Riforma Pensioni 2021 ultime oggi 9 aprile, parla presidente di Confindustria

pensioni ultime notizie

Il Presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, intervenuto al Sustainable Economy Forum 2021, evento internazionale che Confindustria ha organizzato insieme a San Patrignano ha detto di essere “molto preoccupato per la sostenibilità sociale” e ha ribadito la sua preoccupazione per “giovani, donne e famiglie a minor reddito”. Ha infine anche parlato della riforma delle pensioni, spiegando le necessità principali secondo lui per riformare la previdenza.

Pensioni oggi 9 aprile 2021 ultime news: Bonomi su sostenibilità e produttività

Bonomi, come riporta il sito ufficiale di Confindustria e come potrete ascoltare nel video dell’intervento che riportiamo a fondo pagina ha detto: “Un tema che mi preoccupa, non solo come imprenditore ma come cittadino italiano, è la sostenibilità sociale. La nostra Italia vive da 25 anni prigioniera di una visione che non riesce a cambiare e che ha concorso a ogni crisi e torna a farci perdere più PIL dei nostri partner e a impiegare più anni di loro per recuperarlo, a una produttività stagnante, a un reddito medio pro capite che depurato dalla componente nominale è tornato indietro a quello di 26 anni fa”.

Il conto di questo grave stato di cose, ha spiegato il Presidente “è riversato sui soggetti deboli della nostra società: i giovani, le donne le famiglie a minor reddito”. Inoltre, “si sono aggravate tutte le fratture orizzontali quelle tra aree del Paese“, ha aggiunto. Proprio le donne come riporta anche il Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Inps sono state le più penalizzate negli ultimi anni, visto che “Vi è stato un salto di età per l’uscita di ben 5 anni per le lavoratrici dipendenti private, di 3,4 anni per le lavoratrici autonome e di un anno per le lavoratrici dipendenti dei settori pubblici (per le quali l’età era stata aumentata in precedenza da 60 a 66 anni). Le conseguenze sono state care proprio per il sesso femminile.

 Ancora Bonomi sul mondo del lavoro e sull’emergenza del Covid spiega: “È spaventoso che l’Italia ci avesse messo 6 anni per realizzare 850mila occupati in più e nel solo 2020 ne abbiamo persi oltre la metà, malgrado il cosiddetto blocco dei licenziamenti. Si sono aggiunti un milione di poveri assoluti, e nel Nord Italia la maggior parte non è coperta dal Reddito di cittadinanza perché è assegnato in base a standard di reddito uguali nazionalmente, mentre la povertà assoluta considera correttamente soglie diverse da regione e regione e aree metropolitane”.

Riforma Pensioni 2021 ultime novità: per Bonomi va reimpostata la previdenza

“La mia preoccupazione – ha argomentato Bonomi – deriva dal fatto che le fratture sociali italiane in continua crescita richiedono una revisione generale dell’intervento dello Stato e di alcuni pilastri fondamentali del nostro vivere come comunità che richiedono una modifica dell’offerta formativa pubblica, della sanità, basata sull’adozione del modello Long Life Care, necessario in una società sempre più anziana e che chiede più medicina territoriale e telemedicina e una reimpostazione della previdenza“.

Per Bonomi occorre: “Una reimpostazione della previdenza perché la nostra spesa pubblica sociale è, sì, nella media europea ma paurosamente sbilanciata a favore delle pensioni. Il problema diventa allora quello di misure atte a mantenere al lavoro le coorti più anziane, magari cambiandone le mansioni e volgendole alla formazione dei neo-addetti e insieme di alzare l’occupabilità dei giovani attraverso un nuovo ammortizzatore sociale universale e politiche attive del lavoro basate entrambe su formazione permanente e rioccupabilità“.

Ma come fare per trovare i fondi per attuare questi importanti interventi? Bonomi spiega che non si può prescindere da una complessiva “revisione dell’Irpef che sani le attuali gravi iniquità orizzontali e verticali accumulate con bonus e forfait, senza un generale riordino delle detrazioni e deduzioni per imprese e famiglie, senza una valutazione unitaria dei disincentivi al lavoro e al reddito posti in essere dall’attuale fisco del nostro Paese,  noi continueremo a disporre decine e decine di miliardi di benefici che non vanno a chi davvero soffre il prezzo di 25 anni di scelte sbagliate”. QUi di seguito trovate il video integrale dell’intervento del Presidente di Confindustria, buona visione!

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

4 commenti su “Riforma Pensioni 2021 ultime oggi 9 aprile, parla presidente di Confindustria

  1. Confindustria, un rappresentante che non ha mai piegato la schiena, ma vive di fatturato…. cioè il suo resoconto è contenere gli stipendi e ritornare alla Fornero? Vada a lavorare in fabbrica per 41 anni zio porco ….io li ho superati da poco e sono più povero di prima per arricchire la casta degli imprenditori e dello stato…zio porco.Datemi un bazooka e sistemo io l’ Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su