita sana è diminuita’ enormemente nemmeno negli ultimi anni di lavoro ormai siamo sani,non avremmo futuro sereno.
Ora sentiamo una passerella infinita di parolai che si riempiono la bocca con parole vuote di vite, pieni di saccente arroganza che declama diritti ignobili acquisiti, mentre i poveri aumentano a dismisura, egoismi spietati ,mani tese respinte,vergognatevi non siamo sfigati ma vittime della vostra superbia, non ci sentiamo in colpa o inferiori a voi,non lo siamo,
abbiamo lavorato,versato contributi per giorni infiniti.abbiamo contato albe e tramonti,abbiamo rinuciato a viaggiare e gioire della vita per pagare mutui “. Poi conclude la missiva : “ABBIAMO DIRITTO ALLA VITA, scusateci se abbiamo lavorato tanto in prospettiva di una terza eta che speravamo serena. Lo pretendiamo qualche anno di serenita’ ce lo siamo pagato ce lo avete scippato, non ci sentiamo in colpa come voi vorreste, come voi blaterate ribadendo che rubiamo futuro ai giovani. Noi lo vogliamo lasciare il posto ai giovani incapaci di lottare strozzati da contratti infiniti,da contratti determinati e insicuri, impossilitati a costruire futuro. 41 PER TUTTI SENZA SE SENZA MA.LO CHIEDIAMO A GRAN VOCE.

Rosa Poloni, che abbiamo contattato e si é gentilmente confrontata con noi ci ha detto: ” Il ministro era ad un incontro privato, dove non ha parlato di pensioni, ma gli ho ricordato dell’art 17 del contratto di Governo E lui ha risposto che ” Vi sono altri 4 anni per rispettare tutte le cose che sono scritte in quel contratto”. Ragione per cui la frase farebbe ben sperare anche sulla quota 41 per tutti che era presente nel contratto di Governo. Moltissimi i commenti ed i ringraziamenti che la lavoratrice ha già ricevuto a nome di tutti i precoci per ‘aver riacceso i riflettori sulla quota 41 per tutti’ e non aver perso occasione di parlare con il vicepremier, in un momento così delicato, in vista della prossima legge di bilancio. Voi cosa ne pensate delle parole della lettera che Rosa Poloni ha consegnato al vicepremier, vi ritrovate in queste parole? Credete nelle rassicurazioni del vicepremier Luigi Di Maio? Fatecelo sapere lasciando un commento al nostro sito.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

30 pensieri su “Riforma pensioni 2019, ultimissime su quota 41: precoci incontrano Di Maio, cosa é emerso

  1. Entro quattro per alcuni ( spero in percentuale bassa )passano alla Pensione Perpetua…! vedi le attività gravosi che prima della Fornero erano Usurati ( altra truffa ) quindi 41 da subito e presto senza finestre, finestrelle e porcate varie…!

  2. Ciao a tutti , io sono un precoce che lavora dal 1978 senza mai fermarmi , mi alzo tutte le mattine da 41 anni facendo anche lavori pesanti e speravo di poter lasciare ai giovani il mio posto di lavoro ma sembra che sia l’onorevole di maio che il grande salvini , non vogliano abolire la fornero , cosa che avevano promesso alla vigilia delle politiche. Spero mantengano la promessa di contratto promesso agli Italiani.

  3. Lucio: finalmente hanno trovato una soluzione ragionevole, per le aziende con più di 1000 dipendenti, 5 anni di prepensionamento,
    PECCATO CHE DEVI AVERE SEMPRE 62 ANNI,
    UNA QUOTA 100 B
    vergogna assoluta

  4. Io sono una precoce..ho 32 anni di lavoro, ho cresciuto 2 figli e ho seguito i miei genitori durante le loro malattie…sono stanca perché gli anni lavorati si fanno cmq sentire , ma troppo giovane per andare in pensione…Fra 3 anni avrei 35 anni di lavoro ma essendo precoce non ho l età per usufruire di opzione donna…per cui me ne devo fare ancora 9…per ora…senza.considerare l innalzamento di vita…..ma.voi non vi sentite presi in giro.? Secondo voi è giusto.? Ma perché non siamo tutte uguali? Oltretutto scusate ma 41 anni solo a me sembrano tantissimi? Per una donna che cura i figli e i propri cari?

  5. La precedenza DEVE essere democraticamente data a chi ha contribuito di più per il paese
    Quindi da fine 2019 via libera ai contribuenti 43 poi 42 poi 41 il tutto entro Marzo 2020 indipendentemente dalla età, e con grande ringraziamento da parte di tutti !!!!, … altro che impoverire i ns. giovani,,,,l’impoverimento lo hanno causato gli STATISTI e l’ex DC diventata PD

  6. Continuano a dividere i lavoratori con la tecnica dei potenti, e con le bugie. Noi 41 siamo tra gli sfigati che gli altri, più fortunati (quota 100, personale di banche e assicurazioni e grandi aziende che avrà lo scivolo di 5 anni) certo non difendono. Poi ci sono le donne con quell’opzione donna che è una tagliola sulla pensione, come se le donne fossero esseri inferiori e soprattutto a carico dei loro mariti! Uno schifo su tutti i fronti e mi stupisco sempre delle donne che difendono questa misura offensiva e sessista. Io sono una donna, mi sono fatta 41 anni di lavoro e curato pure i figli, per me nessuna agevolazione e nessuna pietà. Anzi, con i rendimenti va a finire che più lavoro meno prenderò di pensione. Sono schifata dalle politiche di questo paese che allettano solo ricchi ed evasori. Spero non applichino il retributivo su tutti noi con la scusa di un’ennesima crisi e con un governo tecnico. 🙁 Sarebbe una beffa troppo oltraggiosa nella sua enorme iniquità. Cathia

  7. Sono Donnenoco ho 41 anni e 7 messi di contributi, ho iniziato a lavorare quando avevo 14 anni, quanto devo lavorare ancora?
    Bisogna dare la possibilità ai giovanni
    Purtroppo poi si fanno solo chiacchiere inutili e non si conclude mai mulla e i giovanni c’è li abbiamo a casa.

  8. Molto Semplicemente il Di Maio fino a quando non ci porta i FATTI resta con i suoi 32/33 anni di anagrafe un moccioso che continua a Rubarci il Pane….e pensare che potrebbe essere Nostro Figlio…..che tristezza

  9. Di Maio ha risposto: “Vi sono altri 4 anni per rispettare tutte le cose che sono scritte in quel contratto…”, visto che ho 60 anni e 42 di contributi e di precoci siamo in tanti, andremo MOLTO prima con la Fornero (maledetta).

  10. Buongiorno sono Roberta e faccio parte dei precoci.ho maturato 40 di lavoro come operaia metalmeccanica,e penso che dopo tanti anni di lavoro e versato i miei contributi abbia diritto di riposo come tanti altri.la quota 41 x tutti nel programma delle elezioni non era da subito?ci stare prendendo in giro? 41 da subito senza ma e senza se!

  11. Di Maio non ha rispettato le promesse fatte. Aveva promesso durante la campagna elettorale che si poteva andare in pensione o con quota 100 o con quota 41 senza paletti. Ed invece abbiamo visto tutti come è andata. Quota 100 con minimo 62 anni di età, quota 41 nel 2022. Perchè non ci sono le coperture finanziarie. Allora perchè fare tante promesse e illudere le persone prima delle elezioni? Non abbiamo concluso niente. Alle prossime elezioni col ca…… che il movimento 5 stelle avrà il mio voto. Io ho già 40 di servizio il prossimo anno saranno 41 ma non potrò andare in pensione. Allora perchè parlare di quota 100 o quota 41 se poi non si possono attuare. Come ha detto Di Maio siamo nella terza Repubblica ma alla fine non è cambiato niente. Saluti a tutti.

  12. Tutte parole al vento, e ci crediamo ancora, quattro anni?!?!?! ma cosa serve a noi aspettare quattro anni, se con la legge Fornero ci andiamo prima…boh veramente inizio a pensare che sono veramente degli incapaci, oppure hanno nel dna, “prendo la poltrona , frego tutti e li restiamo”

  13. Nessuno tiene in considerazione che l’aspettativa di vita (dicono) si sia allungata, ma per chi hanno mandato a casa prima dei 35 anni. Che cosa ci aspetta a noi che dobbiamo lavorarne 43 ? Dopo un furto di ben 8 anni ?

  14. Abbiamo ancora quattro anni ha ha ha ha..ma pagliacci fra quattro anni i precoci non esisteranno più saranno andati tutti con la fornero.. Bravi il vostro progetto sta funzionando far finta di eliminare la fornero per i voti e poi sperare che schiatti più gente possibile.. Fate veramente schifo..

  15. Abolizione 5 mesi aspettative di vita finestra di 3 mesi in pratica presa x i fondelli considerando nel mio caso 43 anni di contributi direi che non hanno più limiti alla mancanza di rispetto x chi a contribuito più di tutti a rimpinguare le casse disastrate dell’imps

  16. Quattro anni davanti Ha già risposto SI NOI PRECOCI I 41 lì vediamo col binocolo Ci avete preso per il culo Ripeto già quando parlava o di questa pseudo quota 100 avevo detto che noi precoci saremmo rimasti fregati Detto fatto

  17. Siamo proprio stuffi sia di Maio che di Salvini perché ho superato quota 41 e sono ancora al lavoro perché purtroppo ho solo 61 anni se fanno la legge fra 4 anni e meglio cento volte la fornero

  18. Pinocchio a il naso più corto, di certi individui che penso non hanno mai lavorato. Io ho 41 anni di contribuzione, possono lottare per quota 41 mio figlio.

  19. Ciao a tutti, ho 56 anni e 41 di contributi dove lavoro pensano di chiudere, qualcuno mi sa dire cosa devo fare? Grazie

  20. Abbiamo ancora 4 anni…..roba da fuori di cotenna!!!!!Fenomeno Di Maio dovevate scriverlo nel VOSTRO programma di governo che i 41 si facevano tra 4 -5 anni …….Non sareste arrivati al 20% altro che 33%.La prova è nelle ultime elezioni europee. Si vergogni lei e l’altro vice presidente del consiglio che a dirla tutta forse è anche più bugiardo di lei.Insomma fate una bella coppia di farabutti. Io vi vedrei bene con una vanga in mano.Buona giornata

    1. E se noi dopo 41 anni di lavoro organizziamo un mega sciopero….di quelli veri…..di quelli che hanno fatto i nostri padri per conseguire diritti che ci sono stati tolti con lacrime di coccodrillo e con i sindacati compiacenti?

      1. Rispondendo a Massimo…..Io l’ho già scritto diverse volte che ci dovremmo farci sentire in maniera diversa.Per organizzare uno sciopero ci vuole l’appoggio di un ente accreditato che al momento è solo il sindacato.Ricordiamoci che in questi ultimi anni di governo da Letta passando per quello di Firenze e finendo da Gentiloni il sindacato non ha mosso un dito quindi lo escludiamo.Ci sarebbe un’unica alternativa. Si organizza una manifestazione a Roma ed ognuno di noi si prende una giornata di permesso o di ferie.Siamo tutti disposti?Mi auguro di si.Organizziamoci da soli facciamoci sentire altrimenti questi qua non la finiranno mai di prenderci per il culo.Buona giornata

  21. Nei prossimi 4 anni?!!!!!!!!! E chi ce l’ha adesso 41 anni? Ma la colpa non è mica vostra, è di chi continua a votarvi ed ha continuare a credere alle fandonie che promettete!!!!

  22. I lavoratori LICENZIATI PRIMA DELLA RIFORMA FORNERO non dovrebbero essere assoggettati all’innalzamento dell’età pensionabile introdotto dalla successiva RIFORMA. Dovrebbero poter accedere ALL’APE SOCIAL A 63 anni di età e 20 di contributi,proprio perché LICENZIATI.

  23. Di sicuro noi crediamo alla Poloni!!!
    Difficile credere in gente che ti ha illuso prima del voto e poi ci ha diciamo fregato, x essere garbati…., gente che ci ha fatto fare un ipotesi di vita serena e pou
    I ci ha buttato giù nel baratro ancorpiu’ con la beffa di q100 in debito!!
    E quando mai ricapiterà una situazione cosi..???
    Il gatto e la volpe a me non mi fregano piu!!!
    Traditori, tra 3 4 anni saremo tutti via con la fornero incapaci!!!

  24. Lucio, io come molti , siamo già oltre la quota 41, e siamo quì, contunuiamo a lavorare,
    Salvini, Di Maio, ” hanno ancora quattro anni per mentenere le promesse ”
    e siamo quì a vedere chi con 38 anni di contributi va in pensione,
    la quota 100 non ha portato grandi risultati, e noi quarantunisti dobbiamo dire grazie alla Fornero,
    la quota 100 è fasulla, ingannevole, e Fornerosa. andava fatta da subito 41 per tutti e Fornero a casa.

    1. E se noi dopo 41 anni di lavoro organizziamo un mega sciopero….di quelli veri…..di quelli che hanno fatto i nostri padri per conseguire diritti che ci sono stati tolti con lacrime di coccodrillo e con i sindacati compiacenti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *