Riforma Pensioni

Ultime novità Riforma Pensioni 2019 e quota 100: Sindacati in piazza il 9 febbraio

Continua la protesta dei sindacati contro il Governo e sulle misure della Riforma delle Pensioni 2019. Quota 100 non soddisfa la CGIl, la CISl e la UIl che hanno organizzato una grande manifestazione nazionale “per sostenere la piattaforma sottoposta ai lavoratori, per cambiare le scelte dell’esecutivo e per aprire un confronto serio e di merito”.

Appuntamento per il prossimo 9 febbraio in piazza, per protestare contro la legge di bilancio che è stata approvata dal Governo. Di seguito vi riportiamo il comunicato stampa delle tre sigle sindacali con tutti i dettagli e i motivi della protesta organizzata.

Riforma Pensioni 2019, ultime notizie: l’appello dei sindacati

La protesta sulla Riforma delle Pensioni 2019 come detto continua in piazza il 9 febbraio a Roma, con i sindacati che hanno organizzato la mobilitazione per “per sostenere le proposte unitarie contenute nella piattaforma sottoposta ai lavoratori, per cambiare le scelte dell’esecutivo e per aprire un confronto serio e di merito”. Nel comunicato unitario delle tre sigle sindacali si legge che CGIl Cisl e Uil “Valutano positivamente il percorso di mobilitazione svoltosi negli scorsi mesi a sostegno della piattaforma unitaria”.

“Il consenso delle decine di migliaia di lavoratori, pensionati e giovani alle proposte di Cgil, Cisl, Uil, emerso in occasione delle centinaia di assemblee organizzate su tutto il territorio nazionale, è stato pressoché unanime e ha rappresentato un primo importante momento di confronto e discussione delle proposte sindacali con i lavoratori e i pensionati italiani sul documento consegnato nello scorso mese di dicembre al presidente del Consiglio che si era impegnato a dare continuità al confronto, mai avvenuto, su alcuni capitoli indicati dal sindacato“.

Ultime su Riforma delle Pensioni 2019, sindacati contro legge di bilancio

Infine nel comunicato congiunto si può leggere come sia bocciata in toto la legge di bilancio: “La legge di bilancio appena approvata  ha lasciato irrisolte molte questioni fondamentali per lo sviluppo del Paese, a partire dai temi del lavoro, delle pensioni, del fisco, degli investimenti per le infrastrutture, delle politiche per i giovani, per le donne e per il Mezzogiorno. Temi sui quali Cgil, Cisl e Uil hanno avanzato indicazioni e proposte credibili e realizzabili che non hanno trovato riscontro nella legge di stabilità avanzata dal Governo”.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Stefano Rodinò

Stefano Rodinò
Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

3 commenti su “Ultime novità Riforma Pensioni 2019 e quota 100: Sindacati in piazza il 9 febbraio

    Giuseppe C.

    (10 Gennaio 2019 - 18:30)

    Quando fu introdotta la legge Fornero, se ben ricordo, il Sindacato, di fronte a tale “massacro sociale” fece solo 3 ore tre di sciopero! Per qualche anno in più di lavoro e di distruzione dei progetti e delle vite dei lavoratori… tre ore bastarono?
    Non esageriamo, che vuoi che sia stata la legge Fornero?

    Renato

    (10 Gennaio 2019 - 13:48)

    I due cialtroni litigano su tutto e mediare non sembra facile .Intanto dopo le trivelle si sono rimangiati anche la promessa sui no Vax ,i loro totem stanno cadendo uno a uno come i birilli e somigliano sempre di più ai governi degli ultimi 40/50 anni .Non riescono a fare nessuna riforma promessa tranne i due obrobri ( riforma del lavoro e decreto sicurezza ) ,intanto però un bel condono l’hanno fatto anche loro in barba alla loro onestà .Questi sono peggio di tutti i governi che li hanno preceduti perchè stanno solo aumentando il debito pur di fare due leggi ingiuste e inique .Spero che questo governo slti per aria il prima possibile , ne vale per il futuro dell’Italia .

    francesko

    (10 Gennaio 2019 - 11:35)

    si di sabato…a fare 2 o 3 orette al massimo di un scioperino?
    e tanto con la solita scusa che non ci sono mai soldi(per i precoci, donne ecc..) che diranno?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *