Cesare Damiano tuona contro la Bce, dati falsi e folli

Riforma Pensioni ultime notizie: Damiano contro il No del PD a quota 100 e Opzione Donna

Cesare Damiano è tornato a parlare della riforma pensioni e lo ha fatto criticando il No del pd al voto su reddito di cittadinanza e quota 100. Vediamo le ultime notizie tramite le sue parole, e a fine articolo il suo intervento nella trasmissione “I 100 secondi di Cesare Damiano”.

Riforma Pensioni ultime notizie: Damiano su quota 100 e quota 41

 Sulla riforma pensioni, Damiano dice “Abbiamo sentito, nelle scorse settimane, alcuni esponenti dell’opposizione e anche del Partito Democratico, dichiarare la propria contrarietà nei confronti di Quota 100 e del reddito di cittadinanza. Sono in totale dissenso rispetto a queste affermazioni e penso che posizioni di questo genere abbiano portato e porteranno il Pd alla sconfitta”.

Non usa mezzi termini Cesare Damiano, dirigente del Partito democratico, a proposito della legge di Bilancio e del voto contrario del PD sui temi della riforma delle Pensioni. Poi continua: “Le Quote  le ha inventate il Governo Prodi, quando ero ministro del Lavoro, e il Reddito di inclusione lo ha voluto il Governo Renzi ed è stato l’inizio della lotta contro la povertà, che adesso ci viene maldestramente copiato.

Il Pd ha cercato di fare Quota 100 nella passata legislatura, ma le risorse che ci sono state chieste da Ragioneria, Ufficio Parlamentare di Bilancio e Inps, erano talmente elevate da non consentirci di fare una riforma radicale del sistema pensionistico che superasse le rigidità della legge Fornero.

Riforma Pensioni 2019, damiano su Opzione Donna ed esodati e precoci

Poi Damiano prosegue ricordando che “Abbiamo però ridotto il danno con 8 salvaguardie degli esodati, che hanno mandato in pensione oltre 150.000 lavoratori, prolungato la sperimentazione di Opzione Donna, 36.000 donne incluse, rallentato l’innalzamento dell’età pensionabile in rapporto all’aspettativa di vita, introdotto una prima misura per i lavoratori ‘precoci‘ e, infine, inventato l’Ape sociale, circa 40.000 domande, che anche questo Governo vuole prolungare perché funziona. Perché non rivendicare ciò che abbiamo realizzato impegnando, nell’arco della passata legislatura, circa 20 miliardi di euro?

Ridurre il danno, però, non è stato sufficiente. Su questa strada bisogna dunque proseguire. Noi vogliamo le quote, cioè la flessibilità, e il Reddito di inclusione allargato a una platea più ampia, che altri per consolarsi chiamano di ‘Cittadinanza’, per combattere le nuove povertà. Questa deve essere la scelta sociale del Pd. Non dobbiamo trasmettere ancora una volta l’idea che il Partito Democratico non presti attenzione agli ultimi e a coloro che hanno pagato maggiormente il conto salato della crisi. Bisogna invece incalzare il Governo a mantenere le promesse fatte. Purtroppo le risorse messe a disposizione, che verranno ulteriormente tagliate dall’Europa, non basteranno. I

Il Pd rivendichi la lotta alla povertà, la flessibilità previdenziale con le Quote, i 41 anni di contributi, la prosecuzione di Opzione Donna e la nona salvaguardia degli esodati. Diamo una vera svolta sociale alle politiche del nostro Paese”.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Stefano Rodinò

Stefano Rodinò
Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

5 commenti su “Riforma Pensioni ultime notizie: Damiano contro il No del PD a quota 100 e Opzione Donna

    Marcellino Feligini

    (18 Dicembre 2018 - 15:59)

    Lo stesso Cesare Damiano qualche anno fa era favorevole a modificare la Fornero mi sembra con quota 97 e lo stesso boeri era d’accordo. Sopratutto Boeri si è dimostrato un vero voltagabbana

      Giuseppe C.

      (18 Dicembre 2018 - 17:57)

      “Voltagabbana” cosa? Il Presidente dell’INPS non ha compiti legislativi o decisionali, non siede mica in Parlamento: mi risulta che debba “amministrare” l’INPS.

    Ivo valsecchi

    (16 Dicembre 2018 - 19:20)

    5 anni al governo e non hai fatto niente. Cosa ti lamenti del Pd ? Dimettiti, o preferisci fare il buffone per lo stipendio ?

    Alfredo

    (15 Dicembre 2018 - 18:43)

    Che il PD (anzi il pd) votasse contro quota 100 mi sembra assolutamente in coerenza con le politiche che hanno determinato il suicidio di questo pseudo partito. Che Boeri continui a spredicare… Beh Tito torna a casa il prima possibile!!!

    Giuseppe C.

    (15 Dicembre 2018 - 14:58)

    LEGGO CHE L’ONOREVOLE DAMIANO DICHIARA: “… penso che posizioni di questo genere abbiano portato e porteranno il Pd alla sconfitta…”.
    L’ABOLIZIONE DELLA LEGGE FORNERO ANDREBBE FATTA PER GIUSTIZIA NON PER PAURA DI PERDERE VOTI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *