Riforma Pensioni 2021 ultime novità: proroga di Opzione Donna e Ape confermate

Il Governo, dopo un consiglio dei ministri fiume ha approvato la manovra di bilancio 2021, e al suo interno vi sono anche i primi passi della prossima riforma delle pensioni, riguardanti l’ape social e la proroga dell’Opzione Donna. Come è scritto anche sul comunicato stampa relativo alla manovra 2021, nell’articolo 8 si legge: “Vengono finanziate ulteriori settimane di Cig COVID, con lo stesso meccanismo che prevede la gratuità della Cassa per chi ha registrato perdite oltre una certa soglia. Vengono prorogate le misure Ape Social e Opzione Donna“. Andiamo a vedere tutti i dettagli.

Ultime news Riforma Pensioni 2021: proroga di Opzione donna e Ape Social in manovra

Tra le misure principali della manovra 2021, quelle che riguardano la riforma delle pensioni sono poche, e si concentrano soltanto su Opzione Donna e Ape Social. La prima misura consente a tutte le lavoratrici di poter accedere alla pensione prima in cambio di un assegno interamente calcolato con il metodo contributivo, e con la proroga di opzione donna questa opportunità si apre anche a tutte coloro che sono nate tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre 1962 (1961 per le autonome) e che hanno i requisiti minimi necessari ( 58 anni di età e 35 di contributi entro il 31 dicembre 2020.

Per quanto riguarda l’Ape Social invece sarà prorogata di un altro anno e durerà sino al 31 dicembre 2021 nelle stesse modalità attuali, ossia: 63 anni e 30 anni di contributi (36 anni per i c.d. lavori gravosi) in attesa che si definisca un eventuale ampliamento delle categorie beneficiarie come richiesto al Governo da parte dei sindacati. Ricordiamo poi che per la quota 100 tutto rimane identico, con la sua durata che scadrà a fine triennio a dicembre 2021.

Riforma Pensioni 2021 ultimsisime: Le parole di Di Maio e le altre novità in manovra

Luigi Di Maio tramite i suoi profili social ha spiegato tutte le novità presenti nella manovra finanziaria ” Abbiamo fatto quasi le 4 del mattino per chiudere i numeri della manovra. Un lavoro complesso che ha visto il coinvolgimento di tutti i ministeri e che nelle prossime settimane sarà integrato anche grazie al contributo del parlamento. Sono davvero tante le novità che vanno incontro alle attuali esigenze del Paese e degli italiani”. Poi riporta l’elenco delle novità: “Abbiamo stanziato 1,6 miliardi per l’internazionalizzazione e l’export, così da dare forza alle nostre imprese che possono esportate all’estero il nostro Made in Italy. Dal prossimo luglio partirà l’assegno unico familiare, che verrà dato sia ai lavoratori dipendenti che alle partite iva. Per la sanità arrivano quasi 4 miliardi. Aumentiamo le indennità di medici e infermieri, e confermiamo il personale covid per il 2021. 4 miliardi per aiutare i settori più colpiti dal Covid, come il turismo, la ristorazione, i trasporti ecc.

Riduciamo il costo del lavoro per le imprese con la decontribuzione del 30% per i lavoratori del sud e la decontribuzione per gli under 35 di tutta Italia. Stanziati i fondi per avviare la riforma fiscale che partirà dal 2022, così da poter ridurre le tasse. E con questa manovra non ci sarà nessuna nuova tassa. Abbiamo pensato anche ai Comuni, per loro oltre 1 miliardo che potranno utilizzare per potenziare i servizi essenziali come il trasporto, servizi sociali e altro. Altre risorse per la scuola così da abolire le classi pollaio e assumere nuovi insegnanti di sostegno. Ci sarà lo stop alla riscossione e all’invio di nuove cartelle fino alla fine dell’anno”.

Infine conclude con la parte relativa alle pensioni, spiegando: “Rifinanziamo la cassa integrazione per i lavoratori per tutto l’anno. Così come l’ape sociale e opzione donna. Queste alcune delle principali misure di questa manovra, che ribadisco: dovrà dare risposte agli italiani. Risposte concrete per uscire tutti insieme dalla crisi pandemica“. Voi cosa ne pensate di queste misure? Fatecelo sapere nei commenti qui di seguito e tornate a trovarci ogni giorno per tutte le novità relative alla riforma delle pensioni 2021!

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

16 pensieri riguardo “Riforma Pensioni 2021 ultime novità: proroga di Opzione Donna e Ape confermate

  • Avatar
    23 Ottobre 2020 in 6:40
    Permalink

    Mi domando ma nella differenziata i politici si collocano con i sindacati?

    Rispondi
  • Avatar
    21 Ottobre 2020 in 14:26
    Permalink

    l’unica riforma pensionistica decisa di anno in anno è opzione donna!!!!Super penalizzante e per di piu’
    se una persona compie gli anni il 3 gennaio dell’anno successivo non puo’ andare per soli 3 giorni e non sa nemmeno se potra’andare l’anno successivo perchè la proroga si decidera’ alla fine dell’anno venturo!!!! Tutto questo è assolutamente irragionevole.

    Rispondi
  • Avatar
    20 Ottobre 2020 in 15:14
    Permalink

    avrei preferito che fosse stata diminuita l’età per accedere all’ape social visto il diffondersi della pandemia specialmente nel settore edile che è stato un settore distrutto da tale malattia con perdita di moltissimi posti di lavoro e semmai far rimanere gli stessi anni di contribuzione

    Rispondi
  • Avatar
    19 Ottobre 2020 in 20:43
    Permalink

    Perchè I lavoratori precoci se non hanno fatto anche lavori usuranti, non possono andare in pensione prima?,,, in fondo hanno versato i contributi allo stesso modo a prescindere dal tipo di lavoro. In questo modo si liberano posti x i giovani.

    Rispondi
  • Avatar
    19 Ottobre 2020 in 18:12
    Permalink

    Parole parole soltanto parole tra voi.

    Rispondi
  • Avatar
    19 Ottobre 2020 in 18:11
    Permalink

    Ma le due commissioni per lavori usuranti e quella per ………….. Che fine hanno fatto?

    Rispondi
  • Avatar
    19 Ottobre 2020 in 18:08
    Permalink

    Tutto questo parlare per due proroghe haim alla faccia di sindacati e politici ci vorrebbe totò per una solenne pernacchia.

    Rispondi
  • Avatar
    19 Ottobre 2020 in 14:44
    Permalink

    per non farmi illusioni sto considerando che dovrò andare in pensione con le regole attuali ma non ho però lo stesso chiaro cosa succederà dopo il 2026.
    Fino al 31 dicembre del 2026 è previsto infatti il congelamento dell’aspettativa di vita a 42 anni e 10 mesi. Dal biennio successivo quale sarà l’incremento? Si dovranno conteggiare anche gli incrementi non applicati nei bienni precedenti col rischi di incrementare di colpo di un anno più? Oppure si ripartirà gradualmente con l’incremento di tre/quattro mesi a biennio?
    Grazie a chi sa rispondermi.

    Rispondi
    • Avatar
      23 Ottobre 2020 in 6:37
      Permalink

      Perché commentare misure di un governo che non finirà la legislatura ci tocca aspettare la prossima per una buona riforma pensioni .abolite la fornero adesso.

      Rispondi
  • Avatar
    19 Ottobre 2020 in 12:18
    Permalink

    Diciamo che per quanto riguarda le pensione, di strutturale non leggo niente.

    Speriamo che qualcuno ci pensi a noi sessantenni che, secondo la legge Fornero, pensione di vecchiaia a 68 anni ………. ma come ce pensi ……. considerate che io personalmente se vado in pensione a 68 anni, dopo soli 4 anni festeggio le nozze d’oro…… che ridere……

    Rispondi
    • Avatar
      19 Ottobre 2020 in 18:47
      Permalink

      Nell”ultimo incontro sindacati Catalfo si è parlato di allargare la platea dei lavoratori precoci ai fragili, sembrava cosa fatta ma nella legge di bilancio non c’è come mai?

      Rispondi
      • Avatar
        21 Ottobre 2020 in 13:21
        Permalink

        Insegnate ai vostri figli che devono fare attivitá sindacale avranno molti guadagni .

        Rispondi
  • Avatar
    19 Ottobre 2020 in 12:11
    Permalink

    Quota 41 per fragili ma chi è precoce ma non rientra nei paletti fornero dovrà farsi 43,1 mese .. alla fine i precoci che non rientrano saranno fregati un’altra volta..

    Rispondi
    • Avatar
      19 Ottobre 2020 in 18:28
      Permalink

      E una vergogna il sindacato parlava di portare avanti quota 41 mi sa che è andata in una bolla di sapone e vergognoso non o parole

      Rispondi
      • Avatar
        21 Ottobre 2020 in 10:42
        Permalink

        Chiedo, perchè si parla sempre di aumentare l’età anagrafica a parità di anzianità di servizio?
        Io ho 59 anni e 40 anni di servizio perchè devo aspettare di arrivare a 64 anni di età per rientrare nella pensione 41 anni per tutti? Io a 64 anni maturerò 45 anni di contributi.
        Sicuramente andrò in pensione con la legge Fornero che a oggi prevede 42 e 10 mesi con una età anagrafica di 62 anni.
        Ma la mia domanda è: perchè non posso andarci a 60 anni con 41 anni di contributi?

        Rispondi
  • Avatar
    19 Ottobre 2020 in 11:26
    Permalink

    Cosa ne pensiamo delle misure ? Dato che esco da un’esperienza disastrosa suggerisco, se avete dei figli, di aiutarli ad entrare nel lavoro come imprenditori e fargli aprire un’attività commerciale di vendita al dettaglio.
    Poi ci confermerete quanto si impiega a farlo, cosa costa farlo, quanta documentazione si deve presentare e quanto pagheranno di tasse negli anni futuri.
    Sgravi per le aziende che assumono gli under 35 ? Certamente. Dato che gli over 60 non si saprà mai quando potranno andare in pensione li licenziamo?
    Rido per non piangere sul fatto che una piccola azienda artigiana o commerciale abbia il fatturato che permetta di assumere un giovane mantenendo anche nel bilancio un lavoratore anziano .
    E per le pensioni cosa dire? Grazie, per avermi dato una prospettiva di vita che va oltre i 365 giorni di una opzione donna o ape social.
    NO. Mi dispiace, ma lascio a voi il bicchiere mezzo pieno.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *