Riforma pensioni 2020, ultime opzione donna: verrà rinnovata e per quanto?

Sono tantissime le donne che si stanno interrogando, anche alla luce della situazione economica in atto e delle tante risorse destinate alla ‘ripartenza’ dell’Italia post Covid 19, sul destino della previdenza e soprattutto si chiedono preoccupate se l’opzione donna verrà o meno prorogata. Vi é chi, forse, guardando semplicemente il ‘proprio orticello’, prega che la misura possa venire prorogata per almeno un altro anno.

Poi vi é come Orietta Amiliato, amministratrice del CODS, che non solo punterebbe ad ottenere la Quota 100 rosa e dunque la valorizzazione del lavoro di cura, ma che si ‘scaglia’ contro chi chiede, accontentandosi delle briciole, il rinnovo di ‘anno in anno’. Già la misura prevede di per sé l’intero calcolo dell’assegno contributivo e non é dunque conveniente, ma almeno, se di libertà di scelta si deve parlare, si punti all’ottenimento della proroga per tutte le donne fino al 2023.

Pensioni, opzione donna: ‘mira alla luna, se la manchi atterrerai tra le stelle’

Così Armiliato, sulla pagina Facebook del gruppo: All’adagio popolare “chi troppo vuole nulla stringe” antepongo la citazione di Gerry Kennedy Mira alla luna, anche se la manchi atterrerai tra le stelle”.
Questo perché, come già per il recente passato, alcune donne stanno spingendo nuovamente per poter ottenere la proroga dell’Opzione Donna ma per un solo ulteriore anno, appoggiando e sostenendo la barbara pratica del “di anno in anno” appunto.

Ma Santa Pazienza: possibile che non si possa fare fronte comune, neppure per portare avanti una richiesta di così evidente dignità, giustizia ed imparzialità? E dunque perché non sostenerla tutte quante insieme, per un termine che possa includere un maggior numero di lavoratrici e quindi, come da tempo sosteniamo noi del CODS, a tutto il 2023? Proviamoci! P R O V I A M O C I !

Riforma pensioni, opzione donna: chiediamo la proroga al 2023

Poi prosegue, facendo presente che sarebbe bene richiedere la misura per il maggior numero possibile di donne, non é accettabile fare richieste minime, lottare fino allo sfinimento in ogni finanizaria ed al termine, anche in caso di vittoria a goderne devono essere sempre poche ‘fortunate’. mentre le altre devono pregare in una successiva proroga per poterci rientrare vivendo nell’ansia perenne della logica del ‘di anno in anno’. “Se ci accontentiamo sempre e solo delle briciole giá anche in fase di richiesta, intanto non creiamo alcun margine per un eventuale negoziato e poi forniamo alla politica una preconfezionata risposta da propinarci in sede di eventuale contraddittorio, giacché li accreditiamo a dire, bellamente e a ragione, che “siamo noi che abbiamo chiesto la proroga per un anno” come già é successo per il passato.

Poi conclude: “Ora: per quale ignoto ed astruso motivo dobbiamo negarci la possibilità di portare a casa un più dignitoso risultato visto che lo stillicidio del “di anno in anno” é veramente riduttivo ed avvilente?
Poi…se di meglio non si potrà ottenere, prenderemo giocoforza quello che “ci sarà concesso” ma rinunciare in partenza e senza neppure tentare di fare un minimo di pressione su una proroga di più ampio respiro, mi sembra quanto meno poco ragionevole“.

E voi cosa ne pensate delle considerazioni di Orietta Armiliato é rischioso chiedere di più o é giusto puntare, come in ogni negoziato, al massimo per avere margine di contrattazione? Inoltre preferireste puntare alla proroga dell’opzione donna al 2023 o preferireste la seconda misura suggerita da Orietta Armiliato ossia quota 100 rosa? Fatecelo sapere nell’apposita sezione commenti del sito.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

20 pensieri riguardo “Riforma pensioni 2020, ultime opzione donna: verrà rinnovata e per quanto?

  • Avatar
    12 Luglio 2020 in 13:53
    Permalink

    Sono d’accordo con la signora Armiliato riguardo alla proroga di Opzione Donna a tutto il 2023, evitando quindi le faticose proroghe del di anno in anno….tanto poi scadrà definitivamente e quindi tanto vale farlo subito..

    Rispondi
  • Avatar
    10 Luglio 2020 in 14:04
    Permalink

    Concordo a pieno specie in questo periodo dove molte donne rimarranno senza lavoro in una età che non le permetterà di ritrovarlo.Saranno ritenute troppo vecchie per venire assunte e la cui unica speranza sarà l ‘opzione donna. Opzione donna libera scelta per sempre.

    Rispondi
  • Avatar
    8 Luglio 2020 in 15:44
    Permalink

    Sono d’accordo nel far fronte comune per rendere strutturale la pensione opzione donne, onde evitare che non venga rinnovata e che non venga ulteriormente modificata in senso peggiorativo

    Rispondi
  • Avatar
    30 Giugno 2020 in 9:52
    Permalink

    Buongiorno, ho 56 anni e lavoro da quando avevo 16. La stanchezza si fa sentire anno dopo anno.Io sono per opzione donna definitivo per permettere la presenza delle “nonne giovani” nelle famiglie! Lasciamo la possibilità alle nostre figlie/i di lavorare in tranquillità con la certezza della nostra presenza per accudire i nostri nipotini/e . Tutto ciò porterebbe benefici nella società e darebbe un senso di continuità e stabilità alle giovani famiglie! Forse questo sarebbe un incentivo in più per aumentare le nascite! Portare la pensione a 67/70 anni!?!? Hanno distrutto la figura dei nonni;hanno portato alla sparizione di uno dei nuclei più importanti nella società……cioè quello del nucleo famigliare! Ricordatevi che la famiglia e un pilastro che da sostegno economico e psicologico e una nonna giovane e una soluzione che da mano forte a questo benessere! Io e altre mie coetanee nel mondo di lavoro non ci e permesso di essere le “seconde”mamme dei nostri nipoti. Vediamo le nostre figlie in crisi quando che hanno i figli a casa per malattia per non parlare del lockdown che e stato devastante! Poi allarme di tante neo mamme che sono state costrette a licenziarsi non avendo altra scelta per poter accudire i loro bimbi! Ma dai!!! Ancora con queste proroghe!! Opzione donna deve diventare una libera scelta di per ogni donna e per SEMPRE!

    Rispondi
    • Avatar
      10 Luglio 2020 in 14:00
      Permalink

      Concordo a pieno specie in questo periodo dove molte donne rimarranno senza lavoro in una età che non le permetterà di ritrovarlo.Saranno ritenute troppo vecchie per venire assunte e la cui unica speranza sarà l ‘opzione donna. Opzione donna libera scelta per sempre.

      Rispondi
  • Pingback: Riforma Pensioni: ultime novità su Opzione Donna: le parole dell'On. Amitrano | Pensioni per tutti

  • Avatar
    21 Giugno 2020 in 19:20
    Permalink

    Proroga al 2023 assolutamente. Speriamo!!!

    Rispondi
  • Avatar
    13 Giugno 2020 in 12:19
    Permalink

    Senza dubbio occorre ottenere proroga opzione donna fino al 2023 xché il governo sta decidendo di aumentare l’età anagrafica x ottenere la pensione( probabile a 70 anni)

    Rispondi
  • Avatar
    8 Giugno 2020 in 3:16
    Permalink

    Io sono d’accordo di chiedere il prolungamento di opzione donna fino al 2023

    Rispondi
  • Avatar
    7 Giugno 2020 in 19:44
    Permalink

    Ringrazio innanzitutto la Signora Armiliato per il suo costante impegno.Trovo giusta la sua lungimiranza nel pretendere una proroga di opzione donna che vada ben oltre la riconferma annuale.Concordo sulla particolare attenzione al lavoro di cura che spesso è affidato alle donne,anche se chiedo di avere un occhio di riguardo anche per quelle donne che come me,non avendo coniuge,né figli,hanno comunque lavorato una vita per mantenere se stesse senza mai contare sull’ aiuto di nessuno.Sono queste donne sole su cui ,proprio perché senza una famiglia propria,spesso ricade la totale cura dei genitori anziani ,con un aggravio notevole di stress tra casa e lavoro.
    Chiedo dunque alla Signora Armiliato,a cui tributo stima,di farsi portavoce anche di questo tipo di situazione,perché troppo spesso la donna senza figli non viene nemmeno considerata.Un ringraziamento particolare e un cordiale saluto.

    Rispondi
  • Avatar
    7 Giugno 2020 in 18:18
    Permalink

    Io sono per la proroga opzione donna. No quota 100. Per le donne è molto più difficile da raggiungere.

    Rispondi
  • Avatar
    5 Giugno 2020 in 10:58
    Permalink

    Sig.ra Armiliato, anche guardare fino al 2023 è guardare al proprio orticello di chi rientrerà entro quella data. Se proprio si volesse guardare oltre, bisognerebbe che l’opzione donna, in quanto enormemente penalizzante, sia resa strutturale definitivamente, per tutte e per sempre. Dare un limite di un anno o di tre anni sempre limitativa è. Cosa succederà poi nel 2024 ? Boh !! E’ un po come la storia della quota 100 triennale, quello che succederà dopo non si sa, dipende dalla situazione economica del paese. Nel frattempo si lascia nel dubbio e nello sconcerto chi dovrebbe pensionarsi in quella data: ” Sarò fortunato/a come i quota 100, o dovrò subirmi lo scalone se non addirittura peggiorare ulteriormente la mia situazione contributiva? Dobbiamo finirla con queste manovre a tempo, per pochi fortunati che ci rientrano, lasciando in balia della sorte chi verrà dopo !!!

    Rispondi
    • Avatar
      5 Giugno 2020 in 17:26
      Permalink

      Buonasera a lei gentile sig Franco Giuseppe,
      Nella fattispecie la data del 2023 non vuole affatto essere Appannaggio di orticelli e/o genericamente limitativa ma é sensata, logica e tecnicamente sostenibile.
      Le ricordo infatti che, per poterla prorogarla “sine die” ovvero senza determinarne un termine temporale da maturare per poterne usufruire, bisognerebbe che non fosse stata varata la legge che nell’anno 2011 ha imposto, per quanto a tutte le tipologie pensionistiche, il sistema di calcolo CONTRIBUTIVO per TUTTI Con decorrenza dall’anno 1996 e quindi in essere da 24 anni.
      Ne consegue che renderla strutturale non sarebbe tecnicamente possibile, salvo creare un impensabile spaccatura dell’architettura del nostro ordinamento previdenziale, oltre a creare ulteriori discriminazione fra generi e, ancora, non essere più economicamente conveniente sia per chi eroga sia per chi percepisce.
      Le auguro una buona serata e resto a disposizione qualora necessitasse di ulteriori ragguagli sulla materia.

      Rispondi
      • Erica Venditti
        5 Giugno 2020 in 23:42
        Permalink

        Grazie Orietta Armiliato per essere intervenuta nel dibattito, lo apprezzo molto.

        Rispondi
      • Avatar
        6 Giugno 2020 in 11:07
        Permalink

        Grazie della risposta Sig.ra Armiliato, perdoni la mia benedetta ignoranza, ma quindi, chiedendo la proroga al 2023, Lei cosa si aspetta per il 2024 ? Cosa si dovranno aspettare le donne il giorno dopo della scadenza ? Una nuova proroga o una nuova legge? Se si chiederà una nuova proroga allora il termine temporale è variabile a seconda della richiesta. Oggi si chiede il termine del 2023 ma si potrebbe chiedere anche il 2024 o il 2027 ( cosi per dire ). Ho sempre contestato le riforme a tempo determinato che avvantaggiano qualcuno in quel determinato momento, come la quota 100. Nella loro bruttezza, le riforme Sacconi e Fornero avevano la loro linearità, equità, giustizia sociale, (esodati a parte). Forse come come uomo mi sono avventurato in un tema che non conosco a fondo pur avendolo seguito negli anni trascorsi. Saluti.

        Rispondi
  • Avatar
    4 Giugno 2020 in 23:16
    Permalink

    Preferisco la proroga di opzione donna fino al 2023 per le stesse ragioni espresse da Maria Grazia.

    Rispondi
  • Avatar
    4 Giugno 2020 in 22:47
    Permalink

    Ma quelle donne che come me hanno ormai 63 anni e per 1anno o poco piu’ non riescono ad avere quota 100. Cosa possono fare? Io preferirei Quota100 rosa . Avrei intrapreso APE volontaria se fosse stata confermata.Per il COVID SIAMO VECCHI MA PER LA PENSIONE siamo sempre giovani.Non si considera la famiglia I nostri vecchi o I nostri nipoti in questo brutto periodo erano a carico nostro .io lavoravo.mia figlia lavorava I bimbi a casa .I nonni a casa sarebbero una forte risorsa se ci fosse la possibilita’ di restare a casa.

    Rispondi
  • Avatar
    4 Giugno 2020 in 20:58
    Permalink

    Preferisco proroga opzione donna

    Rispondi
  • Avatar
    4 Giugno 2020 in 19:58
    Permalink

    Chiedo la proroga OPZIONE DONNA fino al 2023 perché ho cominciato a lavorare a 20 anni e ormai sono esausta. Per quota 100 dovrei aspettare ancora 5 anni e sono troppi per le mie condizioni di salute e per il carico di impegni familiari che cresce sempre anziché diminuire. Grazie per il vostro impegno. Un caro saluto! Loredana

    Rispondi
  • Avatar
    4 Giugno 2020 in 14:17
    Permalink

    Preferisco proroga opzione donna fino al 2023, altrimenti si allunga l’attesa per l’età anagrafica

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *