Riforma Pensioni ultime novità

Riforma Pensioni ultime notizie oggi 12 febbraio su quota 100: arrivano gli emendamenti

Oggi martedì 12 febbraio 2019 è una giornata importante per la Riforma delle Pensioni nata grazie al decreto legge n.4 che ha introdotto quota 100, visto che scade questa mattina il termine ultimo per presentare gli emendamenti al decretone.

Quali modifiche potranno esser apportate al decreto legge? Ci saranno novità o tutto resterà uguale? Difficile pensare a grandi cambiamenti per la riforma delle pensioni, ma ci sono comunque emendamenti molto importanti da discutere, come quelli che presenterà Tommaso Nannicini.

Ultime notizie Riforma Pensioni oggi 12 febbraio: Gli emendamenti di Nannicini

Sono ancora molti i problemi da risolvere e alcune istanze, e Mauro D’Achille, amministratore del “Gruppo Lavoro e pensioni: Problemi e soluzioni” si auspica un’apertura dal parte del M5S e un dialogo per discutere dei punti proposti negli emendamenti del Senatore Nannicini.

D’Achille spiega che dopo il voto in Abruzzo: ” Se anche all’interno del movimento si facessero delle domande, capirebbero che continuando ad assecondare Salvini firmerebbero il rapido declino della loro stagione di Governo. Oggi e domani avranno l’opportunità di aprire un dialogo con noiapprovando quegli emendamenti da noi proposti e che arriveranno in commissione lavoro tramite il nostro amico Senatore Nannicini. La discussione su quali mantenere e quali tagliare sarà deciso soprattutto dalla senatrice Catalfo, presidente di tale commissione. Dovrà assumersi, lei e il movimento cinque stelle, la responsabilità di negare o approvare tutte le proposte migliorative presentate.  Dovrà tenere in debito conto quella che sarà la reazione di chi si affida a quelle proposte. Non la invidio…”

Riforma Pensioni ultime notizie oggi: Le parole del CODS

Tra le storture da correggere nella riforma delle Pensioni resta ancora vivo il cumulo gratuito dei contributi anche per esodati e OD, e il lavoro di cura. Orietta Armiliato, responsabile del gruppo Comitato Opzione Donna Social ha commentato così le proposte in arrivo, mostrando pessimismo sul fatto che possano esserci modifiche sostanziali al decretone.

“Forse ci sarà un po’ di attenzione ma ho ragione di credere che non ci sia, almeno per il momento, una volontà politica o economica piuttosto che opportunistica, di apportare modifiche sostanziali a quanto contenuto nel DL 4, sottoposto a conversione al Senato, da parte di questo esecutivo. La rappresentanza della maggioranza di Governo, tramite le commissioni preposte, non sta esprimendo alcun parere né proposta di emendamento per “aggiustare” i provvedimenti inseriti nel decreto quindi, auspichiamo ad un intervento in questa direzione da parte delle minoranze che magari non potrà essere risolutivo nell’immediato, ma che potrà essere di sostegno ed avvio per una discussione ampia e collegiale nel prossimo futuro, funzionale ad apportare quelle sostanziali riforme previdenziali richieste (e necessarie) dai lavoratori.

La Commissione lavoro al Senato della quale il Prof. Tommaso Nannicini é autorevole esponente, ci ha garantito tramite il nostro amico Mauro D’Achille, la presentazione di emendamenti e pressing per sostenerli e noi, in attesa di poter leggerne i contenuti nel dettaglio, sosteniamo chiunque porrà agli atti pietre miliari per poter affrontare un percorso funzionale a migliorare le attuali condizioni di Tutti i lavoratori ma, soprattutto, quella delle prima vessata e poi dimenticata platea femminile”.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Stefano Rodinò

Stefano Rodinò
Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *