Pensioni oggi 12 agosto 2019: ultimi dati sulla pensione di cittadinanza, è un flop?

Pensioni oggi 12 agosto 2019: ultimi dati sulla pensione di cittadinanza, è un flop?

Anche oggi 12 agosto 2019 torniamo a parlare della Riforma delle Pensioni con tutte le ultime novità. In particolare oggi focalizzeremo la nostra attenzione alle pensioni di cittadinanza, analizzando gli ultimi dati resi pubblici sul numero di richiedenti e sull’importo medio ricevuto, per capire se sia stata davvero un flop o meno.

Infine approfondimento interessante per le pensioni di invalidità e la loro compatibilità con chi fa richiesta anche per la pensione di cittadinanza. Come sempre se avete domande lasciatecele nei commenti a fine articolo!

Riforma Pensioni oggi 12 agosto: ecco i dati sulla pensione di cittadinanza

Tirando le prime somme ecco gli ultimi dati comunicati a luglio da Claudio Durigon sulle pensioni di cittadinanza: risultano presentate poco più di 102.000 domande per le pensioni di cittadinanza. Il problema però resta l’importo riconosciuto ai beneficiari delle misura, visto che 15.148 pensioni di cittadinanza sono comprese tra 40 e 50 euro mensili; 31.426 tra 50 e 100 euro; 21.108 tra 100 e 200 euro al mese; 17.579 tra 200 e 400 euro; 15.514 tra 400 e 780 euro”. In pratica un terzo riceve una cifra poco superiore ai 50 euro, mentre soltanto un settimo delle domande avrà un assegno tra i 400 e i 780 euro. Va però sottolineato per onor del vero che in molti casi l’idea alla base del provvedimento era quella di integrare una pensione esistente in modo che raggiungesse almeno i 780 euro al mese, cifra standard del reddito di cittadinanza.

Resta comunque anche un problema di numeri, visto che la platea dei possibili beneficiari per la pensione di cittadinanza è ben superiore alle centomila domande presentate. Perchè allora questo flop? Secondo Giuliano Cazzola, che ha dedicato al tema un approfondimento sulle pagine del sito Suddiario.net è evidente “Che vi sono persone che non hanno ritenuto di presentare la domanda. Resta da capire cosa può esserci all’origine di questo “flop”. Forse i criteri che sono stati previsti dalla legge per accedere alla misura non sono adeguati a intercettare le situazioni di povertà assoluta, forse non tutti i pensionati sono adeguatamente informati sulla materia. Vedremo anche cosa accadrà dopo la campagna informativa dell’Inps che è stata annunciata da Pasquale Tridico nelle scorse settimane”. 

Pensione di cittadinanza e invalidità, ecco il nodo da sciogliere

Infine, vi ricordiamo che secondo quanto stipulato dal regolamento Inps e dal “Decretone” col quale è stato istituta la pensione di cittadinanza, i beneficiari che sono anche percettori di pensione di invalidità civile non perdono la possibilità del reddito visto che è possibile godere di entrambi gli assegni. Chi è titolare di una pensione di invalidità civile potrà beneficiare anche del reddito o pensione di cittadinanza, sempre che il beneficiario possiede tutti i requisiti reddituali e patrimoniali “previsti” per il sussidio e calcolato il cumulo delle due prestazioni.

Non vi sono detrazioni o diminuzioni del reddito/pensione laddove vi sia l’assegno di invalidità, stante la condizione di disabilità: come spiegava l’Ansa: “L’invalidità civile però non viene un trattamento soggetto solo alla prova dei mezzi, perché il presupposto resta la disabilità e quindi, neanche questa deve essere considerata ai fini del calcolo del Reddito di Cittadinanza, anche quando si trasforma in assegno sociale”.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

5 pensieri su “Pensioni oggi 12 agosto 2019: ultimi dati sulla pensione di cittadinanza, è un flop?

  1. Buona sera portate le pensioni di invalidità civile tutte a 780 per tutte le persone che con un importo dignitoso possono vivere.

  2. Domanda: crolla il governo un gran rebelot, ma cosa sarà della quota 100? Verrà mantenuta fino al 2021 come da programma? Se per cortesia riuscite a dare una risposta concreta Grazie mille in anticipo

    1. Veramente Francesco la risposta concreta l abbiamo data giorni fa…quando abbiamo intervistato Durigon proprio sul destino di quota 100 ed opzione donna. Legga il pezzo in home page…saluti

  3. Credo che alla lega continuare a parlare della quota 41 e prendere per il culo ancora una volta i lavoratori, non gli porterà nulla di buono. Pertanto, il consiglio è quello di finirla con questa storia della TAV e delle dimissioni del premier e continuare a promuovere cose serie come mandare in pensione lavoratori con già 42anni altrimenti, la “pagherete” alle prossime elezioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *