Riforma Pensioni 2024 scuola: aperte domande opzione donna, quota 103 e Ape fino al 28/2

Circa 31.000 lavoratori del settore educativo sono in procinto di andare in pensione il prossimo 1° settembre. Questo dato, comunicato ai rappresentanti sindacali dal Ministero competente, non include i Dirigenti Scolastici, i cui termini per la presentazione delle domande scadono il 28 febbraio, come stabilito dal contratto. Per quanto riguarda la suddivisione, si prevede che 21.322 insegnanti, 9.154 membri del personale ATA, 459 insegnanti di religione e 57 educatori lascino il loro incarico.

Riforma Pensioni 2024, le uscite nella scuola con Opzione donna e quota 103

È importante notare che il Ministero ha specificato che questi numeri potrebbero variare a seguito delle verifiche in corso da parte dell’INPS, riguardanti il soddisfacimento dei requisiti pensionistici per ciascun individuo. Inoltre, è da considerare che ulteriori cessazioni potrebbero verificarsi a causa delle recenti modifiche apportate dalla legge di bilancio del 2024 riguardo a diverse modalità di pensionamento, come l’opzione donna, la quota 103 e l’Ape sociale. Per queste categorie è prevista una prossima riapertura dei termini per la presentazione delle domande.

E’ stata infatti pubblicata nella giornata di ieri la circolare ministeriale n. 16553 del 14 febbraio con le indicazioni sulla riapertura delle domande di docenti e ATA per Quota 103 e Opzione donna. La circolare, condivisa con Inps, fornisce le indicazioni operative

LEGGI LA CIRCOLARE INTEGRALE QUI SUL SITO MIUR

Pensioni 2024 per la scuola, come presentare domanda entro il 28 febbraio

Per il personale scolastico che intende usufruire delle citate misure, nella circolare si legge che le relative istanze dovranno essere presentate, tramite il sistema Polis, dal 20 al 28 febbraio 2024 utilizzando le funzioni che saranno disponibili nell’ambito della sezione “Istanze Online” del sito. Le istanze Polis disponibili sono:

  • Cessazioni On Line – personale docente ed ATA – Pensione anticipata flessibile
  • Cessazioni On Line – personale docente ed ATA – Opzione donna -2024
  • Cessazioni On Line – Dirigenti Scolastici – Pensione anticipata flessibile
  • Cessazioni On Line – Dirigenti Scolastici – Opzione donna – 2024

Pensioni 2024 e Ape social, la circolare del MIUR

Nella circolare si legge poi, riferendosi all’Ape social che “L’articolo 1, comma 136, della Legge di Bilancio 2024 stabilisce che le disposizioni di cui all’articolo 1, commi da 179 a 186, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, e di cui all’articolo 1, comma 92, della legge 30 dicembre 2021, n. 234, si applicano anche per l’anno 2024.

In particolare, è stato previsto il posticipo del termine di scadenza del periodo di sperimentazione dell’APE sociale al 31 dicembre 2024, con innalzamento dell’età anagrafica minima prevista a 63 anni e 5 mesi e sono state confermate le condizioni per l’accesso a tale beneficio nei confronti dei lavoratori dipendenti che si trovano nelle condizioni di cui all’articolo 1, comma 179, lettere a), b) e c) della legge n. 232 dl 2016 o che svolgono attività c.d. gravose (lettera “d” del medesimo comma). Nello specifico, l’allegato 3 annesso alla legge 30 dicembre 2021, n. 234, e da questa richiamato all’articolo 1, comma 92, annovera nell’elenco delle professioni c.d. gravose, che danno diritto all’APE sociale i “Professori di scuola primaria, pre-primaria e professioni assimilate” – codice Istat 2.6.4

Si precisa, infine, che le lavoratrici che hanno presentato domanda di cessazione Polis per opzione donna con esito positivo circa la verifica del diritto a pensione e che presenteranno anche la domanda di riconoscimento delle condizioni per l’accesso all’APE sociale, esclusivamente entro e non oltre il 31 marzo 2024 (cosiddetto 1° scrutinio 2024), potranno – dopo aver ricevuto la comunicazione dall’Inps dell’esito positivo dell’istruttoria a seguito dell’espletamento delle attività di monitoraggio della Conferenza di servizi per l’Ape sociale indetta da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – comunicare tempestivamente alla competente struttura territoriale dell’INPS la rinuncia alla domanda di pensionamento opzione donna eventualmente già presentata.

7 commenti su “Riforma Pensioni 2024 scuola: aperte domande opzione donna, quota 103 e Ape fino al 28/2

  1. Buonasera! Spero che tutto il personale scolastico, avvalendosi di Opzione donna, Ape sociale e Quota 103, possa accedere, al più presto, alla quiescenza. Grazie infinite a tutti!

    1. Cara Teodora Moira, hanno già stimato che quasi tutte le uscite saranno con i requisiti fornero; però magari qualcuno con la Rita e come dici tu con gli altri requisiti ; speriamo in bene; un saluto a te e ai gestori del sito

  2. La vera sciagura italiana sono i salari e stipendi trai più bassi d’Europa. Mafia, corruzione ed evasione imperversano. E gli sportivi italiani che risiedono nel Principato di Monaco vengono ricevuti da Mattarella con tutti gli onori. Metà del Parlamento dovrebbe stare in galera. La Repubblica delle banane siamo noi.
    Il Costarica è meglio.

  3. Prof. scusi ma perchè usa solo un decimale? Io avrei scritto 99,99%, giusto per non scrivere 100%.
    Saluti

    1. caro Clemente, a dir la verità non ci avevo fatto caso ma non è detto anche se alquanto improbabile; magari qualcuno con la RITA……..non si sa mai; saluti a te e ai gestori del sito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su