Ultimi Sondaggi politici elettorali LA 7: comunali a Torino, corsa aperta

Sondaggi politici torino

Questa settimana il Tg di La 7 condotto da Enrico Mentana non ha pubblicato i soliti sondaggi politici elettorali sulle intenzioni di voto a livello nazionale, ma si è concentrato sulle imminenti elezioni comunali nelle grandi città Italiane. Nella serata di ieri ci si è concentrati sulle elezioni per il sindaco di Torino, con la battaglia serrata tra il candidato del centrosinistra Lo Russo e quello di centrodestra Damilano. Ecco la situazione con le previsioni di voto dei singoli partiti effettuate da SWG.

Sondaggi politici elettorali a Torino: la situazione

Il Candidato Damilano si attesta al primo turno al 42,2% secondo i sondaggi di SWG per La 7, con la seguente suddivisione per partito: la Lega ottiene il 19,4%, Fratelli d’Italia il 10,7, Forza Italia l’8,3 e le altre liste minori che appoggiano il candidato di centrodestra il 3,6%. Risultati diversi da quelli nazionali dove il partito di Giorgia Meloni è in testa.

Per il centrosinistra invece Lo Russo è al 41,2% con il PD che ottiene il 25,9% ed è il primo partito a Torino. Seguono Sinistra Civica al 5,6%, i Moderati al 3,8%, Sinistra Ecologista al 3,2%. Il Terzo incomodo è Sganga del M5S che al momento viene dato al 9,2% (con la divisione dei voti del 7,6% per i 5 stelle e dell’ 1,6% che va a Europa Verde). Al Ballottaggio tra i due candidati la situazione al momento vede Lo Russo al 52% e Damilano al 48%. La battaglia quindi è ancora apertissima, a poche settimane dal voto.

Ultimi Sondaggi politici elezioni comunali a Torino

Come scrive oggi il Corriere di Torino: “L’obiettivo è quello indicato dai sondaggi nazionali: strappare alla Lega il primato nel centrodestra. E provare a farlo anche a Torino. Così, per riuscire nel tentativo, il partito di Giorgia Meloni punta da un lato a fare leva sul fatto di essere l’unico all’opposizione del governo Draghi, dall’altro a convincere i ceti produttivi della città”.

Si apre così una settimana di fuoco per Fratelli d’italia, con la visita questa mattina in Piazza d’armi del cofondatore Guido Crosetto, che accanto al candidato sindaco del centrodestra Paolo Damilano illustrerà le proposte nazionali e regionali del partito sui temi del lavoro e dell’impresa: a cominciare dalla richiesta di abolire il reddito di cittadinanza. I «fratelli» ci credono, vogliono strappare agli alleati leghisti il primato e così schierano i loro big in campo per Damilano. Non a caso in Piazza d’armi, insieme a Crosetto ci sarà anche l’assessora regionale al Lavoro, Elena Chiorino, che rivendicherà i provvedimenti e le iniziative della giunta Cirio sui temi dell’occupazione e del sostegno alle imprese: dalle anticipazioni degli assegni per i lavoratori in cassa integrazione al fondo «salva imprese». «Noi -avvertono i responsabili nazionale e regionale del dipartito lavoro del partito, Elena Donazzan e Roberto Russo – sottoporremo agli elettori le nostre idee e proposte concerete sul mondo del lavoro e dell’impresa. E ribadiremo ai torinesi il nostro totale dissenso nei confronti del reddito di cittadinanza, un provvedimento dannoso per l’economia e diseducativo per i giovani».

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su