Riforma Pensioni 2024, Durigon su Quota 41: ‘Si farà, ma con contributivo’

Il progetto di riforma delle pensioni per il 2024 su cui il governo Meloni si appresta a lavorare, con la possibilità di vedere la luce già nel corso di quest’anno, prevede una riduzione degli importi degli assegni. Più precisamente, si baserà su un ricalcolo interamente contributivo (generando così un importo mensile inferiore) per coloro che optano per la pensione anticipata. Tale meccanismo, già implementato quest’anno per chi vuole accedere alla Quota 103 o all’ Opzione donna, potrebbe rendere fattibile anche l’obiettivo della Lega di approvare Quota 41. A spiegare i piani dell’esecutivo è stato Claudio Durigon, sottosegretario leghista al ministero del Lavoro, nel corso di un’intervista concessa a Repubblica. Vediamo nel dettaglio cosa ha detto.

Pensioni 2024 ultime news, parla Durigon su quota 41 con contributivo

“Non abbiamo abbandonato l’obiettivo di abolire la legge Fornero: ci stiamo avvicinando. Stiamo pianificando una riforma delle pensioni che si protrarrà per un decennio, con l’obiettivo di incentivare la permanenza nel mondo del lavoro nei settori in cui c’è maggiore necessità. Al contempo, agevoleremo l’uscita con 41 anni di contributi in altri settori“, afferma il sottosegretario della Lega Claudio Durigon.

Poi sottolinea che per quanto riguarda le pensioni, “Sarà un anno chiave e la riforma sarà sostenibile per i conti e per il mercato del lavoro, flessibile e duratura. Non esistono riforme per sempre. Puntiamo a indirizzare i prossimi dieci anni. Faremo Quota 41, il cavallo di battaglia della Lega».

Abolizione della Legge Fornero nella prossima Riforma delle pensioni, le parole di Durigon (Lega)

Durigon spiega poi come procedere sull’aspettativa di vita e come attuare quota 41. “II tema dell’aspettativa di vita va valutato con attenzione. Noi della Lega l’abbiamo già bloccata una volta. Intanto mettiamo in campo Quota 41 con il ricalcolo contributivo come possibilità di scelta”. Ovviamente l’utilizzo di quota 41 porterà a una penalizzazione dovuta dal calcolo contributivo, ma Durigon assicura “Il taglio sarà minimo, perché nel tempo la porzione retributiva da ricalcolare è sempre più piccola”.

Il sottosegretario evidenzia inoltre che “la flessibilità previdenziale non si può pensare sotto i 41 anni di versamenti. Aiuteremo i giovani e le imprese a coprire buchi di carriera e recuperare gli anni della formazione con incentivi. Promuoveremo anche la previdenza integrativa“.

Infine torna sull’abolizione della legge Fornero, altro argomento che è stato cavallo di battaglia della Lega: “Rimane il nostro obiettivo politico. Una legge entrata in vigore dal giorno alla notte che ha creato esodati e intaccato i diritti dei lavoratori. Per cancellarla servirebbero enormi risorse. L’abbiamo corretta con le salvaguardie e svuotando i bacini con le Quote. Con la riforma che faremo e con il peso via via minore delle pensioni retributive, anche quella legge morirà”.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

73 commenti su “Riforma Pensioni 2024, Durigon su Quota 41: ‘Si farà, ma con contributivo’

  1. “Durigon su Quota 41: ‘Si farà, ma con contributivo’”
    Eventualmente l’informazione corretta srebbe che Durigon dicesse QUANDO si farà……. Cosi’, giusto per non confondere la cosa per l’ennesimo messaggio propagandistico elettorale……….

  2. Caro Durigon e dovevamo pagare te come politico per dirci che dobbiamo morire prima e poi andremo in pensione…ci sono categorie di lavori che non si possono fare più ad una certa età..esempio in Edilizia…e poi c’è anche la questione sicurezza sul lavoro..che garanzia di sicurezza può dare un lavoratore anziano costretto a lavorare in un lavoro faticoso e pericoloso… vorrei una risposta

  3. il calcolo contributivo per la quota 103 è l’ennesima ruberia che la classe politica opera a danno dei lavoratori, da quando ho iniziato l’attività lavorativa nel 1978 sono cambiate almeno 20 volte le modalità di accesso al tanto agognato riposo, dopo una vita di lavoro. ormai le prestazioni di tipo assistenziale sono pari alle pensioni maturate da intere categorie di lavoratori, per esempio i tessili, multiservizi, vigilanza ma anche i metalmeccanici etc etc.
    ora in uno Stato civile il riconoscimento della pensione che permetta di vivere con decoro gli ultimi anni di vita, mi sembra sempre di più un utopia. e questi tronfi figuri che vogliono addirittura passare per salvatori della patria…..una desolazione

  4. Ma perché “aiuterermo i giovani a coprire i buchi contributivi “, perché SOLO i giovani?
    Anche la nostra generazione è stata giovane!
    Perché nessuno pensa agli ultra sessantenni di oggi, che male hanno fatto, se non lavorare duro?!

    https://www.ilgazzettino.it/schede/pensione_pace_contributiva_come_riscattare_5_anni_contributi_2024-7822193.html

    La pace contributiva deve essere per tutti, altrimenti è anticostituzionale.
    Chi ha buchi contributivi antecedenti il 1996 deve poterli coprire così come viene data la possibilità a chi ha l’ammanco dopo questa data.
    Anzi, è più urgente riconoscere questa possibilità a chi li ha prima del ’96, dal momento che si suppone sia più anziano.

    Certo, è perché ricade nel segmento retributivo, ma basta studiare tecnicamente la cosa, adattandola alla situazione di chi rientra ancora nel regime misto.
    Spero vivamente ci sia la volontà di correggere questa enorme ingiustizia.
    Grazie

    1. Cara veronica, la faccenda è complessa: chi comanda non vuole che la gente vada in pensione prima dei requisiti della legge Fornero; per cui adotta qualsiasi strategia per questo scopo; come disse una volta una persona si avvale di tecnici laureati che hanno studiato il sistema pensionistico italiano che dice al politico come fare per evitare che , dico una cifra a caso, 20 mila persone vadano in pensione a parte legge fornero; se una persona può riscattare buchi contributivi gliela rendono talmente costosa nel caso per veitare il riscatto; tutto qui; io l’ho capita così; saluti a te e ai gestori del sito

  5. “Faremo Quota 41, il cavallo di battaglia della Lega». Mi pare che qui oramai di equino c’è solo il somaro che casca, dal famoso detto: qui casca l’asino!

  6. Evviva si rivede Lui !!!!!! Per caso fra poco si vota?????? Certi personaggi si fanno vivi solo in prossimità delle votazioni. Spero che questa volta non ci facciamo fregare. Perché non gli diamo una bella delusione???? NON DIAMO IL NOSTRO VOTO A CERTI PARTITI E POLITICI. QUESTI CHIACCHIERONI. NO, IL MIO VOTO NON L’AVRETE. STUPIDI LO SIAMO MA NON A QUESTO PUNTO.

  7. Buongiorno! Penso che il Governo Italiano debba eliminare le penalizzazioni sui trattamenti pensionistici. Grazie di cuore a tutti.

  8. Per me 67 anni li raggiungerò nel 2028 (se ci campo) mi chiedo terranno i 67 anni Pensione di vecchiaia fino al 2028? Oggi ho circa 40 anni di contribuzione nel 2028 saranno quasi 44 vorrei fare una proposta al governo andare in pensione al compimento dei 41 anni di contribuzione nel mio caso a 64 di età anagrafica anche con il contributivo è poi al raggiungimento dei 67 anni d’età avere ricalcolato l’assegno con il sistema misto. Credo che potrebbe essere una soluzione per salvare capre e cavoli.

    1. Era più o meno la proposta Tridico, tutti dicevano che fosse sostenibile per i conti pubblici, ma non l’hanno mai seriamente presa in considerazione.

    2. Caro Giuseppe, sembra vagamente la proposta tridico; l’hanno già bocciata; le alternative sono poche e te le spiego: arrivi ai 41 anni e al 99,9999% ti fanno andare in pensione con il contributivo e la parte retributiva te la scordi; la seconda alternativa è che maturi i requisiti Fornero e vai in pensione con il misto; calcola che nel 2027avrai oltre i 31 anni di contributivo e 12 di retributivo; ultima chicca: nel 2027 non basteranno i 67 anni, 67 e pochi mesi , nel 2028 forse di più; forza e coraggio e teniamo duro; saluti a te e ai gestori del sito

      1. Grazie, Paolo Prof (sono anch’io un’insegnante! ) per il chiarimento. Aspettiamo e vediamo cosa ci sforna il governo entro fine anno. Certo che per noi boomers prossimi alla pensione, e sfiniti da decenni di lavoro, il futuro che ci preparano non sarà certo roseo…
        Un saluto a te e ai gestori del sito,

        1. cara marinella, tieni duro; la situazione per chi non è in pensione o per chi ha finito ma gli gestiscono quella integrativa è durissima; forza e coraggio e speriamo in bene ma ho poca fiducia; saluti a te e ai gestori del sito

    3. Caro Giuseppe, no non basteranno.
      Trovi facilmente in rete le tabelle dell’incremento dell’età pensionabile.
      Un saluto a tutti e complimenti ai gestori del sito

  9. Pensate per un attimo che questo ignobile personaggio è un ex sindacalista, vice segretario dell’UGL. Pensate che gli iscritti di quel sindacato lo hanno mantenuto per anni con un cospicuo stipendio. Pensate che con il loro voto poi lo hanno eletto politico e pensate che questo essere gli sta togliendo soldi dalla loro futura pensione. Alzi la mano chi vorrebbe vedere almeno la faccia di uno degli iscritti a questo sindacato.

  10. E intanto è ripartito il circo dei ricchi di Davos; viene sempre più certificato l’abisso che separa i super ricchi dalla massa di poveri e indigenti. Con il contributivo per tutti, si preparano i nuovi poveri di domani. E con l’Intelligenza Artificiale che dominerà il lavoro, nuovi poveri anche tra i giovani. Altro che il sol dell’avvenire!

  11. Hanno fatto una prova falciando la pensione di sanitari e dipendenti degli enti locali. Al governo è andata bene : nessuno ha fiatato e adesso ci tirano un altro cazzotto dicendoci che la pensione anticipata con 43 anni di contributi è un privilegio insostenibile e quindi devi scordarti il sistema misto.
    (ma è tutto legale ?)

  12. Nel 2023 con la quota 103 sono andati in pensione la bellezza di, tenetevi forte che sono numeri da capogiro, 11.750 persone. Uauhhh !!! E fortuna loro anche con la parte retributiva. Quanti saranno quelli che nel 2024 sceglieranno di andarci con 103,9 e tutta contributiva ? Era questo che avevano promesso prima delle elezioni ?

    1. Per quanto non mi sia simpatico proporrei un’intervista a Razzi, quel parlamentare che parlando dell’istituzione disse “….qua è tutta una malvivenza…”. E qualcosa di simile lo aveva già detto il De Pretis nei primi anni del 1860.

  13. In campagna elettorale parlavate di quota 41 senza se e senza ma !!! Tienitela la quota 41 contributiva!!

  14. Invece di metterlo sempre in quel posto ai lavoratori, perché non combattono l’evasione dele partite Iva? A quelli gli danno pure la flat tax….
    SALVINI STAI FERMO CHE QUANDO TI MUOVI FAI SOLO GUAI…. QUOTA 100 E 102 ORA LA PAGHIAMO NOI…..

  15. Ahahahah…..mi davano del pazzo quando non credevo !!!! Poeti compresi….
    E ora che si fa’ ? Passerà sicuramente con il benestare di una parte sindacale e qualche oretta di sciopero delle restanti parti sociali.
    Non ho mai visto in quarant’anni di vissuta politica un governo che in poco più di 12 mesi ha devastato l’intero comparto previdenziale, sanitario e scolastico, hanno fatto cassa ovunque persino sui portabici lette d’auto. A questi non importa del voto alle europee ne tantomeno delle politiche o regionali !!!! Il loro scopo è su ordine dei poteri forti di devastare di tasse l’intero popolo italiano !!!! Tutto premeditato dalla campagna elettorale con menzogne a 360 gradi.
    Mi spiace per chi ha creduto a questa banda.
    E ora mio caro poeta scrivici un’altra poesia.

    1. Il governo Monti con la riforma Fornero ha fatto forse peggio.
      E nessuno ha detto nulla.
      Tra le lacrime… in una tragica serata è stata cambiata la vita a milioni di persone.
      Adesso siamo qui a supplicare che non tolgano la legge Fornero…
      Povera, anzi poverissima Italia

    2. Giammai mi fu dato di vedere,
      In tant’anni di leggi vissute,
      In sol dodici mesi cadere
      Previdenza, Sanità, Salute.

      Hanno fatto dovunque gran cassa,
      persino sui portabiciclette.
      Del voto europeo fatto in massa
      Poco importa a tali marionette.

      Lor scopo è di tasse devastare,
      Su ordine di poteri forti,
      Questo popolo pensinsulare
      Da tempo afflitto da tanti torti.

      Orsù, è tutto premeditato:
      Motti di campagna elettorale
      Son sirene per l’elettorato,
      Ma son menzogne che fanno male.

    1. Concordo con Franco, perché ci hanno imbrogliati totalmente con le loro bugie da imbonitori di infimo ordine- ora convinciamoci che questi rappresentano il male assoluto e vanno cacciati a pedate nel sedere, così come è arrivato il momento di prendere le distanze dai sindacalisti che volutamente si sono fatti prendere in giro, quando poi era indispensabile battere i pugni sul tavolo dei bari al comando…… invece di raccontarsi barzellette tra loro nei tavoli della vergogna…..per poi raccontare a noi baggianate di pessimo gusto- e pensare che tanti ci hanno creduto pure ai capi sindacali del piffero!

    1. Ho capito che questo strano personaggio pensa che i lavoratori siano un ammasso di coglioni con cui poter disporre a proprio piacimento….purtroppo sembra proprio così dalle varie ipotesi….come dice Vasco Rossi…siamo soli

  16. Caro Durig, la lega aveva in programma 41 per tutti senza penalizzazioni che non è il 41 che dici tu. Poi tra le motivazioni per far sparire la Fornero c’è anche che fu fatta dall’oggi al domani. Per la sostenibilità dei conti dello stato poi, premesso che al netto dell’Iva i conti pensionistici reggono, ci sono molti altri modi di tenere i conti in ordine. Speriamo nella tua consueta inattendibilità.

  17. fatevene una ragione:questi si sentono forti perche’ nessuno protesta (ricordatevi in francia e ora in germania sono due settimane che trattori bloccano il traffico….altre culture )e pure la sinistra sembra appoggiarli con finti sindacati che se la fanno addosso appena Salvini minaccia la precettazione….siamo solo un popolo di parolai pecoroni

  18. Questi bisognerebbe cacciarli a casa al più presto prima che facciano altri danni con una nuova riforma delle pensioni che non può che essere peggiorativa.

  19. E questa la chiama riforma? Ma mi faccia il piacere….come diceva Totò. Vogliono creare pensionati poveri dopo 41 anni di lavoro, cambiare il sistema tutto in contributivo mi sa un pò anticostituzionale. Togliere i diditti acquisiti non è legale gradirei avere un commento da qualche avvocato. I sincacati specie quello di landibni cosa dice? o meglio cosa fa?..mi sa nulla come sempre.

    1. Mi associo a Stefano, chiederei lumi in merito alla possibilità di cambiare la legge Fornero anticipata da mista in contributiva. Mi sembra anticostituzionale togliere un diritto acquisito. Però non c’è limite al peggio con questo governo.

      1. Cara Marinella 60 l’ho già spiegato una volta sempre tenendo conto che non sono un avvocato; un conto è che ti dicano che sotto i 41 anni per tanti motivi non possiamo andare: è vomitevole ma lo possono fare; un conto è dire: con i 41 anni ti mando in pensione ma tutto contributivo; è ancora più vomitevole ma lo possono fare; per assurdo potrebbero anche fare una cosa del genere: da ora in poi tutte le pensioni future verranno calcolate con il contributivo: a quel punto entriamo nello spazio dei ricorsi: magari giocano su un fatto: su 10 persone 6 si rassegnano, 3 vogliono fare il ricorso ma collettivo e devi appoggiarti ad un patronato……… e 1 fa ricorso individuale ma questo costa; riepilogando: a loro basta praticamente eliminare tutte le forme anticipate rispetto alla legge fornero; tutto chiaro? io l’ho capita così; saluti a te e ai gestori del sito

        1. Grazie a Paolo Prof per il chiarimento. Per noi boomers prossimi alla pensione, sfiniti da decenni di lavoro (io sono un’insegnante), questo governo sta preparando un futuro tutt’altro che roseo…

    2. Diritti acquisiti?!?!
      Ma quali diritti!
      La riforma Fornero e prima quella Dini (o chissà chi era…) ha mantenuto i diritti acquisiti?
      Se avessero mantenuto i diritti acquisiti sarei già in pensione da anni.

  20. Ah quindi era questa la quota 41 promessa. Durigon con il contributivo non avrebbe nemmeno abbastanza per mangiare. La Fornero sarà stata fatta in una notte ma, purtroppo, si è dimostrata lungimirante. Il nuovo governo ha fatto solo danni anche se ha avuto molto più tempo.

  21. Quota 41 contributivo ? Ottima cosa per chi vive di rendita….oppure per chi e’ disperato nel senso che sarebbe l’ unica fonte di reddito e deve calarsi le mutande

  22. …..così abolirebbero la Fornero????
    con 41 anni di contributivo invece che 42 e 10 col misto?????
    Meglio sperare che cada il governo il più presto possibile e che chi vada al governo lasci la Fornero….siamo al colmo

  23. Basta con le cazzate! Durigon si astenga da ogni tipo di dichiarazione! Non ne possiamo più! Hanno svuotato i bacini con le quote, ma cosa dice?? C’è un sacco di gente inchiodata al lavoro in attesa della morte, pardon dei 67 anni! Maledetto, bugiardo individuo!

  24. Tranquilli. Quando parla questo signore succede sempre il contrario. Io quest’ anno compio 62 anni con 42 di contributi. Non so cosa fare. Questi cambiano le carte da oggi a domani. Meglio andare?

    1. Sono nella tua stessa situazione, io aspetto la Fornero l’anno prossimo se non fanno vaccate.
      La quota 103 la terrò come paracadute, cristallizzando il diritto, se dovessero farle, ma mi auguro veramente di no, troppo penalizzante per pochi mesi!

      1. io me ne vado con quota 103 anche se penalizzata:dopo le parole del panzerotto Durigon mi convinco sempre di piu’ che dal 2025 sara’ 41 per tutti contributivo o 67 anni assegno pieno….la Fornero sara’ solo un ricordo ,prima brutto,ora con questi cantastorie era pure diventato un ancora di salvezza.

  25. E così, siamo passati da un quota 100 con 38 anni retributivo + contributivo ad una 41 tutta contributiva, il che vuol dire che l’assegno di un 41 sarà nettamente inferiore rispetto ad un 38. Lo avete votato, gli paghiamo un superstipendio e ci rubano anche i soldi. questi non sono semplici delinquenti ma proprio degli infami.

  26. allora mi pare di capire che più si va avanti e peggio è: ma la chicca è: non si prevedono flessibilità prima dei 41 anni; una volta il massimo era 40, ora il minimo è 41 e pure contributivo; vergognatevi; stendiamo un velo pietoso; saluti ai gestori del sito

    1. Abbiamo pochi strumenti per cercare di cambiare qualcosa: pretestare e votare in modo diverso.
      Cominciando dalle Regionali poi dalle Europee e per finire con le Politiche nel 2027 (speriamo prima…)

  27. Contributivo, 1000 euro di pensione al massimo, nessuna possibilità di fare lavoretti e 36 mesi di finestra prima dell’inizio del pagamento…

      1. Come al solito promettono promettono e poi ti ritrovi con niente in mano spero che la gente alle prossime elezioni se ne ricordi di questi bugiardi

  28. Ormai era nell’aria chi vuole andare prima in pensione (per modo di dire perchè 41 anni sono una vita) sarà penalizzato. Almeno che non tocchino la pensione di anzianità a 67 anni per chi ha iniziato tardi a lavorare. Anzi sarebbe meglio bloccare definitivamente l’età a 67 o magari meno senza finestre e legacci. Al maturamento dei 67 anni e con almeno 20 anni di contributi si deve andare in pensione senza se e senza ma. Ultima cosa le donne meritano un ‘attenzione particolare almeno per loro se non c’è OD abbassiamo l’età a 65 anni.

    1. La pensione a 67 anni è già stata toccata dalla riforma Fornero.
      I 67 anni valgono per adesso ma dal 2027 comincerà ad aumentare seconda la nota “scaletta”: 3 mesi in più ogni due anni

  29. Intanto preparatevi, sembra dire il Nostro. L’utilizzo di quota 41, se sarà introdotta, porterà a una penalizzazione, ma “il taglio sarà minimo, perché nel tempo la porzione retributiva da ricalcolare è sempre più piccola”.
    Non si smentiscono proprio mai: penalizzazioni, tagli, quote e paletti vari…sono sempre e immancabilmente sulla cresta dell’onda!!

    1. In media forse sarà “minimo”, ma è la media di Trilussa. Se io mangio 2 polli e tu nessuno, è come mangiarne uno a testa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su