Ultime novità Riforma Pensioni oggi 27/9: Fornero difende Tria e attacca Salvini

Sono giorni importanti per la Riforma delle Pensioni quelli che stiamo vivendo, e anche oggi 27 settembre 2018 ci saranno importanti novità per quanto riguarda l’aggiornamento al Def, con il documento che verrà consegnato in giornata e ufficializzato in serata. Nell’attesa di capire di più su coperture e manovra pensionistica, Elsa Fornero ha difeso a spada tratta il Ministro dell’Economia Tria, attaccando invece Salvini e Di Maio sul tema delle Pensioni, visto che a suo dire finora hanno parlato soltanto attraverso slogan.

Riforma Pensioni: Fornero prende le difese del Ministro Tria

A margine della presentazione del suo ultimo libro, Elsa Fornero è tornata a parlare di Riforma delle Pensioni, e ha preso le parti dell’attuale ministro dell’ Economia Tria: “Se il ministro Tria dovesse dimettersi saremmo allo sbando. Anche nei momenti difficili ci sono persone in cui si può riporre fiducia e Tria è uno di questi perché esprime concretezza e saggezza in un governo che sembra aver perso la bussola”

La Fornero poi continua: “Ho apprezzato le parole del ministro che ha detto di aver giurato nell’interesse della nazione. Sono parole molto belle ed efficaci.” Mentre per quanto riguarda la quota 100 e le nuove ipotesi per la pensione spiega: “Le proposte di riforma del governo  rappresentano una contro riforma che riporta indietro le lancette dell’orologio come se non avessimo vissuto la grande crisi finanziaria del 2011″.

Novità Riforma Pensioni oggi 27 settembre: Fornero contro Salvini e Di Maio

Infine all’ex Ministro del Lavoro è stato chiesto se avrebbe piacere a confrontarsi direttamente con il Ministro Salvini sul tema delle Pensioni, ecco la sua risposta che non manca di una frecciatina verso l’esecutivo: “Prima deve ancora studiare un po’. Sia Salvini sia Di Maio parlano per slogan ma sono poco preparati ad affrontare i problemi del paese”. Infine conclude: “C’è un grado di personalismo non appropriato a un governo democratico e in questo Salvini batte Di Maio dieci a uno. Suggerirei un po’ più di modestia, più preparazione e confronti non a suon di slogan”. 

Ultime novità Riforma Pensioni: la Uil contro quota 100

Domenico Proietti, Segretario confederale della Uil ha rilasciato una dichiarazione all’AGI in cui spiega perchè il sindacato non è d’accordo con le mosse del Governo, ed in particolare su quota 100 con paletti: “Continuano a circolare le più disparate ipotesi sulla modifica alla Legge Fornero sulle pensioni. Ora e’ il turno di presunti meccanismi volti a penalizzare l’assegno pensionistico con l’uscita con ‘Quota 100″.

Prosegue poi spiegando cosa andrebbe fatto: “La Uil e’ assolutamente contraria. Occorre continuare a cambiare la Legge Fornero,  reintroducendo una reale flessibilità‘ di accesso alla pensione tra i 62 e a 63 anni, senza alcuna penalizzazione. Se il Governo si decidesse a convocarci e a confrontarsi con i sindacati, si potrebbero trovare buone soluzioni”. Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto e ricordatevi di seguirci anche sulla nostra pagina facebook!

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

13 pensieri riguardo “Ultime novità Riforma Pensioni oggi 27/9: Fornero difende Tria e attacca Salvini

  • Avatar
    27 Settembre 2018 in 17:40
    Permalink

    La flessibilità ci deve stare, ma entro dei paletti. la quota 100 si può fare con minimo 62 anni i età e 38 di contributi con penalizzazione dal 6 al 10% in quanto mancano 5 anni per 67 e 3 per 43. All’interno dei paletti uno può scegliere quando andare.

    Rispondi
  • Avatar
    27 Settembre 2018 in 14:08
    Permalink

    ragazzi sapete cosa vi dico siamo fortunati se bloccano la A D Vita visto che servono 12 miliardi per non aumentare l’ IVA e altri 10 per la famosa aspettativa di vita unica cosa che interessa ai 5 S . Stranamente il comico non si vede più ???????

    Rispondi
  • Avatar
    27 Settembre 2018 in 13:09
    Permalink

    quota 100 per tutti, come promesso e basta, e senza penalizzazione. Perchè e inammissibile con 40 anni di contributi versati prendere meno di 1.500 euro al mese , quando si vogliono dare 780 euro al mese come reddito di cittadinanza e una famiglia composta di 2 persone, senza avere versato un contributo prenderà 1,560 euro , più di una famiglia composta di 2 persone di cui 1 pensionato
    forse state scherzando, forse fate gli scemi, forse lo siete veramente, ma fate quello che avete promesso e basta. Cosi si liberano
    700.000 posti di lavoro, e si rimpiazzano con quelli che dovranno prendere il reddito di cittadinanza e nello stesso tempo si risparmia .

    Rispondi
  • Avatar
    27 Settembre 2018 in 12:53
    Permalink

    I due cialtroni continuano a fare propaganda e proclami,l’ultima è sostituire TRIA , perchè a loro dire non relizza iloro desideri impossibili e demenziali.Ieri il ministro in conferenza stampa ha sottoineato che ha giurato sulla costituzione di fare il bene dell’Italia , ma ora i due illusionisti non venendo accontentati cercano un nuovo ministro un citrullo che si dovrebbe prendere la responsabilità di sfasciare l’INPS , perchè tutti addossiamo la colpa della riforma pensionistica alla Prof. Fornero e non invece dell’allora Primo Ministro Mario Monti. Il sostituto verrebbe ricordato per i prossimi decenni come colui che in modo dissennato distrusse il sistema , mentre i due viceministri dei miei cog……ni come i due benefattori dei lazzaroni.Troppo comodo ,sono stati all’opposizione per 5 anni in cui potevano studiare ed analizzare i costi del palazzo ,delle regioni e delle province che non hanno voluto abrogare ( Lega ) i bilanci sono pubblici. Ci hanno ripetuto per un anno che i fondi per le loro improbabili promesse c’erano, ora pretendono che i soldi li trovino i “Tecnocrati “, se lo sapevamo votavamo i TECNOCRATI sono solo un ammasso di dilettanti che giocano sul futuro di un Nazione , 60 miloni di persone di cui 25 ogni mattina si alzano molto presto per andare al lavoro e pagare medici ,insegnanti,pensionati e purtroppo anche una CASTA DI POLITICI che di noi non gliene frega nulla, anzi ci terrebbero al lavoro fino alla morte se potessero e loro rimarrebbero sulle poltrene del potere con i voti dei furboni, fancazzisti ed evasori che vogliono premiare. A CASA SUBITO CHE FATE SOLO DANNI

    Rispondi
  • Avatar
    27 Settembre 2018 in 12:33
    Permalink

    Giorgio scusami se non condivido la tua idea di 41 per tutti, oggi e impossibile farlo tra 5 anni forse si? credo che per tutti oggi la soluzione migliore sarebbe quota 100 senza penalizzazione e basta.
    Non prendo il mio caso che ho più di 65 anni e 42 e 1 mese di di contributi versati, però si da il casoche un a persona con 64/ 65 anni di età, e una contribuzione di 36 anni. Tu non puoi farlo lavorare altri 2/3 anni per accontentare te.

    Rispondi
    • Avatar
      27 Settembre 2018 in 17:50
      Permalink

      RENATO!!!! basta con sta storia dei due ciatroni. Lo abbiamo capito che per te non vanno bene. Ma adesso – ripieto – basta – in ogni forum non fari ribadire gli stessi concetti, non sarà mai che sei rimbambito a tua insaputa. Se devi dire qualche cosa nei forum giornalieri cambia registro perchè sei un “disco” rotto”. Ma poi … in tutti questi ultimi anni chi hai votato???

      Rispondi
  • Avatar
    27 Settembre 2018 in 12:15
    Permalink

    Invece di insistere sull’età anagrafica 62 o 63 anni (UILM compresa), perche’ non guardiamo gli anni di contribuzione?Chi come la sottoscritta ha iniziato presto ,quanto deve lavorare? Nessuno parla mai di questa categoria.
    premetto ne ho 56 di anni e 38 di contributi .

    Rispondi
    • Avatar
      27 Settembre 2018 in 12:46
      Permalink

      Ivana io sono messa come te. Ho 58 anni e 40 di contributi.
      Se aboliscono la legge Fornero mi fanno lavorare dai 44 ai 46 anni!

      Anche io aspetto notizie in merito a questo, nessuno dice nulla. Inoltre non vorrei trovarmi una misera pensione perchè troveranno il modo di qualche ricalcolo perchè sono troppo giovane.

      Rispondi
    • Avatar
      27 Settembre 2018 in 14:15
      Permalink

      invece io che ho 58 anni e 42 di contributi è giusto che lavoro per accontentare te e quelli come te che fino ai 24/25 anni non lavoravano a differenza mio che a 15 lavoravo e studiavo alle serali, ma come ragioni?

      Rispondi
  • Avatar
    27 Settembre 2018 in 11:46
    Permalink

    …….E ridaje con stà quota 100…..Che mettano la priorità su quota 41 per tutti e senza vincoli di sorta e solo dopo ridiscutere su quota 100.

    Rispondi
  • Avatar
    27 Settembre 2018 in 11:22
    Permalink

    Questi due cialtroni continuano a sparare continuamente slogan contraddicendosi a vicenda. Quando capiranno che quota 100 con i paletti , paloni e penalità varie servirà solo a qualche disperato o a qualcuno che , come i due cialtroni, non sa fare di conto? In campagna elettorale hanno parlato solo di quota 100 e quota 41; nella campagna elettorale continua lanciano invece messaggi pubblicitari, basati su slogan, che nulla hanno a che fare con la realtà. L’unica persona seria di questo governo gli ha detto chiaro e tondo che i programmi cialtroneschi non si possono realizzare. Io mi chiedo solo perchè gli italiani si fanno abbindolare in continuazione dal primo pifferaio che passa. Sti due imbecilli non hanno mai lavorato , non hanno realizzato niente, fatta eccezione per la loro carriera politica. Non hanno nessun titolo o merito per discutere di economia e/o finanza, sono due ignorantoni in materia. SONO DUE PIAZZISTI, venditori di fumo. Troviamo la maniera di mandarli subito a casa, seno’ finiamo come la Grecia, l’Argentina ed il Venezuela.

    Rispondi
  • Avatar
    27 Settembre 2018 in 11:20
    Permalink

    ADESSO CACCIANO UN MINISTRO RESPONSABILE ,CHE VUOLE CONTENERE IL DEBITO . LO SPREAD E’ GIA’ SALITO DI 20 PUNTI SOLO PER I LORO PROCLAMI DI IERI . DUE INCOMPETENTI PRIMA COSA TAGLIATE IMEEDIATAMENTE GLI GLI SPRECHI ,ANDATE DAGLI EVASORI CHE NON PAGANO PASSATELI AI RAGGI X , CONFISCATEGLI I MACCHINONI,SECONDE CASE INTESTATI ALLE MOGLI , ALLE MAMME E PAPA’ PRESTANOMI E VEDRETE QUANTI SOLDI SALTANO FUORI. NIENTE CONDONI E CELATE PACI FISCALI. DOPO CHE AVETE TUTTO QUESTO CONTATE I SOLDI CHE AVETE RECUPERATO E RISPARMIATO E SOLO ALLORA LI REGALATE AI FURBETTI FANCAZZISTI . I FONDI DELL’INPS SONO SOLO PER LA “PREVIDENZA ” PERCHE’ SONO STATI VERSATI CON IL NOSTRO SUDORE E LE NOSTRE SCHIENE.

    Rispondi
  • Avatar
    27 Settembre 2018 in 11:00
    Permalink

    QUESTA CONTINUA A PERSEVERARE NEI SUOI ERRORI E INCAPACITA’

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *