Riforma pensioni, ultimissime Inapi: basta giocare sulla pelle di quota 41, donne, esodati

Riforma pensioni, ultimissime Inapi: basta giocare sulla pelle di quota 41, donne, esodati

Le ultimissime novità sulle pensioni arrivano dal Presidente del Patronato Inapi, Domenico Cosentino, che nei giorni scorsi avevamo ospitato per una lunga intervista in campo previdenziale. La direzione Nazionale del Patronato Inapi, infatti, alla luce della situazione politica delineatasi nelle ultime ore e dell’atteggiamento dei due vicepremier, che si colpevolizzano vicendevolmente per il fallimento del Governo, ha voluto diramare un importante comunicato in cui fa presente come questo ‘teatrino politico imbarazzante’ poco giovi ai lavoratori, alle imprese, ai pensionandi oltreché danneggi l’immagine dell’Italia al cospetto dell’Ue.

Cosentino basito da tale superficialità della classe politica dirigente asserisce all’interno del comunicato, che qui riprendiamo per intero, “In questo momento non c’è bisogno di fare esperimenti politici sulla pelle degli italiani. Serve un Governo stabile che affronti con serietà le questioni e riscatti il ruolo dell’ Italia in Europa”. Eccovi il testo completo, che abbiamo ricevuto e che volentieri pubblichiamo, certi le sue parole possano essere motivo di confronto costruttivo tra i lettori del nostro sito.

Pensioni 2019, Cosentino: stop a fantasmagoriche promesse

“La Direzione Nazionale del Patronato Inapi alla luce dell’intricata situazione politica che si sta delineando negli ultimi giorni, intende fare due appunti distinti uno ad entrambe le parti politiche in gioco, che in questi giorni si rinfacciano le colpe del fallimento di un Governo che avrebbe dovuto essere del ‘cambiamento’ per gli italiani ed è risultato fragile nelle fondamenta già dagli albori; l’altro ai cittadini tutti, affinché vigilino con attenzione sul loro futuro senza lasciarsi ulteriormente ‘imbambolare’ da fantasmagoriche promesse, quasi fosse già riaperta la campagna elettorale.

La situazione è ormai irrimediabilmente compromessa, inutile voltare la testa: il debito pubblico lievita, l’aumento dell’Iva potrebbe essere vicino, lo spread alle stelle; se la rottura dell’esecutivo, come è probabile sia, avverrà prima della prossima legge di Bilancio, in cui lavoratori, pensionandi, e imprenditori avevano riposto le loro speranze, date le innumerevoli rassicurazioni degli esponenti politici, il rischio è che le varie categorie ( donne, esodati, precoci, imprenditori, esodati indennizzo commercianti) restino di nuovocon un pugno di mosche in mano’ a causa di scelte scellerate dei propri governanti.

Inapi, Cosentino: basta esperimenti politici, occorre un Governo stabile

Domenico Cosentino, Presidente del Patronato Inapi, invaso da richieste di specifiche dai propri iscritti preoccupati dalla crisi attuale e dalla sorte del loro destino previdenziale dice basito, osservando lo spiacevole spettacolo messo in atto dai rappresentanti politici di entrambi gli schieramenti: “In questo momento non c’è bisogno di fare esperimenti politici o alchimie governative sulla pelle degli italiani. E’ necessario, invece, al più presto, che si delinei un Governo stabile che affronti con serietà le questioni e soprattutto che riscatti il ruolo dell’ Italia in Europa”.

Poi aggiunge: “L’Italia è rappresentata da tanti lavoratori e lavoratrici e da tante piccole e medie imprese che rappresentano la vera economia del Paese e a questi i nostri governanti devono dare risposte. I problemi di cui Inapi si fa portavoce sono talmente oggettivi che per una volta i lavoratori e le associazioni datoriali e di impresa denunciano allarmati lo stesso pressapochismo di una classe politica dirigente che pensa prima ai propri interessi piuttosto che al bene degli italiani”.

Pensioni, prossimo Governo: meno parole più fatti

Ai cittadini invece –prosegue- suggerisco di prestare attenzione alle false e facili promesse, la situazione economica non è affatto delle migliori, chiunque riuscirà a salire al Governo dovrà affrontare anche quanto ci verrà Imposto dall’Ue, a cui volenti o nolenti, dobbiamo rendere conto.

Dal prossimo Governo in carica, dice Cosentino in conclusione, di qualunque colore esso sia, ci aspettiamo una sola cosa ‘meno parole e più fatti’: per i pensionati, per i lavoratori ancora imprigionati dalla Fornero, penso ai precoci, che dopo 41 anni di contributi hanno il sacrosanto diritto di poter accedere alla quiescenza, agli esodati, in attesa da anni di ‘tornare a vivere dignitosamente’, alle donne, il cui lavoro di cura deve essere tenuto in considerazione anche ai fini previdenziali, non si può continuare ad usufruire di un welfare prezioso a costo zero, si dia dunque il giusto valore alle donne di oggi e di domani.

Dunque, conclude, si smetta di giocare sulla pelle degli italiani e si proceda spediti verso una soluzione, affinché questo ‘teatrino politico imbarazzante’ finisca quanto prima, e l’Italia torni ad essere credibile anche agli occhi degli investitori

Cosa ne pensate delle parole del Presidente del Patronato Inapi, le condividete o é stato troppo critico? Fatecelo sapere attraverso un commento nell’apposita sezione del sito.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

16 pensieri su “Riforma pensioni, ultimissime Inapi: basta giocare sulla pelle di quota 41, donne, esodati

  1. Recuperare miliardi di evasione ? Avere i soldi delle tasse in tempo reale? Basta pagare tutti col bancomat è così difficile? Compro un caffè 1 euro, 78 cent. Al barista 22 cent. Allo stato in automatico, e con il reddito certificato elettronicamente il resto con dichiarazione dei redditi. È cosi difficile?
    Le pensioni altrettanto facile, tutte contributive. Se vuoi andare in pensione dopo 5 anni di lavoro ti faccio il calcolo dei versamenti e se ti spettano 5 euro al mese, a te decidere!
    Ma serve la politica ??????

  2. Pienamente d accordo con il presidente COSENTINO basta giocare sulla pelle della classe OPERAIA dei precoci e tutte le altre categorie che dopo aver versato 41 anni di contributi hanno il sacrosanto diritto di godersi un po’ di vecchiaia con serenità basta PAROLAI SALVINI DOCET UN FALLITO…..ADESSO SERVONO I FATTI X DARE UN PO’ DI CREDIBILITÀ A QUESTA POVERA ITALIA E QUALCHE SPERANZA HAI GIOVANI X POTERSI COSTRUIRE UN FUTURO UN PO’DIGNITOSO PS SPERIAMO DI NN FARE LA FINE DELL’ ARGENTINA.ADESSO PIÙ CHE MAI SERVE GENTE SERIA AL GOVERNO. L ONOREVOLE DAMIANO UNO DEI POCHI CON UN PO’ DI CERVELLO

  3. Caro Cosentino
    Il sistema pensionistico italiano è diventato un vero e proprio labirinto.
    Tante categorie e tante articolazioni.
    Ormai neanche gli esperti operatori sanno più da che parte iniziare e come interpretare tante regole , leggi e leggine che vengono sfornate ogni giorno dai nostri pseudo politici e governanti.
    Molto andrebbe rivisto nel rispetto della nostra Costituzione.
    Ma temo che i nostri attuali governanti non solo non sono all’ altezza di riformare ma pensano solo ed esclusivamente ai loro interessi.
    Il popolo ed i lavoratori in particolare sono stanchi ormai di questi politici egoisti , falsi e demagogici.
    Basterebbero pochi esperti non egoisti per una riforma sociale pensionistica più equa per tutti e senza tanti rebus.
    Ma dubito …….

  4. Salvini rappresenta la maschera di Pulcinella del Nord Italia. Altro che fiducia dagli italiani onesti e laboriosi, meriterebbe un ritorno a casa per mancanza di responsabilità e senso dello stato di diritto e democrazia popolare.
    L’ unico che rappresenta il passato con quelle pseudo alleanze di vecchi volponi della politica più becera della storia d’Italia che intendono occupare e riscaldare a vita le poltrone del potere , alla faccia degli italiani sempre più tartassati. Attenti italiani veri e saggi evitiamo la fecce di uomini d’ improvvisazione politica qualunquistica perché ci porteranno in un baratro irreversibile. A buoni intenditori , poche parole….!!! . Per tutto il resto caro Cosentino, come si può non condividere quanto da Te affermato ? . Spero che anche altri lo comprendono.

  5. caro capitano Eri applaudito quasi in tutta Italia..adesso dopo la tua cavolata sei fischiato e nessuno più ti crede e ti vuole.. Ma chi cavolo ti ha consigliato ho viene tutto dalla tua mente.. Adesso mi spiace anche perché ti avevo votato e ripeto ti avevo.. Adesso dopo tutte le fregature che ci hai dato a noi precoci hai il coraggio di venire ancora a chiedere il voto a noi.. Ma ti rendi conto che se ti va bene arriverai al massimo al 15% dei voti.. Ci hai veramente deluso .. Ritirati..

  6. Buonasera, a tutti,è vero che Salvini aveva promesso i 41 x.tutti da subito senza limiti di età ma è anche vero che il ministro del lavoro è Di Maio e probabilmente a Di Maio interessa solo il reddito di cittadinanza e mandare in pensione quelli della pubblica amministrazione. Io sono x Salvini 41 x tutti da subito,forza che se va su secondo me.la fanno stavolta.

  7. Maria Cristina io verrei anche in piazza ma ho il sentore che ci saremmo solo io e te e a quel punto non ci resterebbe altro da fare che andare al bar a farci un cappuccino.Lo scrivo già da diverso tempo che servirebbe una mobilitazione a livello nazionale ma nessuno mi ha mai risposto.Ora siamo in attesa degli sviluppi di questa crisi di governo messa in atto da un bugiardo incosciente.Si stavano muovendo i sindacati e sono più che certo che Landini qualcosa avrebbe portato a casa per i precoci e i 41.Non ci resta che piangere……e attendere.Buona giornata

  8. A breve si rivotera” tanto per cambiare quindi vedrete che ci prometteranno il nuovo governo del cambiamento dove quota 41 sarà per tutti e quota 100 sarà quella vera 40 di contributi e 60 anni di età e noi ci ricasceremo perché siamo purtroppo un popolo pieno di caproni dopo abbasserànno le tasse e in un lampo dimizzeranno la classe politica in Italia non servono parole ma fatti vedi eliminare definitivamente evasori totali i falsi invalidi e politici condannati corrotti e nullafacenti da qui bisogna iniziare punto e basta

  9. Non rimane che scendere in piazza ma gli italiani non ne sono capaci….io ci vado se q.no viene con me…sennò a che serve?

    1. Troppi favori da ricambiare. 21 milioni di italiani che dichiarano meno di 10000 euro anno . Tutti alla fame. 66 millioni tra collusione e corrotti, 49 milioni fottiti da lega ladrona a casa nostra . 200 miliardi in tasse evase al fisco, lavoro nero ecc… Restiamo molto pochi direi quattro cinque al massimo… Compreso Lei. Saluti
      Luigi Napulitano

  10. Buongiorno A tutti e buongiorno anche al capitano come definito dai suoi adepti e estendo il saluto a tutta la “banda del buco”.
    Caro capitano del niente visto che la sua credibilità oggi è pari a zero in particolare verso i precoci come il sottoscritto io avrei da proporle una idea trasparente per recuperare credibilità verso questa categoria.
    Lei, capitano e tutto il suo futuro esecutivo, se andremo alle elezioni (visto che continua a ripetere che vincerà lei) tutti, in gruppo, dovrete recarvi pressoil più famoso notaio di Roma depositando un atto formale che conterrà il vostro giuramento ( il suo e quello della sua ciurma) che entro 30 giorni dalla discussione della legge i 41 anni per tutti e senza vincolo di età diventeranno esecutivi immediatamente. Se questo non avverrà, il notaio ha immediatamente procedura di rendere esecutive le vostre dimissioni di massa già depositate presso di lui e nessuno di voi potrà più fare politica, nemmeno all’oratorio di scuola. Mi sembra un prezzo equo da pagare per tutte le balle che avete raccontato fino ad oggi. Cordiali Saluti.
    Luigi Napolitano

    1. Buona sig.ra Maria Cristina,
      ecco cosa scrivevo qualche giorno fa al capitano, ovviamente anche tramite PEC direttamente presso il ministero.
      Io ci sono per andare a Roma in qualsiasi momento, basta un piccolo preavviso.
      Saluti,
      Luigi Napolitano

      Luigi Napolitano ha detto:
      8 Giugno 2019 Alle 22:53

      Buon sera Salvini,
      con questa ultima tua sparata superi ogni decenza, addirittura arrivi a dire che quota 100 “ridà vita”, ci mancherebbe un gigantesco regalo a tutti i Vostri amici votanti e principalmente funzione pubblica, scuola, sanità, riscattare la laurea con quattro palanche, inizio lavoro attorno ai 23/25 anni, lavoro effettivo meno di 20 anni. Rida altro che la vita… Caro Mago della bacchetta magica!!
      Nel mio caso invece, come credo di molti altri, la mia vita Ve la siete presa integralmente, in tutti i sensi e senza alcuna possibilità di replica.
      Il sottoscritto inizia, praticando lavoro nero all’età di nove nove anni, Tu Salvini alla stessa età bevevi ancora con il latte dal biberon, a dicembre 2019 sono esattamente 50 anni di lavoro, capito bene fenomeno, mezzo secolo di lavoro e fatica!!..
      Ma tutto questo sacrificio, sudore, sangue utilizzato esclusivamente per pagarVi i Vostri fantomatici stipendi, tutti i corrotti che scorrazzano in ogni dove ( 60 miliardi/anno vanno in fumo), tutti gli evasori fiscali 200 miliardi anno, il costo della casta/politica diretta e indiretta, circa 24 miliardi anno.

      Caro Salvini Te lo dico dal profondo del cuore “Vaffanculo”……senza ritorno….

      In redazione ci sono i miei indirizzi di posta certificata se Vuoi sentirtelo dire in piena Faccia!!
      Sei penoso, un perfetto parassita..

      Mi scuso con i lettori, ma quando ci vuole, bisogna per forza!! Basta essere presi per il cu.. da questa maledetti pescecani!

      Cordiali saluti,

  11. Bravo Cosentino…
    Che ci vorrebbe un governo stabile lo sapevamo tutti..
    Ma se si basa ancora su promesse vane e menzogne penso sia difficile da proporre
    Sicuramente non sarà salvini i l infame a Riavere il mio consenso dicendo che l obbiettivo è 41..!!!
    A fanculo merda ignobile!!!!

    1. Bene, e chi avrà il tuo consenso?
      Un governo PD con Bordini e Fornero a braccetto con l’Europa?
      Questi sì che ti manderà in pensione, magari a 75 anni, ma ti manderà in pensione di sicuro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *