Riforma pensioni, ultimissime oggi: incontro Sindacati-esclusi, cosa é emerso?

Riceviamo da Gabriella Stojan, amministratrice del Comitato 6000 esodati esclusi, questo interessante sunto relativo all’incontro in videoconferenza tenutosi ieri alle 14:30 tra le tre sigle sindacali, Cgil, Cisl e Uil, e gli esclusi dalle precedenti salvaguardie. Ecco cosa é stato ribadito nel corso dell’incontro dagli esodati e quanto hanno garantito le 3 organizzazioni sindacali, da sempre, consci del dramma previdenziale che queste persone stanno vivendo da molti anni, e favorevoli ad aiutarli al fine di giungere ad una soluzione equa per tutti. Riportiamo senza nulla aggiungere, la preziosa disamina della Stojan.

Riforma pensioni 2021: sarà la volta buona per gli esodati?

“Ieri pomeriggio 29 ottobre dalle ore 14.30 alle ore 16 si è tenuto un incontro in videoconferenza con le 3 Organizzazioni Sindacali, presenti i Segretari Confederali Roberto Ghiselli (CGIL) Ignazio Ganga (CISL) e Domenico Proietti (UIL). Il nostro Comitato ha ripuntualizzato la necessità di insistere nella trattativa con il Governo per l’unica EQUA sanatoria della nostra condizione e cioè la riapertura dei termini dell’Ottava Salvaguardia per chi matura il requisito previdenziale entro il 31/12/2021 nella stesura ripetutamente presentata dall’emendamento Nannicini ((reiterato anche dagli Onn. Gribaudo, Rizzetto, Fassina, Bergamini). A parità di diritto previdenziale, metà della platea dell’ottava è stata salvaguardata e metà no! Questa questione va quindi sanata! A noi questo SPETTA e questo CHIEDIAMO in quanto nell’ottava riconosciuto soltanto alla categoria A e negato a tutte le altre.

Abbiamo sempre chiesto che INPS quantifichi come dovuto la PLATEA DEGLI ESCLUSI, a partire dalla interrogazione più volte presentata su quanti avevano i requisiti per l’Ottava ed erano rimasti ingiustamente esclusi. Tale platea dovrebbe aggirarsi sui circa 6.000 LAVORATORI. L’INPS ha largheggiato nel passato nella quantificazione delle platee, compresa l’Ottava, i cui fondi GIA’ STANZIATI PER SALVAGUARDARE ANCHE NOI coprivano altre 16.000 POSIZIONI CIRCA che, mutilando la salvaguardia stessa, non sono state utilizzate. Fondi che sono rientrati nelle casse dello Stato e destinati scorrettamente ad altri scopi! La cifra ipotizzata attualmente da INPS di 4.500 Esodati ancora esclusi sembra un calcolo ancora troppo riduttivo della nostra platea: temiamo esprima solo le dimensioni di una ipotetica volontà di spesa massima di questo Governo e NON la quantificazione REALE degli esclusi a cui rendere giustizia.

Riforma pensioni, Stojan: Governo faccia giustizia una volta per tutte

Poi prosegue rivolgendosi direttamente all’esecutivo: “Questo Governo che continua da DUE ANNI a questa parte a fare SOLO PROMESSE, RIMPALLANDOCI DA UNA LEGGE DI BILANCIO ALL’ALTRA– noi aspettiamo giustizia dal 2016! – non si metta a fare ulteriore ostruzionismo a restituire il maltolto a 6.000 Esodati tirando SENZA GIUSTIFICAZIONE sulle cifre della nostra platea! Il nostro Comitato ha quindi insistito sulla massima urgenza di inserire tale provvedimento nell’imminente stesura della Legge di Bilancio 2021. Va inoltre sottolineato che, solo dall’inizio della pandemia Covid ad adesso – dati ufficiali – i morti over 60 (quindi presumibilmente già in pensione) sono stati più di 35.000 ovvero 35.000 pensioni risparmiate per INPS.

Abbiamo insistito anche sull’irrealizzabilità di una ipotesi, da altri ventilata, di “salvaguardia illimitata nei tempi” però con un tetto massimo alle teste, perché in primis nessun Governo la farebbe mai e se anche fosse si allargherebbe a dismisura la platea e chi stabilirebbe chi salvare e chi no? Così messa gli aventi diritto rischierebbero di restare tagliati fuor, quindi sarebbe ulteriormente pesantemente iniqua.

Abbiamo avuto cura di contestare le pretestuose, risibili e ambigue affermazioni di chi afferma che la riapertura dell’Ottava Salvaguardia sia impossibile o incompleta per la nostra platea. Si è sempre chiesta la riapertura dei termini dell’ottava tramite un nuovo provvedimento (ovviamente non dell’ottava). La riapertura dei termini dell’ottava salva tutti gli aventi diritto! Chi chiede un altro provvedimento è perché personalmente supera il transitorio e quindi è evidentemente troppo giovane. E quindi non riesce a entrare nei termini della Salvaguardia in quanto non ne ha mai avuto i requisiti, CIOE’NON E’ un Esodato. Non si capirebbe perché mai dei veri esodati dovrebbero rinunciare alla loro dovuta Salvaguardia e essere penalizzati finendo nel calderone di qualche altra indefinita “soluzione previdenziale” rappattumata per mandare in pensione dei lavoratori che evidentemente esodati non sono, altrimenti mai rinuncerebbero al loro diritto. E’ stato anche sottolineato che la finestra tra maturazione del requisito e decorrenza della pensione non è mai stata ovviamente abbuonata a nessuno. Le Organizzazioni Sindacali in chiusura hanno sintetizzato, garantendo che procederanno nel senso richiesto da questo Comitato per la riapertura dei termini dell’Ottava Salvaguardia”.

Ringraziamo Gabriella Stojan per aver condiviso con noi l’ultimo resoconto, dalla nostra confidiamo il Governo non resti sordo a tale richiesta di giustizia. Un appello, quello degli esodati, rimasto inascoltato per troppi anni, a cui sarebbe doveroso dare riscontro, permettendo a queste persone/famiglie di vedere finalmente la ‘luce in fondo al tunnel’.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

One thought on “Riforma pensioni, ultimissime oggi: incontro Sindacati-esclusi, cosa é emerso?

  • Avatar
    1 Novembre 2020 in 17:34
    Permalink

    Non lo faranno mai uno dei partiti che nel 2011 votó la fornero oggi è al governo devono sparire insieme a tutti quelli che la votarono non dimenticatelo mai.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *