Riforma pensioni, ultime oggi 20/9 su precoci e quota 41: nuove proposte, parla Occhiodoro

Le ultimissime novità al 20 settembre sulla riforma delle pensioni e nello specifico sui lavoratori precoci e sulla quota 41 post incontro Governo/sindacati arrivano dalle interessanti dichiarazioni che ci ha rilasciato in esclusiva Roberto Occhiodoro, amministratore del gruppo ‘lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti’ in merito alle impressioni che ha avuto il gruppo dopo aver ascoltato le considerazioni espresse da Cgil, Cisl e Uil al termine dell’incontro interlocutorio ed alle nuove proposte che vorrebbero presentare al Governo.

Lo scopo del gruppo, dice Occhiodoro, sarebbe quello di arrivare alla quota 41 per tutti, ma per evitare nuove chiusure da parte dell esecutivo, la proposta potrebbe essere: concedere con i soldi risparmiati dalla quota 100 l’ uscita in primis a tutti i precoci, e non solo a quelli che vertono in condizioni disagiate, per poi arrivare nel tempo alla quota 41 per tutti. Eccovi le sue parole.

Pensioni 2019, Occhiodoro: si mantenga quota 100 fino a scadenza

Occhiodoro che si é espresso anche sulla quota 100, misura ‘inutile’ per i precoci, ma utile per taluni lavoratori che devono avere, a suo avviso, la possibilità di godere della misura fino alla scadenza preventivata dalla sperimentazione: “Da quello che si legge sembra che sia stato un incontro dove per lo più sono stati enunciati da una parte e dall’altra dei TITOLI dei temi che dovranno poi essere approfonditi nei tavoli di incontro tra le parti. Quello che ci interessa in maniera particolare, ma anche su altre cose potremmo dire la nostra in quanto strettamente collegate alla Quota 41, è il tavolo sulla PREVIDENZA.

Siamo d’accordo sul fatto che quota 100 non ha spostato di una virgola la legge Fornero ma siamo altresì d’accordo sul fatto che deve essere portata al suo termine naturale. Come è ovvio ai Lavoratori Precoci e ai 41isti in generale, quota 100 non risolve il problema per cui chiediamo ai Sindacati e al Governo di affrontare in maniera seria e approfondita il nostro discorso visto anche che quota 100, almeno a detta dell’INPS, libererà delle risorse in quanto invece del milione di domande che ci si aspettava ne saranno arrivate, a fine periodo, circa un terzo”. Occhiodoro espone all’ esecutivo la sua ricetta per migliorare la condizione previdenziale dei precoci e dei quota 41 a fronte del risparmio certo che quota 100 comporterà.

Pensioni 2019, Occhiodoro: ecco le nuove proposte al Governo

Occhiodoro spiega gli intenti del gruppo, e confida vi sia quanto prima un incontro con i sindacati, affinché questi con le loro richieste ‘alla mano’ possano provare ad intercedere col Governo, sposando la loro causa “Bene noi chiediamo che queste risorse rimangano nell’ambito della previdenza; in particolare nell’ottica di far uscire dal lavoro i PRECOCI, come primo passo verso la quota 41 per tutti. Cercheremo al più presto di incontrare i sindacati per ribadire i nostri punti che, su molte cose, collimano con la loro piattaforma evidenziando ancora una volta che i Lavoratori Precoci sono coloro che in questo paese hanno e avranno lavorato e versato nelle casse dell’INPS più di tutti gli altri lavoratori e che non reputiamo sufficienti le categorie dei lavori gravosi ed usuranti come prioritari per l’uscita dal mondo del lavoro ( pur avendo riconosciuto nel passato che alcune tipologie di lavoro dovevano essere per prime considerate vista la scarsità di risorse investite sulla materia ) e sui quali, sebbene qualcosa ( appunto i lavori gravosi ed usuranti) l’abbiamo ottenuta , i governi precedenti hanno sempre fatto orecchie da mercante.


Per questi motivi noi crediamo che i Lavoratori Precoci e Quota 41 in generale debbano essere al centro della discussione fra il governo e le parti sociali per quel che riguarda la PREVIDENZA. In conclusione, suggerendo per quali novità potrebbero passare le proposte dei precoci aggiunge: “Abbiamo delle idee anche in merito all’ADV e al lavoro di cura grazie al quale molte nostre lavoratrici potrebbero raggiungere quota 41 e anche su questo vorremmo aprire un confronto con le parti sociali e, se possibile anche con il governo”. Che idea vi siete fatti delle richieste di Occhiodoro, le condividete? Fatecelo sapere nell’apposita sezione del sito.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

22 pensieri riguardo “Riforma pensioni, ultime oggi 20/9 su precoci e quota 41: nuove proposte, parla Occhiodoro

  • Avatar
    27 Settembre 2019 in 8:49
    Permalink

    Qualcuno mi deve spiegare una cosa:
    l’ON Damiano durante il governo Renzi era a capo della commissione del lavoro per studiare le riforme pensionistiche. E’ arrivato alla conclusione elaborando il DL 857 accettato da tutti i lavoratori ad eccezione del proprio partito (?). Ora il pd è DI NUOVO AL GOVERNO insieme al mov.to 5 stelle…perché non lo ripropone con forza sto maledetto DL 857? Cosa ha significato per l’ON Damiano essere a capo di un tavolo di lavoro se poi non viene ascoltato? A cosa è servito essere a capo di uno studio di lavoro se poi il risultato non viene preso in considerazione?
    SPIEGATEMELO E CHIEDETELO VOI A DAMIANO!

    Rispondi
  • Avatar
    21 Settembre 2019 in 18:31
    Permalink

    Caro signor Alessandro: ha proprio ragione noi italiane siamo proprio delle fesse!
    La ringrazio a nome di tutte le donne che pur lavorando fuori casa, hanno viziato mariti e figli (tutti maschi e femmine), genitori e suoceri anziani, nipoti e parenti tutti e complimenti per il pensiero lungimirante!
    Comunque non si preoccupi: le giovani ci hanno già ripensato!

    Rispondi
  • Avatar
    21 Settembre 2019 in 12:54
    Permalink

    OK lavoratori precoci e quota 41 per tutti

    Rispondi
  • Avatar
    21 Settembre 2019 in 11:01
    Permalink

    Penso , visto che si vuol mantenere quota 100,fino alla naturale scadenza, non ci sia molta differenza, da quello che voleva fare il precedente esecutivo, che aveva previsto di introdurre subito dopo, quota41 per tutti, per quanto riguarda i precoci , penso sia giustissimo , mandarli da subito, ma comunque resto dubbioso sul fatto che questo si possa fare, mantenendo quota 100, che ritengo una legge assurda, dove chi ha lavorato meno, prevalga su chi, più giovane , ha lavorato più anni. Praticamente i fannulloni mantenuti dai soliti sgobboni.

    Rispondi
    • Avatar
      21 Settembre 2019 in 13:37
      Permalink

      Perche chi ha fatto 38 di lavoro e ha 62 anni e un fanullone..o magari ha continuato a studiare ….e magari fare qualcosa di diverso? Generalizzare non va bene ,soprattutto perche poi porta a confronti irrispettosi

      Rispondi
    • Avatar
      10 Ottobre 2019 in 20:36
      Permalink

      Sono d’accordo con la proposta di Occhiodoro per l’uscita dal lavoro per tutti i precoci a 41 anni, noi siamo quelli che nelle casse dell’Inps hanno versato più di tutti.

      Rispondi
  • Avatar
    20 Settembre 2019 in 22:49
    Permalink

    Si va benissimo prima i precoci visto che anno iniziato da ragazzini a lavorare

    Rispondi
  • Avatar
    20 Settembre 2019 in 22:20
    Permalink

    D’accordo su Q41 per tutti,
    Quando uno ha lavorato per 41 anni ha
    Il sacrosanto diritto di scegliere se continuare a lavorare ho se mettersi a riposo.
    Ci vuole in ogni caso qualcosa di sicuro non,, ‘ansia’ come in questo periodo dove i politici ci stanno prendendo per i fondelli.

    Rispondi
  • Avatar
    20 Settembre 2019 in 22:04
    Permalink

    41 x tutti e un lavoro duraturo x i nostri giovani in questo paese ci vogliono bracce nuove e così nasceranno nuove famiglie e noi precoci faremo i nonni come e giusto ditelo a questi politici che hanno le fette di salame sugli occhi e cerume nelle orecchie grazie

    Rispondi
  • Avatar
    20 Settembre 2019 in 20:02
    Permalink

    Cosa giusta, anche perché le 104 sono per metà false e nei lavori usuranti non sono stati inseriti troppi lavori più che usuranti.

    Rispondi
  • Avatar
    20 Settembre 2019 in 19:22
    Permalink

    Non si riesce a capire perché si parla solo di quota 100 e di quota 41 mentre ci sono lavoratori che hanno 42anni di contributi versati per cui, credo sarebbe giusto e logico almeno per una volta mandare in pensione quest’ultimi a decorrere da 2020 e poi successivamente gli altri.

    Rispondi
  • Avatar
    20 Settembre 2019 in 19:18
    Permalink

    Belle parole, 41 x tutti, 41 x i precoci, i bla bla bla non portano da nessuna parte Qui il tempo passa e se non viene approvata subito 41 almeno iniziando da noi precoci a molti di noi non servirà a niente e andremo con i 43 anni di contributi (LEGGE FORNERO) Il nuovo governo è ai piedi dell, Europa e già con il precedente governo avevano già criticato il fatto di toccare la legge FORNERO. Quindi noi i 41 li vedremo col binocolo

    Rispondi
  • Avatar
    20 Settembre 2019 in 19:10
    Permalink

    Sarebbe sacrosanto rivedere i coefficienti di calcolo, altrimenti anche se faranno 41 senza paletti sarà una presa in giro comunque.

    Rispondi
  • Avatar
    20 Settembre 2019 in 17:41
    Permalink

    Mi sembra più che giusto. Sono d’accordo con occhiodoro. Finalmente qualcuno che punta 41 x tutti da subito.

    Rispondi
  • Avatar
    20 Settembre 2019 in 17:27
    Permalink

    Condivido le richieste del Sig Occhidoro noi siamo precoci 41 x tutti subito

    Rispondi
  • Avatar
    20 Settembre 2019 in 14:41
    Permalink

    Buongiorno D’accordissimo con Occhiodoro Parole Sacrosante …

    Grazie

    Rispondi
  • Avatar
    20 Settembre 2019 in 14:20
    Permalink

    Ok quota 41, ma quota 100 non si tocca

    Rispondi
    • Avatar
      20 Settembre 2019 in 22:23
      Permalink

      ANTONIO CONDIVIDO PIENAMENTE, QUOTA 100 NON SI TOCCA FINO AL 2021 COMPRESO.

      Rispondi
  • Avatar
    20 Settembre 2019 in 13:52
    Permalink

    Flessibilità in USCITA! , non è giusto lavorare fino a 67anni, specialmente le donne sono penalizzante al massimo, perché devono lavorare in casa ed in ufficio, e questo non è giusto! Purtroppo, oggi ci sono uomini che vanno in pensione a 62, 63 anni ed anche prima, e donne che devono raggiungere i 67 anni, perché hanno meno contributi, è una grande ingiustizia. Con opzione donna, si perde il 50%, è vergognoso, e chi non può, come deve fare? A 63 anni massimo, anche con meno contributi ed una pensione relativa a quelli versati, le DONNE LE DOVETE MANDARE IN PENSIONE!

    Rispondi
    • Avatar
      20 Settembre 2019 in 20:06
      Permalink

      Non capisco queste donne. Prima da madri, poi da mogli, viziano il maschio, tanto da permettergli di mettergli i piedi in testa. Poi, dopo, si lamentano della loro condizione di uniche lavoratrici casalinghe. Pensateci prima.

      Rispondi
  • Avatar
    20 Settembre 2019 in 13:45
    Permalink

    Sarebbe una cosa giusta da fare Almeno all’inizio far uscire i precoci con 41 anni senza paletti per poi passare alla 41 per tutti.. Ma dato che sarebbe una cosa sensata non la faranno

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *