Riforma pensioni, ultime al 13/9 Fornero: Quota 100 scelta insensata, da non prorogare

Riforma pensioni, ultime al 13/9 Fornero: Quota 100 scelta insensata, da non prorogare

Le ultimissime novità sulla riforma pensioni al 13 settembre giungono dalle ultime prese di posizione di Elsa Fornero, che intervistata sia su La 7 che da Radio Capital, è tornata a parlare di Quota 100 e di quanto sia un bene per l’Italia che Salvini sia uscito dalla guida del Paese, dice, certa: “abbiamo evitato grossi rischi”. La Professoressa, ex ministro del Lavoro, ci tiene a precisare che “non ha attualmente nessuna responsabilità nelle politiche del Governo, e che le sue sono solo opinioni”.

Eccovi le sue ultime dichiarazioni in merito ad una delle misure, che dopo la nascita del governo giallorosso sta facendo sempre più discutere: la permanenza con restyling o l’abolizione della quota 100.

Pensioni 2019, Quota 100 negativa per il Paese, ma non va cancellata

Intervenuta su La7 Elsa Fornero ha detto la sua su Quota 100 la misura è stata una scelta negativa per il Paese, ma allo stesso tempo, si schiera dalla parte dei lavoratori che su quella misura, ora, hanno fatto affidamento: non va cancellata, dice, ma certamente deve essere chiaro che non potrà essere prorogata oltre il 2021, al più ci si potrebbe mettere mano con delle correzioni, aggiunge, per abbassarne i costi

Eccovi le sue parole:Quota 100 scelta é stata una scelta negativa per il Paese, chiaro che per le singole persone è un dato positivo, ma se si spiega loro il contesto comprendono le ragioni dell’aumento dell’età del pensionamento, ora però non si può tornare su di essa cancellandola. Al più si può fare qualche correttivo, ai fini di limitarne la spesa, questa misura costa cara al Paese“.

Poi aggiunge, facendo riferimento alle scarse politiche per le donne e per il welfare:Non era una misura prioritaria rispetto alle tante domande inevase, penso alle cure per genitori anziani, lo Stato le cure per i gionitori le lascia spesso interamente alle donne, poi dà loro il contentino col pensionamento anticipato. Ma il problema continuana a persistere, se si deve pensare ad una politica dell’invecchiamento, si deve pensare al diritto alla pensione e al diritto alla cura“. Poi rivolgendosi ad un Salvini, a suo avviso, ‘impaurito’ e pensando alla nuova coalizione di Governo esprime la sua, dicendosi tutto sommato soddisfatta.

Riforma pensioni 2019, Fornero su Salvini: ‘quasi impaurito’

A “Circo Massimo” su Radio Capital afferma di essere riuscita a non perdere mai la calma nonostante sia stata sempre aspramente criticata e messa ‘in piazza’ da Salvini perché “ha una forza interiore che lui ha dimostrato di non avere, lo abbiamo visto quasi impaurito. Poi esprimendo un suo parere sul nuovo Governo giallorosso dice: “abbiamo evitato un grosso rischio, quello di un governo che ci avrebbe isolati non solo in Europa ma nel mondo, e che avrebbe condotto e radicalizzato delle politiche incattivite come quelle che abbiamo visto negli ultimi 14 mesi”.

Poi il giornalista chiede alla Fornero se a suo avviso abbiamo subito una sorta di ‘Salvini tax ‘ a causa di un atteggiamento un pò ‘sconsiderato’ del leader della Lega: “sicuramente è così. Si possono anche criticare i mercati, i leader degli altri Paesi e le istituzioni, ma ci vogliono argomenti e non solo sparate. Ci vuole pacatezza e ci vuole anche autorevolezza, e Salvini non ne ha. È solo stato un grande imbonitore, talvolta incattivito“.

Ma la Fornero dalla sua non risparmia nemmeno l’onorevole Di Maio, che considera poco preparato: ” Di Maio non ha chiaro il meccanismo delle pensioni: parla di equilibri e di diritti, dicendo che quella legge (il riferimento é a quota 100) è stata voluta e non si torna indietro, senza capire le implicazioni di queste garanzie. Perché è tutto molto bello, ma chi paga queste misure?” Poi conclude: ” Se spiegassimo ai giovani molto meno fortunati, e magari molto più preparati  di Di Maio che quelle pensioni dovranno pagarle loro, forse anche il ministro potrebbe cambiare la sua opinione, visto che lo fa molto spesso“. Ecco allora come dovrebbe essere la quota 100 per la professoressa.

Ricetta Fornero: Quota 100 rivista dal 2021 poi stop

Per la Professoressa Fornero si dovrebbe andare incontro ad un restyling graduale di quota 100 fino a scadenza della misura stessa. L’ex ministro del Lavoro nel Governo Monti ha proposto su La 7 la sua ricetta: “ Farei qualcosa sul 2021, lascerei così per il 2020; una correzione su quota 100 per il 2021 facciamo ad esempio quota 101/ 102, oppure si presti attenzione ad alcune categorie disagiate a cui lasciare quota 100 fino al 2021 e poi però deve essere chiaro da subito che non verrà prorogata, perché é stata una scelta insensata che non va replicata”.

Cosa ne pensate delle considerazioni e della proposta di Elsa Fornero? Fatecelo sapere nell’apposita sezione commenti del sito.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

7 pensieri su “Riforma pensioni, ultime al 13/9 Fornero: Quota 100 scelta insensata, da non prorogare

  1. La signora Fornero sta conducendo una sua battaglia personale contro Quota 100, ovviamente per dimostrare che è lei quella dalla parte della ragione e Salvini è nel torto marcio. Ma un politico non dovrebbe fare battaglie personali ma il bene della nazione, cioè dei cittadini.
    Lo sappiamo tutti che se si chiude l’INPS e si da a tutti indistintamente solo la pensione minima, i conti pubblici ne guadagnano, ma è un ragionamento del cavolo e che lo faccia una sedicente economista mi fa capire che la sua è solo una tesi personale.
    Quota 100 o comunque una possibilità di ritirarsi dalla vita lavorativa in età ancora decente è un diritto umano, altro che legge fornero!

  2. Quella della prof. fornero di modificare quota 100 dal 2021 è una proposta, richiamando il titolo di un famoso film con Demi Moore di qualche anno fa, semplicemente indecente…Cosa dovrebbero fare dunque per l’ Esimia Professoressa le lavoratrici nate nel 1959 che matureranno i requisiti nel 2021?

  3. Inutile, comunque lo si rigiri il principio per il quale una persona non possa decidere in piena autonomia quando sia il momento di ritirarsi dalla vita attiva è sbagliato.
    Fermo restando che il lavoro di ciascuno è prezioso è lecito e naturale aspettarsi (e anche obbligare) una persona a lavorare fino ad una certa età, che però non può essere 70 anni, ma è anche giusto (e democratico, aggiungerei) lasciare a ciascuno la decisione se sia giunto il momento di andare in pensione.
    Si può lavorare su questa data minima (60 anni secondo me è corretto) e su quanto riceverà di assegno, ma deliberare per legge sulla vita della gente è profondamente antidemocratico e odiosamente coercitivo.
    Non riesco a capire come questi illuminati statisti (Fornero e compagnia cantando) non si rendano conto della correttezza del principio che ho esposto ma preferiscano vessare le persone in virtù delle fantasie economiche dei cosiddetti “economisti” (che mai ne hanno imbroccata una che sia una!) e ovviamente in difesa dei loro lauti privilegi.

  4. Chiunque abbia fatto 40 di lavoro,si è già pagato i contributi fin quando muore,ai giovani non si ruba nulla, inoltre qualsiasi politico che parla di riforma delle pensioni non sa ciò che dice e non sa cosa vuol dire lavorare 40 anni fa quanti anni di vita ti toglie il lavoro,vuol dire che questi politici non hanno nemmeno la più pallida idea di cosa parlano.altri commenti non servono,la signora Fornero dovrebbe solo tacere, perché probabilmente viene pagata profumatamente per ogni trasmissione che fa e ogni cretinata che dice,ma parlare non è lavorare….

  5. Oggi FORNERO fa la morale a SALVINI che quota 100 è stata una scelta negativa per il paese. Senti un po, perchè la sua riforma è stata positiva per il paese. Certo dal suo punto di vista si ( ci ha inculati tutto spiano)
    Poi ce ne ha anche per DIMAIO, (certo non è che sia il massimo) che non è preparato. Bene LEI e MONTI erano preparati a calare le mutante in europa tanto è che hanno fatto quello che anno fatto una cagata solenne rovinando famiglie intere. Poi fanno finta di preoccuparsi dei giovani facendo morire i padri.
    FORNERO NON LE DICO DOVE DOVREBBE ANDARE…..

    Rispondi

  6. Oggi FORNERO fa la morale a SALVINI che quota 100 è stata una scelta negativa per il paese. Senti un po, perchè la sua riforma è stata positiva per il paese. Certo dal suo punto di vista si ( ci ha inculati tutto spiano)
    Poi ce ne ha anche per DIMAIO, (certo non è che sia il massimo) che non è preparato. Bene LEI e MONTI erano preparati a calare le mutante in europa tanto è che hanno fatto quello che anno fatto una cagata solenne rovinando famiglie intere. Poi fanno finta di preoccuparsi dei giovani facendo morire i padri.
    FORNERO NON LE DICO DOVE DOVREBBE ANDARE…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *