Ultime sulle Pensioni oggi 3 ottobre, Fornero: ‘Faranno quota 100, ma con assegno più basso’

Le ultime novità sulle pensioni di oggi 3 ottobre 2018 arrivano dalla trasmissione DiMartedì, condotta da Giovanni Floris. Come di consueto all’interno del programma c’è stato uno spazio dedicato alla riforma delle pensioni e alla ormai famosa quota 100 che desta ancora diversi dubbi. Vediamo le parole dell’ex Ministro del Lavoro durante il Governo Monti Elsa Fornero, che  è stata critica sulle misure in programma nella prossima manovra di Salvini-Di Maio.

Ultime Pensioni oggi 3/10: Fornero su quota 100

Prima delle parole di Elsa  Fornero, Massimo Giannini editorialista di Repubblica e direttore di RadioCapital è intervenuto sull’argomento della prossima manovra pensionistica, spiegando le sue preoccupazioni sul fatto che “Su quota 100 il Governo non è stato chiaro e sfugge l’informazione che l’assegno sarà più basso. Per onestà va spiegato agli italiani, sennò sembra davvero che tutto è più bello e tutto è meraviglioso, ma non è così”.

Floris chiede poi ad Elsa Fornero se tutto questo è per eliminare la legge che porta il suo nome e la professoressa Fornero risponde: “A me sembra che stiano facendo il gioco delle tre carte, siccome hanno fatto una promessa che è molto chiara, ma nella realizzazione si trovano molte difficoltà nella cancellazione della riforma che porta il mio nome. Allora stanno cercando qualunque soluzione per poter dire agli italiani ‘abbiamo cancellato la Fornero’, anche se nei fatti non è vero perchè se puoi andare in pensione prima e si riduce l’importo della pensione, vuol dire di fatto scoraggiare al prepensionamento.

Tra l’altro anche la riforma Fornero prevede il pensionamento anticipato senza penalizzazione bisognerebbe fare il confronto tra la pensione anticipata secondo la nostra riforma e secondo quota 100″. Infine la Fornero “Penso anche io che i governi debbano essere politici, vedo le sofferenze del Governo Tria e le capisco. Il nostro Governo è stato l’unico ad imporre una tassa sulla ricchezza, forse si poteva rimodulare ma era un modo per raggiungere equità nella distribuzione di redditi e ricchezza”.

Pensioni oggi 3 ottobre ultime novità: Cottarelli contro il Governo

All’interno della trasmissione è intervenuto anche l’economista Carlo Cottarelli, che ha parlato della manovra economica del Governo in maniera piuttosto critica, rimarcando i rischi che l’esecutivo ha intenzione di prendersi: “Il 2,4% è uno schiaffo all’Europa perché l’obiettivo comune è abbassare il debito. Non sarà possibile mantenere tutte le promesse di riforme perché i soldi recuperati dall’aumento del deficit non saranno sufficienti. Le crisi si verificano quando il debito è alto e crescente”.

Poi sullo Spread spiega : “E’ quanto paghiamo di debito in più rispetto alla Germania. Abbiamo superato il livello psicologico dei 300 punti. Con il livello di oggi ci costerebbe 2 miliardi, se contiamo da maggio ci costerebbe 6 miliardi per il prossimo anno. Cosa rischiamo? Che ci sia un aumento superiore e il debito si allarghi. Potrebbero essere colpite le banche e quindi i risparmi degli italiani”. Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

29 pensieri riguardo “Ultime sulle Pensioni oggi 3 ottobre, Fornero: ‘Faranno quota 100, ma con assegno più basso’

  • Avatar
    4 Ottobre 2018 in 19:40
    Permalink

    e lei piangeva anche quando comunico la famosa “sua” legge a presa di giro, tanto a questi signori cosa gliene frega, fanno a gara a chi parla meglio, intascano un mucchio di quattrini, raffigurano gli italiani come vogliono. e noi prendiamo dalle loro labbra, e aspettiamo aspettiamo, ora criticano questo governo, ma gli altri, cosa hanno fatto.

    Rispondi
  • Avatar
    4 Ottobre 2018 in 3:05
    Permalink

    spesso sento dire e leggo anche, che le pensioni le pagano con i contributi dei lavoratori e prima del governo monti si rischiava di non poter pagare le pensioni e gli stipendi.
    mi chiedo che fine hanno fatto i contributi che i pensionati hanno versato quando lavoravano?
    Qualcuno mi risponde.
    grazie

    Rispondi
    • Avatar
      7 Ottobre 2018 in 15:27
      Permalink

      Ci pagano l’Assistenza che continua a crescere per disoccupazione e povertà e ci pagano, ricevo questa impressione, posso sbagliare, le campagne elettorali con bonus e promesse varie quando le mantengono… TUTTE COSE CHE SAREBBE BENE PAGARE CON LA FISCALITA’ GENERALE, COME NEGLI ALTRI PAESI, OVVERO A CARICO DI TUTTI E NON SOLO DEI LAVORATORI PENSIONANDI E PENSIONATI. E A CARICO DELLA FISCALITA’ GENERALE CON IMPOSTE ALTAMENTE PROGRESSIVE, COME DA COSTITUZIONE: CHI PIU’ HA PIU’ DEVE PARTECIPARE A PAGARE.

      Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 22:11
    Permalink

    quali sono le indiscrezioni sul BLOCCO DELL’ASPETTATIVA DI VITA ? CHI Sto arrivando!’ QUALCOSA LO PUO’ SCRIVERE ?

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 21:59
    Permalink

    Sempre votato lega. Ora mi rendo conto che salvini e’ peggio della fornero.e renzi. A novembre faro 42 anni di contributi e vedro’ andare in pensione quelli con 38. Salvini sei un bugiardo .schifoso mi dai il voltastomaco.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 20:13
    Permalink

    QUELLA LI’ OLTRE AVER ROTTO IL C…. X ANNI CON LA SUA RIFORMA, CONTINUA IMPERTERRITA NELLA SUA MISSIONE E CIOE’ ROMPERE E C……..E IL C….

    Rispondi
    • Avatar
      4 Ottobre 2018 in 7:24
      Permalink

      Antonio concordo con te sulla fornero, ma questi pagliacci peggiorano la situazione, hanno lo stomaco di mandare in pensione chi ha lavorato di.meno e far continuare a lavorare chi ha lavorato di piu’. Un appello ai precoci, donne che aspettavano l’opzione donna non modificata e tutti quelli che hanno lavorato e contribuito per oltre 35 anni che vedranno la loro pensione uguale a chi non ha mai lavorato.MAI PIU’ VOTARE PD , Esaltati con la maglietta rossa, FI, M5S e QUESTA SOTTOSPECE DI LEGA . Non resta molto ma purtroppo l’ITalia e’ questa

      Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 18:41
    Permalink

    “Faranno quota 100, ma con assegno più basso””; eh, eh…

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 18:40
    Permalink

    “NON CAPISCO PERCHE’ DOVREI PREOCCUPARMI PER LE GENERAZIONI FUTURE; DOPO TUTTO, LORO, COSA HANNO FATTO PER ME?” Woody Allen.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 18:37
    Permalink

    Scrivete: “… Potrebbero essere colpite le banche e quindi i risparmi degli italiani”. Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!…”.
    Ve lo faccio sapere, COSA NE PENSO:
    Che abbiamo contratto un mutuo da pagare alla banca e che lo avremmo già dovuto, secondo i calcoli e progetti validi in un Paese normale, estinguere col TFS, al pensionamento di mia moglie, che doveva essere già avvenuto da un pezzo e che, grazie alla legge Fornero, avverrà tra circa quattro o cinque anni secondo imprevisti e innalzamenti per ADV; TFS CHE E’ STATO CONGELATO PER DUE/QUATTRO ANNI ABBONDANTISSIMI, a tranches!
    Per cui i nostri risparmi in banca consistono in un mutuo e il TFS bloccato per quattro cinque anni di lavoro in più da sommare agli altri quattro abbondanti per avere il DIRITTO AL TFS; TOTALE ANNI, PER RICEVERE IL DIRITTO AL TFS: ANNI, ALTRI, NOVE CIRCA!
    Ecco cosa ne penso!
    Altro dirti non vo’…

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 18:20
    Permalink

    Gentile Signora Professoressa, se Lei avesse abolito del tutto la pensione pur obbligando i lavoratori a pagare i contributi pensionistici, PER LE GENERAZIONI FUTURE non sarebbe andata ancora meglio? A parte la Sua legislazione pensionistica che varrà anche per loro, non solo per noi che, forse, siamo carne da macello immolata per far godere le GENERAZIONI FUTURE che, a parte che forse non ci saranno perché nessuno farà, probabilmente, più figli in un clima di incertezza e precarietà totale, NON VEDO PERCHE’ DOVREBBERO AVERE DIRITTO AD UN RADIOSO FUTURO SENZA LAVORARE, COSA CHE, PER ORA, SEMBREREBBE POSSIBILE QUASI SOLO ALL’ESTERO O CON “LAVORETTI” MALPAGATI E IN NERO.

    “NON CAPISCO PERCHE’ DOVREI PREOCCUPARMI PER LE GENERAZIONI FUTURE; DOPO TUTTO, LORO, COSA HANNO FATTO PER ME?” Woody Allen.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 18:11
    Permalink

    Professoressa, se con la eventuale riforma della Sua controriforma, per andare in pensione da”accettabilmente vivi” ci si perderà nell’importo dell’assegno, di chi sarà merito? Immagino Suo… O sbaglio?

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 17:07
    Permalink

    Nel mese di Marzo 2019 compio 65 anni, ad Aprile 38 anni di contributi, quando potrò andare in pensione?

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 17:03
    Permalink

    Vi chiedo anche a nome di tutti quelli che sono stati fregati dal govertno monti fornero di non farceli vedere mai piu .che lascino lavorare l’attuale governo.hanno il coraggio di criticare dopo che ci hanno messi in mutande.maledetti.FORZA SALVINI DI MAIO
    💪

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 16:10
    Permalink

    X la poco signora fornero siamo diventati i moderni servi della gleba.ma cosa ne sa quesya come tanti politici cosa vuol dire alzarsi x 40 anni alle quattro del mattino e lavorare x 10-12 ore al giorno x 6 giorni alla settimana e ultimamente x niente.Solo con la speranza di andare in pensione.Alla leva del 58 come si dice a genova ghe l’ave missu in tu streppu.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 16:05
    Permalink

    i contributi figurativi valgono per la quota 100?? chi e’ disoccupato e a60 anni di eta’ licenziato grazie alla legge fornero puo’ andare in pensione??????

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 15:54
    Permalink

    cosa dire della legge fornero? durante la campgna elettorale il sig. salvini e di maio dicevana che questa legge assurda doveva essere smontata cioè abolita…..ma dopo tante chiacchere se ne escono con un ritocchino quota 100 dove ne possono usufruire solo chi ha 38 anni di contributi e 62 di età …..questa è una presa in giro e quelliche hanno versato più di 40 anni di contributi devono ancora lavorare ma stiamo scherzando…..ricordo che i contributi non soldi dello stato ma di chi li ha versati ……non siamo fessi e se vi abbiamo dato fiducia non è detto che ve la ridaremo questa non è superamento della fornero ma presa in giro , siete tutti uguali vendete solo parole e no fatti

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 15:10
    Permalink

    Ma chi oggi ha già 60 anni di età ed ha 40 anni di contributi ….quando va in pensione??? Avrebbe già quota 100…..!!!
    Ma loro fanno andare in pensione con 38 anni di contributi,!!!! Che bella pensata !!!!

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 15:08
    Permalink

    41 anni di contributi e 61 anni d età. quando sarà il mio turno?

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 14:36
    Permalink

    FORNERO 2 pesi 2 misure io compirò 63 anni quest’anno Veltroni ha la mia stessa età lui è andato in pensione a 49 anni ma di che di giusto stiamo parlando in Italia
    Io ho cominciato nel 1976 a lavorare come agente di commercio e ho versato i miei contributi per 2 anni all’Enasarco che è una previdenza privatistica che con 18 anni di contribuzione allora avrebbe dovuto darti la pensione. Poi però ho cambiato lavoro e la mia contribuzione è stata ed è Inps e con la legge Fornero dovrei andare in pensione nel 2021.
    Tempo fa’ per legge hanno fatto le congiunzioni dei contributi fra enti diversi ma per Enasarco no.
    Io quindi ho perso per legge 2 anni di contributi ma che ne sai quando hai 18 anni cosa ti riservava la vita.
    Quindi Veltroni al massimo è andato in pensione con 26 o 21 anni di contributi ed io con 45 e sei mesi…..
    Ma non siamo figli tutti e due della Lupa………./

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 14:12
    Permalink

    Chi sarebbero I giovani che escono dal mondo del lavoro.Gli ultra 65 enni ,aggiornatevi prima di parlare a vanvera.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 13:40
    Permalink

    facendo passare la proposta per la quota 100 (62+38)
    NON VI RENDETE CONTO CHE IN QUESTO MODO FATE USCIRE I PIU’ GIOVANI E LASCIATE DENTRO QUELLI CHE HANNO DIRITTO CON (64+ 36) RAGIONATECI ANCORA UN PO’.

    Rispondi
    • Avatar
      3 Ottobre 2018 in 14:42
      Permalink

      Io con 62 + 38, andrò in pensione a 67 anni con totale 105. Credo sia il caso di consentire a chi compie 65 anni di poter andare in pensione con 36 o 37 anni di contributi.

      Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 12:33
    Permalink

    A 62 anni invalido non riesco ad andare in pensione per colpa della infame lg. pensionistica di questa signora ispirata dall’on. MONTI

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 11:47
    Permalink

    E per la pensione di cittadinanza… quali saranno le condizioni….???

    Rispondi
    • Erica Venditti
      3 Ottobre 2018 in 15:04
      Permalink

      Rolando attendiamo la legge di bilancio per comprendere meglio, se vuole per farsi un’idea può leggere nella sezione guide del sito il nostro articolo sulla pensione di cittadinanza.

      Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 11:45
    Permalink

    Fornero…..
    A parte la sua LEGGE di merda condivisa da quasi tutti i politici di MERDA,TRANNE LA LEGA..che però ora sta dando il meglio di se recuperando un po’ di MERDA in più della suddetta!!!
    Mandare in pensione chi ha meno contributi È UNA CAZZATA PAZZESCA!!!
    Peggio della fornero…
    Altro che cambiamento!!!
    X i precoci e 41 non ci sono mai risorse!!!!
    MERDE! maggio è vicino…
    STATE SERENI!!!

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 11:40
    Permalink

    La Fornero più appare, più parla e più irrita ……

    Rispondi
  • Avatar
    3 Ottobre 2018 in 11:20
    Permalink

    Ma la Fornero lo sa quante persone vicino il 60 anni o poco di più sono stati licenziati grazie ala sua legge e non rieschono trovare lavoro?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *