Riforma pensioni, novità Di Maio- Salvini: nuova chance per abolizione Fornero?

Le ultimissime novità sulla riforma pensioni ad oggi 7 maggio 2018 giungono direttamente da Luigi Di Maio che intervistato negli studi televisivi di Rai Tre da Lucia Annunziata nel programma Mezzora In Più, ha ribadito la volontà di abolire la Fornero, di dare il via al reddito di cittadinanza e di voler fare una legge anticorruzione. Per il bene del Paese si è detto anche disposto a fare un passo indietro, per la posizione da premier, nel caso si arrivasse ad un accordo con la Lega. Però il Presidente del Consiglio, scelto di comune accordo con il Carroccio,dovrà mettere questi 3 punti chiave come priorità del prossimo Governo. I dettagli dalle sue parole.

Riforma pensioni 2018, Di Maio tende la mano a Salvini

Nei giorni scorsi i due leader del Movimento 5 Stelle e della Lega si sono ‘punzecchiati’ sui social, facendo intendere il primo che non fosse più possibile un accordo con la Lega , troppo ancorata a Berlusconi anziché all’interesse del Paese, il secondo di essere stufo dei litigi e di essere stato coerente col suo programma e la sua coalizione e di voler salire al Governo in tempi brevi.  Ora Di Maio da Lucia Annunziata si è detto disponibile a ritirare la sua candidatura a Presidente del Consiglio se Salvini farà altrettanto, purché il designato a Presidente del Consiglio, con Governo a guida M5S e Lega, si prenda la responsabilità di agire nell’interesse degli italiani e rispetti, almeno, 3 promesse care agli elettori del M5S e della Lega.

Tra queste l’abolizione della Legge Fornero, punto saldo della Lega, sul quale, appunto, i due potrebbero facilmente trovare un accordo. Nonostante gli avvertimenti del FMI e della Bce, gran parte dei cittadini sarebbero propensi all’abolizione della Riforma Fornero, forse non curanti dei rischi associati per il futuro, più volte citati da differenti economisti. Il cavallo di battaglia della Lega è sempre stato l’abrogazione dell’attuale legge previdenziale, il fatto che Di Maio abbia citato come imprescindibile questo punto, mostra chiaramente le intenzioni di ‘tendere la mano’ verso Salvini al fine di formare quanto prima un Governo, che non veda , però, la partecipazione di Berlusconi.

Addio riforma pensioni nel caso di Governo istituzionale?

Gli occhi sono tutti puntati sulla decisione che dovrà prendere nelle prossime ore Mattarella, qualora, infatti, l’accordo non portasse i suoi frutti e il Presidente della Repubblica decidesse per un Governo istituzionale difficilmente si andrebbe incontro alla revisione della riforma Fornero come priorità per il Paese.

I cittadini, lavoratori, che hanno votato per i due partiti, si augurano, come avevano subito detto dopo gli esiti delle elezioni, che tra M5S e Lega si trovi un accordo e che si metta mano alla famigerata riforma Fornero. Che poi sia fattibile e sia davvero questo il ‘bene per il Paese’ sarà tutto da valutare, ma almeno, gli elettori, avrebbero la convinzione di non essere stati presi in giro e di veder, forse, realizzati i loro desiderata.

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *